Creato da middlemarch_g il 24/01/2008
'Fallisci meglio' è il mio secondo nome
 

Messaggi del 23/12/2009

Estetica for dummies

Post n°617 pubblicato il 23 Dicembre 2009 da middlemarch_g
 

Va bene, lo confesso. Ieri sera ho visto Ciccia è bella. Non avevo nessuna particolare aspettativa e comunque non voglio mentire a me stessa. L’ho guardato solo perché sentivo il richiamo che questa roba esercita su chi non si sente davvero guarito da una certa patologia. Del resto i disturbi alimentari non sono diversi dall’alcolismo. Si può smettere di bere, ma si resta alcolisti per sempre. Alcolisti sobri. Non è la stessa cosa che sani. A me è andata anche bene. Mai attraversato la linea che divide i borderline dalla realtà, ma ci sono passata abbastanza vicino da averne sentito l’odore, ed essermi spaventata.

Premetto questo: l’aver mandato in video e poi smutandato una serie di donne distanti dal prototipo televisivo come la terra da Saturno, è un’operazione comunque lodevole. Siccome tra un momento inizio a sparare ad alzo zero - perché comunque intendo farlo - prima di cominciare vorrei riconoscere i meriti di chi si è fatto venire in mente quest’idea. Non giurerei sull’onestà intellettuale degli autori - perché è sempre forte il sospetto che si giochi a strumentalizzare una ben specifica e discriminatissima categoria di freak - ma in tempi di vacche magre anche solo l’averlo pensato è indizio che forse c‘è una speranza.

Insomma il format - che non so bene da dove venga - è semplice ed essenziale. Si prendono 3 donne piuttosto carnose abituate al disprezzo assoluto per il proprio corpo perché diversissimo dallo stereotipo dominante, e le si convince che 10, 20 o 30 chili in più non sono un ostacolo serio ad incarnare una particolare variante di bellezza. E‘ giusto, no? Sono le modalità praticate che m’hanno lasciato un po’ perplessa.

Per cominciare, la scelta di Rossella Brescia a presentare il programma non m'è parsa proprio azzeccatissima. E' vero che video non ce n'è molte che diano l'idea di un sereno rapporto con il proprio fisico, ma la Brescia, che pure a suo tempo era una pallocchetta appetitosa, da un anno a questa parte ha assunto un'anda piuttosto inquietante. Le guardi le gambe e senti subito l'impulso a ingerire mascarpone inzuppato di porto fino a stramazzare al suolo. E mangiati un panino alla porchetta ogni tanto, santa madonna! Sembra la versione martiriale di una pin up che ha subito la tortura della ruota e la disarticolazione delle membra. Abbracciava le concorrenti a ogni piè sospinto, ma è talmente scheletrica che dava la sensazione che avrebbe provato molto più gusto a mozzicargli i culoni morbidi.

Poi hanno fatto fare a tutte e 3 le stesse cose, in sequenza. Che mi pare una bella contraddizione. Perché se partiamo dal presupposto che devi tirare fuori il tuo modo unico e particolarissimo di essere bella, che si basa sull’assunto che sei diversa da tutte le altre, il percorso per arrivare a quel risultato dovrai trovarlo tu, semmai. Se devono essere gli autori del programma a farti declinare un protocollo standard - vesti così, muovi l‘anca cosà, ammicca sul tacco 12 col passetto felpatone anche se facendolo richiami solo una tarantolata pugliese, ma tu insisti, vedrai, è tutta questione di esercizio - che cazzo di personalizzazione estetica è?

La cosa che mi ha innervosito di più però è la carestia mentale sottesa alla scelta del percorso evolutivo che dovrebbe portare ogni donna a riscoprire la propria femminilità. Che sarebbe: guardarsi a lungo allo specchio, farsi dare una sistemata dal lookmaker delle dive che ha vestito evaerzigovanaomicampellkatemoss, accettare i consigli di un nutrizionista milanese che al massimo livello delle competenze espresse dalla sua specializzazione ha partorito: carboidrati a pranzo e proteina a cena, affidarsi per il trucco e parrucco a una visagista che anche lei evidentemente gliel’ammolla negli ambienti che contano, affrontare la prova più ardua - che consiste nel posare per un servizio fotografico completamente nude - e il finale coattissimo che sarebbe: arrivare di sera in piazza duomo tutta incendiata dalle lucine di Natale, sulla limo bianca lunga 12 metri, in piena trance estatica, con quell’inconfondibile effetto che fa tanto red carpet alla vaccinara, e guardare dal basso in alto, davanti al pubblico, la gigantografia che ti raffigura discinta nella migliore delle pose scattate nel servizio fotografico di cui sopra. Foto che, va da sé, sono della stessa natura consustanziale di quelle di qualsiasi altra creatura che finisce appesa sui muri con le medesime finalità, cioè 25% per cento DNA umano e 75% Photoshop. Le conclusioni sono abbastanza scontate: mancava solo che pagassero per farle trombare con un calciatore perché l’equivalenza con l’estetica delle veline fosse assoluta.

Ehh, ragazzi, così non va. Non vi siete sforzati abbastanza. Oppure non ve ne importava davvero. La bellezza non è un culto, non si esercita in processione, e come qualsiasi altro talento presuppone la conoscenza professionale della tecnica unita alla virtù che ti permette di fottertene delle regole. Sono bella perché lo decido io, e il mondo si adegua. Se è il mondo che vuole spiegare a me come devo fare, non è più bellezza, è nozionismo. Quando la genetica ti supporta, allora senz’altro questa è la via più facile, e di fatto la più praticata. Ma se le fatine non accorsero alla culla per benedire i tuoi primi vagiti con un florilegio di perfezione, devi tirar fuori le palle e imporre quello che sei. Oppure rassegnarti a darla vinta a chi si fa venire in mente certi programmi del cazzo. Vedi tu cosa ti conviene.

 
 
 

Dominus et deus

Post n°616 pubblicato il 23 Dicembre 2009 da middlemarch_g
 

L’ha perdonato, l’ha perdonato! Come il papa con Alì Agca, come Nostro Signore coi suoi carnefici!

Certo, la chiosa al ragionamento suscita qualche perplessità: non deve passare il messaggio che si può andare in giro e colpire liberamente il presidente del Consiglio, che rappresenta un’istituzione. Ahh, ho capito. Se sei il presidente del Consiglio, in quanto istituzione, non ti posso colpire liberamente. Se invece sei un pirla qualsiasi che indossa, chessò, un completino D&G, allora ti posso caricare di mazzate in nome dell’orrore per la truzzeria, e aspettarmi ragionevolmente di ottenere clemenza dai magistrati sia sotto il profilo giuridico che sotto quello del buon gusto.

Mi ricordo che anni fa, durante un concerto per il primo maggio, Michele Serra disse: Berlusconi ha un problema serio con la democrazia perché non la capisce e la considera un cosa che gli fa perdere tempo. E in effetti, al di là delle ricadute patologiche che un simile atteggiamento implica - e che sono evidenti per tutti anche senza compulsare il DSM-IV sotto l’asse Disturbi della personalità – è ovvio che in qualche modo perverso lui è davvero convinto di quello che fa. Si serve di una terminologia di derivazione democratica e ci inzeppa una frase come quella senza rendersi conto che ogni cosa che fa tradisce lo spirito dei contenuti. Rispetto, istituzione, rifiuto della violenza, perdono sono tutte etichette appiccicate sul nulla. Non è l’istituzione che sacralizza un individuo, è l’esatto contrario. E’ l’individuo Berlusconi che sacralizza l’istituzione. L’istituzione è sacra perché la occupo io. Se, per fare un esempio, la incarna invece un comunista che ha collocato in corte costituzionale altri 3 o 4 sovversivi come lui, allora con l’istituzione della Presidenza della Repubblica mi ci pulisco il culo, e altrettanto dovrebbero fare tutte le persone sensate in questo paese.

A modo suo ha qualcosa di mistico. Confonde se stesso con l’infinito. Espande i suoi confini oltre i limiti del corpo e dell’ego non per fondersi con l’universo ma per assumerlo in sé e per conformarlo a sua immagine. Dal punto di vista clinico ha qualcosa di affascinante. Da quello politico sta più dalle parti di Ai confini della realtà. Ma comunque su una cosa ha ragione: è il presidente del consiglio, e di sicuro è una cosa che non ci permette mai di dimenticare.

 
 
 

Great expectations

Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio.

Samuel Beckett

 

Tag

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2009 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

Ultime visite al Blog

blackdevil5middlemarch_gcassetta2zeno.colantoniarienpassante_dickinsonlittlewing1970menta_mentelab79scalixaje_est_un_autreDr_Thornepantaleoefrancaautodafe2008
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Pogoda
il 09/08/2018 alle 19:07
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Meteo
il 09/08/2018 alle 19:06
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Wetter
il 09/08/2018 alle 19:06
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Sat24
il 09/08/2018 alle 19:05
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Speed Test
il 09/08/2018 alle 19:05
 
 

2010

Ci siamo dati da fare altrove

 

Confermo i miei atti e rido dei miei castighi. E adesso condannatemi

Rosa Luxemburg