Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

divinacreatura59monellaccio19e_d_e_l_w_e_i_s_slascrivanamariateresa.savinosandra.grassonina.monamourovlas13gabbiano642014sabatinisilvia91g1b9IL_JONNJtiziano_savprolocoserdianafilottaa
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« CHE SCUOLA E' SENZA POT...SVIZZERA: CADO DALLE NUBI »

NESSUNA OBIEZIONE VOSTRO ONORE

Post n°3246 pubblicato il 13 Giugno 2019 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

Ma chi ha detto che le buone notizie scarseggino e la loro mancanza ci deprima fino a farci perdere la speranza? Inseguiamo da tempo una profonda riforma della Giustizia Italiana, sappiamo quanto sarebbe utile rivoluzionare assetti e codici, durata dei processi e snellimento degli iter procedurali. Purtroppo, puntualmente, ogni governo che si insedia porta con sé una bella riforma da attuare nel suo programma, ma al momento di metterci le mani e procedere, c'è sempre un inghippo, un ostacolo per rimandare o temporeggiare.  Un incontro tra l' "Ufficio Studi della giustizia amministrativa" e l' "Accademia della Crusca" ha partorito un accordo singolare e significativo. Non è certo una riforma radicale e profonda, ma quantomeno, induce a fare un passo avanti su quel classico e insopportabile linguaggio burocratese e incomprensibile delle sentenze emesse. Quante volte ci siamo sforzati di leggere e seguire logica e frasi esemplari sotto il profilo della sintassi scorrevole? Un comune mortale che non sappia di legge e codici e quindi sia fuori dalla "casta" degli avvocati e  dei  giudici, può solo rinunciare a capire e lasciar perdere. La verità è che un giudice che scriva una sentenza, è spinto a farlo in modo farraginoso per convincere gli altri circa la bontà del suo operato: non si preoccupa minimamente di dar conto delle sue decisioni; partono quindi giri dialettici, frasi composte e intriganti che rendono poco chiara la leggibilità e si alza un fantastico polverone che annebbia tutti coloro che avrebbero potuto leggere senza problemi di chiarezza. L'accordo intercorso tra le due parti dura quattro anni durante i quali magistrati, amministrativi, operatori e tirocinanti, per mezzo di studi, corsi, ricerche, formazione e aggiornamenti, possono avere contatti con la nostra lingua italiana attraverso convegni seminari e laboratori con la stretta collaborazione della "Accademia della Crusca". Niente oneri, nessun costo, una sentenza ha da essere chiara e comprensibile a tutti e redatta con un linguaggio appropriato. Tutto sta nel sensibilizzare ad hoc gli scriventi e sgombrare il campo definitivamente da ogni ragionevole dubbio. Credo che finirà quella voglia matta di pensare sempre al luogo più comune che riguardi la materia: "I giudici interpretano la legge con gli amici e la applicano con i nemici". Ovvero, quando una sentenza è poco chiara nella sua esposizione, state tranquilli, è destinata a un amico.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog