Creato da lost4mostofitallyeah il 04/03/2009
CON QUEL TRUCCO CHE MI SDOPPIA LA FOCE
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 73
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

Vasilissaskunklisa.dagli_occhi_bluprefazione09nurse01spagetiangi2010Narcyssecassetta2vita.perezopiumianodopurpureosolaconme1967LSDtripAlma_oscuralost4mostofitallyeah
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« XIV

XV

Post n°294 pubblicato il 10 Febbraio 2017 da lost4mostofitallyeah










L'Astice XV

L'indomani era il funerale di Gianni e avevo la mente appesantita e le estremità congelate malgrado il calore della macchina. Mi portai al Warehouse, uno dei pochi locali techno seri nella capitale. Sapevo che avrei trovato Asia e infatti lei mi attendeva nello spazio esterno al locale mentre Io facevo tutta la trafila per portarmi dentro. Quando ebbi finito lei mi chiese dov'ero stato. "A fare il contropelo a Tiberio." Dissi non senza un interno senso di soddisfazione. Lei si portò un indice alla tempia e lo fece roteare. "Sei stato al SHIFT?" Mi domandò. "Certo. Dove altro avrei potuto trovarlo a quell'ora?" "Che hai fatto?" Si preoccupò lei. "Nulla. Abbiamo discusso animatamente ma con civiltà. Sono un uomo perbene, lo sai." "Ti ha minacciato?" "Beh, forse è il contrario." "non riesco proprio a immaginarti." "Ero in buona serata e tutto mi è venuto fluente come l'acqua che scivola in gola." "Gli hai detto di volerci portare a Trento?" "Altroché. Era felice come una pasqua." "Piantala. Quell'individuo può diventare pericoloso e tu non riesci proprio a ficcartelo in testa." "è un pallone gonfiato. Tipico stronzo dei quartieri alti romani, cocaina e whisky. Non mi impressiona se è questo che intendi, ho avuto più problemi con i centri di salute mentale di Trento." Asia mi fissò stupita e allora mi sentì in dovere di chiarire. "Ho lavorato anche lì dentro prima di impiantarmi quale bibliotecario. è stata un'esperienza, uhm, coinvolgente. Ti assicuro che QUELLA è gente di cui puoi avere paura." "Non ne sapevo nulla. Allora sei un duro." E la ragazza mi sorrise senza sottintesi. "Sono una persona che sa quando schiarirsi e quando annerirsi, quando rallentare e quando accelerare. Non faccio mai cose di cui possa pentirmi, e se ho affrontato tuo zio avevo i miei motivi per farlo. Era inutile tenermelo col fiato sul collo o con vaghe minacce nell'aria. Tanto vale trovarmelo davanti e alzare il livello dello scontro. Più alzi l'asticella meno gli individui fuori forma hanno la possibilità di fare centro e scavalcarla. A volte può essere rischioso, a volte un azzardo, ma nella maggior parte dei casi, beh, funziona. Chiamalo un bluff ma spaventa molta gente." Asia guardava la fila dei tizi che tentavano d'entrare al Warehouse: "Di una cosa sono certo: mai avrebbe pensato che tu potessi farlo cagare in mano. Mi pare di vederlo" E rise "Se tutto è andato come racconti sarà ancora lì a rovistarsi le palle." "Puoi esserne certa. Mai sottostimare un montanaro. è gente di poche parole, apparentemente pacifica, ma non fargli montare l'adrenalina o può succedere di tutto. Anche trovarsi con la testa aperta da un ciocco di legna." Lei continuava a sorridere e pareva convinta: "Entriamo a ballare?" "Con piacere" Risposi "Anche se..." "Cosa?" "Cazzo. Ballare il giorno prima che tuo padre venga cremato...Io sarei curioso di una cosa..." "Ovvero?" "Ci tenevi veramente a papà?" Lei abbozzò quasi seccata e si portò una mano alla faccia: "Era mio fratello maggiore, non un padre. Con lui ho sempre avuto un rapporto distante ma cazzuto. Ci sono cose di te che me lo hanno ricordato stasera. Quel modo fiacco di essere spietati, la stessa maniera di fare paura senza dovere per forza avere dieci cicatrici in faccia, la...consistenza morale di certe minacce. Poche parole, tanti fatti. Poi il fatto che non crescerete mai: lui perché morto, tu perché ti rifiuti di accettare il buon senso, l'accomodarsi, il piegarsi a certe sfide che l'età...cazzo! Mi hai capito." Annuì e compresi che non era il caso di fare altre domande. entrammo al Warehouse senza ulteriori indugi e ci agitammo fino alle quattro del mattino.









(Continua)













La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/pLuG/trackback.php?msg=13501361

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
several1
several1 il 10/02/17 alle 18:29 via WEB
puntellare il dialogo con pesantezze (di termini), per capirsi meglio?
 
 
lost4mostofitallyeah
lost4mostofitallyeah il 13/02/17 alle 16:27 via WEB
Sai, sono romani...
 
EMMEGRACE
EMMEGRACE il 10/02/17 alle 18:40 via WEB
Ho preso un attimo di tregua per commentare il post.....Ho capito che si balla, bene, mi piace! Io preferisco "Claudio PRC" :)))))))))
 
 
lost4mostofitallyeah
lost4mostofitallyeah il 13/02/17 alle 16:28 via WEB
Ma se sei stata tu a farmi conoscere PRIS???? :(
 
cassetta2
cassetta2 il 11/11/20 alle 17:38 via WEB
Impegnatevi di più con i post non posso essere l'unico a tenere in piedi la baracca.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.