Creato da DJ_Ponhzi il 29/06/2013

Poesie Per Resistere

opere di resistenza musicale e poetica non umana

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: DJ_Ponhzi
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 42
Prov: RM
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fugadallanimamarachella.mletizia_arcuriIrrequietaDincomparabile6cybergypsymoschettiere62chiedididario66emozionami1960prefazione09mare66sseverusfsanvasssantigliano_silvyercontrosoffittatore
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao
Inviato da: incomparabile6
il 31/03/2019 alle 20:00
 
Fantastico. Mi è piaciuto tanto.
Inviato da: lascrivana
il 07/02/2019 alle 16:00
 
La luna sorniona non ha mai risposto a nessuno. Bellssima...
Inviato da: adagio.14
il 26/01/2019 alle 07:08
 
grazie del commento buona serata!!
Inviato da: DJ_Ponhzi
il 25/03/2018 alle 20:52
 
La poesia descrive un assenza non assenza. Definisce una...
Inviato da: lascrivana
il 10/12/2017 alle 15:59
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 45
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« due bambini ... Djl'epoca degli umanisti .. Dj »

NUOVA .. il castello nella nebbia

Post n°348 pubblicato il 16 Marzo 2017 da DJ_Ponhzi
Foto di DJ_Ponhzi

 

"Il castello nella nebbia - il canto di cristallo " ( poetry Slam)

 

Qui arrivai  di notte perduta tra posti sperduti

Dove ci si graffia di carezze  si dimenticano  saluti

E colsi andandoci le tue lacrime e pezzi di sorrisi

I baci che mi portai dietro sull’ultima luce dei visi

 

Era primavra ma c’era nebbia in quel castello

Mi restavano tele bianche mi si ruppe il pennello

Il mio destino sai ora lo capisco fu maledetto

Si nascondeva nelle  tue frasi  in ogni mio non detto

 

Campi di battaglia si posarono su campi di grano

Li porto dentro  col tuo mormorio che il tempo rese vano

Le pianure  di rose morte   disegnavano il cordoglio

Ove si spense l’amore trafitto da un scheggia di sogno


 Mi chiusi  ricchezza o povertà facevan lo stesso

 In una torre la tua attesa mi rischiara l’inverno

 Non ascoltai L’autunno che  riprende i suoi figli

 Solo il caldo del tuo sorriso su un prato  di gigli

 

Lancette non fanno che lasciar in sospensione

Ogni minuto é  pausa ogni secondo ustione

Gelida la mano su un piano a cercare note

In questa valle d'ansia a ricreare la tue voce


Principessa nel  mondo senza cielo né terra

Ove la più ampia radura si può fare cella

Le mie parole son sangue che cercò le  vene

Che ti diedi una sera in cui cercavi da bere


I muri non son loro che mi imprigionano

Sono i ricordi di due corpi che non si donano

Stasera le polveri degli amanti piangono

Le eternità promesse tra i crisantemi che languono


... continua

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog