Un blog creato da cassetta2 il 07/11/2003

BLOGGO NOTES

L'importante è lasciarsi dietro un segno, un qualcosa per farsi ricordare, non importa che sia scritto per sempre su un libro di storia o solo un giorno su un ascensore.

 
 
 
 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: cassetta2
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 20
Prov: VI
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 135
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 

[•=•] NULLAFACENTI [•=•]

Contatore siti

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Messaggi del 20/06/2023

 

Riflessioni

Post n°7286 pubblicato il 20 Giugno 2023 da Dott.Ficcaglia

Odio quando la mia ex mi scrive: "vorrei che fossi qui."

Lo fa ogni volta che passa davanti ad un cimitero.

 

 
 
 

✨💫✨

Post n°7285 pubblicato il 20 Giugno 2023 da cassetta2
Foto di cassetta2

l'Austria ha tutto quello che può piacere ai single, alle coppie sposate da più di 35 anni, alle vedove che vogliono praticare il suicidio assistito,  agli amanti della natura e della monarchia assoluta.
La capitale è Vienna; le altre città sono delle fermate di treno a 1, 2, 3 e 5 ore dalla stazione centrale di Vienna, che si chiama "Hauptbahnhof" e che in tedesco vuol dire "stazione centrale", nonostante si trovi completamente a sud e fuori dalla città.
Vienna, sostanzialmente, è un Albano Laziale, ma con 2 milioni di abitanti.
Per la legge dei grandi numeri, ogni tanto ti capita d'incontrare personaggi fuori dal contesto sachertorte-borghese-mummia e tutti quanti prendono la U6. 
La U6 è l'unica linea di metropolitana in superficie della città e viaggia lungo il "Gürtel", una specie di raccordo anulare che tocca i peggiori quartieri della città, ognuno abitato da una delle minoranze di Vienna: turchi, siriani, ceceni, slavi, tifosi dell'Austria. 
Tutto il resto, invece, è centro storico e quartiere residenziale, dove trovate solamente viennesi, polizia e turisti.
Forse ci sono anche i giovani, ma devono avere turni diversi rispetto a tutti quanti gli altri.
Vienna ha tutto quello che può far contento il turista italiano: tante linee di metropolitana, strade pulitissime, camerieri sorridenti, nonché l'architettura barocca e il design Art Nouveau, che spinge tutte quante le signore  a commentare "uh come starebbe bene a casa nostra". 
I monumenti più importanti sono: il Prater, l'Opera e St Stephen, il MuseumQuartier, il Belvedere e il Parlamento, che sembra avanzato da qualche produzione anni '50 di Cinecittà. 
La vita notturna consiste in feste massoniche, su invito, in luoghi segreti.
Se vi dovesse venir fame dopo le 21, ve la terrete fino alle 9 del mattino dopo, orario in cui riaprono i bar.
In compenso è pieno di taxi, per andare da un posto chiuso all'altro. 
La prostituzione è legale, credo sia l'unica notizia che già sapevate.
Fuori Vienna c'è l'Austria; è dove i viennesi hanno la seconda o terza casa, ma ci sono anche dei laghi bellissimi e gente ancora più sorridente, effetto dell'MDMA rilasciato nelle falde acquifere. 
La seconda città più grande d'Austria è Graz.
Fa più abitanti lo Stadio Olimpico, quando gioca la Lazio.
È un posto molto bello, immerso nelle montagne della Styria e con il Partito Comunista al 60%.
Sull'autostrada Vienna-Salzburg, si trova Braunau am Inn: è il paese natale di Adolf Hitler.
Ve lo dico io, perché non c'è nessuna indicazione che lo riporti, nonostante qua lo sappiano tutti.
Infine, all'estremo opposto c'è Innsbruck, un posto molto bello per scattare foto, soprattutto sotto Natale.
È la capitale del Tirolo, nonché una località sciistica di quelle dove le ultra 60enni girano ancora in pelliccia.
Ideale per le passeggiate in montagna e il balconing.

Shot: Valdagno

 

 
 
 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963