ECCHIME

Almanacco de quando me pare

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 101
 

 

 

 

Cover

Post n°2929 pubblicato il 20 Maggio 2022 da jigendaisuke

Quando Benito Urgu cantava

Sea of joy

Seguendo le ombre dei cieli,
O sono solo frutto dei miei occhi?
E mi sento vicino a quando si corre la gara.
Aspettando le nostre barche per salpare.
Mare di gioia.
Una volta che la porta si apre nello spazio,
E sto già aspettando sotto mentite spoglie.
E ' solo una spina tra i miei occhi?
Aspettando le nostre barche per salpare.
Mare di gioia.
Avere difficoltà a venire attraverso,
Attraverso questi blocchi di cemento la mia vista
Ed è tutto a causa tua.
Oh, e ' solo una spina tra i miei occhi?
Aspettando le nostre barche per salpare.
Mare di gioia.
Mare di gioia.
Mare di gioia.
Vela gratis.
Mare di gioia.


 
 
 

Tanticchia di tiatro

Post n°2928 pubblicato il 18 Maggio 2022 da jigendaisuke

La bravura di Ciccio Ingrassia come attore, si conosce.
Basta guardare film come Violenza, quinto potere di
Florestano Vancini o Todo modo di Elio Petri, fra gli altri.

Purtroppo Franco Franchi non ha potuto dimostrare
adeguatamente quanto fosse bravo, ma ci aiuta
rai 5, che qualche mese fa ha trasmesso una serie di
farse dialettali registrate  nella prima metà degli anni 70,
con attori del calibro di Macario, Ave Ninchi, Lina Volonghi
ecc

Bravo attore e molto atletico

Su, prendetevi un paio d'ore di tempo per apprezzare
la sua bravura

 
 
 

La calunnia è un venticello

Post n°2927 pubblicato il 16 Maggio 2022 da jigendaisuke

"Papa Francesco: se parli male del fratello, lo uccidi"

Già, il pettegolezzo può fare molto male a chi ne è
vittima.

E allora ho pensato ad alcuni artisti vittime del pettegolezzo.

Giovedì scorso ricorrevano i 90 anni dalla nascita di
Umberto Bindi e i 27 dalla morte di Mia Martini.

Umberto Bindi, forse il primo rappresentante della scuola
genovese, benchè lui si occupasse della parte musicale
delle sue canzoni, lasciando i testi a Giorgio Calabrese.
Ha interpretato dei veri capolavori della canzone italiana,
peccato che un bel giorno, tutti i media si concentrarono
sul suo anello giudicato vistoso, mentre sempre più spesso
si sentivano battutine sulla sua (all'epoca presunta)
omosessualità. Sempre più messo nell'angolo, sopravvisse
gli ultimi anni grazie alla piccola rendita prevista dalla legge
Bacchelli. Morì nel 2002

Un po' di Genova, anzi del quartiere della Foce (ancora
popolare quando erano giovani Lauzi e C.) in questa

canzone scritta insieme a Bruno Lauzi

Mia Martini. C'è poco da dire, la nomea di jettatrice l'ha
prima costretta a ritirarsi dalle scene nel 1983, salvo poi
tornare solo nel 1989, ma con qualcosa che le si era
definitivamente rotto dentro. Morì per un infarto conseguente
ad overdose di coca, nel 1995.
Dopo, tante lacrime di coccodrillo.

A pensar male, mi verrebbe da dire che il suo trionfale
successo all'Olimpya di Parigi, nel 1977, abbia nuociuto
alla sua fama in Italia.

La storia di Mia Martini | 12-05-2020 | I Lunatici | Rai Radio 2


Dalida, la Mina d'Oltralpe, nata in Egitto da genitori
calabresi, legatissima all'Italia che per anni l'ha adorata,
ma piano piano il venticello della calunnia l'ha respinta.
Anche di lei si diceva, soprattutto al di qua delle Alpi,
che portasse jella a chi aveva una storia con lei.
Alla fine, dopo 2 tentati suicidi, riuscì ad uscire di scena.

Perchè solo nel paese culla della civiltà, è possibile
assistere a scene di questo livello pietoso (i primi 53 secondi
del primo video, poi passate al secondo)

In misura minore, anche il bravo Sergio Endrigo
fu toccato dalle diceria sulla jella.
Non mi pare che abbia vissuto benissimo gli ultimi
anni di vita.

In ultimo, Marco Masini. Anche lui accusato di portare
sfiga, per qualche anno si ritirò dalle scene, salvo poi
tornare alla grande nel 2003, al Festival di Sanremo

 


 

 
 
 

Consigli per gli acquisti musicali

Post n°2926 pubblicato il 15 Maggio 2022 da jigendaisuke

Fresco fresco di stampa, il nuovo di Liberato:

LIBERATO II

La canzone successiva è ispirata alle leggende che
circondano Palazzo Donn'Anna, mai com
pletato:

Palazzo Donn'Anna: fascino e mistero del
maestoso edificio a picco sul mare

Il testo di Partenope è rigorosamente in dialetto napoletano, come sempre nella tradizione musicale di Liberato. Il soggetto è Partenope, la sirena della mitologia greca. Nella mitologia, una sirena è un essere metà donna e metà pesce che seduceva i marinai conducendoli alla morte. Il video mostra in effetti una storia coerente con la mitologia, con un re che viene affascinato dal ballo in corte di una ragazza sconosciuta, e muore dopo aver scoperto che lei era una sirena.

Il testo della canzone racconta con la stessa coerente i sentimenti di un uomo che si innamora di una ragazza sconosciuta, che lo seduce ma non si lega mai per davvero. L’uomo si sente innamorato come se fosse la prima volta. Ma un giorno la donna sparisce senza lasciare traccia. Lui la cerca, e non trovandola, capisce il significato delle parole che spesso lei ripeteva: “sono una sirena.”

Ecco il testo completo della canzone e la relativa traduzione in italiano:

Ô Chiostro ‘e Santa Chiara na matina te ‘ncuntraje
Accumminciaje a cantá, nun l’aggio fatto maje
“Staje calmo”, rispunniste, “‘E na manera ammo apparà”
“Ce stanno tutt”e cumpagne, mo nun pozzo parlá”
‘A primma vota ascettemo, ô mare me purtaje
Dicette: “Me faje chiagnere, tu me faje male assaje”
E popo allora ‘int’a chillu mumento c”a vasaje
“Ammò, so’ na sirena”, dicette e me guardaje

Al Chiostro di Santa Chiara un giorno ti incontrai
Cominciai a cantare, non l’avevo mai fatto
“Stai calmo”, rispondesti, “e in qualche modo faremo
“Ci stanno le altre ragazze, ora non posso parlare”
La prima volta che uscimmo, mi portò al mare
Dissi: “Tu mi fai piangere, mi fai tanto male”
E fu proprio allora che la baciai
“Amore, sono una sirena”, disse e mi guardò

 

Ce piace a ballá ‘nnanz’a tutte quante
No, nun se ne fotte ‘e chi ce sta annanze
Dice: “S’Agapõ” cu na sola ‘nganna
Sempe pe piacere, maje pe cummanno
Chesta è na dio ‘e preta, ma nun s”o penza
Ce piace ‘e fá ‘a femmena ‘e cunfedenza
Chella voce è n’arma senza licenza
Baby, nun te pozzo fá resistenza

Le piace ballare davanti a tutte
Non le importa di chi ha davanti
Dice: “Ti amo” (in greco) e ti bacia in bocca
Sempre per piacere, mai per dovere
Lei è una Dea di pietra, ma non lo sa
Le piace essere una donna sicura di sé
La sua voce è un arma senza licenza
Baby, non posso farti resistenza

 

‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na

Innamorato per la prima volta (in inglese), na-na, na-na
Innamorato per la prima volta (in inglese), na-na, na-na

Ma che ce tene chesta? Na, na, na, na, na
Nun se perde maje na festa, na, na, na, na, na
‘Int’ô lietto è na tempesta, na, na, na, na, na
‘Nnammurato for the first time, na, na, na, na, na
Lievate ‘a cammesella, na, na, na, na, na
‘Bbascio ‘sta scalinatella, na, na, na, na, na
‘O ritratto ‘e nanninella, na, na, na, na, na
Comme è tosta ‘a piccerella, na, na, na, na, na

Ma cos’ha questa? Na, na, na, na, na
Non si perde mai una festa, na, na, na, na, na
A letto è una tempesta, na, na, na, na, na
Innamorato per la prima volta, na, na, na, na, na
Togliti la camicetta, na, na, na, na, na
Sotto questa scalinata, na, na, na, na, na
Il ritratto di una santa, na, na, na, na, na
Quanto è tosta la bambina, na, na, na, na, na

 

Ô Chiostro ‘e Santa Chiara a mezanotte me purtaje
Accumminciò a parlá, nun l’eva fatto maje
“Stai calmo, ma ce sta nu fatto che t’aggi”a cuntá
Ammò, so’ na sirena”, dicette e me guardaje

Al Chiostro di Santa Chiara a mezzanotte mi portò
Cominciò a parlare, non l’aveva fatto mai
“Stai calmo, ma c’è una cosa che devo raccontarti”
“Amore, sono una sirena” disse e mi guardò

‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na

Innamorato per la prima volta (in inglese), na-na, na-na
Innamorato per la prima volta (in inglese), na-na, na-na

Ce piace ‘e cantá ‘nnanz’a tutte quante
No, nun se ne fotte ‘e chi ce sta annanze
Sempe cu na mano ca sta accucchianno
A ffá ammore ô Parco d”a Rimembra-bra-bra
Ma che ce tene chesta, na, na, na, na, na
Cu chell’aria ‘e principessa, na, na, na, na, na
Pe na stupida promessa, na, na, na, na, na
‘Nnammurato for the first time, na, na, na, na, na

 

Le piace cantare davanti a tutte
Non le importa di chi ha davanti
Sempre con una mano che raccoglie
A far l’amore al parco delle Rimebra-bra-bra
Ma cos’ha questa? Na, na, na, na, na
Con quell’aria da principessa, na, na, na, na, na
Per una stupida promessa, na, na, na, na, na
Innamorato per la prima volta, na, na, na, na, na

‘Nnammurato for the first time (Na-na, na-na)
‘Nnammurato for the first time (Na-na, na-na)

Innamorato per la prima volta, na, na, na, na, na
Innamorato per la prima volta, na, na, na, na, na

Nu juorno bell’e bbuono a ‘sta guagliona nn”a truvaje
Chiedette a tutte parte, nisciuno me pensaje
Nun te n’adduone ca ‘sta piccerella t’affunnaje
“Ammò, era na sirena”, dicette e me guardaje

Un bel giorno questa ragazza non la trovai più
Chiesi da ogni parte, nessuno seppe rispondermi
Non ti sei accorto che questa fanciulla ti ha affondato
“Amore, era una sirena” disse e mi guardò

 

 


 

 

 
 
 

Cover

Post n°2925 pubblicato il 13 Maggio 2022 da jigendaisuke

 

Bonus track

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: jigendaisuke
Data di creazione: 05/11/2006
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

jigendaisukecassetta2amici.futuroieriQuartoProvvisoriomisteropaganomaps.14KingsGambitmassimocoppasurfinia60woodenshiplisa.dagli_occhi_blujacopoM68Signorina_GolightlysergiobasilicoArianna1921
 

ULTIMI COMMENTI