Un blog creato da cassetta2 il 07/11/2003

BLOGGO NOTES

L'importante è lasciarsi dietro un segno, un qualcosa per farsi ricordare, non importa che sia scritto per sempre su un libro di storia o solo un giorno su un ascensore.

 
 
 
 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: cassetta2
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 20
Prov: VI
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 138
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 

[•=•] NULLAFACENTI [•=•]

Contatore siti

 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

:) hai ragione
Inviato da: elyrav
il 19/04/2024 alle 08:17
 
:D
Inviato da: elyrav
il 19/04/2024 alle 08:16
 
Va bene un commento a più cifre?
Inviato da: woodenship
il 19/04/2024 alle 01:19
 
Con tanti commenti si è contenti come con tanti contanti. ...
Inviato da: QuartoProvvisorio
il 19/04/2024 alle 00:54
 
Buona notte e complimenti :)
Inviato da: QuartoProvvisorio
il 19/04/2024 alle 00:54
 
 
 
 
 
 
 
 

Messaggi del 09/02/2024

 

Sanremo 1998

Post n°7545 pubblicato il 09 Febbraio 2024 da cassetta2

Me lo ricordo il Sanremo del 1998.
Ero felice, era arrivata la telefonata da Roma che mi ha cambiato la vita con l'assunzione a marzo 1997.
La mia carriera professionale era ben avviata. Io che ero abituato a vendere con fatica, ricevevo telefonate di rivenditori che mi pressavano per avere più prodotto.  Il mio capo, Tiziano mi aveva Affidato insieme ad altri colleghi la gestione di un complicato progetto di presidio commerciale. Giravo con una Ford Scorpio SW. La macchina più comoda che abbia mai avuto. Mi pagavano anche un bel rimborso chilometrico. Mi diedero anche un cellulare (allora costava uno stipendio) in uso illimitato. E un computer portatile. Facevamo convention due volte l'anno in tutta europa. E ogni due mesi volo a/r per Roma per le riunioni in sede. Ogni tanto ripensavo a quei due idioti di Brescia.
Abitavo in un grazioso appartamento con il pavimento in parquet vintage accanto ad un monastero. Ogni mattina vedevo la collina con il vigneto dalle finestre.
Avevo l'impianto audio in soggiorno, Le Celestion Ditton 66 con cui convivo da un mucchio di anni le pilotavo con un amplificatore JVC che avevo comprato usato a centomila lire. Avevo provato a estrarre l'audio dalla scart della TV tramite un adattatore, ma non ero soddisfatto. Troppa compressione. Allora mi era venuta l'idea di utilizzare l'audio del sintonizzatore FM, tanto la RAI trasmetteva il festival in diretta anche alla radio. Il sincrono tra l'audio della radio e le immagini della TV era perfetto. Il suono molto più aperto e dinamico. Ma la svolta fu fare passare il segnale in un sintetizzatore di sub armoniche DBX 100 (per gli amici boom box) che avevo acquistato appositamente. Ora la batteria aveva tutto l'impatto che ci voleva. I brani li registravo su una audiocassetta.

Consumai la cassetta ascoltando la sua voce incredibile che negli acuti sembra non avere limiti, sviluppata iniziando a cantare a 3 anni. Poi i cori in chiesa, e tanto piano bar.
Ottiene il secondo posto tra i Giovani e il terzo tra i Big, e i complimenti di Cèline Dion. Il suo primo album omonimo, guadagna il disco d'oro in Italia e le permette di farsi conoscere anche fuori confine, tanto che parte per un tour che prevede tappe anche in Spagna e Francia, dove abiterà addirittura per 5 anni.

 
 
 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963