**TEST**
Creato da albert.z il 31/08/2006
Proposte contro gli sprechi e i privilegi delle caste

https://twitter.com/albertozen" class="twitter-follow-button" data-show-count="false" data-lang="it">Segui @albertozen

 

Contatta l'autore

Nickname: albert.z
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 71
Prov: RO
 

FACEBOOK

 
 

Area personale

 

Ultime visite al Blog

woodenshipalbert.zsilviosorellamariomancino.mpaperinopa_1974Sky_EagleLisa20141quattrozeroquattromassimo.sbandernofiordiloto2dgl0Stolen_wordscile54NoRiKo564oscardellestelle
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

GRILLO

            

Scarica il programma del Movimento 5 Stelle

 

Costi della politica, le proposte dell'Italia dei Valori

http://www.italiadeivalori.it/bastacasta/1/6856-costi-della-politica-le-proposte-dellitalia-dei-valori

 
 

Ultimi commenti

Citazioni nei Blog Amici: 38
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Parlamento pulito: no a impunita'

Basta! Parlamento pulito                                    
 

PRAGMATISMO

NO ALLE IDEOLOGIE, SI AL PRAGMATISMO.

NUOVA COSTITUZIONE COSTRUITA DAL POPOLO

PER REGOLARE I POTERI DEI PARTITI E DEI POLITICI.

NO AI PRIVILEGI DELLA CASTA DI DECIDERE IL PROPRIO STIPENDIO.

SI AL PRINCIPIO CHE TRA STIPENDIO PIU' BASSO E QUELLO PIU' ALTO

DEVE ESSERCI UN RAPPORTO FISSO.

STIPENDI DEI POLITICI IN MEDIA EUROPEA.

STIPENDIO DEL MANAGER NON SUPERIORE A 13 VOLTE

QUELLO MEDIO DELL'OPERAIO DELLA SUA AZIENDA.

NO ALLE STOCK OPTION

NO ALLA FINANZA CREATIVA, NO AI DERIVATI

 

 Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Alcune delle immagini contenute sono prese dal web. Per qualsiasi problema fatemi sapere e verranno rimosse.

 

 

« Hanno creato l'europa c...Cassa integrazione lavorando »

REGOLE DEMOCRATICHE FONDAMENTALI

Post n°1522 pubblicato il 19 Dicembre 2012 da albert.z
 

https://www.facebook.com/zennaroalberto?sk=notes#!/notes/alberto-zennaro/regole-democratiche-fondamentali/10151312496929241.

Nelle questioni del potere, non si parli più di fiducia nell'uomo, ma si vincoli quest'ultimo, contro il mal fare, con le catene della costituzione. Thomas Jefferson, Draft of Kentucky Resolution of 1789.

 Propongo l' elezione di un'Assemblea Costituente di 21 POLITICI E 60 CITTADINI, NON FACENTI PARTE DELLE NOMENCLATURE DEI PARTITI, i cui partecipanti rinunceranno a candidarsi al Parlamento, per scrivere il Capitolo delle Regole a cui i politici saranno vincolati. Regole che vanno fissate ed eventualmente cambiate solo con referendum, non con i due terzi più uno dei parlamentari.

 Proposte per un’Italia democratica e federale, con il potere sovrano nelle mani dei cittadini:

1) Il federalismo all’italiana sta producendo sprechi inenarrabili. Moltiplica e clona su scala locale i guasti “centrali”. Occorre modificare le regole e attuare uno snellimento dell'organizzazione dello Stato, eliminando Province, accorpando i Comuni sotto i 10.000 abitanti. Le Regioni dovrebbero essere eliminate, perché, per quello che fanno, E COME LO FANNO, costano troppo. Sono solo dei CENTRI DI DISTRUBUZIONE DI DENARO PER I POLITICI E PER GLI AMICI. Caso mai, si potrebbero sostituire le Regioni con 7 macroregioni, ma con dei vincoli precisi, come il divieto di auto- assegnarsi denaro sotto qualsiasi forma. Le competenze devono essere decise dal Parlamento.

2) Le macroregioni, non devono avere il potere di autossegnarsi del denaro per stipendi, pensioni o benefit, che saranno decisi dal Senato dei cittadini ( vedi n°7) in base al criterio di non superare le 4 volte lo stipendio di un impiegato statale al livello minimo. Le macroregioni devono amministrare alcune cose che per la maggior vicinanza alla gente ed al territorio potrebbero dare migliori risultati che una amministrazione centrale: trasporti locali, gestione sanità locale, strade, scuole. Il Federalismo, deve essere fatto, con regole per gli apparati, decise dal Parlamento, per evitare che ogni regione decida le sue, creando troppe disparità e spese eccessive: impedire ai vari Consigli Regionali, Provinciali, Comunali, di assegnarsi denaro, sotto qualsiasi voce, di decidere il numero dei consiglieri, degli assessori, impedire di decidere l'istituzione di Enti, di commissioni, di decidere le consulenze, senza aver avuto la preventiva autorizzazione di un organo superiore, come il Senato delle Regioni, o della Corte dei Conti. Ciò che deve essere autonomo è l'amministrazione delle materie di competenza. E' fatto divieto agli organi locali di decidere spese per servizi senza avere la copertura finanziaria. Occorre impedire le assunzioni per scopi elettorali mettendo anche dei limiti al numero dei dipendenti obbligando sindaci e dirigenti regionali a rispettare un determinato rapporto tra impiegati e dirigenti, tra dipendenti pubblici e cittadini.

3) Completo divieto ai parlamentari di decidere del proprio stipendio e di decidere le regole particolari per la propria pensione, che deve essere uguale a quella dei cittadini. Gli stipendi dei politici italiani devono essere commisurati a quelli dei lavoratori italiani, non essere più di 5 volte lo stipendio base di un impiegato al livello minimo, devono essere gestiti dalla Corte dei Conti e sganciati da quelli dei magistrati, comunque inferiori a 6.000 euro netti al mese. I ministri, il Presidente del Consiglio, il Presidente della Camera ed il Presidente del Senato avranno stipendi inferiori a 6.500 euro netti al mese; il Presidente della Repubblica non più di 7.000 euro netti al mese.I parlamentari avranno diritto al rimborso delle spese di viaggio per raggiungere il Parlamento ed usufruiranno di un ufficio per tutto il tempo del mandato. Nessuna altra indennità è prevista per far parte di eventuali commissioni. Agli ex parlamentari non spetta alcun particolare trattamento o beneficio.

4) Il collaboratore-segretario del parlamentare deve essere assunto, a tempo determinato, dalla Camera o dal Senato. La relativa indennità va totalmente abolita.

5) Nessun dirigente, o manager, sia pubblico che privato, può guadagnare oltre le 6 volte di ciò che guadagna l'impiegato del suo settore al livello inferiore.

 6) Dalla prossima legislatura la Camera dei deputati sarà composta da 360 deputati scelti dagli elettori nelle liste presentate dai partiti e dai movimenti, con fedina penale pulita, non indagati per reati contro lo Stato e altri reati gravi. La Camera ha il potere di legiferare e dura in carica 5 anni, salvo il rinvio a nuove elezioni, se non si può legiferare secondo le norme e le regole previste dalla Costituzione.

7) Il Senato dei cittadini avrà 120 membri, estratti a sorte, tra i cittadini che non sono mai stati eletti, e non sono candidati a organi elettivi, con una preparazione culturale di diploma di Scuola media superiore o laurea, età compresa tra 35 anni e 71 anni, con fedina penale pulita e che non posseggono quote di società televisive, o giornali, superiori al 5% e che hanno mandato la richiesta all'Ufficio elettorale del Comune per le opportune verifiche, corredata dai dati e sottoscritta da almeno 30 cittadini. I nomi che ne hanno diritto saranno inviati all'Ufficio elettorale della Regione, che provvederà in presenza di notaio e di un magistrato all'estrazione di un un senatore ogni 500.000 abitanti, più tre di riserva. Il Senato ha il potere di controllare le leggi approvate dalla Camera, dando un primo giudizio di costituzionalità, bocciando leggi che assegnino privilegi ai parlamentari, ed ai politici in genere, o leggi ad personam. Il Senato controllerà che le Regioni siano fatte nel rispetto della Costituzione, non debordino nei loro poteri legislativi e controllerà che gli stipendi dei consiglieri regionali siano inferiori a 4,0 volte lo stipendio di un impiegato di livello minimo, comprese eventuali indennità, mentre gli assessori avranno 4,5 volte e il Presidente di regione non più di 4,7 volte lo stipendio base di un impiegato al livello minimo. Il Senato dei cittadini, insieme alla corte dei Conti, vigilerà che gli stipendi dei parlamentari siano compresi tra le 5 volte lo stipendio minimo di un lavoratore statale agli inizi di carriera ed un massimo massimo di 7 volte quello del Presidente della Repubblica. I senatori avranno uno stipendio 5 volte lo stipendio base di un lavoratore statale al livello minimo, ed avranno diritto ad un ufficio per poter lavorare a Roma, oltre al rimborso delle spese per il viaggio di andata e ritorno casa-Parlamento. Si può diventare senatori una sola volta. A disposizione del senatore, per i lavori di competenza, ci sarà un segretario assunto a tempo determinato dal Senato. Il Trentino-Alto Adige avrà due senatori, uno di lingua italiana e uno di lingua tedesca.

 8) I deputati non devono fare più di tre legislature, eccetto i segretari e/ portavoce dei partiti in carica, che possono farne una in più. Complessivamente non si può essere eletti, nelle varie assemblee, comprese quelle locali, per oltre 20 anni.I cittadini potranno essere estratti per andare in Senato una sola volta. A fine mandato rientrano nella vita civile, senza privilegi, come normali cittadini.

9) Divieto assoluto del doppio stipendio sia per i dirigenti, i funzionari, dipendenti pubblici, consiglieri di stato, per chiunque lavora per lo Stato ed eletti a qualche organo elettivo. Tutti gli stipendi di chi lavora per lo Stato vengono decisi dal Senato, con il controllo della Corte dei Conti e devono essere nei limiti per cui il massimo dirigente non guadagna oltre 7 volte lo stipendio del dipendente al livello più basso.

10) Ridurre ad un quarto le spese per la Presidenza della Repubblica, e per tutte le Assemblee elettive. La monarchia inglese costa un quarto! Abolizione dei senatori a vita.                                                                                                                              11) Gli ex presidenti della Repubblica, dopo il mandato di 7 anni, rientrano in Parlamento solo fino alla scadenza della legislatura. Poi, per essere rieletti, devono sottostare alle regole di tutti. Agli ex sono vietati i privilegi da Presidente in carica. 

12) Alle elezioni Regionali, e Nazionali, almeno il 33% devono essere candidate donne.

13) Non si può candidare al Parlamento, o alle varie assemblee, chi può entrare in conflitto d'interessi, chi è titolare o proprietario, compresi i parenti fino al terzo grado, di quote azionarie superiori al 5% di una società che ha in concessione un bene pubblico o è un editore, di giornali o di tv o un grosso industriale, con più 3.000 dipendenti e chi ha società con sede legale all'estero, chi è stato condannato per un reato con pena superiore a 18 mesi, chi è stato assolto con la prescrizione, chi ha evaso oltre i 10.000 euro in un anno. Se un parlamentare viene indagato e mandato sotto processo, viene sospeso da ogni incarico e perde il diritto di voto e lo stipendio, se il reato prevede una pena superiore ad un anno di galera.

14) Divieto assoluto di spendere denaro pubblico, per cose, o servizi, fuori della competenza dei singoli enti pubblici.

15) Ridurre a metà tutti i consiglieri regionali, comunali e delle eventuali province superstiti. Mettere un criterio generale per il numero, fissando un consigliere ogni 150.000 abitanti, con un minimo di 20 per le Regioni con meno di 3 milioni di abitanti ed un massimo di 45 per chi ha oltre i 5 milioni di abitanti. Abolire i consigli di circoscrizione, nelle città con meno di 100.000 abitanti. Accorpare i Comuni con meno di 10.000 abitanti.

16) Sono aboliti i privilegi delle Regioni a statuto speciale, salvo quelli derivanti da accordi internazionali, come quelli del Trentino - Alto Adige. Sono aboliti gli Enti inutili. Quelli superstiti devono avere un Amministratore unico, con stipendio non superiore a 6 volte lo stipendio di un suo lavoratore all'inizio carriera.

17) Divieto di far parte di consigli di amministrazione di banche assicurazioni, società a chi ha una carica politica e a chi possiede quote di società di giornali o di tv, superiori al 5%.

18) Le consulenze non devono essere pagate se non hanno avuto l'approvazione della Corte dei Conti, altrimenti le pagano di persona, chi le ha decise.

19) Acquedotti pubblici. Se erano stati privatizzati, devono tornare in mano pubblica, nel giro di 5 anni, con amministratore unico o con consiglio di amministrazione composto da assessore incaricato, da un consigliere di maggioranza e da uno di minoranza.

20) riduzione degli stipendi dei dirigenti e dei consiglieri dei vari Enti pubblici, decisi da un organo superiore, come il Governo con l'approvazione del Parlamento, e sotto controllo della Corte dei Conti.Tetto massimo 240.000 euro lordi annui, con il principio che il massimo dirigente non può superare 6 volte lo stipendio del dipendente al livello più basso. Divieto assoluto di doppio incarico.

21) I tempi di prescrizione, per corruzione e concussione, frode a danno dello Stato, e reati contro il bene pubblico devono essere raddoppiati. I tempi per la prescrizione del reato si calcolano fino all'inizio del processo.

22) Auto blu in media europea. Gli unici ad avere diritto dell'auto pubblica sono le prime quattro cariche dello Stato, i ministri ed i presidenti di Regione. Le auto vanno usate solo per motivi di servizio pubblico e non per uno scopo privato. La scorta ai deputati e senatori va assegnata solo in caso di effettivo pericolo e non può essere composta da più di 10 persone e 2 macchine.

 23) Le regole per le pensioni dei politici, non devono discostare da quelle dei cittadini, versando i contributi effettivi come i cittadini. Aboliti tutti i vitalizi, passati, presenti e futuri nazionali, regionali. Si stabilisce che la pensione per qualsiasi cittadino o politico non può superare i 5.000 euro mensili netti, compreso il cumulo. Si stabilisce che l'età per andare in pensione è di 66 anni, eccetto per i lavori usuranti, che vengono regolati per legge. 24) A nessuno, cittadino o politico, è consentito avere più di 6.500 euro lorde di pensione al mese. 25) La reggia del Quirinale, deve servire solo per rappresentanza, non può avere più di 500 dipendenti. Può essere trasformata la parte eccedente in un museo. Non deve servire per abitazione del Presidente. 26) Favorire le assunzioni a tempo indeterminato, pagando il 12% in più chi lavora a tempo determinato. In caso di licenziamento a causa di insormontabili difficoltà economiche dell'azienda, deve essere istituito un salario minimo di disoccupazione ed un percorso di aiuto nella ricerca di un nuovo lavoro e di riqualificazione. Il 12 % in più non spetta se il lavoro è stagionale. 27) Legge elettorale che permetta la scelta dei candidati, da parte degli elettori, preveda l'ingresso al Parlamento di organismi politici se hanno almeno un 3,5% di elettori a livello nazionale o almeno un 6% a livello regionale, in almeno 2 Regioni. Obbligo di primarie per la scelta del candidato premier, se viene indicato nella sceda elettorale. 28) IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DEI PARTITI E' FUORI LEGGE, DATO CHE IL REFERENDUM LO HA ABOLITO. SE VOGLIAMO DARE UNA FORMA DI RIMBORSO OCCORRE CHE SIA SCRITTO IN COSTITUZIONE E APPROVATO DAL POPOLO. Il partito, o movimento, attualmente potrebbe avere finanziamenti solo dal tesseramento, dalle donazioni e dai proventi delle feste di partito. Nessun ente o istituzione può decidere altre forme di finanziamento sia ai partiti, sia per i singoli eletti, se non vi è l'approvazione del popolo sovrano. Si potrebbe prevedere, se sottoposto a referendum e approvato, un rimborso per spese effettivamente sostenute solo per la campagna elettorale. Il rimborso, per le sole spese elettorali, non potrà essere superiore al rimborso che danno Francia e Germania: 0,55 euro massimo, per ogni voto effettivo ottenuto. Il rimborso potrebbe essere dato solo se il partito ha ottenuto oltre il 2% di voti a livello nazionale e/o oltre il 6% in almeno 2 Regioni e solo dietro presentazione delle prove delle spese sostenute. Chi non rispetta la legge perde il diritto al rimborso. Nessun ente o società o persona giuridica può versare soldi ai partiti. I partiti che hanno eletti in Parlamento e che ricevono il rimborso, devono presentare ogni anno un bilancio alla Corte dei Conti e renderlo pubblico. I soldi dei rimborsi elettorale possono servire solo per coprire le spese effettive fatte durante la campagna elettorale. Tutte le altre manifestazioni pubbliche devono essere fatte, non con i soldi dei rimborsi, ma con i soldi dei tesseramenti, donazioni e proventi delle feste di partito. I partiti che non raggiungiungono alle elezioni il minimo richiesto per entrare in Parlamento possono avere finanziamenti privati liberi, fino ad un importo massimo di 5.000 euro da un singolo cittadino, che devono essere resi pubblici e certificati. I partiti che non esistono, perché sono confluiti in un altro partito, non avendo avuto voti alle ultime elezioni, non devono avere finanziamenti. Nessun candidato può spendere oltre i 10.000 euro, suoi , per una campagna elettorale. Se i rimborsi sono inferiori alle spese, il partito può chiedere agli iscritti una eventuale altra donazione, per coprire le spese. 29) Vietato ai ministri, assessori, deputati, senatori, consiglieri regionali, di esercitare altre attività durante il mandato, tantomeno altre cariche politiche. Chi ne mantiene due, se consentite dalla legge, deve avere un solo stipendio. Gli stipendi dei sindaci devono essere proporzionali, a scaglioni, al numero di abitanti, partendo da Comuni di 20.000 abitanti con 1300 euro mensili, fino alle grandi città con stipendio di 5.000 euro mensili. 30) L'unica immunità parlamentare accettabile è quella per le idee. Nessuna immunità può valere per reati comuni, contro lo Stato e per qualsiasi altro reato. La magistratura deve poter agire come agisce su gli altri cittadini. Durante la campagna elettorale tutte le proposte di legge dei programmi hanno diritto di essere divulgate, senza alcuna censura. 31) Certezza delle pene. Galera effettiva per pena superiore all'anno. No a indulti, se non per fatti eccezionali. La Condizionale passa da 3 anni a 6 mesi. La prescrizione per i reati contro lo Stato viene abolita. Per tutti i reati la prescrizione cessa all'inizio del processo. 32) Patrimoniale, per chi possiede beni, capitali e denaro, per un valore compreso tra 1 e 2,5 milioni di euro, il tasso annuale sarà dell' 1,0%, tra 2,5 e 5 milioni di euro il tasso sarà del 1,5%. Per chi possiede oltre 5 milioni di euro fino a 10 milioni di euro il tasso arriva al 2% , chi possiede oltre i 10 milioni fino a 20 milioni il tasso sarà del 3%. Oltre i 20 milioni di euro il tasso sarà del 4% annuo.33) Nelle società azionarie è vietata l'auto assegnazione delle stock option. Gli stipendi dei manager devono essere approvati preventivamente dal consiglio di amministrazione e non devono superare i limiti stabiliti dalla legge. Regola base: lo stipendio del dirigente al livello massimo non può essere superiore a 8 volte lo stipendio dell'impiegato al livello minimo. 34) Fisco: multa del 100% se l'evasione non supera i 10.000 euro in un anno. Multa del 100% e galera effettiva di un anno, pagamento delle spese, se l’evasione fiscale è superiore a 10.000 euro. Un anno, con rimborso spese, oltre alla multa del 100%, ognii 20.000 euro evasi. Eventuali concordati con riduzione della multa del 20% solo a chi non è recidivo. Chi viene condannato per evasione oltre i 20.000 euro in un anno non può candidarsi per 10 anni e non può votare per 5 anni. Vietato intestare a società beni di lusso, auto di grossa cilindrata, per non pagare le tasse. Se scoperti saranno requisiti 35) Lotta ai cartelli, per favorire la concorrenza, con inasprimento delle multe. Al posto dell'Authority, per controllare i prezzi, occorre una commissione, composta da organizzazioni sindacali preposte, e associazioni di consumatori. 36) Eliminazione del quorum per i referendum abrogativi e per i referendum propositivi, per leggi di iniziativa popolare. 37) Referendum propositivi su richiesta di 50.000 elettori, con obbligo dello svolgimento, entro un anno dalla presentazione del testo con le 50.000 firme, previo assenso della Corte Costituzionale, che verifica esclusivamente se sono su argomenti consentiti dalla Costituzione e se le firme sono valide. La Corte non può dare giudizio negativo per altri motivi, se gli argomenti sono consentiti dalla Costituzione. 38) Nessun cittadino italiano o straniero, può possedere oltre il 50% delle azioni di una società televisiva o di un giornale, operante in Italia. Chi vuole avere due reti non può possere oltre il 33% delle azioni. Chi è azionista di una società televisiva con tre canali tv non può possedere oltre il 25% delle azioni. E' vietato che una società televisiva abbia più di tre canali tv. Ogni 7 anni le frequenze tv vengono messe all'asta al miglior offerente. 39) Per legge azionale sarà stabilito l'obbligo a tutti i Comuni di non assumere oltre un certo rapporto tra dipendenti comunali e numero dei cittadini. Il rapporto consigliato è 1 ogni 1000 abitanti. 40) Qualsiasi legge deve essere sicuramente corrispondente ai principi della Costituzione, altrimenti non può entrare in vigore. Se dopo l'approvazione da parte delle due Camere, un partito chiede il giudizio di Costituzionalità, la legge non entra in vigore, se non dopo averlo avuto dalla Corte Costituzionale, che deve darlo entro sei mesi dall'approvazione della legge. 41) Occorre impedire ai candidati, anche se eletti, di decidere sulla validità delle elezioni. Deve essere un'apposita commissione di magistrati a verificare le credenziali e a dichiarare l'ineleggibilità o l'avvenuta elezione secondo le regole. Ogni collegio elettorale viene sottoposto al controllo del Presidente del Tribunale di zona, che incarica tre magistrati per verificare la liceità delle candidature e la correttezza dellle elezioni. 42) Sono incostituzionali tutte le leggi che ostacolano la Giustizia e impediscono di arrivare alla sentenza definitiva, sia riducendo i tempi di prescrizione, sia dando la possibilità alla difesa di portare un numero enorme di testimoni inutili. Il tempo per la prescrizione per i reati con pena minima un anno è di almeno 20 anni. Per reati con pena minima inferiore ad un anno la prescrizione si ha dopo i 10 anni dal reato. 43) E' obbligo del Parlamento ostacolare in ogni modo la fuga dei capitali italiani nei paradisi fiscali, punendo chi vi deposita soldi senza validi motivi, per vantaggi fiscali, per scopi non consentiti. Dovranno essere confiscati i beni se esportati in maniera illegale.44) abolizione dell’autonomia di budget di palazzo Chigi. Si impone l'obbligo di un rendiconto annuo da pubblicare e far verificare dalla Corte dei Conti. 45) I beni dello Stato, in buone condizioni, non possono essere regalati ad un privato. 46) Le frequenze per trasmettere in qualsiasi modo, tv, telefonia, internet, sono beni dello Stato che vanno ceduti ai privati in affitto pagando un canone annuo o ceduti per un certo periodo. Le frequenze vanno messe all'asta e date al miglior offerente, fino ad un massimo che impedisca qualche forma di dominanza di un privato su gli altri.47) I condannati per reati contro lo Stato non possono partecipare a gare di appalti per lavori pubblici e non devono avere frequenze tv. 48) Dopo aver compiuto 75 anni è vietato candidarsi ad un organo elettivo. 49) Il politico eletto deve sempre rispondere delle sue azioni politiche, sia in Parlamento, sia alla stampa e tv, sia in tribunale. Chi non risponde è automaticamente espulso dal suo incarico. 50) E' stabilito che, in tutti i settori privati ed in quello pubblico, il rapporto tra lo stipendio massimo e quello minimo non può essere superiore a 7 volte. 51) Decadono gli accordi con il Vaticano per la parte che riguarda la dazione di denaro dello Statro italiano al Vaticano. 52) Le fabbriche devono essere cogestite da amministratori e rappresentanti dei lavoratori. Per i lavoratori, oltre al salario, è previsto che vi sia una condivisione degli utili.53) Ogni cittadino adulto può decidere liberamente quali cure e terapie accettare, rifiutando quelle che possono essere dannose, inutili e che non portano reali benefici. I minorenni sono soggetti al parere dei genitori o, in assenza, di chi esercita la patria potestà.54) Lo Stato tutela, con apposite leggi, chi si unisce in matrimonio e chi convive. Il matrimonio, come tale, è riservato a due persone di sesso diverso, la convivenza è aperta anche a unioni fra componenti dello stesso sesso. 55) CHI NON RISPETTA GLI ARTICOLI PROPOSTI O NON RISPETTA I REFERENDUM POPOLARI, SARA' PROCESSATO PER DIRETTISSIMA CON LA PENA DI INTERDIZIONE DAI PUBBLICI UFFICI, PERDITA DEL DIRITTO DI VOTO E 5 ANNI DI GALERA.56) CHI TRAMA CONTRO LA SOVRANITA' POPOLARE,PUO' ESSERE CONDANNATO ALLA PERDITA DEI DIRITTI CIVILI, ALLA GALERA DA 5 A 10 ANNI.57) Lo Stato deve avere una Banca Statale, per favorire lo sviluppo, gli investimenti, l'economia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog