11 Febbraio Beata Vergine Maria di Lourdes

Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

VAI AL MIO SITO

VOTA
Teresina
MARIA (3)

Beata Vergine Maria di Lourdes

 apparizioni 1858

Questa memoria si collega alla vita e all’esperienza mistica di Maria Bernarda Soubirous (santa Bernadetta), conversa delle suore di Nevers, favorita dalle apparizioni della Vergine Maria (11 febbraio – 16 luglio 1858) alla grotta di Massabielle. Da allora Lourdes è diventata mèta di intenso pellegrinaggio. Il messaggio di Lourdes consiste nel richiamo alla conversione, alla preghiera, alla carità.

Lourdes ricorda le apparizioni mariane più famose della storia. Esse avvennero nel 1858 ed ebbero come protagonista una ragazza di quattordici anni di nome Bernadette Soubirous. La Vergine le apparve per ben diciotto volte in una grotta, lungo il fiume Gave. Le parlò nel dialetto locale, le indicò il punto in cui scavare con le mani per trovare quella che si rivelerà una sorgente d’acqua, al contatto con la quale sarebbero scaturiti molti miracoli.
Un momento importante fu quando, in un’apparizione avvenuta il 25 marzo, festa dell’Annunciazione, alla ripetuta richiesta di Bernadette, la Vergine disse di essere l’Immacolata Concezione, venendo così a confermare il dogma del concepimento immacolato di Maria promulgato da papa Pio IX l’8 dicembre 1854 (quattro anni prima).
Ma chi era Bernadette Soubirous? Una ragazza gentile, delicata, cagionevole di salute, cresciuta in una famiglia poverissima, la quale, al tempo delle apparizioni, abitava in un luogo molto umido e malsano. Talmente malsano che, essendo stato già una prigione, si era pensato di abbandonarlo perché troppo inospitale perfino per i detenuti.
Ciò che avvenne a Lourdes lo conosciamo dalle dettagliate deposizioni che Bernadette dovette fare dinanzi alla Commissione Diocesana incaricata di esaminare i fatti.
Tutto ebbe inizio giovedì 11 febbraio 1858, quando Bernadette si recò a raccogliere legna secca nel greto del fiume Gave, insieme ad una sorella e ad una loro amica. Il gruppetto, costeggiando la riva del fiume, giunse dinanzi ad una grotta, ma li separava da essa un piccolo canale. Le compagne di Bernadette lo attraversarono senza esitazione; ella invece non poté mettere i piedi nell’acqua gelata a causa della sua gracilissima salute. Ad un tratto la sua attenzione fu richiamata da un rumore simile a un colpo di vento. Istintivamente si giro versò gli alberi pensando che il rumore fosse venuto da quella parte e invece notò che gli alberi erano completamente immobili. Seguì un secondo rumore, capì che proveniva dal cespuglio che si trovava nella grotta. Fu allora che la ragazza vide una figura bianchissima che aveva l’aspetto di una signora. Questa le fece cenno di avvicinarsi, ma la fanciulla non ebbe il coraggio di farlo. Sorpresa e turbata, non sapeva cosa fare. Bernadette si stropicciò ripetutamente gli occhi pensando che si trattasse di un’allucinazione, ma la Signora era sempre lì, dinanzi alla sua vista. Un’ispirazione le fece tirare dal tascone la sua corona di Rosario e iniziò a recitarlo…e la Signora si unì alla preghiera. Al termine del Rosario l’apparizione scomparve.
Le compagne non avevano visto nulla, né tantomeno sospettarono di qualcosa. Bernadette chiese loro se avessero visto; ovviamente la risposta fu negativa. Sulla strada del ritorno, Bernadette accennò qualcosa alla sorella. Lo stesso fece alla sera con la madre, la quale, però, cercò di convincere la fanciulla ch’era stata solo vittima di un’allucinazione e le ordinò di non tornare più alla grotta. Intanto la sorella non tenne il segreto e riferì alle sue compagne: in breve tempo molte persone vennero a conoscenza di quello che Bernadette aveva visto. Infatti, domenica 14 febbraio, diverse ragazze della sua stessa età chiesero a Bernadette di tornare alla grotta insieme a lei. Ella si rifiutò per non disobbedire alla mamma; ma le ragazze parlarono con la donna e ne ottennero il permesso. Intanto in Bernadette cresceva la paura: e se si trattava di spiriti malefici? Corse subito in chiesa per procurarsi dell’acqua benedetta. Giunse poi alla grotta e avvenne una nuova apparizione. Per tre volte asperse la grotta con l’acqua benedetta: la Signora non si mosse e sorrise. La ragazza allora estrasse la corona e iniziò a recitare il Rosario.
Il 18 febbraio l’apparizione chiese a Bernadette di tornare alla grotta per quindici giorni consecutivi, le raccomandò di andare a dire ai sacerdoti di costruire una chiesa sul luogo delle apparizioni. La ragazza fu fedele all’appuntamento.
Il 24 e 25 febbraio la Signora invitò Bernadette a mangiare dell’erba, a fare dei gesti di penitenza e le ordinò di scavare con le mani sul lato sinistro della grotta. La fanciulla trovò dell’acqua, la Signora le disse di bere ed ella obbedì: portò l’acqua torbida alla bocca, si lavò e poi la bevve.
Il 25 marzo la Signora disse finalmente il suo nome. L’apparizione restò immobile, mostrandosi nell’atteggiamento della Vergine raffigurata nella famosa medaglia miracolosa rivelata a santa Caterina Labourè. La Signora sollevò le mani, le congiunse all’altezza del petto, levò gli occhi al cielo e disse: «Io sono l’Immacolata Concezione».
La Madonna promise a Bernadette la felicità, ma non in questo mondo. A Nevers la veggente visse da religiosa il messaggio di penitenza e di preghiera che aveva ricevuto alla grotta. Morì santamente il 16 aprile 1878, all’età di trentatré anni; età significativa visto le enormi sofferenze che contrassegnarono la sua vita. Fu beatificata nel 1925 e canonizzata nel 1933.
Le apparizioni di Lourdes vennero ufficialmente riconosciute dal vescovo di Tarbes il 18 febbraio del 1862. Ben presto fu eretta una grande chiesa così come la Vergine aveva richiesto.
Lourdes divenne subito il più celebre dei luoghi mariani. Un ufficio speciale (le Bureau médical) fu incaricato di vagliare scientificamente le guarigioni che iniziarono a verificarsi immediatamente. Di miracoli finora ne sono stati riconosciuti una settantina, ma di fatto sono molti di più. Ancora più numerose sono le conversioni.

VAI AL MIO SITO
io-sono-la-luce-del-mondo.webnode.it
VOTA

Teresina
11 Febbraio Beata Vergine Maria di Lourdesultima modifica: 2018-02-10T22:51:31+01:00da Violetta44

67 pensieri riguardo “11 Febbraio Beata Vergine Maria di Lourdes”

  1. L’Amicizia è una parola comune, ma l’amicizia vera è rara. Non vive con la paura di morire, ma muore con la gioia di aver vissuto (Anonimo) Una domenica all’insegna dell’amore, dell’amicizia e dei buoni propositi con Sorrisi, abbracci e baci da MIK

  2. Un sorriso non costa niente e produce molto. Arricchisce chi lo riceve senza impoverire chi lo dà. Dura un istante solo ma talvolta il suo ricordo è eterno. Nessuno è così ricco da poterne fare a meno, nessuno è abbastanza povero da non meritarlo. Un abbraccio di Buon mercoledì…. MIK/^^__^^
    P.S. non ti vedo nel mio blog.

  3. Ringrazio gli amici che hanno apprezzato questo mio post.. Ho voluto ricordare un cantante per me molto significativo per musica, parole e semplicità di esecuzione che a volte Lui come tanti altri vengono archiviati e non più ricordati. Un sapore di festa per salutare questa settimana ed augurarti un buon week End…Mik.——http://img.topimmagini.com/to/venerdi/venerdi_039.jpg

  4. Basta poco a consolarci perche’ basta poco ad affliggerci Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono ne’ cattive erbe ne’ uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori. (Victor Hugo ) Un lieto giovedì si spera con tanto sole e gioia nel cuor da Mik

  5. Un vero amico è qualcuno che ti conosce per quello che sei, capisce dove sei stato, ti è accanto nei profitti e durante i fallimenti, festeggia con te le tue vittorie, condivide il tuo dolore e tutto questo senza mai giudicare i tuoi errori. Ti auguro un buon fine settimana inviandoti sorrisi e abbracci…MIK/**__**-

  6. L’amica è un’ombra discreta che ti sta vicino anche se il sole non c’è più anche nella notte più buia e riesci sempre a percepirne il calore. E che se ti manca….ti manca tanto.
    Buon sabato e una domenica da favola…. MIk—-http://immaginibuongiorno.it/wp-content/uploads/2016/02/23rk6tl.jpg

  7. Li chiamano piccoli gesti:Una parola al momento giusto, una carezza, un sorriso, un gesto gentile. Ma i gesti discreti e gentili non sono mai piccoli. Sono preziosi e straordinariamente belli e piacevoli. (A. DeGas) Un buon inizio di settimana porti gioia e amore nei nostri cuori…MIK

  8. Auguro un lunedì Fortunato a chi si è appena svegliato, un lunedì sorridente a chi non ha proprio voglia di fare niente, un lunedì tutto d’oro a che sta andando al lavoro. Buon inizio di settimana con un sorriso ed un buon caffe’..MIK

  9. Tra la nostra anima e il nostro corpo ci sono delle piccole finestre dalle quali, se aperte, passano le emozioni, se socchiuse filtrano appena… solo l’AMORE le può spalancare tutte insieme e di colpo… come una raffica di vento!!! Un sorriso di luce per augurarti un dolce e allegro mercoledì…MIK

  10. Ciao .Spesso cerchiamo disperatamente la felicità. rincorrendo chimere,senza accorgerci che sono le semplici cose a rallegrare il cuore la natura con le sue stagioni.gli amici,le risate,l’amore una passeggiata in riva al mare.(R.Battaglia).Ti auguro una splendida serata e una dolce Notte un abbraccio con affetto.Antonio..Clicca

  11. Non conta come si fa, ….in fondo l’amore è una cosa semplice, e una cosa meravigliosa….due persone e lo stesso battito di cuore…due silenzi che finalmente trovano le loro parole.… Un abbraccio di luce con tanti abbracci e Baci8888i per un sereno venerdi felice …Mik^^__**

  12. Chi è amico ama, ma chi ama non sempre è un amico; e pertanto l’amicizia giova sempre, l’amore, invece, può a volte anche nuocere.
    Un Caro abbraccio conn baci888i, e buon fine settimana da Mik——-https://www.topimmagini.com/immagine/3285

  13. Tendi la tua mano a chi ti è vicino e regala un sorriso a chi soffre ed è solo… Potrai, così, raggiungere le vette più alte, spargendo solo aiuto ed Amore!  Ti lascio il sorriso dei sognatori e volo via^_^ MIK—https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRuQj4wtxorv8APjbrHj-nxoQlWDK5U9gqzDaGvpiiL9XOcnaRlBg

  14. Una delle cose più belle nella vita è trovare qualcuno che riesce a capirti, senza il bisogno di dare tante spiegazioni. Che questa festività delle palme porti nel tuo cuore amore, forza, fiducia e pace. Serena domenica delle palme da Mik^^__**

Lascia un commento