Elezioni europee 2019, quali sono i partiti che rischiano di più

Il prossimo 26 maggio si terranno le elezioni europee. Al fine di rinnovare il Parlamento europeo. Elezioni che, come saprete, si tengono a cadenza quinquennale.

Una tornata elettorale che rischia pesantemente di dare una bastonata ai due principali partiti dell’assise europea. Ossia Ppe e Pse. Quelli che hanno pesato di più e negli ultimi hanno collaborato insieme al fine di arginare i partiti nazionalisti ed euroscettici.

Questi ultimi, peraltro, il 26 maggio rischiano di scatenare uno Tsunami che travolgerà i due partiti tradizionalisti, visto che sia i partiti centristi che quelli socialisti stanno perdendo colpi in tutti i paesi europei. Incapaci di dare risposte alle istanze di protezione e sicurezza lanciate dai ceti maggiormente colpiti dalla crisi. Anzi, hanno pure aggravato la loro situazione, preferendo perseguire gli interessi di Banche e multinazionali.

Così come quelli liberali che convergono nel terzo gruppo parlamentare per importanza: l’Alde. Sebbene quest’ultimo abbia avuto un po’ di ossigeno da En marche di Emmanuel Macron, Presidente della Francia. Presidente però fortemente contestato da mesi, come dimostrano le ormai abitudinarie manifestazioni dei Gillet gialli. Diventate più una habitué controllata dalle autorità preposte all’ordine, anziché una pericolosa sorpresa da fronteggiare. Quindi il rischio flop alle prossime elezioni è più che una possibilità.

Soffermiamoci invece sul nostro Paese. Vediamo quali sono i partiti che rischiano di restare fuori dal Parlamento europeo.

CONTINUA A LEGGERE

Elezioni europee 2019, quali sono i partiti che rischiano di piùultima modifica: 2019-03-19T10:26:44+01:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).