Storia e percorso dell’Asse Mediano, una superstrada pericolosa

asse-mediano-incidente-patate

“Una vita da Asse mediano”. Questa parafrasi del titolo di una canzone di Ligabue descrive bene l’esperienza quotidiana che vivono centinaia di persone lungo la nuova strada ANAS 543 Asse Mediano. Già ex SS 162 NC Asse Mediano (a sua volta ex SS 162 NC).

Una serie di “ex” che mandano in tilt pure la vocina del Navigatore, che indicano nient’altro che la superstrada della città metropolitana di Napoli. Classificata tecnicamente come strada extraurbana principale.

L’arteria, oltre a costituire una sorta di tangenziale (gratis, sebbene spesso si sia parlato dell’introduzione di caselli) dell’entroterra a nord di Napoli, permette il collegamento anche ad altri assi viari interni e alla rete autostradale italiana.

Una strada statale extraurbana però molto pericolosa, teatro di un numero elevato di incidenti. Causati dall’irresponsabilità alla guida da un lato (sorpassi azzardati, eccesso di velocità anche in caso di pioggia, utilizzo contemporaneo dello smartphone) e dalla conformazione infrastrutturale non certo impeccabile dall’altro.

Il manto stradale, infatti, lascia in molti punti a desiderare. Diversi ingressi ed uscite, inoltre, non sono sempre adeguati a garantire l’incolumità.

Solo nell’ultima settimana, tra fatalità, pericoli infrastrutturali e incuria umana, ci sono stati 5 episodi in taluni casi anche con vittime.

Ripercorriamoli di seguito, insieme alla storia e alle caratteristiche dell’Asse Mediano.

CONTINUA A LEGGERE

Storia e percorso dell’Asse Mediano, una superstrada pericolosaultima modifica: 2019-06-25T09:32:51+02:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Related posts

Leave a Comment