Coronavirus, le 4 prove che sia stato creato dagli americani: una ci riguarda

Italia messa in ginocchio dal Coronavirus Covid-19. Il numero dei contagiati e quello dei morti salgono di giorno in giorno. Tanto che il bollettino quotidiano della Protezione civile somiglia più a uno di guerra.

Purtroppo però, il nostro Paese sta pagando un caro prezzo anche dal punto di vista economico. Con le conseguenze che si faranno sentire drammaticamente nei prossimi mesi.

Secondo le stime diramate da Ref Ricerche, per esempio, nel breve termine avremo un minor Pil compreso tra i 9 miliardi e i 27 miliardi. Nonché una flessione per l’intera economia tra -1% a un -3%.

Se poi si considera che le regioni più colpite sono Lombardia e Veneto, che da sole pesano un terzo del Pil nazionale, una contrazione del 10% del loro Pil si traduce nella diminuzione del 3% per l’intero Paese.

Confturismo-Confcommercio ha invece stimato in 7,4 miliardi i danni che subirà il Turismo. Infatti, piovono disdette e la cattiva luce sotto la quale i media stranieri ci stanno ponendo, sicuramente finisce per complicare le cose. Per loro, è come se il Mondo lo stessimo infestando noi.

Personalmente resto dell’idea che questo Virus sia stato architettato dagli americani. E di seguito riporto 4 prove a suffragio delle mie idee. Ed una ci riguarda direttamente da vicino.

CONTINUA A LEGGERE

Coronavirus, le 4 prove che sia stato creato dagli americani: una ci riguardaultima modifica: 2020-03-07T10:02:04+01:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

One thought on “Coronavirus, le 4 prove che sia stato creato dagli americani: una ci riguarda

  1. elcondor52

    IL periodo non è dei migliori,ma con una buona accortezza sulle nuove abitudini da prendere e consigli per respingere in virus da parte della sanita,già di vede la luce in fondo al tunnel,forza siamo una nazione che malgrado i media,riusciremo ha sollevarci e riprendere la strada maestra,in bocca al lupo

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).