Perché il prezzo della benzina non scende molto? I motivi

Prezzo del Petrolio mai così giù da quando si valuta. Dopo una settimana dall’accordo tra i Paesi produttori per tagliare la produzione e quindi sostenere i prezzi, ed ovviare alla sovrabbondanza di offerta rispetto alla esile domanda – le quotazioni del petrolio continuano a precipitare. E’ una evidente conseguenza del Coronavirus.

Per la prima volta nella sua storia, il West Texas Intermediate (meglio conosciuto con l’acronimo Wti, quello prodotto in Texas) con consegna a maggio, è crollato ad inizio settimana in modo vertiginoso chiudendo in negativo.

E così, il prezzo è sceso sottozero, a -37,63 dollari. Addirittura più di 3 volte rispetto a inizio seduta. E pensare che a gennaio quotava 60 dollari.

Il motivo è presto detto: gli investitori sanno bene che la crisi riguarda il momento attuale ma confidano nella ripresa soprattutto autunnale.

Tuttavia, malgrado questo crollo, il prezzo della benzina in Italia scende molto lentamente. In media è sceso di 20 centesimi in un mese e mezzo di lockdown. Perché? Cerchiamo di capirlo di seguito.

CONTINUA A LEGGERE

Perché il prezzo della benzina non scende molto? I motiviultima modifica: 2020-04-23T10:30:18+02:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).