Community
 
MrJakowski
   
 
Creato da MrJakowski il 07/05/2006

L'arte di Jakowski

La sincerità è la dote di chi manca di obiettivi...

 

 

INTERVALLO

Post n°103 pubblicato il 04 Novembre 2010 da MrJakowski
 

Scusate ma devo sospendere l'attività per un po', spero per molto meno tempo rispetto all'ultima volta (anche perchè altrimenti potrebbero trascorrere circa 3 anni xD)...Mi spiace d'aver lasciato alcuni discorsi in sospeso e alcune avventure solo a metà della loro storia, ero molto curioso di sapere come finivano; ma spero di tornare presto dandovi l'attenzione che meritate e nel frattempo vi mando un caloroso immenso e sentito abbraccio ^__^

E naturalmente la foto del mio nuovo appartamento :D ...E non giudicate i mobili che vedete perchè sono tutti del vecchio proprietario :P E solo a pensare al trasloco mi sento male...



 
 
 

IL GIOCO DEGLI SCACCHI

Post n°102 pubblicato il 03 Ottobre 2010 da MrJakowski
 

 

 

Inanzitutto non fatevi impressionare da tutto quel rosso; in realtà non è sangue vero ma solo smalto rosso per unghie che un giorno ritrovai per caso nel cassetto del comodino (e non fatevi strane idee perchè quel gingillo non era mio, probabilmente qualcuna lo avrà dimenticato nella fretta di scappare dalle mie braccia xD) Capita...Anche se raramente!

Comunque, ve lo posto non tanto per mostrarvelo ma per raccontarvi che grazie a questa piccola opera ho realizzato uno dei miei tanti piccoli sogni...E cioè scoprire con entusiasmo che una mia creazione è stata vittima di un furto. Sì sì un furto!
Purtroppo non so chi sia il responsabile ma posso dirvi dove e come; e con un po' di fantasia vi ricostruisco pure la scena anche se io non c'ero, quindi vado d'immaginazione:

Festa privata al secondo piano di un bed&breakfast di provincia; musica rock, punk, ogni tanto pezzi sbandati di ska...Tante donnette e tanti ometti con il calice in mano, la bottiglia di birra incollata tra i denti...Tra questi pazzi ci sono due persone, una coppietta che ubriaca e guardinga barcolla a destra e a sinistra fino a fermarsi di fronte a una vecchia libreria da cinque scaffali. In quello di mezzo (e quando mi hanno detto dove stava nemmeno io ci credevo) risalta la mia trucida e sanguinolenta creazione sul gioco degli scacchi, proprio in bella vista:

LUI: Cazzo è sta roba??
LEI: Boh?! Non so, mi ricorda il Grand Guignol.
LUI: Che?
LEI: Quella roba splatter che facevano in teatro agli inizi del '900...
LUI: Strana forte!
LEI: Già già e hai visto cosa dice la donnina che gioca con il cerchio?
Lui incuriosito si allunga a leggere la scritta in bianco poi strabuzza gli occhi:
LUI: Orcoboia questo ce lo portiamo a casa!

E da quel giorno del "Gioco degli Scacchi" nessuno seppe più nulla...

 

 
 
 

PERFETTE SCONOSCIUTE

Post n°101 pubblicato il 23 Settembre 2010 da MrJakowski
 

Mi hanno sempre affascinato i perfetti sconosciuti, mi piace sapere che qualcuno non sa niente di me e quindi diffida, mantiene distanze e intanto mi squadra dalla punta dei piedi fino ai capelli. Poi mi piace veder scorrere nuove impressioni in rapido cambio sui loro sguardi curiosi, nei loro gesti affrettati, in frasi e discorsi appena accennati...Mi piace e ogni volta che si crea l'occasione ne approffitto come un bimbo approfitta di un dolce lasciato senza custodia...

Non chiedetemi il perchè di questa situazione, sarebbe troppo lungo e non mi credereste, al massimo ve lo scrivo in pvt se proprio lo volete sapere...Comunque abbiamo appuntamento in centro a Firenze, lungo il Ponte Vecchio, accanto al busto del bullo Cellini; siamo io e Torta Sacher, un mio amico sbarazzino inconcludente.
Noi aspettiamo due giovani donzelle di Latina: Valentina e Nicoletta, tutte e due giovani e belline, tutte diffidenti, tutte con le mani avanti...Nicoletta ha 26 anni e una bimba di 6, separata da due, l'altra è una ragazza pseudo normale biondina, bassina e abbastanza bellina, occhi chiarissimi...

 

All'inizio passeggiamo stando a debita distanza l'uno dall'altra, parliamo autocensurando goffamente i nostri pensieri e sorridiamo automatici & forzati oltre Santa Croce, il Battistero, Piazza della Signoria e la copia grigiastra del David, davanti a Palazzo Pitti e Strozzi, dentro i vuoti giardini di Boboli, attraverso centinaia di asiatici pressati con in mano macchinette fotografiche...
Poi il tempo passa e le parole aumentano, le distanze calano, ormai passeggiamo uno affianco all'altro senza l'imbarazzo delle nostre braccia che vengono a contatto di frequente; parliamo in maniera sciolta senza troppi freni inibitori, di argomenti vari e delicati pieni di dettagli, coloriti dalle nostre idee ora libere di andare senza più censura; adesso sorridiamo anche sinceri ed istintivi ad una battuta, ad un osservazione simpatica, ad uno sguardo rubato in maniera innocente...Non ci sono più automatismi scontati fra di noi, nessun movimento o pensiero meccanico, nessun comportamento da manuale sbiadito.
Siamo solo quattro perfetti sconosciuti che si divertono senza pretese, senza chiedersi niente di più, niente di meno...

 

 

 
 
 

LA TELEFONATA

Post n°100 pubblicato il 16 Settembre 2010 da MrJakowski
 
Foto di MrJakowski

Ho sempre odiato il telefono, il suo trillo sintetico, ho sempre odiato ricevere telefonate, ricevere messaggi, sfogliare decine di nomi in rubrica per decidere come passare serata...

Ho sempre odiato un sacco di cose nella mia vita ma prima di farlo ho sempre sentito la necessità di provarle almeno una volta; e adesso quello che mi ha sempre dato fastidio diventa un momento indimenticabile e bellissimo, da tenere in memoria fino all'ultimo giorno...Squilla il telefono:

"Siamo dell'agenzia, volevo dirti che la tua offerta per la casa è stata accettata, se vuoi passare nel pomeriggio per controfirmare il contratto..."

Sono andato da mia madre e dopo tanti anni l'ho chiamata gridando il suo nome e non un "Marì" sommesso e veloce come faccio sempre; le ho detto di sedersi, le ho versato da bere dell'acqua frizzante e sorriso, le ho detto di aver acquistato casa e che nel giro di qualche mese sarei andato via...
Quando l'ho guardata ho intravisto nei suoi occhi qualcosa di diverso, qualcosa che non vedevo da più di vent'anni; un sentimento di tenerezza misto tristezza d'abbandono, come quando a dieci anni le dissi che preferivo andare a scuola in bicicletta piuttosto che farmi accompagnare...Così lei, a un passo dalla pensione, si rendeva conto di cominciare un nuovo ennesimo periodo della sua vita, qualcosa che ha sempre saputo ma probabilmente non ha mai desiderato...
O forse questo è solo uno dei miei soliti viaggi infiniti che elaboro con la mia fantasia infinita mentre lei in verità sta pensando a tutt'altro, tipo:"Riuscirà ad usare una lavasciuga?".

Ma è proprio questo che rende la vita felice e gaudente, non la realtà vera e propria con le sue tonalità di grigio e le sue certezze momentanee, i suoi equilibri, le sue regole, i suoi beni materiali; non il mondo come lo vediamo con i nostri occhi, ma l'immaginazione e i sogni che creiamo intorno ad esso giorno dopo giorno...

 

 
 
 

DULCIS IN FUNDO

Post n°99 pubblicato il 07 Settembre 2010 da MrJakowski
 

Scusate la pochezza della mia presenza ma ultimamente sembra che agli eventi piaccia accavallarsi uno sopra l'altro; c'è chi m'invita a pranzo e a due cene in contemporanea, chi mi ricorda di passare a riparargli il computer, chi mi obbliga a riportare attrezzi dopo mesi di prestito, chi mi obbliga a seguire aste programmate su Ebay e poi due amici che organizzano escursioni fuori regione, mio padre che avanza alcune richieste, svariati rimborsi da effettuare, birra da comperare, una ragazzetta asettica da incontrare per motivi non sessuali...E vorrei finirla qua ma c'è dell'altro quindi continuo: coprire il turno di un collega, sfacchinare lontano per delle vernici, fare giri per banche, telefonare a notai, riparare le corone della mia Serpent 960 e finire di guardare "la tempesta del secolo" visto che me la porto avanti da una settimana e già ricordo poco della storia...

E dulcis in fundo il tizio che mi deve vendere casa comincia a fare il furbetto e giocare al rialzo; così ho risposto di aver già visto un altro attico allo stesso prezzo nella stessa zona (e naturalmente non scherzavo). Ho detto che ci avrei pensato e probabilmente non avrei più richiamato; lui mi ha risposto un secco e poco deciso "va bene, vedremo" ed ha riagganciato...

 

 
 
 

LA MIA NUOVA COSTOSA "AMICHETTA"

Post n°98 pubblicato il 26 Agosto 2010 da MrJakowski
 

Quando sono arrivato lei era lì ad aspettarmi, mi ha sorriso in maniera elegante nonostante il ritardo, mi ha invitato a salire sulla sua roboante automobiletta e si è allacciata la cintura con movenze da diva in carriera...
Indossava un vestito verde acquamarina cintato da una fascia bluastra legata all'altezza dell'ombelico, profumo espanso di pesca e vino bianco selvatico...
Non era certo miss Emilia Romagna e il suo peso stile scalinata di marmo non l'aiutava di certo. I suoi occhi però erano grandi, chiari e brillanti, allegri, quasi quasi lontanamente attraenti...
E con quello che mi sarebbe costata la sua compagnia di circa mezz'ora mi sembrava proprio il minimo xD

Dopo 5 minuti di viaggio, risate e frasi spezzate lei parcheggiava e m'invitava a seguirla oltre la strada, oltre il giardino, oltre l'androne e oltre le scale fino davanti alla porta dell'appartamento...
Mi ha guardato ancora una volta e sorriso, invitato ad entrare; mi ha portato fino al piano di sopra continuando a riempirmi la testa di discorsi fino a disfarmi...Poi a passo lento siamo arrivati davanti alla camera da letto; io l'ho guardata ancora titubante, diciamo tremante e le ho fatto una delle tante domande che ogni persona normale farebbe in una situazione del genere, lei mi ha risposto ultra decisa:


"Guarda, noi di Tecnocasa prendiamo il 3% di provvigione ma se vuoi possiamo metterci d'accordo per pagare un po' meno l'iva!!"

 

 
 
 

IERI NOTTE LUNGO SPIAGGIA

Post n°97 pubblicato il 20 Agosto 2010 da MrJakowski
 

Nel pieno della festa, nel mezzo della pista...
Li vedo ballare ma non li conosco, se ne stanno vicini con le mani strette e la gente intorno che pensa ad altro; lei capelli biondi, lunghi e sciolti al vento mentre lui sgherro ed imberbe la bacia sul suo pallido collo...
Dietro di loro un colosso con la sua principessa che succhia birra in bicchiere, lui tatuato selvaggio annuisce fingendo di ascoltarla, poi improvviso si abbassa e la bacia zittendo la sua lingua forcuta...
Fronte al bancone del bar una coppia promiscua di giovani emo, sorridono, scherzano, flirtano un poco mentre un amico li disturba beccandosi in cambio sguardi cattivi...
Ci sono anche due fidanzatini seduti ad un tavolo in angolo, lei annoiata, lui frenetico a premere i tasti di un cellulare...
Poi altri due passionali che fuggono fuori verso la spiaggia...
Qualche innamorato che borbotta e si bacia sopra a una duna...
Altri a braccetto che aspettano alcolici davanti al barista...
Il mio amico T. e la  sua L. che litigano come ogni volta...

Poi la birra finisce, sparisce come d'incanto mentre io mi sento strattonare da un pensiero che scuote il mio cervello, il sussurro di una semplicissima domanda:"Ma che cosa stai guardando?"

"Non ne ho proprio idea...O forse sì..."

 

 
 
 

RIEN DE RIEN

Post n°96 pubblicato il 09 Agosto 2010 da MrJakowski
 
Foto di MrJakowski

Siccome con molta probabilità non scriverò nuovi post per un po' di tempo ho deciso di portarvi a fare una passeggiata nella mia fantasia, questo per farvi capire quanto sia pazzo e malsano, oppure romantico e sobrio xD Scegliete voi, tanto il risultato non cambia...(e considerando che ho dormito solo 4 misere ore perdonatemi se trovate qualche errore)

Sopra colline, sopra un leggero pendio di soffice erba cresciuta selvaggia, pini ed abeti adagiati s'un fianco e un cespuglio malconcio, brezza frizzante, leggera, evanescente. Sarà circa l'una di notte a Bologna e quasi tutti dormono tranquilli, pure quel paesino in fondo alla valle dalle luci bianche e intermittenti, silenzioso come morente...Io seduto sospingo le dita su piccoli tasti di un piccolo computer a comporre piccole storie immaginarie, come sempre, come adoro fare da una vita intera...Sospiro, aspiro e bevo da cannuccia bollicine mentre inizio a scrivere veloce di persone di quel posto...

E c'è una macchina che rompe subito il silenzio, che sfreccia assassina per le vie del paesino neanche fosse la Mille Miglia; poi uno sparo, una frenata violenta, gomma bruciata su asfalto e la vetrina di un negozio s'infrange in milioni di pezzi; scende una ragazza che ride, la testa che sanguina appena, un ragazzo privo di sensi sdraiato per terra che pensa: "Ti amo lo giuro"...

Appena le 2 di notte e c'è una torre lì vicino, proprio dietro al municipio; è bianca, senza le finestre e con il tetto aguzzo; dentro la torre una vecchia stanca signora, in una mano tiene un album di fotografie sbiadite e nell'altra due pillole gialle. Lei piange, strappa una foto e sorride, grida e si alza per far partire un vecchio grammofono con sopra il disco di madame Piaf, mi pare "Non, je ne regrette rien"....

Le 3 di notte e non sono ancora stanco, la luna brilla ancora alta; c'è un pozzo centenario al centro del paese, nel mezzo della piazza con due piccoli ragazzini impauriti che sembrano sfidare sorte e leggenda. Uno di loro lega la corda ad uno spento lampione, l'altro si cala e scompare dentro a una luce abbacinante...

INTERVALLO: stendo le gambe, ho i crampi alle dita, alla pianta di un piede, ai polpacci, la schiena ricurva e leggermente infiammata ma ho voglia di scrivere ancora...Quindi continuo...

Le lancette della chiesa ora scoccano le 4 meno un quarto mentre io sgrano gli occhioni focalizzando rosse luci lontane di un Luna Park in disuso:
E c'è un giullare-politico fatto di coca e danzante s'un filo.
Una coppia di giovani sposi baciocchi su di un ottovolante.
Una prete che corre pregando tra specchi a tre facce.
Una donna che annaffia e concima rose carnivore.
un pazzo pettegolo.
Un cinico aspro.
Uno sperso filosofo scalzo che bestemmia qualcosa in un greco abbozzato...
E poi c'è Afrodite, la Dea dell'Amore vestita da oca che sorvola i palazzi e vede i ragazzi sfasciati dentro vetrina; vede la donna stanca con pillole in mano che danza, vede la luce del pozzo, il giullare, il prete, il pazzo, il cinico, lo sperso filosofo e tutti gli altri abitanti che dormono ancora sereni ed ignari dietro agli scuri...Poi lei scompare improvvisa mentre un timido raggio giallastro compare dietro collina...

C'è che ormai è quasi l'alba, la birra e le meravigliose sono finite mentre ora il sole sbadiglia e colora tutto quanto; anche due amanti che pigri ritornano a casa da chissà quale alcova. Lui sindaco sodo e impettito, lei menestrella soddisfatta da guappa, si baciano un ultima volta giù in strada e si fanno false promesse come la Bibbia, poi un sorriso, un ultimo bacio fugace e la porta si chiude.
La notte è finita...

E considerando che ho scritto ben 4 pazze storielle e un dialogo filosofico dentro a un Luna Park in appena 5 ore direi che finalmente me ne posso andare a dormire pure io :P....A presto carissimi e buone ferie a tutti quanti ^_^
Hey, adesso potete anche far partire il "grammofono" qua sotto, magari quel paesino di folli in fondo alla valle riuscite a vederlo anche voi ;)


 

 
 
 

L'ALBERO DEI MONDI

Post n°95 pubblicato il 02 Agosto 2010 da MrJakowski
 

Era da parecchio che non mi mettevo sotto per produrre un nuovo quadretto, per questo ho dovuto aspettare una gentile richiesta prima di volermi mettere sul serio al lavoro...E dopo tutto questo tempo davvero non capisco come abbia fatto ad abbandonare tale attività per così tanti anni...Anche se l'arte di scrivere mi riesce decisamente meglio e la trovo decisamente più confortante.

Mi piacerebbe però farvi provare almeno una volta la sensazione che provo nell'immaginare e creare, probabilmente rimarreste strabiliati, oppure impauriti, oppure ancora decisamente motivati...
Passereste ore a ruotare attorno ad un tavolo e frullare Vinavil in bicchiere ogni dieci minuti, poi a pulire pennelli, asciugare pennelli e pulire e asciugare mentre lo stereo furibondo urla canzoni su playlist infinite, qualche meravigliosa che brucia in un posacenere pieno, birra gelata e intervalli di pausa ogni due ore per passeggiare e correre un po' in macchina, magari qualche fetta dolce di torta...

Poi di nuovo in loop, di nuovo a ruotare attorno ad un tavolo e ritagliare e spostare e ricollocare, immaginare storie ed incollare sensazioni, umori, discorsi improbabili in luoghi impossibili, andare avanti e indietro finchè non si è completamente immersi in quello che si sta facendo; infine sdraiarsi, addormentarsi e continuare a sognare...

Il titolo del quadro dice tutto, o almeno dice abbastanza, in più la foto è stata tagliata, così chi mi ha commissionato il quadro almeno avrà un minimo di sorpresa quando lo riceverà :P...E se per caso voleste altre spiegazioni, beh, andatevele a cercare fra le immagini e pensate quello che volete pensare; fantasticate su quel che volete fantasticare perchè a me non piace insegnare o spiegare...
Io desidero solo saper trasportare.

 

L'albero dei Mondi

 

 
 
 

TEMPO CHE SCORRE...

Post n°94 pubblicato il 28 Luglio 2010 da MrJakowski

Dalla costanza con cui aggiorno questo blog forse si nota che non riesco a fare molto altro di questi giorni...L'altra notte al lavoro, per esempio, il telefono ha squillato per non so quante volte e io non mi sono mosso, poi è arrivato il mezzo boss è mi ha detto: "E' più di mezz'ora che produciamo scarto, dove cazzo eri??"
Avrei voluto rispondergli: "in un pensiero bellissimo"; ma in realtà ero fermo da non so quanto davanti al freddo monitor del computer che sfarvallava pixel e glitch vari...

E così oggi mi sono preso obbligato altre ferie e allungato il periodo di mutua, e se ho fatto bene i conti dovrei ritornare per la fine di agosto...Ma non mi basta, sento un vuoto dentro che non riesco a colmare e così mi ritrovo a passaggiare senza senso solo per tenermi impegnato in questa mattinata...

C'è una panchina, una vecchina e un cagnolino senza guinzaglio che scodinzola tra i vialetti vuoti di un sputo di verde in mezzo al cemento...Mi siedo e accendo una meravigliosa, guardo la nonnina e le chiedo di raccontarmi qualcosa, avrà circa 80 anni, o almeno li dimostra abbastanza bene. Lei tituba un attimo poi comincia roteando stampella come fanno tutti gli anziani: "ah, quand'ero giovane...."

Parla spedita per oltre dieci minuti, rivive passi di vita a ritroso fino agli anni 60, fino al giorno in cui mi dice di averlo conosciuto e di essersi innamorata, di aver lottato per convincerlo a stare con lei nonostante fosse in Marina, nonostante fosse sempre via di casa....L'ho fermata, ho salutato e me ne sono andato; anche perchè non avrei affrontato questo tipo di racconto.

Di bello c'è che da ieri notte ho l'ennesima cugina, Micaela (e spero si scriva così), oramai sono talemente tante che perdo pure il conto...Qualcuna in Sardegna, qualcuna in Piemonte, qualche grappolo in Abruzzo e un paio vicino Ascoli, una nel Lazio e due gemelle in Emilia; possibile che sia sempre l'unico maschietto di due famiglie così estremamente allargate O_o Curiose coincidenze...Peccato però che nemmeno questa gioia riesca ad alleviare le mie sensazioni...
E domani per fortuna mi hanno costretto-invitato ad andare alle terme...Speriamo bene ;)

 

 
 
 
Successivi »
 

TAG

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: MrJakowski
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 34
Prov: BO
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Malyssa_8soleluna22sin3sist3nt3maurizio.defazioessenza.inbilicoritaserretielloBambina_nello_Spaziomaurizio.peolaGiuli_nocteDesertStorm2WIDE_REDFenice_A_ngelajust_for_Girlm.maimiacomelunadinonsolopol
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ULTIMI COMMENTI