Creato da Arcobaleno1961 il 09/05/2009

l'era dell'acquario

il mio mondo a colori

 

lettura energetica

Post n°384 pubblicato il 02 Febbraio 2015 da Arcobaleno1961
 

Ho colto l'occasione rispondendo ad un invito trovato in rete per avere gratuitamente un bonus per una lettura energetica. Ho fissato un appuntamento ed oggi è stato il giorno del consulto. Premetto che la signora in questione ha un curriculum professionale di tutto rispetto e che è stata gentile educata e professionale. Ci siamo presentate, scambiate i saluti di rito, dopo di che mi ha illustrato il suo lavoro. Mi ha spiegato che consiste nel offrire gli strumenti per accedere alla quinta dimensione...mi ha dato la possibilità di fare una domanda elencandomi alcune opzioni. Non avevo domande precise da farle ed ho quindi scelto di vedere la situazione del presente. Mi ha chiesto di rilassarmi e si è connessa con i maestri (scritto minuscolo). Il quadro che mi ha presentato è quello di una persona che si trascina un passato fatto di delusioni. Ed è per questo che non fido delle persone e non riesco ad amare...

Mi ha poi illustrato un percorso di formazione personalizzato con relative tariffe.

Grazie, ma questa sera torno a "rimettere le chiappe sul tappetino" (citazione della mia insegnante di yoga).

Anche se è molto più faticoso sento che la via dello Yoga è quella giusta per me.

 

 
 
 

La candelora

Post n°383 pubblicato il 01 Febbraio 2015 da Arcobaleno1961
 

Non esiste il male e non ci sono forze malefiche nel mondo. Ci sono solo persone consapevoli e persone che sono addormentate, e il sonno non ha alcuna forza. L’intera energia è nelle mani delle persone risvegliate. E una persona risvegliata può svegliare il mondo intero. Una candela accesa può accendere milioni di candele senza perdere la sua luce. (Osho)

 

 

I primi due giorni di febbraio sin dai tempi antichi erano celebrati come una festa sacra in onore del ritorno del Sole. Questo periodo rappresenta lo stadio finale della gestazione, in cui il divino materno darà poi alla luce la primavera.

Il termine Candelora deriva dalla tradizione delMessale Romano, in cui il celebrante del 2 febbraio benedice le candele che saranno usato durante l’anno. Secondo la storia ordinaria le candele sono state usate per più di 5000 anni e furono sviluppate dapprima dagli Egizi, sebbene ai Romani è attribuita l’introduzione dello stoppino. La parola “candela” deriva dal latino candere, che significa “splendere”.

Candelora, celebrata un tempo anche nelle tradizioni precristiane, è un momento ideale per fare splendere ciò che siamo veramente nell’oscurità separante di questo mondo. “Svègliati, o tu che dormi, déstati dai morti e Cristo ti illuminerà” (Efesini 5,14), scrive Paolo, riassumendo l’essenza del messaggio gnostico cristiano, che implica lasciare andare l’identità illusoria del sogno umano basata sulla separazione e fare risorgere la nostra vera natura multidimensionale.

Procurarsi e benedire delle candele durante Candelora può essere un modo per rappresentare il risveglio della nostra natura luminosa e il rilascio di quella separata e oscura, ricordando questo processo per tutto l’anno ogni volta che usiamo delle candele.

Candelora commemora anche la Purificazione della Vergine Maria e la presentazione di Gesù al Tempio, 40 giorni dopo la sua nascita. Candelora è la versione cristiana della celebrazione pagana di Imbolc, che significa letteralmente, “nel ventre” (della Madre), “nel latte” o “latte di lupo”.

Questa celebrazione segnava il punto di mezzo tra il Solstizio d’inverno e l’Equinozio di primavera, ed era festeggiata con torce, candele e luci per incoraggiare l’arrivo della primavera. Sebbene il freddo e l’oscurità ancora prevalgono, rendendo dure le condizioni di vita, la consapevolezza dell’imminente primavera è presente, apportando gioia e speranza.

Nelle tradizioni celtiche, Cernunnos, il dio con le corna, era la divinità maschile virile che governava l’oscurità. Imbolc rappresentava la fecondazione della divinità femminile da parte di quella maschile. Il dio del Buio illuminava la sua dimora con le candele per dare il benvenuto alla dea della Luce e fecondarla. Luce e Buio sono due polarità inseparabili, che rappresentano la loro danza di amore durante l’intero ciclo lunare.

Le candele sono strumenti sacri di consapevolezza e recupero dell’anima. La loro luce richiede la presenza del buio per essere vista, così come la consapevolezza e la visibilità sono sostenute da uno sfondo di realtà invisibili e inconsce. Benedire e usare le candele è un modo per celebrare la luce e onorare le radici oscure del cammino verso l’illuminazione. Nel ciclo di lunazione Candelora è associata con la Luna Crescente, che corrisponde alle ore 3 del ciclo giornaliero.

La festa è chiamata anche “Brigit’s Day”, con rifermento alla triplice divinità irlandese Brigit (pronounciata “briid”), conosciuta in Scozia come Bride, trasformata poi dalla Chiesa Cattolica in Santa Brigida di Kildare, la patrona dell’Irlanda. Brigit è la dea del Fuoco, patrona dei fabbri, della poesia e della guarigione. Similmente alla divinità romana Vesta, Brigit era associata con la fiamma sacra perpetua, che è ancora tenuta da 19 suore nel santuario di St Brigit a Kildare. Era la divinità anche di tutto ciò che è fuori dall’ordinario a livello elevato.

Negli Stati Uniti e in Canada, Candelora è il Groundhog Day celebrato lo stesso giorno. Candelora è spesso un riferimento per prevedere il tempo del resto dell’anno. Una filastrocca britannica recita “if Candlemas Day be bright and clear, there’ll be two winters in the year”.

Un’altra usanza è tessere una “croce di Brigit” con paglia o spighe di grano da appendere in casa per protezione, celebrando un rituale di purificazione, mettendo una candela accesa per ciascuna finestra della casa durante l’intero giorno.

Nell’antica Grecia l’inizio di febbraio era anche il tempo dei Misteri Eleusini Minori, o il festival del ritorno della Figlia: un’iniziazione nei misteri inferiori, che a differenza dei Misteri Maggiori era aperta a molte persone.

 

 
 
 

Libero Blog

Post n°382 pubblicato il 01 Febbraio 2015 da Arcobaleno1961
 

 

Condivido questo post segnalatomi da un'amica con la speranza che finalmente tutti si possa usufruire facilmente della community di Libero. Grazie Corinna

 

Libero gentilmente risponde ma non risolve.
La gestione del mio blog diventa sempre più difficile perché le cose non restano mai uguali. Non sempre ho tempo per capire e non sempre c’è qualcuno che mi aiuta e non ho tempo per impazzire ..
Capisco che questo è uno spazio GRATIS ma dal momento che ho aperto una MAIL LIBERO e usufruisco dei SERVIZI DELLA COMMUNITY  mi piacerebbe avere pagine che funzionano.
Penso che da quando è stata inserita la PUBBLICITA’  nei post e in ogni dove sono tante le cose che non funzionano.  Faccio pulizia spesso della cache. Ho chiesto aiuto tecnico ma non ho risolto nulla.

Tanti altri utenti sono in queste stesse condizioni:
Se inseriamo un post non si carica l'immagine, non si modificano i box.
Non si possono inserire i video e quando va bene se si riesce ad inserire un box video salta tutto il post: nemmeno i wizard messi a disposizione dal blog della community Libero Aiuta servono a qualcosa..Se inserisco dei copia e incolla il BOX occupa tutta la pagina e non si riesce a modificare. Se cambio template salta tutto e il blog torna alle impostazioni primarie.
Non leggo quasi più le news, nè gli avvisi in email. Il sistema è spesso in sovraccarico e non posso gestire la mia posta o il mio blog...è pure impossibile un messaggio plurimo  dallo spazio Amici, non risponde.
Cosa ha il Blog che non va?
Per favore, Libero, provi a rispondere a noi tutti , ma  con un messaggio chiarificatore e non precompilato  con Apri e chiudi pratica...
GRAZIE!

                                                                                    

 
 
 

non

Post n°381 pubblicato il 31 Gennaio 2015 da Arcobaleno1961
 

 

 

Non fuggire davanti al tuo dolore, 
non fuggire davanti alla tua paura 
non fuggire davanti alla tua morte. 

Non mascherarti nascondendoli sotto eleganti parole, 
perchè se li ospiti così travestiti li fai diventare più forti 
e neghi a te stesso la vita. 

Sii dolce con te stesso, 
cerca una mano che prenda la tua, 
vivi il tuo dolore e non negare l'angoscia. 


Chi fugge davanti alle proprie esperienze 
fugge da se stesso 
e non troverà pace lungo il suo cammino. 

Se neghi alla paura e al dolore il diritto di esistere, 
non potrai mai sentire e chiamare in aiuto 
il potere e la forza che hai dentro di te.



Carolina Bont

 
 
 

tutto a 1 euro

Post n°380 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da Arcobaleno1961
 

 

 

 

APRE IL RISTORANTE, TUTTO A 1 EURO


«Voglio dare il mio contributo a persone meno fortunate di me. Ho avuto tanto, ora voglio aiutare gli altri. Ed essere d’esempio per altri imprenditori». Così Ernesto Pellegrini, ex presidente dell’Inter, ha creato il primo ristorante solidale l’Italia. Aperto per chi ha perso il lavoro, per chi non riesce a pagare gli alimenti, ai nuovi poveri che non arrivano a fine mese. Tutti potranno mangiare un pasto per la cifra simbolica di un euro. Il ristorante (via Gonin 52 a Milano) serve 500 pasti al giorno. Si chiama Ruben, come il contadino che ha lavorato per i nonni di Pellegrini, poi morto di freddo. «Avrei voluto aiutarlo allora, ma non avevo niente».

 
 
 
Successivi »
 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Arcobaleno1961
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 55
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

nonlasciarmisoladglRiccardoPennala.cozzail_parresiastaLea_2016franco_cottafaviIrrequietaDE_L_StintufuoclubopoEpicureo2008Experience80gianor1castello_nice
 
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 137
 

ULTIMI COMMENTI