Creato da francy_62 il 23/10/2008
pensieri in libertà

IL MIO NUOVO BLOG (sbagliato) SU VIRGILIO

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

AMICI PRESENTI AL PRANZO DI DOMENICA 15-4-12

Francy_62
nuovavita2011
vogliorivivere1
gattoficcanaso (e gentile signora)
pennydog
bionda66
dolceelfa75
germano.capoverde

 

BRAZIR

Haiku:

occhi al cielo
cercando una strega
vidi la rana

 

ISRY

Parodia:

 occhi al letto
cercando una rana
vidi un pi ci

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 

TRAFFICO

 

 

RADIO DG.VOICE

 

 

IL PEGGIO È PASSATO.... IL PEGGIO DEVE ANCORA ARRIVARE

Post n°964 pubblicato il 24 Marzo 2018 da francy_62

Ormai è quasi Pasqua (una Pasqua invernale, che visto la temperatura vicino allo 0° ti spinge a cercare nei negozi panettoni e pandori piuttosto che colombe e uova di cioccolata). Ma non solo. 

Oggi è anche quasi un compleanno. Il mio primo anno da single: il complisingle! Perché proprio in questi giorni, un anno fa, il consorte mi fece arrivare la lettera dal suo avvocato e dal primo aprile non rimise più piede qui per dormire.

In un anno ne sono successe di cotte e di crude... non sto a raccontare.... immaginate, potete.

La prima parte è passata, quella che riguarda gli accordi tramite avvocati, il tira e molla, le minacce, lo scombussolamento del figlio tirato in mezzo, il  leennnnnnnto trasloco del consorte durato 9 mesi, il cambio utenze ecc ecc ecc ecc (e di ecc ne potrei scrivere almeno un centinaio).

Per cui potrei dire che forse il peggio è passato.

Ma secondo me il peggio deve ancora venire.

Perché il peggio arriverà piano piano, un giorno dopo l’altro, un mese dopo l’altro, un anno dopo l’altro..... e giorno dopo giorno, sarò sempre comunque io a dover affrontare tutto mentre mi sto invecchiando...

Bella scoperta, direte. Tutti invecchiano. 

Ma io invecchierò da sola. Ma sola non in senso di single... sola in senso da sola (no zii, cugini, parenti....). Sì, lo so, forse mi sono capita solo io....

E questo modo di esser sola ad affrontare tutto, mi spaventa.

L'unico modo, per ora, è quello di non pensarci. Girare per casa e sistemare, imbiancare, buttare, riorganizzare tutto. Rendermi la casa “nuova” per cancellare i segni del passato. Ma ogni volta che mi capita sottomano una foto, piuttosto che un bigliettino d’auguri che scappa da un libro, o il depliant di un viaggio, o una fattura di un mobile o il progetto di qualcosa che dovevamo fare.... ecco che sono pugnalate al cuore e ferite che non cicatrizzeranno mai....

 

Va beh.... vi auguro una Buona Pasqua e di trovare nell’uovo (perché tutti avremo almeno un uovo da aprire) qualcosa che non sia la solita sorpresina demenziale.... basterebbe un po’ di sole, no?

Un abbraccio 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CERIMONIE...

Post n°963 pubblicato il 07 Marzo 2018 da francy_62

Ci sono cerimonie e cerimonie. Ieri sono stata ad una cerimonia funebre di un mio lontano parente, anziano per fortuna.... e 24 anni fa ho partecipato alla cerimonia per il mio matrimonio...

Per cui, come potete immaginare, per me la giornata piovosa, ha sommato tristezza a tristezza.

Si sa che ai funerali si ritrovano parenti che si sono persi di vista da anni. E nelle brevi conversazioni che si fanno tra un abbraccio e un “condoglianze”, ci si informa: “Come stai.... e la mamma.... tuo figlio quanti anni ha....”

Mi è suonato molto strano sentirmi dire: “Insomma, potrebbe andar meglio..... mi sono appena separata....”. Mi sembrava di essere attrice di teatro e di recitare una parte. Una brutta parte. Ma tant’è.... ora tutto il lonnnntanissssssimo parentado sa. E da oggi ognuno di noi continuerà la propria vita, ignorandoci come ieri. In attesa di ritrovarci al prossimo funerale... 

Notte nottina

PS: forza gente, tenete duro. Sta arrivando Burian due la vendetta. Il suo arrivo è previsto per il 20 marzo, portandosi dietro il suo bel bagaglio a mano fatto di gelo e neve! 

Ma bastaaaaaaaa! Voglio la vera PRIMAVERA!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ABITUARSI AD ESSER SOLI....

Post n°962 pubblicato il 04 Marzo 2018 da francy_62

Da sola, sto bene. Decisamente meglio di quando rincasavo e trovavo in casa il rospo consorte.

Però ci sono tanti gesti ed abitudini del quotidiano, che ancora non mi abbandonano e mi comporto come se in casa ci fosse ancora qualcuno.

Ad esempio, la sera quando guardo la tv e capita che nelle pubblicità il volume si alzi di colpo, mi viene ancora spontaneo abbassarlo. Ma non perché mi dia fastidio, ma per il pensiero automatico che potrebbe svegliare chi sta già dormendo di sopra.

Oppure quando vado a letto. Siccome sono sempre stata l’ultima, per non far arrivare la luce nelle camere, ero solita salire al buio, tenendo acceso il cellulare affinché mi illuminasse appena i gradini, tanto da non dover andare a tentoni o inciampare. Ora posso accendere tranquillamente la luce, ma non sempre.... Sapete quante volte me ne rendo conto che sono già a metà scala?

E l’acquisto di frutta e verdura? Parliamone. So che sono sola. E cerco sempre di acquistare da single, ma ancora non ci ho preso le misure e spesso mi ritrovo con frutti avvizziti o verdure ben poco fresche. Eppure mi sembra sempre di prenderne poca...

E la tendenza a chiudere le porte? Quella del bagno o della mia camera. Potrei benissimo lavarmi o cambiarmi a porta aperta... eppure mi viene sempre da chiuderla....

 

Va beh.... sono zuccona. Forse tra qualche anno imparerò a comportarmi da perfetta single!

E..... Vota Antonio, vota Antonio!!! Ahahahah.....

Ciaoooooooo

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

UNA SERATA ALTERNATIVA

Post n°961 pubblicato il 22 Febbraio 2018 da francy_62

Ohhhhhhhhhh!!!!! Finalmente una serata diversa.

Vi sarà capitata una serata noiosa, sole a casa, con un po’ di niente in tv. Beh... io non ho potuto nemmeno annoiarmi.

Mi ero appena messa in poltrona, quando.....pufffffffff! Salta la corrente.

Prima cosa da fare, accendere la torcia del cellulare ( e vedere che la batteria è al 25%), poi controllare l’interruttore generale in casa. È ok. Poi quello fuori. E ovviamente, PIOVE. Uscendo, senti le voci del vicino e capisci che pure lui è al buio. 

Bene, perché il guasto non è solo tuo (ergo, non è solo un tuo problema, da risolvere da sola). Una delle poche volte in cui, mal comune, mezzo gaudio. Però tutti sono fuori e nessuno chiama la società elettrica. Ok. Lo faccio io. Rientro mezza fradicia in casa e accendo qualche candela qua e là, sia perché il cellulare è quasi scarico, sia perché almeno così ho le mani libere e posso cercare l’ultima fattura per trovare il numero verde e i riferimenti per la segnalazione.

Dopo tutta la trafila del “digiti 1, digiti 2...” mi risponde un operatore che mi chiede di uscire per fare una verifica sul contatore.

Vi ricordo che piove. Immaginate la scena: mentre sono al cellulare, molto comodamente mi infilo il giubbotto e prendo l’ombrello. Esco, ma dimentico la chiave per aprire lo sportello del contatore. Rientro. Esco di nuovo e con una mano tengo il cellulare, con l’altra l’ombrello, con l’altra apro il cancello e poi lo sportello del contatore (sempre detto io, che servirebbero almeno tre mani). Rigorosamente al buio e sotto un’acqua a catinelle, tenendo ombrello e cellulare per parlare col tecnico che mi dice di cliccare su un pulsante, non vedo assolutamente nulla sul display. Ok. Ha appurato comunque che c’è un guasto e manderà un tecnico. Bene.

Anzi male. Perché piove. Sarà passata mezz’ora. E le pompe del garage sono ferme. Tra poco mi allago. Urge andare in garage ed attivare il gruppo elettrogeno. Bisogna toglierlo dall’angolo in cui dimora da anni ed avvicinarlo al basculante aperto (prendendo uno strappo che sento ora dietro la schiena). Recupero a lume di candela il foglio delle istruzioni e rischiando di dargli fuoco, leggerlo. Facile: infilare i guanti (?), spostare levetta benzina verticalmente, aprire l’aria, mettere il pulsante su ON, avviare, chiudere l’aria. Funziona! Tutto a lume di candela con un fracasso da trattore! Com’è romantico.

Nel frattempo, collego il gruppo elettrogeno alla pompa con una prolunga. Ma manca la presa tedesca. Ufffff..... tutto facile, in teoria. Ma piove (l’avevo già detto?) e le spine rischiano di bagnarsi. Ma come cacchio si fa sotto l’acqua a collegare una prolunga? Si rattoppa alla meno peggio con plastica e scotch, si incrociano le dita e si spera che l’acqua prenda strade diverse.

E si aspetta che l’acqua salga, accendendo il gruppo elettrogeno solo ad intervalli. Non so mica quanto tempo resterò senza corrente, quanto pioverà forte e quanto tempo durerà il carburante. E intanto che aspetto, il tempo non passa mai e si prega 1°- che riparino il guasto in fretta 2°-che smetta di piovere.

Piove e fa freddo. Ma ho caldo e sono sudata fradicia.

Dopo circa due ore, torna la corrente. 

Ed io smonto la giostra.

 

Notte nottina.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

UNA TIPICA CALMA GIORNATA DI UN’INSEGNANTE PART TIME

Post n°960 pubblicato il 15 Febbraio 2018 da francy_62

- sveglia ore 6:45

- a scuola dalle ore 8:30 alle 13:00

- corsa a casa per preparare pranzo per figlio e per ingurgitare un boccone al volo

-passare a casa dei miei genitori prima delle 14 per portare mia mamma ad una visita neurologica fissata alle ore 14:45 con al seguito mio babbo

- arrivare in ospedale alle 14:35 e scoprire di avere ancora davanti una persona con appuntamento alle ore 14:15 (e sorbirmi le lamentele di mio babbo per il ritardo....)

- entrare per la visita alle 15:40 ed uscire alle 16:10

- precipitarsi a casa dei miei, lasciarli davanti casa e scappare a scuola per una riunione alle 16:30 (che fortunatamente è iniziata in ritardo, come in ritardo ero io ed avere il tempo ANCHE di andare in bagno a fare plin plin che aspettava dalle 7 della mattina)

- uscire da scuola alle 18:30, ritornare in fretta a casa a prendere il figlio per portarlo dallo psicoterapeuta per le 19:00

Alle 20:00 giuro che di mettermi ai fornelli proprio non ne avevo voglia e siamo andati a mangiarci una pizza.

Ora sono stramazzata in poltrona.

Ma sarà vita?!!!

....sono stanca.... 

Notte nottina

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SCALA, RULLI, PENNELLI....

Post n°959 pubblicato il 06 Febbraio 2018 da francy_62

Se mai mi dovessero licenziare da insegnante, ho un altro lavoro che mi attende: fare l'imbianchina. Per necessità, non certo per piacere.

Ma dovevo per forza mettere mano ai pennelli, sia perchè da anni ormai il rospo consorte non faceva più nulla ed il bianco delle pareti era diventato un bel grigio fumè, sia perchè portandosi via qualche mobile e delle bacheche, le pareti erano proprio un pugno in un occhio.

La mia fortuna (ma forse anche no...) è che ho sempre visto mio babbo fare tutto e mi sono sempre arrangiata a fare di tutto.

Per ora sono ancora al soggiorno che inizialmente credevo avesse 4 pareti. Ma più procedo nel lavoro, e più queste pare si moltiplichino.  E' vero che ne faccio un pezzo alla volta: da una porta alla finestra... dalla finestra all'angolo... dall'angolo all'altra porta... da lì alla tromba delle scale.... Ma insomma! Non finiscono più! 

Sempre detto che nella prossima vita, andrò a vivere in un camper! Spettate che rinasco!!!!!

Poi dovrò passare alla camera matrimoniale dove soggiornava il rospo consorte, al suo bagno, al locale guardaroba (dietro il suo armadio a 6 ante, e ci sarà da ridere a spostarlo).

E poi, già che ci sono, lascio indietro lo studio, l'ingresso, i bagni, ecc ecc? 

Insomma, mi sa che finirò alle calende greche.

Un amico mi ha detto: "Ma sai che se prendevi una ditta, in pochi giorni finivi tutto?"

MA DAVVERO??!!!!

Peccato che non me lo posso permettere....

Ed ha proseguito: "Dai, se lo chiedevi a tuo babbo, magari ti aiutava lui."

Ecco..... magari anche no. Perchè quando ha saputo che stavo imbiancando casa, mi ha fatto i complimeti e poi ha detto a mia mamma: "Senti, tu che da un po' dici che dobbiamo imbiancare.... A primavera lo facciamo fare a lei, tanto è brava e non diamo soldi ad estranei..."

A volte credo proprio di essere finita in un girone infernale che manco la mente fervida di Dante aveva immaginato!

Va beh... per stanotte ho finito con i pennellli; domattina scuola e nel pomeriggio con i miei per una visita specilistica di mia mamma... Si riprende domani sera.

Notte a tutti.

 

 

(Perché tutti quei numeri nei commenti? Messaggi in codice? )

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

NATALE, FINE ANNO, EPIFANIA, GIORNI DELLA MERLA.....

Post n°958 pubblicato il 30 Gennaio 2018 da francy_62

....CARNEVALE, PASQUA, FERRAGOSTO e tra un po’, sarà ancora Natale!

Su fb ho letto una vignetta che più o meno recitava così: facciamo che per quest’anno il 2018 per me inizia a febbraio e che gennaio sia stato solo la coda del 2017.

Ecco. Questa frase mi rappresenta molto. Chissà, forse dovrò addirittura aspettare marzo o aprile per vedere finalmente un 2018 migliore dell’anno appena passato.

Del resto, se problemi ci sono, impossibile pensare che il giorno di fine anno segni una svolta, come un giro di boa e tutto riprenda in modo sorprendentemente positivo. Anzi, se problemi ci sono, talvolta peggiorano.

Il bilancio di quasi un anno da quando il rospo consorte non ha più messo piede in questo stagno per dormire, direi che è stato pesante. Anche se gratificante perché, almeno fin’ora, sono sopravvissuta a tutto quanto e me la sono cavata, affrontando la miriade di problemi che ci sono stati.

Però....però sono stanca, anche perché il consorte ovviamente mette i bastoni tra le ruote in tutto, fa l’opposto di ciò che dovrebbe con suo figlio... E a tutto ciò si assommano i problemi sempre più gravosi ed irrisolvibili di due anziani genitori testardi entrambi come dei muli, difficilissimi da gestire, che mi fanno diventare matta.

Aggiungiamoci che in questo periodo, sono quasi sempre malaticcia e che, proprio oggi ho rinunciato definitivamente ad andare a scuola di ballo e a ginnastica. Non ce la posso fare. Anche quello ormai era diventato un impegno che mi dava ansia e sensi di colpa se non riuscivo ad andarci. Pazienza. Aspetterò tempi migliori.

Un abbraccio a tutti voi che siete ancora presenti qui. 

Alla prossima.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

AGGIORNAMENTO......

Post n°957 pubblicato il 26 Settembre 2017 da francy_62

Il tempo passa velocissimo, eppure mi sembra di essere ferma in una bolla temporale di sapone che fluttua nel nulla e non vuole scoppiare.

Ancora non sono arrivata da nessuna parte, con gli accordi per la separazione. Il consorte mi sta prendendo per sfinimento. Alla fine pur di chiudere la questione, senza andare in giudiziale, accetterò le sue condizioni, rimettendoci in prima persona pur di salvaguardare gli interessi di mio figlio. Ma, sinceramente, di andare avanti degli anni per trovare un accordo più vantaggiosio per me, non ne ho voglia. Perché, finché non metteremo la firma sugli accordi, avrò ancora tutta la sua roba per casa (TUTTA. Compreso il cestone dei suoi panni sporchi che era in lavanderia e che gli ho messo in camera) e l'impossibilità di cambiare le serrature di casa.

E sono passati 6 mesi da quando non è più rientrato a dormire. I migliori, parlando di stagioni. Ora si va incontro ad autunno e inverno, che non sono il massimo dal punto di vista climatico e dello spirito. In questi sei mesi, è successo un po' di tutto a casa.... ma tra una spesa grossa ed un problema urgente, sono sopravvissuta. Spero di riuscire a cavarmela anche in inverno. Però ho già avvisato a scuola, che se nevica, mi rivedono col disgelo se non trovo qualcuno che mi aiuta a spalare 15 m di rampa del garage.

Il morale è abbastanza altalenante.... più verso il basso, devo dire. Ma cerco di scollegare il cervello e tirare avanti, con mille problemi di gestione della casa, dei miei, di mio figlio e della scuola..... Mah..... 

Intanto, ho ripreso la scuola di ballo. Quello è un ambiente sano, allegro, e sento che mi fa bene.

Poi devo iniziare la piscina termale.

E mi sono anche iscritta ad un corso particolare di ginnastica che tonifica e rilassa. Speriamo faccia miracoli.

Ieri sera un'amica di blog, mi ha scritto su whatApp ed abbiamo rievocato un po' i tempi passati e i battibecchi con Rospo Brianzolo.... Quanto tempo è passato da allora...... che bei tempi, che bel gruppo si era formato.... ed i raduni..... Forse il mio periodo più luminoso da anni.... La colpa è sicuramente mia, se tutto questo si è perduto.... sia perché non ho seguito il gruppo o i vari gruppi che si erano formati su fb.... sia perché qui ci sono entrata sempre meno, travolta dai fatti della mia vita. Però mi dispiace e sento di aver perso molto.

Qualcosa di bello però, è rimasto. Perché le persone che più mi sono state vicine in questo periodo, sono proprio alcune di quelle che ho conosciuto qui.

 

Un grande abbraccio a tutti voi......

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VE LO DEVO......

Post n°956 pubblicato il 11 Agosto 2017 da francy_62

Mi rifacccio viva solo per le persone che ancora, nonostante la mia assenza si fanno vive e si interessano di me.

Anche perché, per assurdo, le uniche persone che in questo periodo mi sono state veramente vicine, sono quelle che ho conosciuto tramite il mio blog (alla faccia di chi dice che sono solo amicizie virtuali).

Come sto? Boh.... D'acchito, direi male. Molto male. Poi, pensando a chi sta in ospedale o ha malattie incurabili, mi sento di dover dire che sto bene. Ma bene, non sto. E proprio stasera, andando dal medico per farmi prescrivere le solite medicine, mi ha prescritto anche delle gocce, in dose molto inferiore a quella scritta sul bugiardino, ma trattasi comunque di un antidepressivo o meglio identificato come psicofarmaco. 

La separazione sta procedendo nel peggiore dei modi possibili. Mettete insieme tutto quello che di peggio avete sentito dire da altri....ecco la mia situazione.

Anzi, non credo nemmeno, perché sono successe cose che credo irripetibili. Ma vi voglio bene, e ve le risparmio perché ne verrebbe fuori un libro (ed in effetti, mi sembra sempre più di essere la protagonista di un film bislacco che lascia tutti interdetti).

Per quanto io volessi arrivare alla separazione e per quanto il mio consorte non lo volesse... non pensavo si arrivasse a questo e ora si sta vendicando. Più passa il tempo, e più realizzo che ogni volta in lui montava una gran rabbia, un rancore tale da meditare una vendetta coi fiocchi. Ha pianificato tutto, per anni.... con lucida malvagità.... e ha deciso di separarsi solo quando il suo piano era a puntino. Ha lavorato da sotto, ha calcolato tutto per anni. La sua malvagità mi sta colpendo nell'unico mio punto debole: mio figlio.

Mi ha fatto recapitare la lettera dall'avvocato solo quando si era trovato già un'altra donna, si era comprato e ristrutturato un appartamento e si era lavorato mio figlio. Che nonostante i 20 anni, si è fatto comprare come un bimbo di 6 anni con un palloncino.

Ed è questo che mi sta destabilizzando. Non me lo sarei mai aspettata. Anche perché, dalle poche frasi che si è lasciato scappare mio figlio, il padre me lo ha messo contro e gli ha fatto credere chissà che...

Sto praticamente passando l'estate da sola, perché mio figlio o era a Bologna, o preferisce stare in quella che io chiamo "famiglia del Mulino Bianco", dove tutto gli è concesso, anche le cose più sbagliate, dove c'è "un'amica che lo capisce e gli vuol bene" (mentre sua mamma no, ovviamente....)

L'unica cosa positiva, è che il tempo fortunatamente passa da solo, in modo autonomo. Se dipendesse da me, sarebbe un macigno immobile. Invece ormai è passata anche l'estate. Sono due anni che passo estati di m....a (l'anno scorso avanti e indietro da Bologna, per cercare un appartamento e poi per metterlo a posto, e quest'anno così....). Se poi, non c'è due senza tre, la prossima estate io la cancello dal calendario, sappiatelo.

Un abbraccio grande......

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LIBERTÀ VS SOLITUDINE

Post n°955 pubblicato il 14 Marzo 2017 da francy_62

Sono ancora viva. Forse.... O forse sono in coma profondo.

Le cose non vanno per niente meglio, anzi la situazione si complica sempre più. 

Con i miei, un disatro. Ci son voluti quasi due mesi perché mio babbo si riprendesse dalle varie influenze....., ma in questi due mesi è invecchiato fisicamente di vent'anni ed altrettanto di testa.

Mia mamma, sempre peggio. Arrabbiata e accanita come una vipera contro mio babbo e contro me. Con lei non si discute. Se dovesse succedere loro qualcosa, io ho le mai legate, perché mia mamma non vuole assolutamente darmi una delega del loro conto in banca. Va beh.....

La parola che più di ogni altra descrive il periodo che sto vivendo è "panico". Panico generato dalla paura di non essere in grado di gestire la situazione da sola. Perché se è vero che sto riacquistando sempre di più la mia libertà visto che il figlio vive quasi sempre a Bologna ed il consorte rientra solo di notte per dormire, la cosa va di pari passo con la solitudine. E da sola, affrontare tutto quanto, è difficile. 

Il consorte si è finalmente deciso, e mi ha annunciato che è ora che ognuno prenda la propria strada. Quando andrà via, però, non si sa. Ma è un piccolo passo avanti . Qualcosa si smuove. Peccato non lo abbia deciso quindici anni fa.... A quarant'anni la vita si affronta diversamente che non a cinquantacinque.

Di pari passo, l'erede, sta prendendo sempre più sembianze/atteggiamenti/comportamenti identici a quelli del padre. Che in questo periodo è mooooolto disponibile a portarlo a concerti/mostre/manifestazioni/ristoranti..... cosa che non ha mai fatto in 20 anni. Ed è anche andato a dirgli che, essendo maggiorenne, giustamente può scegliere con chi dei due andare a vivere. E visto che da parecchi mesi, qualsiasi cosa io dica, sono sempre oggetto di contestazione e polemica da parte mio figlio, niente di più semplice che scelga di andare a vivere col padre. Cosa che, a questo punto, mi auguro. Almeno mi mangerò meno il fegato.

Il consorte comunque, si sta comportando nel peggior modo possibile.... perché della prossima nostra preparazione, gliene ha parlato da solo.... e chissà che diavolo gli ha detto. 

Comunque, con loro due, ho deciso che smetto di lottare. Che vadano al diavolo entrambi. Se mio figlio non è deficiente, capirà.....forse tra vent'anni. Amen. Io gli dato la mia vita. Ora si gestisca la sua come vuole. Ma, vi assicuro, che non ne fa una per il verso.  Alla faccia di quelle mamme che difendono a spada tratta i loro figli maschi anche contro ogni evidenza. Il mio, non è difendibile. 

Tutto quello che ho cercato di costruire nella mia vita, è crollato.... sono sommersa da macerie. Marito, figlio, genitori.... non ho nessun appiglio, niente si è salvato. E non ho fratelli o sorelle, nè zii o cugini. Sola. Sono sola.

Mi solleva il morale, solo il fatto di avere attorno a me persone speciali: un paio di colleghe, qualche amica e varie amicizie "virtuali" molto presenti che si preoccupano e mi danno costantemente dimostrazioni di affetto..... questa è davvero l'unica nota positiva......

per il resto il colore predominante è il grigio.

Ora avete capito perché sono mesi che qui non ci metto piede. Mi stanco da sola di leggere le mie lagnanze.

Un abbraccio a tutti.... Forse rientrerò qui nel prossimo millennio.......

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SEMPRE PEGGIO.....

Post n°954 pubblicato il 02 Gennaio 2017 da francy_62

Come vedete, ottimismo a go go!

Se il 2016 lo voglio lasciare alle spalle il più in fretta possibile, non è che il 2017 inizi sotto migliori auspici.

Stavolta il problema grosso, sono i miei genitori. Dopo di me, ha preso l'influenza anche mio babbo e a ruota, mia mamma. Se la sono cavata apparentemente meglio di me, salvo poi che mio babbo sta facendo la ricaduta. Ma non è nemmeno quella la cosa grave. 

Il fatto è che mio babbo sta perdendo sempre più la testa... a memoria a breve termine, meno che zero. Tanto per darvi un'idea, oggi pomeriggio mi avrà chiamato una decina di volte per sapere come fare con la tachipirina. Ed ogni volta mi diceva che non lo sapeva, ma che da quel momento avrebbe saputo come fare. Dopo mezz'ora mi richiamava. Senza contare che ne aveva parlato con mia mamma (che ha mille altri problemi, ma la memoria è buona) e che non ne può più. Per cui sbraita che lui non capisce più niente e che non lo sopporta. E mio babbo mortificato, come un bambino che non capisce perché si arrabbia.

Oltretutto a mio babbo stanno venendo mille manie, come quella di andare a controllare la posta due o tre volte al giorno, anche con la febbre alta.... sia mai che gli arrivi una bolletta da pagare o una carta dalla banca. Se non va a controllare, muore.

E domani mattina (anzi, stamattina), febbre o non febbre, deve e VUOLE andare a tutti i costi a fare l'esame oculistico per il rinnovo della patente. Che, anche se ormai al massimo si sposta di tre o quattro chilometri (per andare alla Conad, al mercato, in posta, in banca e dal medico), sarebbe meglio che la patente non gliela rinnovassero. Ma se dovesse succedere, ci muore di crepacuore. Perché, a parte la memoria, è molto lucido, arzillo, spiritoso, autosufficiente e dimostra molti anni in meno. Però tra pochi giorni ne compie 90.

Comunque, gente mia.... non so davvero come venirne fuori.... sono ingestibili entrambi, per motivi diversi, e tutti cocciuti all'ennesima potenza.

Mia mamma non vuole sentire parlare di badante o comunque di una donna che vada almeno qualche ora a dare una mano. Che, secondo me, sarebbe fondamentale anche per spezzare quel loro continuo litigare. Per me, uno di questi giorni, mia mamma rischia di spaccare il matterello in testa a mio babbo. E non sto scherzando.

Ed io, tra una preoccupazione e l'altra, rischio che ci lasco le penne prima di tutti con un bell'infartino.... e risolvo tutti i miei problemi.

Se le cose vanno avanti di questo passo... va a finire che non riesco nemmeno a portare a termine l'anno scolastico. Se devo gestirli quotidianamente, come potrò fare altrimenti? Che situazione complicata, anche perché sono sola. Sola. SOLA! Questa è la mia condanna: devo gestire tutto sempre da sola. Ma perché non sono naufragata su un'isola deserta? Almeno, avrei dovuto badare solo a me stessa.....

Mah.... se il buongiorno si vede dal mattino.... questo 2017 mi spaventa assai....

(Forse è meglio che smetta di scrivere post e mi ritiri nelle mie stanze a leccarmi le ferite da sola. Quanto sono cambiata da quando ho aperto il blog........... uffff...)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ECCHIMEEEEEEEE.......

Post n°953 pubblicato il 30 Dicembre 2016 da francy_62

Dunque.... sono viva. Ancora il consorte non mi ha fatto fuori. Però nemmeno vi siete tanto dati da fare per accertarvi che fossi ancora viva, eh? Il che vuol dire che, dovesse succedere il fattaccio, non posso contare su di voi e sul fatto che facciate di tutto affinché sia fatta giustizia. Begli amici!

Comunque, sono anche reduce da una brutta influenza che mi ha bloccato dalla settimana prima di Natale..... E solo ieri ho messo il naso fuori casa per la prima volta. Che belle feste! Ma pazienza, c'è di peggio.

Per il resto.... tiro avanti.... nessuna novità....

O forse sì, nel senso che, visto che il consorte non muove paglia, anche stavolta mi tocca rimboccarmi le maniche e tirare fuori le castagne dal fuoco. E so che mi scotterò. Uffff.... 

ho infatti deciso che dopo le feste, andrò dall'avvocato e affronterò seriamente la questione separazione. Perché se quell'essere che vive sotto questo tetto non prende una decisione, la prenderò io. Non riesco assolutamente più ad andare avanti così. Il vaso è colmo. E adesso strariperà.

per cui.....inizierò il 2017 con una battaglia. Spero solo che non si tramuti come la guerra dei Roses..... Vi aggiornerò.

Nel frattempo, occhio ai Tg, che se non mi uccide la meningite, potrebbe ammazzarmi il marito.

 

Buon 2017

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

FATTI E MISFATTI IN PISCINA

Post n°952 pubblicato il 21 Novembre 2016 da francy_62

Ora... uno dice 'andare in piscina'. Termale, per giunta.

Cosa c'è di più bello, se non passare del tempo in una piscina termale, con acqua salata a 33°? Stupendo! Tutto bello, tutto rilassante...

Ecco... anche no.

Intanto c'è lo stress di arrivare in orario. Mica devo timbrare il cartellino, direte. Eh, no... certo che no. E nemmeno c'è un orario fisso per entrare. Ma in un certo senso sì, perché se non arrivi per tempo, i disagi sono tanti.

Intanto, una volta al mattino e una volta al pomeriggio, c'è una mezz'ora di acquagym. Che, voglio dire, visto che la fanno, perché non approfittarne? Già... ma come me, anche un numero infinito di arzille vecchiette (che, se è vero che a volte rischio il collasso io, non so come facciano loro a non schiattare durante la lezione...). Quindi, se arrivi tardi (e per tardi, intendo almeno una mezz'ora prima della lezione): 1° -non si trova posteggio se non quasi a casa propria 2° -negli spogliatoi non c'è nemmeno un armadietto libero.

Comunque, dopo essere arrivata con largo anticipo, aver posteggiato ed essermi impossessata di un armadietto libero, finalmente entro  in acqua. 

E già lì, si vedono cose che farebbero venire voglia di uscire immediatamente.

C'è chi sbaglia strada, e anziché passare dalle docce obbligatorie, si infila in acqua (e non sempre il personale a bordo piscina li blocca, essendo troppo intento a...... socializzare!). Fortunatamente, la maggior parte delle persone arriva e fa la doccia. Bene? No, male! Perché poi va in bagno e dopo entra direttamente in piscina (senza passare dal via!).... Va beh... lasciamo perdere. Per non pensare a chi in bagno non ci va prima o dopo.... ma forse durante l'ammollo! Arg! Voi siete proprio sicuri, che le vesciche di tanti/e arzilli/e vecchietti/e siano a completa tenuta stagna fino alla fine? Meglio sorvolare.... o sottonavigare.....

Comunque bene o male, l'ora X arriva e noi che siamo già in ammollo ci disponiamo a debita distanza l'una dall'altra per non darci schiaffoni o calci, ed iniziamo la lezione.

Nel frattempo, però, arriva alla spicciolata anche un altro sciame di donzelle (quelle che hanno posteggiato a casa del diavolo e non hanno trovato subito un armadietto libero) che entrano in vasca e si piazzano a far ginnastica. Sì. Ma dove? Esattamente 10 cm davanti a me. Che, insomma, dico io, così rischi pure di essere presa a calcioni! Va beh... allora arretro. Passano due minuti e ne arriva un'altra. E dove si piazza questa? Di fianco. Che quasi riesco a sentire il suo battito cardiaco. Che faccio? Mi sposto. E così, tutte le volte. Che ormai mi sono convinta di essere una calamita umana, perché le attiro tutte! Insomma, per tutta la lezione, io sono sempre alla ricerca di un posto adeguatamente lontano dalle altre e viaggio per tutta la piscina. Che uno di questi giorni, l'istruttrice mi chiede se ho pagato il biglietto per fare tutti quei viaggi!

Quando si esce dall'acqua, si prende un maxi telo da bagno riscaldato e poi ci si accomoda a rilassarsi sui lettini. Anche qui, un minimo di accortezza ci vuole: sono teli talmente grandi, che se non te li avvolgi bene attorno, strisci a terra che è un piacere e, anziché asciugarti tu, asciughi tutto il pavimento (e magari le inservienti ringraziano pure).

A quel punto, chi non è andato in bagno prima o durante, ci va adesso, perché uno degli effetti più immediati, e che ti scappa tanta plin plin.... da andarci anche due o tre volte... anche quando sei già a casa.

Pertanto........... se già è poco igienico raccogliere con i teli da bagno tutta l'acqua a bordo piscina, immaginate quanto lo possa essere andare in bagno. Eppure.... la gente non ci pensa. Ok, forse sarò un filino esagerata..... ma a me fa proprio schifo!

Altri bagni ci sono di sotto, negli spogliatoi. Ed io utilizzo sempre quelli, dopo essermi cambiata, così ci vado con le scarpe (sulle quali, per entrare negli spogliatoi, fanno mettere i soprascarpe usa e getta). Ed anche lì, non è che i bagni brillino. A volte in effetti, il pavimento, è anche lucido.... ma perché bagnato! Eppure ci entrano a piedi scalzi e poi si vestono!!! Schif schif schiffffff!

Nello docce delle terme, è vietato usare saponi o shampoo... servono solo prima di entrare in acqua, e non per farsi doccia e capelli prima di andare a casa. Anche perché dicono, che l'acqua termale non vada sciacquata subito, ma deve restare sulla pelle. Bene. Sapete cosa ho visto fare una volta? Una tipa, con assoluta disinvoltura, si è lavata i capelli nel lavandino dei bagni vicino agli spogliatoi e poi, tolto telo e costume, si è sciacquata tutta con una spugna! Ma sarà mai?!!! 

Boh.... questo è.

Comunque.... ora le cure termali le ho finite. E come tutti gli anni, mi riprometto di prendermi un abbonamento per andare nella piscina di una SPA: un paradiso di docce e vasche con tanti tipi di idromassaggi. Chissà se quest'anno mi decido!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IL PORTALE STA MORENDO?

Post n°951 pubblicato il 13 Novembre 2016 da francy_62

Ma ne siamo proprio sicuri sicuri? 

Ormai, visitando vari blog, questo è ciò che tutti, più o meno lamentano.

Secondo me, il portale è sempre lo stesso. Non è cambiato. Io sono qui da 8 anni, e tutto è rimasto invariato. Siamo noi che siamo cambiati. 

All'inizio di ogni avventura, c'è più entusiasmo, voglia di fare, di scoprire, di mettersi in gioco.

Poi subentrano vari fattori: l'abitudine, la stanchezza, gli impegni, la delusione, il tran tran..... ed inevitabilmente ci si mette meno impegno e meno voglia. Ma sì.... lo farò domani. E il domani magari arriva dopo una settimana, un mese o più. O mai.

Capita così in tutte le cose nuove: lavoro, amicizie, innamoramento, matrimoni, hobby, attività di palestra o altre ricreative.

All'inizio siamo al settimo cielo: tutto bello, tutto perfetto e tanto entusiasmo. Poi piano piano, questo va a scemare.

Non per tutti e non sempre in modo drastico.

Ma il portale, il nostro blog, noi stessi..... percorriamo lo stesso iter: siamo tutti destinati a fare la fine della cyclette da camera: nel primo periodo ci siamo sempre in sella, entusiasti. Poi, se va bene, o ci ricordiamo di spolverarla una volta al mese, o ci appoggiamo sopra i panni.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IO NON LA VORREI.....

Post n°950 pubblicato il 09 Novembre 2016 da francy_62

.....la mia casa nuova ad Amatrice, Accumoli, Norcia e zone terremotate. 

Per me (che poco ne capisco e ragiono di pancia) l'idea di ricostruire le case, i centri storici e tutto quanto, esattamente com'era e dov'era, è follia pura (indipendentemente da chi abbia fatto queste proposte/promesse).

Giuro.... per quanto io potessi essere attaccata alla mia terra, non avrei più il coraggio di andare a vivere in quelle zone. Ed in tutte le interviste, una sola mamma ha detto che lei i suoi figli non li avrebbe più portati a vivere là.

L'Appennino si sta muovendo.... e da quando si è formato, si è sempre mosso. Ora lo sconvolgimento è stato notevole, come mai a memoria d'uomo: una parte si è spostata ad est di un tot di centimetri, un'altra ad ovest, c'è stato uno sprofondamento di 70 cm... E chissà cosa potrà succedere ancora. 

Ma davvero hanno il coraggio, dopo tanta distruzione e morte, di tornare a vivere là? 

Ma anche l'idea di rilanciare il turismo in quelle terre, mi sembra utopia. Ci saranno ancora persone che rischieranno di passare una vacanza lì? Io, anni fa andai da quelle parti.... zone stupende, indubbiamente. Ma ora come ora, non ci tornerei più, nemmeno di passaggio.

Ricostruire sì, risarcire sì, rimettere in piedi aziende e allevamenti, di sicuro. Ma in zone un po' più sicure (perché di sicuro, mi sa che tra terremoti, alluvioni e trombe d'aria, non ci sia nulla).

È pur vero, che ogni volta che c'è stato un terremoto, si è ricostruito, vedi quelli più recenti dell'Aquila e dell'Emilia. Ma stavolta mi pare che lo sconquasso che ha subito l'Appennino sia molto più grave e preoccupante.

Io pure, mica che stia in una zona sicura. Eh, no.....

Sotto abbiamo sabbia, e non roccia. E questo ha sempre portato la credenza popolare che la sabbia ci avrebbe in parte tutelato, assorbendo le scosse telluriche.

Ebbene no. Perché in caso di forti terremoti, la sabbia subisce una strana trasformazione e si parla di liquefazione del terreno. Praticamente la sabbia sotto gli edifici, diventa liquida e non è più in grado di sostenere i caseggiati, che risulterebbero come costruiti sulle sabbie mobili e si inclinerebbero o affosserebbero. 

Quindi il mio stagno, costruito con le regole antisismiche, non si sbriciolerebbe, ma tutto bello intero potrebbe sprofondare o piegarsi da una parte.

Quando ci fu il terremoto dell'Emilia, fecero vedere immagini di case invase dal fango.... ma all'epoca non diedero spiegazioni o io non le ascoltai. Pensai fosse dovuto alla rottura dell'acquedotto....... Invece no: era la sabbia liquefatta.

Quindi?

Quindi, se l'avessi saputo a suo tempo, col ciufolo che avrei costruito qui.

Inutile..... il terremoto mi terrorizza.

E vedere le immagini di quei paesi, ripresi dai droni, ridotti a cumuli di macerie grigie ..... mi ha veramente ingrigito il cuore.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

OTTOBRE 2016

Post n°949 pubblicato il 16 Ottobre 2016 da francy_62

Quest'anno il mese di ottobre ha 5 sabati, 5 domeniche e 5 lunedì.

La cosa è abbastanza rara e pare si ripeta una volta ogni 823 anni.

Secondo una profezia del famosizzzzzzzimo cinese Feng Shui, dovrebbe portare tanta fortuna e soprattutto un "sacco di denaro".

Le fonti sono altamente attendibili (FB), quindi mi raccomando di crederci e di divulgare la notizia a 38463579274790 contatti (uno più, uno meno) per restare ricchi o poveri esattamente come adesso! *___^

Comunque, che siano 5 le domeniche e altrettanti i lunedì, mi conferma ancora di più, che per me i mesi di ottobre e novembre sono interminabbbbbili! Uffa!

Buona terza domenica del mese (e ricordate, che ne avrete altre due).

*

*

*

*

PS:

che poi....

colta da dubbio amletico...

considerando che questo è un anno bisestile,

che sto lavorando 

riguardando ciò che avevo fatto in prima cinque anni fa,

che le date mi coincidono

....

sono andata a controllare il calendario del 2011

e.......

bada ben, bada ben, bada ben

*

*

*

*

*

*

*

*

*


nel 2011 

ottobre aveva esattamente 

5 sabati

5 domeniche 

5 lunedi!

*

*

*


Ergo:

fidatevi sempre di FB!

*___*

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

OLIO DI GIRASOLE ALTO OLEICO

Post n°948 pubblicato il 12 Ottobre 2016 da francy_62

E cos'è? Beh, fino a poco tempo fa (pochisssssssimo), non solo non sapevo cosa fosse, ma nemmeno ne conoscevo l'esistenza.

Poi prima in un programma di cucina, poi in uno sulle produzioni alimentari, poi leggendo bene bene gli ingredienti nelle confezioni..... l'ho notato.

Ho così scoperto che si tratta di un particolare olio ottenuto da una nuova varietà di girasole ricca di acido oleico (quello presente nell'olio di oliva), che dovrebbe avere delle ottime caratteristiche e che è utilizzato dai migliori chef e ditte per la produzione di maionese o per le fritture. Già....

Pare infatti che, come l'olio extravergine di oliva, l’olio alto oleico durante la cottura ha più stabilità grazie alla particolare composizione chimica. È molto resistente e stabile alle alte temperature e raggiunge un punto di fumo (la soglia termica a cui l’olio comincia a degradarsi) a 225°.

Inoltre, quest’olio presenta un elevato contenuto di acidi grassi monoinsaturi (con oltre l’80% di acido oleico). Questo componente esercita un’azione positiva riducendo i livelli di colesterolo “cattivo”: svolge quindi un ruolo importante nel controllo di fattori di rischio cardiovascolare come l’iperlipidemia (abbassando i livelli di colesterolo LDL e alzando i livelli di colesterolo HDL), l’alta pressione sanguigna, l’obesità, lo stress ossidativo, ecc.

Questa la tabella del punto di fumo di vari oli e grassi:

oliva extravergine: 160°/210° (a seconda della qualità dell'odio)
olio di arachidi: 180°

olio di mais: 160°

olio di girasole: 130°

burro: 170°
lardo: 180°
olio di semi di soia: 130°

Quindi?

Quindi l'ho comprato. Ovvio, no?

Lo proverò a crudo, sicuramente per fare la maionese e quelle rare/rarissime volte che friggerò. Ma anche per la cottura in forno, che supera sempre i 200°. Poi ci risentiamo.

Ah.... ne ho trovato solo una marca in commercio:

 

Voi? Ne sapevate qualcosa?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L'ATTESA

Post n°947 pubblicato il 09 Ottobre 2016 da francy_62

L'attesa non è mai come quello che si attende: o troppo bella (nella speranza della realizzazione un sogno) o troppo brutta (nel timore del verificarsi di un incubo).

Non so se sia così per tutti, per me, almeno lo è.

Mi è capitato più volte di attendere che succedesse con ansia qualcosa di bello, per poi rendermi conto che, giunto l'evento, non era poi così come me lo aspettavo, restando delusa.

Di contro, ho anche atteso con ansia altri eventi, temendo le peggiori cose, per poi constatare che non erano così gravi come avevo temuto.

In fondo, si dice pure che il diavolo non è mai così brutto come lo si dipinge.

Ed io azzarderei dire che nemmeno l'angelo (o il principe) non è mai così azzurro come si crede.

La cosa che invece più stressa, destabilizza e mette in ansia è l'attesa. 

È peggio dover aspettare il proprio turno prima di un esame o di entrare dal dentista, che sedersi sulla poltrona a sostenere l'esame stesso o le cure del medico.

Io in questo periodo sto aspettando l'evolversi dei fatti e vi assicuro, che questa attesa, mi sta logorando.

Sto aspettando di capire che strada dovrà prendere la mia vita in relazione alle scelte del rospo consorte.

Spero solo che il diavolo non sia proprio così brutto come me lo sto dipingendo! 

Nel caso, chissà che non arrivi un angioletto sulla soglia della pensione, sbiadito, precario, in assegnazione provvisoria, a darmi una mano.... o un'ala....

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

OLIO DI PALMA.... PARLIAMONE

Post n°946 pubblicato il 06 Ottobre 2016 da francy_62

Da sempre si sa, che uno degli oli più ricchi di grassi saturi e quindi dannosi per la salute e da evitare, è l'olio di palma.

Il fatto che sia di origine vegetale, non vuol dire necessariamente che faccia anche bene.

Di sicuro costa poco, non ha sapore sgradevole, si conserva senza diventare rancido e rende bene nella produzione dei dolci. Viene infatti utilizzato piu frequentemente nelle industrie che producono biscotti, merendine...

Per questo mi sono assai stupita, quando qualche mese fa, in tv fu pubblicizzato decantandone le proprietà.

Ora quegli spot sono stati aboliti e le ditte più serie fanno notare che i loro prodotti sono "senza" olio di palma! 

E meno male!!!

Olio di palma

se lo conosci

lo eviti! 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

....

Post n°945 pubblicato il 05 Ottobre 2016 da francy_62

....ed anche il 4 ottobre è passato, con buona pace di San Francesco (mio onomastico) e San Petronio (patrono di Bologna). Il che ha significato avere il rospetto a casa da venerdì pomeriggio, quando lo sono andato a prendere perché c'era sciopero dei treni, a questa mattina in cui lo accompagno perché deve portare su abbigliamento invernale e piumone.... Anche perché ha lezione solo di pomeriggio.

Peccato che io da ieri sia ammalata ed abbia potuto fare nulla di quello che avevo da fare. Dall'inizio della scuola è già la terza volta..... E sono stanca... e stufa... e demoralizzata... e avvilita... e incazzata.... e chi più ne ha, più ne metta. Niente di grave o tragico, lo so.... Ma ormai dopo 50 e passa anni di questa solfa, giuro, non ne posso più ed ogni volta che mi torna la febbre, è come se non mi fosse mai passata dall'ultima volta e si sommano all'ennesima potenza disagio e insofferenza. Quest'anno, poi, con i bambini di prima che ti starnutiscono e tossiscono in faccia, la vedo dura. Molto dura..... Io che, per i problemi che ho, avrei dovuto lavorare in ambiente asettico, magari solo con dei pc.... Invece!

E così, oltre a dover fare quello che a cui non posso rinunciare, mi tocca rinunciare alle cose piacevoli di questo periodo, come la piscina termale o il corso di balli latino americani che è già ripreso e che io comincio a saltare, restando indietro nelle lezioni.

Va beh, ora che la tachipirina inizia a fare effetto, mi metto in movimento.

La lagna per oggi è finita, buona giornata e andate in pace. Io invece andrei nel cas.............

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

DA PARTE DI UN ROSPO SPECIALE...

"Ho fatto una prova improvvisando un pezzetto di un minuto e mezzo, sinceramente non so se è roba mia o una riminiscenza di qualche pezzo che facevo ai tempi che furono. 
Il risultato mi sembra soddisfacente tanto che vorrei dedicarlo a Francy, un po' perchè è tra le poche che mi apprezza come mariachi de noialtri, un po' perchè è probabilmente la persona a cui sono più legato qui dentro, nonostante affettuosamente la tratto sempre male."

 

FRANCY CRA CRA

Un regalo prezioso di un amico prezioso (post 296 del 7 gennaio 2011) (pubblicato da francy cra cra su youtube il 27 gennaio 2012: cra cra )

GRAZIE!!!

 

 

BACHATA

SAGGIO SALSA

 

 

ARCHIVIO POST 2008

ARCHIVIO POST 2009

 

ARCHIVIO POST 2010

LE MIE RICETTE

fOCACCIA RIPIENA DI
SCAROLA E PORRI
post n° 696

QUADRUCCIOLI AGLI SPINACI
post n° 645

TAGLIATELLE, CIPOLLA, PANNA
E SPECK
post n° 645

OLIVE VERDI SOTT'OLIO
post n° 628

OLIVE VERDI IN SALAMOIA
post n° 626

STINCO DI MAIALE AL FORNO
post n° 617

INVOLTINI
post n° 607

CROSTINO TOSCANO
post n°  599

YOGURT ALLA CANNELLA
(per regolarizzare la glicemia)
post n°  597

FRIGGIONE
post n°  591

RAGU' BIANCO ALLA UMBRA
post n° 588

TORTA DI ALBUMI
post n°  581

ZUPPA INGLESE
post n° 544

STROZZAPRETI VONGOLE E ASPARAGI
post n° 544

CIABATTE VELOCI
post n° 523

PANINI DI PASTA DURA
post n° 519

CASTAGNOLE ALLA RICOTTA
post n° 516

 

...segue...

CANTUCCI
post n°  493

PASTA E BROCCOLETTI
post n°  475

PEPERONI RIPIENI
post n°  459

SALE AROMATIZZATO
post n°  430

FICHI CARAMELLATI
post n°  427

VERDURE GRATINATE AL FORNO
post n° 423

BARCHETTE DI MELANZANE
post n° 408

FUNGHI E RUCOLA
post n° 390

IL MIO RISOTTINO PRIMAVERA
post n° 369

RISOTTO AGLI ASPARAGI SELVATICI
post n° 354

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE
post n° 336

GATTEAU DI PATATE
post n° 322

CIME DI RAPA ALLA CRA CRA
post n° 304

 

...segue...

TORTA PAESANA
post n°  288

MARMELLATA DI MELONE BIANCO
post n°  266

SEMIFREDDO DI CACHI
post n°  263

MARMELLATA DI CASTAGNE
post n° 263

FICHI CARAMELLATI
post n° 217

VERDURE PASTELLATE 
post n° 237

PASSATA DI POMODORO
post n° 224

CIAMBELLA
post n° 228

DOLCE AL CAFFE'
post n° 196

AGNOLOTTI
post n 130

CHIACCHIERE DI CARNEVALE
post n° 142

ANGUILLA IN FOGLIE DI VITE
post n°242

PIADINA
post n° 132

 

Ultime visite al Blog

synkro2007serio.vinfrancy_62CiaoGi_57flerisvivodipanciaarw3n63isrybagninosalinarovivodi_folliabrazirgioia58_rpierldagSuper_fran0luc.conifru.nic
 
 

MIA MARTINI

Il video di una canzone che amo a ricordo della stupenda artista che era e dei 15 anni trascorsi dalla sua scomparsa:

 

 

ALLELUIA

  

 

Ultimi commenti

Fb non mi sconfinfera... lo so, sono antica....
Inviato da: francy_62
il 15/04/2018 alle 13:48
 
Tutto chiarissssssimo.....
Inviato da: francy_62
il 15/04/2018 alle 13:46
 
Si sono spostati tutti su facciabuco (a proposito si sta...
Inviato da: isry
il 12/04/2018 alle 01:17
 
Ovvio, l'amica della Veronica ^___^
Inviato da: isry
il 12/04/2018 alle 01:15
 
&#592;zz&#477;&#647;&#633;&#477;&#596;...
Inviato da: brazir
il 09/04/2018 alle 18:50
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova