L'intollerante

un falso arrogante

Creato da eccelso86 il 20/03/2007

Informazioni irrinunciabili

In questo momento si sentono eccelse
site statistics
Persone/a
 

LASCIATE UNA SMORFIA

Attraverso questo servizio potete scattarvi tante belle foto. Mi raccomando, però: che siano eccelse

 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Se fossi un simpson



E se,invece, fossi un omino di south park?

 

Campagne doverose

Questo blog è contro la diffusione di mister lui...

 
Citazioni nei Blog Amici: 64
 
 

Statistiche e classifiche

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Uk: la guerra in Afganistan diventa una canzone "per la pace"

Post n°245 pubblicato il 27 Dicembre 2011 da eccelso86

Ogni anno, nei paesi anglosassoni, il clima natalizio lancia in autentico delirio retorico, ipocrita e buonista un numero imbarazzante (e preoccupante) di persone. Il trionfo del “volemose bene” trasforma i solitamente gelidi inglesi in veri “warm people” che elargiscono sorrisi, “hugs” e canzoni così smielate che a cantarle ci si cariano i denti.

Il Natale 2011, però, ha conosciuto forse uno dei più deprimenti e sfacciati esempi di inno alla retorica spicciola, lanciando al numero uno della Hit Uk il molto orecchiabile (e patetico) “Werhever You Are” delle Military Wives. Ma chi sono queste signore e queste ragazze con gli occhi sbrilluccicosi? Le compagne e le mogli dei militari che “servono l’Inghilterra in Afganistan” combattendo una guerra che oramai solo i sassi dovrebbero ancora considerare “missione di pace”.

E proprio a proposito di neolingua, i soldati impegnati al fronte nella canzone vengono descritti come “prince of peace” (principi della pace). Le donne canterine rassicurano i propri uomini in guerra attraverso il coro angelico ben addestrato dal choirmaster Garreth Malone e le insopportabili parole scritte da Paul Mealor. Il videoclip, che su youtube ha già superato le 600.000 visite, è tutto un trionfo di “il mio amore ti proteggerà ovunque” e di immagini di militari sorridenti con cuccioli di cane tra le braccia e bandiere britanniche sventolanti. Insomma: fare la guerra per meri scopi economico-coloniali è sempre e comunque eroico, necessario e addirittura romantico. Chi parte per l’Afganistan è un angelo della pace che spara rose, distribuisce solidarietà ed esporta democrazia in maniera indolore. Certo la lontananza da casa un po’ pesa ma alla fine tutto si supera con la forza ed il link perpetuo dell’amore.

Un favola indecente e lontana anni luce dalla realtà che però ben 556.000 persone hanno già deciso di ascoltare e raccontarsi acquistando il singolo nella prima settimana d’uscita. E poco importa se la guerra è la negazione non solo dello spirito natalizio ma dell’essere umano: ciò che conta e rivestire tutto di rosso, organizzare un bel coro e, proprio per rendere più clamorosa possibile la presa per i fondelli, devolvere il ricavato alle famiglie dei soldati deceduti in guerra o “in difficoltà”. Come a dire: vi mandiamo a morire e a uccidere per il petrolio ma poi, a Natale, vi stacchiamo un assegno per il vostro compagno, il vostro fratello o il vostro figlio uccisi in terra straniera. Il punto di critica in effetti è semplice e se vogliamo addirittura banale: perché mai ostinarsi a definire "missione di pace" una guerra per il petrolio? Perché trattare le persone con tanta, sfacciata manipolazione linguistica? Come mai, se quei soldati fanno un lavoro di cui essere fieri, c'è bisogno di chiamare le cose con nomi di fantasia e distorcere in maniera così plateale la realtà?

Buon Natale rosso (sangue), anche quest'anno.


 
 
 

Ma chi valuta le segnalazioni inviate a Facebook?

Post n°244 pubblicato il 12 Dicembre 2011 da eccelso86

Qualche tempo fa scrissi per Julienews.it un articolo dove riscontravo il calo di iscrizioni a Facebook nei paesi dove il social network aveva conosciuto maggior diffusione. Ebbene: nel giro di qualche ora alla nostra redazione arriva una mail proprio dallo staff facebookiano. “Incredibile”, pensiamo io ed il mio editore, ci hanno contattato addirittura da facebook italia. Nella mail lo “staff” precisava che il mio articolo era poco corretto e che non considerava alcuni dettagli fondamentali per valutare l’eventuale trend di decrescita del portale.

Francamente non ricordo nel particolare il contenuto della comunicazione e delle precisazioni inviateci ma il dato importante è un altro: appena ne abbiamo parlato male, il “signor facebook italia” si è subito attivato per avvisarci che ci stavamo sbagliando. Ebbene: quante volte avete scritto una domanda nel forum d’assistenza senza ricevere alcun segnale di vita da parte degli admin? Quante volte avete segnalato profili fasulli, con nomi inventati o addirittura con contenuti porno ed atteso mesi prima di vederli bloccati, rendendovi addirittura conto che alcuni di quei profili rimanevano comunque attivi? Personalmente gestisco su fb un network di pagine d’informazione che conta circa 60.000 iscritti e, come intuirete, mi è capitato spesso di segnalare chi rilasciava commenti  offensivi, razzisti o addirittura minacce vere e proprie. Così come infinite volte ho segnalato chi faceva spam.

Ebbene: quegli utenti sono ancora li che commentano, spammano, insultano e minacciano. E lo fanno usando spesso account con nomi di fantasia ed informazioni del tutto inventate o fuorvianti.  A questo punto, prima di porvi e pormi qualche semplice domanda, vi racconto ciò che mi è capitato ultimamente. Il mio account è stato sospeso già due volte: la prima perché qualche “simpaticone” aveva segnalato un’immagine satirica da me diffusa sulle pagine che gestisco. Si trattava di un fotomontaggio per nulla scabroso e di sicuro non violento: un sedere bello sodo (maschile) che accoglieva al suo interno un bell’erogatore di benzina (il tutto senza che si vedesse nulla di scabroso se non i glutei depilati del modello). Subito sotto l’eloquente immagine, compariva la scritta “Messo”; a richiamare chiaramente alla nota compagnia petrolifere “Esso”.

Ecco: per qualcuno particolarmente sensibile quel contenuto è apparso troppo sconcio e così facebook ha subito accolto la segnalazione e deciso di eliminare la foto ed ammonirmi con un messaggio che in breve recitava: “Se violi ancora le condizioni di utilizzo sei fuori a tempo indeterminato”. Non paghi, quelli del social in blu hanno deciso di credere anche all’ennesimo “genio” che ha deciso di segnalare il mio profilo indicando tra le motivazioni (non avendone di plausibili) il fatto che il nome utilizzato fosse fasullo. Signori e signori, utenti e utentesse: il signor fb mi ha bloccato nuovamente l’account poiché “da alcune segnalazioni e verifiche fatte risulta che il nome utilizzato per il suo account è falso”. Alla fine sono stato costretto a cambiare il mio nome (inserendo un “s” in più al mio cognome) per ottenere di nuovo l’accesso al mio sfortunato profilo. Ed ecco dunque la domanda del secolo; anzi le domande del secolo: in che modo facebook valuta la credibilità delle segnalazioni che riceve? Com’è possibile che un utente si veda sospendere l’account per “falsa identità” senza nemmeno essere interpellato? E perché alla mail di segnalazione inviate agli appositi indirizzi per richiedere spiegazioni non risponde quasi mai nessuno? Il buon Zuckerberg ha un patrimonio di oltre 50 miliarducci di dollari…come mai non ne spende uno per migliorare il settore “assistenza utenti”? E voi? Avete mai avuto problemi simili? Li avete risolto o siete ancora nel limbo degli “innocenti inascoltati ed ingiustamente puniti?”.

Qui la testimonianza (incredibile) della social media specialist Cristina Simone. A lei hanno disabilitato un account creato nel 2005 per poi non restituirglielo più...

 
 
 

Il Crozza Marzulliano su Gasparri:"Per favore, mandiamolo a cagare singolarmente"

Post n°243 pubblicato il 11 Dicembre 2011 da eccelso86

Da lacrime senza sangue la battuta regalata a questo disastrato paese dal comico Maurizio Crozza nelle vesti dell'oramai stranoto personaggio Marzulliano: quando l'onorevole (?) Maurizio Gasparri ha osservato che oggi l'Italia è più ricca rispetto a 40 anni fa e, non pago e con sprezzo del ridicolo, ha aggiunto "c'è una forte cirsi ma di sicuro si sta meglio rispetto agli anni 50", il pubblico presente in sala si è abbandonato ad assordanti fischi. Ad un tratto alla platea si è anche udito un eloquente (e sacrosanto) "ma vai a cagare!!". A quel punto Crozza è intervenuto per sedare gli animi e, rivolto al pubblico fischiante e sbeffeggiante, ha lanciato il geniale invito:"Per favore, per farvore, per favore. Mandiamo a cagare singolarmente...non tutti insieme". Ora, come si fa a non convidere questa perla di comicità ed insieme pochezza (di Gasparri) in tutto il globo terracqueo?

 

 
 
 

La manovra (anale) di Sua Equità Mario Monti

Post n°242 pubblicato il 07 Dicembre 2011 da eccelso86

Signore e signori, bambini e bambine, vi diamo una notizia incredibile, esclusiva, inaspettata e che mai vi sareste immaginati di dover leggere in un’altrimenti placida serata pre-champions: in Italia, con l’arrivo dei bocconiani, la democrazia è definitivamente morta. Alla fine ci siamo riusciti, noi popolo di piaciuti gaudenti e pieni di risorse, a mandare tutto ma proprio tutto ad escort. Certo già prima la nostra struttura rappresentativa era ferita a morte e, genuflessa, supplicava pietà sperando di non ricevere il colpo di grazia. La politica avrebbe dovuto difenderla dal boia ma, vigliacca e avida, ha preferito accordarsi con un potere decisamente più conveniente di quello popolare e di lasciare che l’esecuzione fosse compiuta.

Accetta abbandonata alla forza di gravità e "testa" staccata con un taglio netto: ora gli abitanti di questo bel paese disastrato devono prepararsi a vivere in un limbo oligarchico e denarocentrico di stampo feudale. Il nostro già magro raccolto verrà razziato, le piccole rendite saranno aspirate dallo Stato, le rivendicazioni e gli slanci dei giovani saranno schiacciati dalla “necessità del pragmatismo”; le pensioni degli anziani spazzate via da un debito che non ripagheremo nemmeno tra 300 anni e versando oceani di lacrime e sangue. La “manovra”, così si chiama oggi il ladrocinio legalizzato a colpi di fiducia che poterà alla guerra civile, calerà inesorabile e colpira per la prima volta la stragrande maggioranza dei cittadini italici. Siamo troppo catastrofici ed apocalittici, siamo disfattisti ed allarmisti? E allora andiamo ad analizzarla questa manovra “inevitabile” cogitata e criminosamente approvata da Sua Equità Mario Monti e dalla sua claque di tecnici piagnoni.

1.       1. Nessun sacrificio sarà chiesto alle caste più potenti ed ai veri, enormi evasori. Chi ha tanti soldi non dovrà rinunciare che a mezza briciola mangiucchiata (quando andrà male). I patrimoni esteri che rientreranno in Italia, coperti tra l’altro da rigoroso anonimato per non scomodare i truffatori di professione, saranno infatti tassati con timido 6,5% di minimale.

2.     2. La Chiesa continuerà a non pagare Ici, Ires, Irap ed imposte vari per comuni mortali sugli immobili utilizzati a scopo di lucro (per un “risparmio” annuo stimato non superiore ai 6 miliardi di euro). Del resto, come Gesù ha insegnato ai suoi discepoli,  in tempi difficili i sacrifici debbono farli solo i poveri.

3.     3. La benzina ed il diesel arriveranno a sfiorare i 2 euro al litro grazie alle nuove accise introdotte.

4.    4. Le pensioni conosceranno un blocco che non permetterà adeguamenti in base all’inflazione

5.      5. L’iva aumenterà, entro settembre 2012, di altri due punti percentuali ed arriverà al 23%. Il conseguente aumento dei prezzi previsto si aggirerà tra il 7 ed il 10%

 

Tuttavia qualche ritocchino al rialzo il professorone è riuscito ad operarlo. Le spese militari, ad esempio, a causa della guerra in Libia aumenteranno e supereranno i 23 miliardi già sperperati nel 2010 (18 li abbiamo già spessi per i nuovi, più che necessari caccia bombardieri). Nessuno poi si azzarderà a toccare i 16 miliardi di euro che lo Stato attualmente regala alle emittenti televisive; né tanto meno ad intervenire su quell’indecente posizione dominante del Biscione nel settore televisivo. E avete presente tutte quelle ossessive pubblicità su Casinò online, i bingo, le scommesse sportive e via dicendo? Magari qualcuno di voi, più di qualcuno di voi, si è anche iscritto ad uno dei numero portali spuntati come funghi dal 2006 ad oggi. Ebbene: ci sono quasi 100 miliardi di euro che i concessionari dei giochi d’azzardo devono all’Erario dal 2007.

Ah e poi quasi dimenticavamo la buona notizia finale: la Tav si farà e, a dispetto del parere supersfavorevole di ben 130 docenti universitari (che evidentemente Monti non ha mai avuto modo di incontrare nei corridoi accademici) e di un numero infinito di esperti, periti, ingegneri, opinionisti ed economisti, i 47 miliardi di euro necessari per la costruzione dell’ennesima grande opera inutile saranno stanziati. A questi, per concludere in bellezza, vanno ad aggiungersi gli otre 40 miliardi di euro che il paese non guadagnerà a causa del mancato sviluppo della banda larga (rinvio per i dettagli all’ottimo pezzo di Claudio Messora). Insomma, amici cari, considerando che questa manovra (anale) vale circa 20 miliardi di euro e facendo due calcoletti, anche i meno vispi di voi dovrebbero rendersi conto che è forse giunto il momento di smetterla di indignarsi, sgobbare e farsi derubare e di cominciare a combinare qualcosa di eclatante. Qualche idea? La disperazione è la più grande amica della creatività. Se però chiedete a me di illuminarvi, allora significa che non avete imparato un ca...

 
 
 

Caserta: al Teatro Comunale i giudici recitano il diario immaginario di Borsellino

Post n°241 pubblicato il 06 Dicembre 2011 da eccelso86

Dalla cattedra e dalle aule di tribunale direttamente sul palco: con il riadattamento teatrale di “Paolo Borsellino Essendo Stato”, Rosario Cappuccio porta in teatro il diario immaginario scritto nel 2004 dal fratello del noto magistrato ucciso dalla mafia siciliana. Un viaggio lungo, profondo e a tratti bambino nella Palermo degli anni 70-80 e 90. Una Palermo che alterna il profumo d’aranci all’odore del sangue e che, come gran parte delle terre del sud, colpisce con un mix stordente di schiaffi e carezze, di lacrime e sorrisi; di coraggio e paura.

Organizzato dalla Facoltà degli Studi Politici Jean Monnet e dall’associazione Studenti Jean Monnet in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del  Comune di Caserta, l’evento ha trasformato per una sera i giudici in veri e propri attori: i magistrati Franco Roberti, Umberto Zampoli, Maria Teresa Belmonte, Lucia Casale, Ornella Dezio, Maria Chiara Minerva, Rocco Alfano e Luigi D’Alessio hanno infatti recitato alcune letture riprese liberamente dall’opera di Cappuccio. Sceneggiatura ridotta al minimo, un video introduttivo con le immagini e le voci di quei drammatici anni 90 targati Capaci e Via D’Amelio ed un leggio per celebrare le vite spezzate ma mai piegate dalla malavita. Giudici, giornalisti, pm: l’elenco delle vittime sembra non finire mai; proprio come sembrano non finire mai le parole e i racconti di chi ha reagito ed ha vinto la propria battaglia contro la prepotenza della mala.

DEL GAUDIO:“COINVOLGIAMO ANCHE LE SCUOLE”

“Il Teatro Comunale di Caserta deve proporsi con decisione per organizzare eventi come questo – osserva il sindaco Pio Gaudio al termine dello spettacolo-. Mi impegnerò personalmente per coinvolgere anche le quinte classi degli istituti superiori e, perché no, per fare in modo che a salire sul palco a ricordare gli eroi dell’antimafia ci siano proprio gli studenti”. Dichiarazioni importanti, quelle del primo cittadino Casertano; visibilmente entusiasta dell’iniziativa ospitata dal Teatro Comunale e deciso dunque a riproporla coinvolgendo anche le scuole e quindi i più giovani.

IL DIBATTITO DOPO LO SPETTACOLO:“LA MAFIA E’ ANCHE NELLA SOCIETA’ CIVILE”

Al termine della rappresentazione, sul palco del teatro è iniziata la tavola rotonda intitolata:“Istituzioni, uomini e società - coraggio e azione comune contro le mafie”. Al dibattito, moderato dal direttore de “Il Denaro” Alfonso Ruffo, hanno partecipato Ruggero Cappuccio, Federico Cafiero De Raho della Dda di Napoli, Giovanna Palermo della Facoltà di Studi Politici “Jean Monnet, Leandro Limoccia del Collegamento campano contro le camorre “G. Franciosi” e Luigi Gay, procuratore aggiunto di Santa Maria Capua Vetere. Praticamente tutti gli interlocutori si sono mostrati concordi su una considerazione fondamentale proposta dalla professoressa Palermo: “La mafia non è “semplicemente” un cancro da estirpare per vie giudiziarie ma un fenomeno che spesso combacia con la stessa società civile. Qualcosa che si è sedimentato nella nostra cultura e che bisogna sradicare non vedendolo come un aspetto esterno alla civiltà”.

DI SEGUITO IL VIDEO CON LE INTERVISTE A ROBERTII, CAPPUCCIO E PALERMO

 

 
 
 

Salvini a Italialand:"Il Milanese che va a Napoli torna a casa con niente"

Post n°240 pubblicato il 03 Dicembre 2011 da eccelso86

E' passata sotto silenzio la "simpatica" frase che il leghista Matteo Salvini ha pronunciato durante l'intervista-spettacolo rilasciata nell'ultima puntata di Italialand. Al minuto 12:06 del video allegato, si può infatti sentire chiaramente il commento del padano:"La classica figura del Milanese che va a Napoli...torna a casa con niente". Qualche secondo di silenzio e poi uno sponteao e fragoroso "buuuuuh" dal pubblico.

Ora che un leghista si avventuri nei cuniculi del razzismo più becero non è certo una novita e, a dircela tutta, sarebbe anche noioso montare l'ennesimo caso di sdegno per le parole di un Salvini qualunque. L'aspetto interessante da notare (e che ha fatto notare anche lo stesso Crozza durante l'intervista) è che il membro del Carroccio...anzi il membro e basta ha suscitato il biasimo di un pubblico milanese. La nota trasmissione di La7 viene infatti registrata nel capoluogo lombardo ed è dunque difficile pensare che i presenti fossero napoletani o comunque in prevalenza meridionali.

Certo a Salvini il buon De Magistriis avrebbe potuto rispondere con ironia; con una considerazione del tipo:"Guarda caro amico padano che ti sbagli di grosso e ci offendi profondamente dicendo certe cose. Noi a Napoli non lasciamo senza nulla solo i Milanesi e i nordici. Noi derubiamo proprio tutti, anche gli stessi Napoletani. Noi, a differenza vostra, non facciamo discriminazioni e lasciamo in mutante chiunque. Pensa che siamo talmente progressisti e privi di rancore e pregiudizio razziale che derubiamo persino voi leghisti; ladri da molto prima di noi e molto più di noi". Chissà come ci sarebbe rimasto l'ultrà sfiatato padano. Chissà in quanti avrebbero goduto nel vedere quell'ammasso di spocchia ed ignoranza risentirsi e incazzarsi sul serio.

Ps la possibile risposta a Salvini è stata suggerita dal mio Babbo ed integrata dal sottoscritto ;)

 
 
 

La città del foro nel palmo della mano grazie all'Associazione Sviluppo Campano

Post n°239 pubblicato il 30 Novembre 2011 da eccelso86

SANTA MARIA CAPUA VETERE - C'è tanta gente (la maggioranza della gente) che ha fatto del piagnisteo rassegnato e del disfattismo perpetuo le proprie uniche, desolanti ed inconcludenti ragioni di vita. C'è poi poca altra gente che, invece, ha deciso che qualcosa di buono in questo paese sempre più disastrato e vecchi si può ancora combinare. E' il caso dei ragazzi di Sviluppo Campano e di "Ciò che Vedo in Città" che, con un'iniziativa semplice quanto utile, hanno regalato alla Città di Santa Maria Capua Vetere una buona opportunità per gestire il traffico turistico con ordine e modernità. Di seguito il comunicato stampa ufficiale che parla del progetto

"Finalmente "un turista per caso" o un sammaritano doc potrà apprezzare globalmente le bellezze della città e scoprirne di altre nascoste. Nasce SMCV1CLICK, un'applicazione per SmartPhone sviluppata dall'Associazione Sviluppo Campano in collaborazione con "Ciò che vedo in città - SMCV", con la quale sarà molto più semplice e divertente andare alla scoperta di monumenti e siti archeologici della Vecchia Capua. La guida multimediale è rivolta a tutti i possessori di telefonino con sistema operativo Android ed è il frutto di un attenta e meticolosa raccolta bibliografica sui monumenti e tesori nascosti dell' "Altera Roma". Attraverso una semplice ma accattivante interfaccia grafica potrete conoscere il percorso per raggiungere S. Maria C.V. o farvi un'idea sulla città che state per visitare.

Se, invece, siete già sul posto e volete farvi un viaggio indietro nel tempo di 2000 anni, cliccando su GIRO TURISTICO, potrete seguire un percorso che vi porterà a conoscere le parti più belle della città, accompagnati da numerose fotografie e una guida vocale. Chi, invece, non si accontenta di ciò che è alla luce del Sole, cliccando su TESORI NASCOSTI, verrà guidato e informato su monumenti e opere d'arte che non avrete mai pensato fossero sotto i vostri occhi. L'applicazione è totalmente gratuita e sarà disponibile sul sito dell'associazione: www.sviluppocampano.it

Sul sito o sulla pagina Facebook, inoltre, potete gratuitamente registravi ed entrare in contatto con i membri dell' ASC, un'associazione no-profit formata da ragazzi che hanno come obiettivo la promozione di iniziative sociali e culturali rivolte alla comunità cittadina". 

 
 
 

Caserta: dall8 all'11 dicembre c'è "Intima Lens", (imperdibile) rassegna internazionale di film etnografici

Post n°238 pubblicato il 29 Novembre 2011 da eccelso86

Dall’8 all’11 dicembre a Caserta presso i locali OfCA, via C. Battisti 76, e Labyrintho, via S. Agostino, 16 si svolgerà Intima Lente (Intimate Lens) rassegna di film etnografici e antropologici. Oltre 40 documentaristi da tutto il mondo saranno presenti con le loro opere: dagli Stati Uniti all’India, dall’Iran al Brasile, a Cuba e sostanzialmente da tutta Europa.

Ovviamente una particolare attenzione sarà riservata alle produzioni italiane, oltre una ventina, dalla Val d’Aosta alla Sicilia, soffermandosi naturalmente, specie in Campania, in un ventaglio di proposte geograficamente rappresentativo.

Le tematiche suggeriranno riflessioni sulle tradizioni folkloriche, come feste religiose, rituali magici o musica popolare, così come spaccati di antropologia urbana, come ad esempio gli effetti della guerra nell’ex Yugoslavia o in Iran, le dinamiche giovanili a Colonia e New York o il parto simulato dei femminielli napoletani.

Anche i linguaggi filmici saranno diversi: dalle proposte documentaristiche alle innovazioni sperimentali, ivi compreso un film di animazione. Alcuni nomi: da Michael Herzfeld (Harvard University) a Paolo Favero (Università di Lisbona-Nova), da Nina Paley, indipendent filmmaker di New York, al canadese Princigalli, pluripremiato in numerosi festival. Molti di questi autori saranno presenti al convegno che si svolgerà durante la rassegna.

Il festival, ideato da Aldo Colucciello e Augusto Ferraiuolo, è organizzato da una rete di associazioni. Bagaria – Tradizioni a Confronto, B.R.I.O., OfCA e Labyrintho che hanno unito gli sforzi per un evento che ha un respiro e una dimensione internazionale, proponendosi fin da questa prima edizione come uno dei più importanti festival del settore in Italia, con l’intenzione non certo di creare una nicchia specialistica, ma di  rilanciare la vocazione culturale del nostro territorio inserito come non mai nella dialettica globale/locale.

 

Augusto Ferraiuolo

Boston University

Department of Anthropology

232 Bay State Road - Room 419

Boston, MA 02215

 

Ulteriori informazioni saranno diffuse a partire dai primi giorni di dicembre attraverso successive comunicazioni mail che contrerranno il dettaglio del programma e delle partecipazioni, che ancora in queste ore stanno giungendo numerose. Inoltre, sempre negli stessi giorni, sarà attivato lo specifico sito web: http://www.intimatelensfestival.com

 

 

Nell’attesa è possibile contattare l’Ufficio Stampa e Comunicazione ai seguenti recapiti:

Paolo Russo

mobile 347.8437262

e-fax 02.700542954

mail ufficiostampa@paolorusso.biz

 
 
 

Succede (solo?) a Napoli

Post n°237 pubblicato il 28 Novembre 2011 da eccelso86

Anno 2009: mi trovo alla stazione di Napoli Centrale e, con cuffie nelle orecchie e musica a palla, corro come un matto verso lo stramaledetto binario 2 per non perdere lo stramaledetto treno diretto verso Piedimonte Matese via Caserta. In tasca ho 150 euro di rimborso spese carburante e, nello sprint podistico forsennato, non mi accorgo che l'intera somma decide di abbandonare il mio giubbino per adagiarsi al suolo.

Un vecchiarello assiste alla scena e prova a chiamarmi per porre rimedio alla mia sbadattagine ed alla mia sfiga. Le cuffie e la corsa però mi impediscono di sentire le sue urla d'avvertimento. Il signore non si perde d'animo, scatta che manco Usain Bolt e raccoglie i 150 euro prima che finiscano in mani meno generose ed oneste. Mi insegue a rischio d'infarto sventolando i soldi al suon di "giuvinoooo...e' sord".

Fortunatamente per me il treno porta qualche minuto di ritardo (ma va?) e, resomi conto del non sense di quella corsa, mi fermo. A quel punto una mano sulla spalla mi invita a girarmi: il volto un po' affaticato dallo sforzo e riempito con quella classica espressione alla "che te possino...". "Giuvinò avete perso..eh eh eh...avete perso ehhhh sord" mi dice il vecchietto mostrandomi il malloppo recuperato. D'istinto mi metto la mano in tasca: c'è il vuoto seguito dal senso di sollievo e gratitudine. In treno mi ripromisi di scrivere di quell'evento così raro e positivo. Rimando dopo rimando, però, sono passati gli anni ed il plauso sacrosanto a quel vecchino anonimo non è arrivato prima di oggi. Ho deciso di raccontare questo episodio (sicuramente eccenzionale non solo per Napoli ma per qualsiasi metropoli al mondo) proprio a causa delle ultime, deprimenti e strumentali polemiche montate ad arte sullo scippo subito dalla "povera" fidanzata vip di turno.

Nei giorni scorsi, come oramai sanno anche i muri sordi, ha fatto fin troppa notizia il furto subito dalla fidanzata di uno dei calciatori del Napoli. Dopo Hamsik e Cavani, ora è Lavezzi a fare i conti con i lati oscuri di una città particolarmente popolosa ed eterogenea. La compagna del Pocho, dopo essersi sfogata su twitter in preda ad un palese raptus incontrollabile ed aver definito Napoli "una ciudad de mierda", arrivando addirittura a minacciare la partenza dell'argentino, si è pentita ed ha chiesto pubblicamente scusa. Naturalmente, buona parte dei giornali e degli antinapoletani più convinti hanno deciso di prendere in considerazione solo lo sfogo (comprensibilmente isterico) della ragazzina, ignorando completamente la seconda parte della comunicazione. A questo punto trovo offensivo per l'intelligenza di chi legge far notare che Napoli non è la città dove la gente ti riporta i soldi quando li perdi o dove se giri con un rolex d'oro in posti non proprio centrali vieni derubato sempre e comunque.

Napoli è una metropoli multietnica e spesso effettivamente infangata dai comportamenti dei Napoletani stessi. Ma Napoli è anche una città che ha patito infinite sofferenze ed ha regalato infinite gioie e motivi di vanto all'intera penisola. Se proprio vogliamo fare un report di tutti i furti subiti dai "poveri" calciatori nelle altre parti d'Italia mi viene in mente giusto qualche esempio

Vucinic derubato rolex a Torino
Del piero derubato in villa a Torino
Marco Motta Derubato in villa a Torino
Massimo Mauro derubato 2 volte a Torino
Brehme derubato rolex a Milano
Luca Antonini derubato rolex a Milano
Cristian Vieri Derubato Rolex a Milano
Heinze Derubato in Villa a Roma
Riccardo Montolivo Derubato in villa a Firenze
Nicola Pozzi derubato in villa a Genova
Gianluca Curci derubato in villa a Genova
juan guilherme derubato in villa a Roma

Con la lista potremmo scriverci un libro ed allegare la classifia delle città meno sicure d'Europa pubblicata dal noto portale Tripadvisor nel 2009. Tra i primi posti, udite udite, non figura Napoli ma altre grandi città come Roma, Barcellona, Parigi, Madrid, Milano ecc...in particolare la nostra capitale (meravigliosa ed eterna), figura addirittura al secondo posto dietro a solo a Barcellona. Questo cosa significa? Che gonfia strumentalmente ogni bad news che riguarda il capoluogo campano ha decisamente in malafede. E poi in effetti è vero: Napoli, il Napoli calcio, fa sempre più paura a chi spera che i suoi campioni la abbandonino per motivi non legati al mondo del pallone.

 
 
 

Lettera aperta del Presidente del WWF Caserta al Sindaco Del Gaudio

Post n°236 pubblicato il 27 Novembre 2011 da eccelso86

Al Sindaco di Caserta
Dott. Pio Del Gaudio
p.c. agli Organi di Informazione
Oggetto: Lettera Aperta – Richiesta di incontro su "La ZTL a Caserta, le proposte del WWF"

Gentile Sig. Sindaco,
il WWF Caserta dalla sua costituzione nel lontano 1983, indipendentemente dal colore politico delle amministrazioni che si sono succedute, tra le sue numerose attività nel campo della conservazione ambientale, informa e sensibilizza a favore della pedonalizzazione del centro storico di Caserta. Inutile elencare le veementi critiche, spesso esageratamente energiche, delle persone o organizzazioni ostili “ideologicamente” all’isola pedonale ed alla ZTL. Sta di fatto che, anche se a fatica, piccole, ma tangibili conquiste siamo riusciti ad ottenerle in cambio di grandi riscontri, anche da parte delle persone inizialmente più sfavorevoli ( es: Via Mazzini, Piazza Duomo, Via San Giovanni e parzialmente Via San Carlo). La nostra posizione non è “ideologica” né tantomeno dettata dal libro dei sogni: la salute dei cittadini, nelle zone urbane ad alta densità di traffico, è continuamente messa a rischio dallo smog, dalle polveri sottili, dal benzene e dal rumore e non è un caso che i PQU (Piano di Qualificazione Urbana) di molte città italiane ed europee, al di sopra dei 40.000 abitanti, fondano la valorizzazione e lo sviluppo socio-economico dei centri urbani, partendo proprio dall’assioma isola pedonale e ZTL.

E’ in quest’ottica, e facendo tesoro delle esperienza di altre amministrazioni, che proponiamo il seguente action plan da condividere con istituzioni, associazioni dei commercianti e cittadini: solo con la condivisione piena di tutte le componenti che costituiscono il nostro vivere civile, si può perseguire l’obiettivo di “riconquista” di una città vivibile. Lo scontro ideologico, costruito negli ultimi tempi, ha come unico risultato quello di lasciare Caserta in fondo alla classifica nazionale della vivibilità urbana.
Al fine di realizzare una ZTL vivibile e che tenga conto delle esigenze di tutti, mettendo al primo posto la salute dei cittadini, riportiamo di seguito le nostre proposte:

1. Reggia nella ZTL: attualmente sono pochissimi i turisti che, oltre a visitare il Parco e le stanze della Reggia, si affacciano “timidamente” nel centro storico di Caserta, eppure è lì, a poche decine di metri. Attualmente, per essi l’accoglienza quando entrano a Caserta è vicina allo zero. Per far diventare Palazzo Reale davvero parte integrante della città, dovrebbero essere istituite navette il cui biglietto deve essere incluso in quello d’ingresso alla Reggia; le suddette navette devono condurre i turisti nelle strade “vanvitelliane” di Caserta, a completamento del percorso storico-culturale in modo da concludere la visita della ns. città con una piacevole passeggiata-shopping. Un’alternativa simpatica, per chi preferisce passeggiare, potrebbe essere quello di suggerire l’uscita dal Parco su via Giannone, ovviamente senza abbandonare i turisti a se stessi; a tal fine, si potrebbe immaginare di realizzare una mappa della città da distribuire presso la biglietteria, che riporti le indicazioni di un percorso storico,culturale,gastronomico e di eventi ( vedi punto 4 ) e di conseguenza commerciale.

2. Allargare la quota di mercato: attualmente il centro storico di Caserta punta
prevalentemente sull’utenza locale e/o di passaggio occasionale. Nessun percorso è stato mai strutturato per il turismo congressuale e per quelle decina di migliaia di visitatori del complesso vanvitelliano.

3. Caratterizzazione del centro storico e del relativo commercio: attualmente, al di là delle “firme importanti”, diffuse ovunque, non c’è caratterizzazione del marketing del centro storico. Per esempio, le sete di San Leucio sono famose in tutto il mondo; nel centro storico non c’è un info point o un punto commerciale di questo prodotto unico oltre che famoso. Idem dicasi per i prodotti eno-gastronomici casertani e dell’artigianato.Gli orari di apertura degli esercizi commerciali dovrebbero meglio rispondere alle esigenze dei potenziali clienti: analogamente a quanto avviene nei centri commerciali - Campania, Vulcano Buono, etc.- ; bisognerebbe adottare fasce orarie di apertura flessibili, giorni festivi inclusi, in modo da decongestionare anche il traffico nelle ore di punta (apertura e chiusura degli uffici e delle scuole). A completamento sarebbe auspicabile un adeguato arredo urbano (panchine, fioriere, ecc.) per rendere ancora più accogliente il “salotto buono” di Caserta.

4. Eventi culturali–musicali-sportivi-ecologici: bisogna arricchire di eventi la ZTL, iniziando con la calendarizzazione delle giornate ecologiche, in modo da consentire ai cittadini casertani, e ai i turisti che attualmente “sfiorano” la città, di entrare nel centro storico per poter poi usufruire delle opportunità commerciali e ricreative che esso offre.

5. Parcheggi periferici, tariffe agevolate e servizi navetta: dal punto di vista della mobilità, Caserta è una città ad una sola dimensione : l’autovettura privata. Per incentivare la mobilità collettiva, è necessario offrire una reale alternativa. Attualmente alcuni parcheggi periferici sono regolarmente disertati o per mancanza di percezione di sicurezza, o addirittura , perché non sono conosciuti e/o dimenticati. Un'adeguata cartellonistica luminosa agli ingressi di Caserta aiuterebbe i turisti a trovare facilmente i parcheggi , evitando così di ingolfare inutilmente il centro storico. I parcheggi, a loro volta, devono essere collegati con navette che, viste le ridotte dimensioni della parte storica della città, potrebbero fare il giro del centro e condurre alla Reggia o viceversa, senza soluzioni di continuità. Le tariffe potrebbero essere eventualmente agevolate per chi fa acquisti (rimborso del biglietto ecc.).
Questa progettualità non può prescindere dalla chiusura al traffico anche di tutta Via San Carlo, strada più antica di Caserta, a storica vocazione pedonale anche perché priva di marciapiedi, oltre ad essere quella che meglio caratterizza le tradizioni commerciali della nostra città.
Immaginiamo , inoltre, che le navette siano elettriche, che la cartellistica, illuminata a LED e alimentata con pannelli fotovoltaici e che le mappe informative siano stampate su carta riciclata. Ma ci rendiamo conto che non possiamo pretendere tutto insieme!
In attesa di incontrarLa per un confronto sereno e costruttivo, che da sempre caratterizza la nostra collaborazione, voglia gradire cordiali saluti, a nome di tutto il WWF Caserta.
Caserta, 26.11.2011 Il Presidente del WWF Caserta

 
 
 
Successivi »
 

FACEBOOK

 
 

Piccoli momenti di "gloria"

Collaborazioni importanti

Mi trovate anche sul meraviglioso blog

Ibridamenti

 

Ultimi commenti

Ultime visite al Blog

MAN_FLYLorenzAdd1979ottavia4Ardat_Lilibaby75dgl3elisa.r79rosangel70posmicheleciaobettina0cassetta2ugo43lolatarantinoaldo.giornoa64autogaragevillaMERAVIGLIOSA.LU
 

I miei Blog Amici

- Castello misterioso
- musicology..."chitarrista appassionato"
- Rattopennugu..troppo forte
- Mondo Alla Rovescia
- Malvagità Paradossa
- IL NOSTRO VIAGGIO
- SECONDA OPPORTUNITA'
- Monologhi sparsi
- Tra le mie parole...
- Bimba Cattiva
- Sipario...
- ArroNet
- Basita, ma viva...
- FRAMMENTI....
- Sale del mondo....grandioso
- DRUGO...
- La musica del Drugo
- peripezie mentali
- Pensieri digitali..geniale
- ARS RIDENDI
- Oniricamente...meraviglioso
- JoEs DeLiRiUm
- unamora...unamoredidonna
- OBLÒG...inimitabile
- Uncanny X-Men
- Sarcastica Mente
- la moscacieca...grandioso!^^
- Sdoppiamo Cupido
- Valle dei pensieri
- Around my heart...interessante^^
- BLA BLA BLA...simpatico e irriverente
- LAIF IS... NAU!..donna meravigliosa
- Luomo illustrato...incredibilmente interessante
- storia-mito...incredibile
- A DIFFERENT VIEW...a different kind of woman
- Heartbeat City...un matto esplosivo come me
- Maxsos Blog...mitico max
- Time out & friction..grandioso
- Solo Max...solo unamico^^
- LA MIA VITA...un mito
- fioredilotho...da leggere, semplicemente!
- POSSO FARE STA VITA?..ce lo chiediamo un po tutti^^
- nuvola viola...il mondo tinto di viola
- Il Cinico...stronzo quasi quanto me
- Io e ... basta!
- LAcchiappa Guru..dovreste leggerlo tutti
- Projectology...mezza matta troppo simpatica
- GESU!!!
- Pensieri in libertà
- Essenza di vita
- ..Uomini...imperdibile
- A Ruota Libera...a mente libera
- VOMITO SUBITO...di una donna che sa scuotermi sul serio
- AcquerellO...pensieri diluiti di una donna profonda
- DICI BASTA...un blog per tutti quelli che non ci stanno
- Ora Basta...una che ha deciso di reagire, come me
- IL RITORNO DI ESTIA...bella Antonellona mia
- tuttiscrittori...uno dei miei blog preferiti!!!
- FUORI IL ROSPO!Mi piace come scrive sta ragazza^_^
- sogni incurabili...il blog di una collega, ma già realizzata!!
- GF delle ArabeFelici...la mia casa virtuale
- Collante Eiaculato 2..il blog del mio mitico compagno di banco
- vAtTeNe! La mia dolce/matta preferita
- non cerco nessuno...laltra mia mamma adottiva;
- A proposito di...il blog di un altro me
- La Morbida Parata...fratm^_^
- My world...un blog da leggere
- ECK, come non detto...un angelo custode
- MY REVENGE...una che non si arrende mai
- Pezzi di puzzle...foto meravigliose
- * mirea8 *...simpatica, punto;
- Lolita a 360°..ex nemica;
- Job and the city..voi dategli unocchiata e vedrete