LA MAGIA DEL SOLE

UN POSTO SEMPLICE E ACCOGLIENTE PER CONDIVIDERE UN PO DI ME!

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ercolale
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 42
Prov: SI
 

L'ANGOLO DELL'OTTIMISMO

PERNON DIMENTICARE DI RISPETTARE IL MONDO...

PER TENER PRESENTE CHE COS'E' LA VITA...

PER NON DIMENTICARCI DELL'AMICIZIA VERA...

PER NON DIMENTICARCI DI DONARE LA NOSTRA VITA PER I FRATELLI...

PER NON FARCI SFUGGIRE TUTTE LE PICCOLE EMOZIONI DI OGNI GIORNO...

 

CARAVAGGIO: LA FOLLIA E LA MAGNIFICENZA

Amor Vincit Omnia è un dipinto ad olio su tela di cm 156 x 113 realizzato tra il 1602 ed il 1603 dal pittore italiano Caravaggio. È conservato al Staatliche Museen di Berlino.

Questo quadro il cui titolo è derivato dalla locuzione latina Amor vincit omnia, Amore trionfa su ogni cosa - è stato eseguito su commissione di Vincenzo Giustiniani che lo pagò 300 scudi. Per questa opera posò Cecco Boneri, giovane garzone di Caravaggio che poi diverrà a sua volta pittore.

La figura agile e scattante del fanciullo è rappresentativa della predilezione dell'artista per i giovani scugnizzi dei vicoli napoletani che spesso animano, come modelli, le sue tele. Dal punto di vista iconologico, l'immagine simboleggia la vittoria dell'amore sulle arti, qui rappresentate dallo spartito, dai libri e dagli strumenti musicali disposti in pittoresco disordine ai piedi del ragazzo.

La luce potente, ed esaltata dal tipico fondale scuro, ha lo scopo di individuare e definire ogni singolo particolare anatomico.

immagine

 

L'ANGOLO DI FRA'

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 15
 

ULTIMI COMMENTI

ULTIME VISITE AL BLOG

paperinopa_1974vincenzo.digiovannistrong_passionboscia.maraiuginiuskety_73sidopaultinuzza1ercolaleLAGIOSTRAIAnappofrancesco51francesca.iezzagiugno56SONASE
 

TAG

 

I MIEI VIAGGI: FATTI,RIFATTI E DA FARE!

Il viaggio sognato... spero un giorno di poterci andare per vivere li la magia del Natale e ritornare bambina!
giugno 2006 - carina, piena di ricordi e affetti mancati troppo presto!
APRILE 2005 -Primo viaggio tutti insieme tra l'Italia in Miniatura,Fiabilandia e il Parco Oltremare il momento più emozionante l'abbiamo vissuto al delfinario. I DELFINI SONO DEGLI ANIMALI SPLENDIDI CHE INONDANO IL CUORE DI UN DESIDERIO DI LIBERTA'
AGOSTO 2005 - piu che estate sembrava autunno inoltrato abbiamo preso di tutto infezione agli occhi, bronchite.. era meglio stare a casa
AGOSTO 2006 - Posto magnifico, un angolo di paradiso vale la pena andarci.
Un'altra meta sognata... magia parigina e divertimento all'Euro Disney. Devo andarci per fare un giro su bateux-mouche e ritornare tanto bambina alla parata dei personaggi disney
 

I MIEI LIBRI

ANIMA MUNDI
di SUSANNA TAMARO
Camminando, pensavo al lungo anno trascorso insieme, alla sua mano con i semi dentro, alla sua gioia e alla sua durezza. Pensavo al caso che aveva fatto incontrare le nostre vite, al fatto che, forse, fin dal momento della mia nascita, io ero destinato ...
IL CAMMINO DI SANTIAGO
di PAULO COELHO
Lo straordinario risiede nelle persone comuni
LA TESTA TRA LE NUVOLE
di SUSANNA TAMARO
Allora io iniziavo a parlare, parlavo non raccontandogli i fatti della mia vita, cose che non l'avrebbero interessatO ...
L'ACHIMISTA
di PAULO COELHO
Impara ad ascoltare il tuo cuore: è l'insegnamento che scaturisce da questa favola spirituale e magica.
NAPOLIDE
di ERRI DE LUCA
Chi nato a Napoli si stacca, perde la cittadinanza. E' napòlide. Porta nel sistema nervoso un apparecchio cercapersone messo dalla città in ognuno dei suoi...
VERONIKA DECIDE DI MORIRE
di PAULO COELHO
Veronika, pur avendo una vita normale, non è felice. Ecco perché decide di morire,
 

 

RITORNO AL PASSATO

Post n°149 pubblicato il 03 Settembre 2012 da ercolale

MIO DIO SONO RITORNATA IN QUESTO MIO BLOG DOPO 4 ANNI .... MI HA FATTO QUASI IMPRESSIONE LA MIA VITA FERMA LI E 4 ANNI ANDATI DA SOLI.... MAH NEANDCHE VOGLIO RACCONTARMI DICO SOLO SAREBBE BELLO SE TUTTO SI FOSSE FERMATO E POI RIPRESO.....

 

 
 
 

rieccomi

Post n°148 pubblicato il 26 Agosto 2009 da ercolale

DOPO UNA LUNGA ASSENZA SONO TORNATPR RVI UNA BELLA NOTIZIA...

 

IL 12 AGOSTO 2009 ALLE 121.10 E' NATO IL MIO TERZO BAMBINO , SIMONE UN CUCCIOLO DI 3,600 E LUNGO 52 CM PIENO DI CAPELLI!!!!

 
 
 

tutte a me

Post n°147 pubblicato il 07 Maggio 2009 da ercolale


Il giorno 29 aprile verso le 11 ho sorpreso il sig. Lan fotografare il mio balcone.Pensando a voce alta e sostenendo che la persona su citata non avesse problemi che gli frullassero per la testa.Il tale Lan ha capito che gli volessi rompere la testa e mi ha invitato a scendere da lui per farlo.... (IL SIGNORE SI E' MESSO IN COMPETIZIONE CON UNA DONNA TRA L'ALTRO INCITA!)Urlando dal suo terrazzo mi ha detto che prima di conversare con lui devo imparare l'educazione e mi ha minacciato dicendomi che mi avrebbe mandato i carabinieri e sarebbe andato dall'avvocato, gli ho risposto che avrebbe dovuto parlare con la proprietaria dell'immobile.Non voglio assolutamente tralasciare il motivo di tale dibattito interessante:

LO STENDERE IL BUCATO!

Un motivo per molti futili ma di grande importanze per il Lan il quale sostiene che stendendo il bucato invado la sua proprietà (non credo che si sia comprato anche il balcone e l'aria circostante!)Voglio ricordare che stendere all'interno o all'esterno del terrazzo non è un reato o una trasgressione ad una legge o tanto meno invadere la proprietà altruia meno che non sia vietato dal regolamento comunale, non credo visto che lo fanno tutti, e se tale regolamento esiste quando tutti a Via Parri toglieranno i fili lo faro' anch'io.
E' vietato quando si stende superare il piano di calpestio di chi ha steso, non puoi quindi oscurare quello che ti sta sotto.
Voglio ricordare che questa questione che sta tanto a cuore al sig. Lan è già avvenuta nel mese di dicembre : la sig. Pez, con una scopa mi ha tirato giu' gli accappatoi buttandomeli sulla strada!Inoltre sempre la stessa signora il 5 aprile alle 8.30 del mattino mi ha citofonato perchè sostiene che posso troppe volte l'aspirapolvere in casa mia !Conclusione dei fatti... le minaccie del sig. lan sono diventate realtà.Il giorno 06 maggio 2009 si sono presentati a casa i carabinieri appena mi hanno fatto vedere il distintivo gli ho detto che erano venuti per i panni stesi... e così è stato.Il giorno 07 maggio 2009 ho chiamato il maresciallo Pii il quale mi ha detto di stare tranquilla, non avevo ammazzato nessuno ma a mio carico c'è una querela motivo “HO SUPERATO IL LIVELLO MASSIMO PER STENDER I PANNI!”

 Ora vorrei che qualcuno mi spiegasse come è possibile cio' nel mondo ci sono problemi più gravi e questa persona pensa ai miei panni non ha, ripeto, niente che gli passi per la testa;- il suo tempo libero potrebbe usarlo, invece che a rompere l'anima ai vicini, facendo volontariato magari dove si possa rendere conto che la vita va oltre i panni stesi, gli uccelli che cinguettano, i cani che abbaiano, le urla festose dei bambini si perchè al signore da noia anche tutto cio'.

Comunque se tiriamo le somme dovrei fare una denuncia per violazione della privacy (ha fotografato il mio balcone) , minacce aggravate perchè fatte ad una donna incinta tra l'altro in gravidanza a rischio e poi … potrei continuare e concludo dicendo che se per caso tutto questo stress nuocia al mio stato di salute e a quello del futuro nascituro ci sarebbe una denucia per non so tentato omicidio ma si voglio esagerare come fa il signore... lo denuncerei per tentato omicidio!!

 

 

 

 
 
 

L'INGIUSTIZIA MADE IN ITALY

Post n°146 pubblicato il 17 Aprile 2009 da ercolale

 E DOPO GIORNI DI DOVEROSO SILENZIO ECCO CHE INIZIO DINUOVO A LAMENTARMI!!!

SONO SCONFORTATA O MEGLIO INCAZZATA...

MI RENDO SEMPRE PIU' CONTO CHE IN ITALIA REGNA L'INGIUSTIZIA OVVERO UNA GIUSTIZIA CHE TALE NON E'...

NON SI PUO' ANDARE AVENTI COSI' CHI COMMETTE UN OMICIDIO DOPO 4 ANNI E' FUORI E CONTINUA A SCONTARE LA PENA A CASA...

PENSATE MI UCCIDONO UN FIGLIO PRENDONO IL COLPEVOLE LO CONDANNANO E DOPO 4 ANNI E' FUORI....

CHE FARESTI? SINCERAMENTE INVOGLIATA DA QUESTA NON GIUSTIZIA ITALIANA UCCIDEREI L'UCCISORE TANTO DOPO 4 ANNI ESCO!!!!

PENSATE UN UOMO DI UN CLAN UCCIDE UN UOMO... E' IN CARCERE .... HA AVUTO UN LAVORO.... (CHE PAGO ANCH'IO CON LE TASSE TRATTENUTE DAL MIO STIPENDIO) A PASQUA E NATALE LO STATO ITALIANO LI DA LA POSSIBILITA' DI VEDERE LA COMPAGNA E FIGLI METTE A LORO DISPOSIZIONE UNA CASA POPOLARE (CHE PAGO ANCH'IO CON LE TASSE TRATTENUTE DAL MIO STIPENDIO)... INTANTO LO STATO TRAMITE NOI POVERI SCEMI PAGA LUI PER IL LAVORO VITTO E ALLOGGIO E IL CLAN MANTIENE COMPAGNA E FIGLI!

BELLO VERO!!!

QUESTE COSE FANNO INCAZZARE NOI POVERI COMUNI MORTALI E PENSATE QUEI POVERINI CHE SUBISCONO IL TORTO E SPERANO NELLA GIUSTIZIA!!!

 
 
 

rieccomi....

Post n°145 pubblicato il 01 Aprile 2009 da ercolale

ECCOMI DINUOVO QUI DOPO TUTTI QUESTI MESI.

CHE DIRE SONO STATA SENZA COMPUTER MA ANCHE SE L'AVESSI AVUTO CON UN ALTRO BAMBINO E' TUTTO PIU' COMPLICATO... IN PIU A DICEMBRE HO RIPRESO A LAVORARE E A GENNAIO MI SONO ACCORTA DI ASPETTATE UN ALTRO BAMBINO ( UN ALTRO MASCHIO E CON QESTO SIAMO A TRE!!!) QUINDI NON MI SONO PER NIENTE ANNOIATA DA NOVEMBRE STRESSATA SI!

VOI COME STATE? SPERO TUTTO BENE E SPERO CHE CONTINUIATE A SEGUIRMI!!!

BACIONI A TUTTI

 
 
 

VENERDI 17....

Post n°144 pubblicato il 17 Ottobre 2008 da ercolale
 

 
 
 

E POI LA CHIAMANO SCUOLA....!

Post n°143 pubblicato il 01 Ottobre 2008 da ercolale
 

Il giorno 26/09/2008 tornati a casa da scuola mio figlio si lamenta di un dolore ai genitali (già manifestato la sera precedente, controllato visivamente non aveva nulla), accompagnato in bagno mi accorgo che ha i genitali gonfi e violacei. Gli chiedo cosa fosse successo e mi spiega l’accaduto.

 

“ STAVAMO GIOCANDO A WRESTILING, ERAVAMO DUE SQUADRE (SEI BAMBINI), MI HANNO BUTTATO IN TERRA E DATO CALCI E PUGNI AL PISELLINO, LA MAESTRA ERA CON I PICCOLI E QUANDO GLIELO HO DETTO NON MI HA ASCOLTATO.”.

 

Il bambino è portato immediatamente dalla pediatra che lo visita e conferma un edema ai genitali dovuto ad un forte trauma procurato probabilmente uno due giorni prima, anch’ella gli chiede come e cosa fosse successo e il bambino ripete la stessa storia detta ai genitori. La dottoressa, in data 26.09.08, rilascia un primo certificato consegnato il 27/09/2008 (il suddetto certificato era incompleto in quanto mancava la prognosi, sicché se ne farà un altro il 29/09/2008 e consegnato il 30/09/2008 per motivi d’orario).

Il 29/09/2008 incontro il dirigente il quale mi dice che parlerà con l’insegnante.

Il giorno 01/10/2008 ho il confronto con l’insegnante alla presenza del dirigente. L’insegnante si giustifica, con modi pochi educati,che il bambino non avendo detto nulla, il fatto non è accaduto.

La parola di mio figlio viene messa in dubbio anche perché l’insegnante, chiedendo ad un altro alunno si è fidata ciecamente di quest’ultimo il quale le ha detto di non aver visto il calcio dato.

Vorrei capire “ PERCHE’ CREDERE AD UN BAMBINO E CONSIDERARE L’ALTRO FOLLE?E SOPRATTUTTO PERCHE’ CREDERE AL BAMBINO CHE DICE LA VERITA’ CHE FA PIU’ COMODO?”

Viene messa in dubbio anche il nostro comportamento e la nostra correttezza ( nonché la parola ,la professionalità di un medico), avanzando ipotesi che il bambino si sia fatto male in un ambiente diverso da quello scolastico…

Quindi mio figlio si fa male il 25/09/2008 in mia presenza, si fa male una parte del corpo così delicata io madre snaturata lo porto il giorno successivo dal medico, poi decido di dire, tanto per trascorrere il tempo, che si è fatto male a scuola… non avevo e non ho alcuno interesse, non ho chiesto neanche il risarcimento all’assicurazione quindi non ho architettato tutto questo né per una questione economica né per manie di persecuzione verso qualcuno.

Durante l’incontro con l’insegnante mi sono sentita dire che soffro di allucinazioni e che sono una bugiarda. Quindi oltre il danno la beffa.

Penso di essere una persona educata, ho espresso le mie perplessità e preoccupazioni in maniera tranquilla e con estrema correttezza ed educazione sia con il dirigente che con l’insegnante.

Questo scritto pone fine ad un episodio accaduto a scuola ( anche se si sostiene il contrario) e alle  tante parole che lo hanno circondato.

Non abbiamo, ripeto, mai chiesto nulla volevamo solo essere sicuri che questi bambini più agitati (fra i quali mio figlio) vengano più controllati in quanto più imprevedibili e ci auguriamo che episodi di questo tipo non accadono mai più.

Mi scuso per la mia preoccupazione e ansia.

                                                                                 

 
 
 

PER FRANCESCO E PER CRISTIANO

Post n°142 pubblicato il 24 Settembre 2008 da ercolale

SPERIAMO CHE NOI PICCOLI GENITORI ABBIAMO CONTRIBUITO ALL'INIZIO DI QUESTA FELICITA' ...

 FELICITA' SAPPIATELA CUSTODIRLA NEL CUORE ANCHE DA GRANDI... VI AMIAMO

 
 
 

LE MIE GIORNATE

Post n°140 pubblicato il 14 Settembre 2008 da ercolale
 

 
 
 

per non dimenticare ....

Post n°139 pubblicato il 11 Settembre 2008 da ercolale
 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: ercolale
Data di creazione: 26/04/2007
 

I MITI DI NAPOLI!

A'LIVELLA: SCUOLA DI VITA!                                                  

QUESTO VIDEO E' PER TUTTE

QUELLE PERSONE ARROGANTI

PIENE DI SE' CHE VIVONO UNA VITA CON I PARAOCCHI

PENSANDO CHE ESISTONO SOLO LORO AL MONDO

SE LE AVESSI DAVANTI A ME 

LI DIREI DI FERMARSI UN ATTIMO

E GUARDARE ALTRE LA PUNTA DEL LORO NASO,

DI GUARDARE OLTRE LA LORO ARROGANZA

PERCHE' LA MORTE E NON SOLO E' UNA LIVELLA

SIAMO TUTTI MA PROPRIO TUTTI

SULLO STESSO PRECIPIZIO!

'O SSAJE COMME FA 'O CORE

Tu stive 'nzieme a n'ato
je te guardaje
primma 'e da' 'o tiempo all'uocchie
pe' s'annammura'
già s'era fatt' annanze 'o core.
A me, a me
'o ssaje comme fa 'o core
a me, a me
quann' s'è annamurato.

Tu stive 'nzieme a me
je te guardavo
comm'è succiesso, ammore
ca è fernuto
ma je nun m'arrenn'
ce voglio pruva'.
Je no, je no
'o ssaje comme fa 'o core
je no, je no
quann s'è sbagliato.

 

LA CUCINA E I SAPORI DEL CUORE

So’ doje sore: ‘a riccia e a frolla.
Miez’a strada, fann’a folla.
Chella riccia è chiù sciarmante:
veste d’oro, ed è croccante, caura, doce e profumata.
L’ata, 'a frolla, è na pupata.
E’ chiù tonna, e chiù modesta, ma si’ a guarde, è già na festa!
Quann’e ncontre ncopp’o corso t’e vulesse magnà a muorze.
E sti ssore accussì belle sai chi so’?
So’ ‘e sfugliatelle!
                                         

“Mamma”  è ‘a primma parulella
ca riuscimmo a pronunzià.
Ma ‘a siconna è assai chiù bella
Papà, babbo? No: babà.
 ‘O babà nasce polacco,
nuje l’avimme migliorate.
Sì, ce piaceno ‘nu sacco
chisti dolce lievitati
inzuppate dint’o rrumme,
fatte a form’e fungetiello.
I che gusto, e che prufumme!
Né babà, quanto si’ bello!

 

L'ALTRO LATO DELLA MEDAGLIA

Cuore, labbra, mani
immagine
(Liturgia mozarabica spagnola)

Metti, Signore, nei nostri cuori desideri che tu possa colmare.
Metti sulle nostre labbra preghiere che tu possa esaudire.
Metti nelle nostre opere atti che tu possa benedire.
 

WWW.MSF.IT

WWW.AMNESTY.IT

WWW.UNICEF.IT

WWW.FONDAZIONEELENASAPIO.ORG

immagine

 

COPIA QUESTO BANNER NEL TUO BLOG

Quest'uomo si chiama Mohamed Hegazi.
Ha 25 anni. E' stato condannato a morte in Egitto per essersi convertito al cristianesimo ed essersi fatto fotografare con il Vangelo in mano.
Nessuno ne parla.
Solo tre blogger di libero hanno postato a riguardo:carinci, redazione_blog e stelladanzanteforeve.
SVEGLIATEVI!!!
E' una battaglia di civiltà!
Invocare il rispetto della civiltà in un Paese a noi così vicino significa difendere la CIVILTA' per noi e per le generazioni future

 
 

IL POSTICINO DELLA SPIRITUALITA'

La preghiera del creato

Se ascoltate i boschi e le montagne nella quiete della notte,
li sentirete dire in silenzio:
"Dio nostro, è nostra volontà ciò che tu vuoi.

E' nostro desiderio ciò che tu desideri.
E il tuo comando trasforma le nostre notti,
che sono le tue notti,
in giorni che sono i tuoi giorni.
Non possiamo chiederti nulla, perché conosci i nostri bisogni,
prima ancora che essi nascano:
il nostro bisogno sei tu; e nel darci te stesso, ci dai tutto".

immagine

Le ali degli angeli

immagine

"Cos'è quest'uomo
perché Tu, mio Dio,
l'abbia fatto poco meno degli angeli?" (Sal 8)
Le sue ali sono di zucchero filato
i cieli a cui l'hai destinato
sono di latte e miele
mentre la tenerezza
con cui l'hai plasmato
l'ha reso per sempre
vulnerabile al Tuo amore.
Mi accascio e mi rialzo,
piango e subito abbozzo un sorriso,
provo rancore mentre anelo la pace
sono deluso e intanto spero
mi rifugio impaurito
e sospiro l'avventura...

Per quali cieli
m'hai destinato mio Dio?
E cos'è quest'interminabile sfida,
che accompagna il mio respiro
e perché un 'impalpabile ragnatela
basta ad imbrigliarmi le ali
per non farmi tornare a casa?
Cos'è quest'uomo mio Dio
perché Tu l'abbia voluto
malato per sempre d'amore?

Io lo so, Signore:
so chi ha intessuto le ali degli angeli.
Conosco il telaio e l'ordito
usato per ricamarci il loro volo.
Riconosco l'impronta di quella mano
nel mistero che sono
perché nulla mi sazia
in questo misero orizzonte,
nulla m'acquieta
in questo spazio di tempo
che mi separa da Te.

 immagine

 

.....