Creato da lacky.procino il 07/05/2010

A MODO MIO

Guardo, Leggo, Sorrido E,

 

Una giornata di ordinario silenzio/assenso. Caos.

Mattino. Scendi le scale. Porti la spazzatura nei bidoni differenziati. In ognuno ci sono rifiuti di ogni tipo. Esci in strada. Le strisce pedonali occupate da un Suv.

Lo aggiri. Attraversi. Fermata dell'autobus. Auto parcheggiate sull'area di sosta del mezzo pubblico. 15 metri a destra per trovare un varco e salire.

Un fumatore in attesa butta il pacchetto vuoto sul marciapiede. Nell'autobus rubano un portafoglio a una signora. Osservi, taci.
E se avesse un coltello?

Attraversi una piazza. Cani che cagano su un prato riservato ai bambini. Semaforo rosso, in mezzo alla strada una buca. Un motociclista potrebbe ammazzarsi.
Qualcuno avvertirà i vigili, io no.
Bar. Frasi nell'aria: "Mister B. e la giustizia a orologeria", "Di Pietro terrorista".
Perché discutere?
Tossisci, prostitute, trans, bimbi schiavizzati in esposizione, l'aria è irrespirabile.
Qualcuno ci penserà, io no.
Apri una busta della banca. Il tasso di interesse è ridotto allo 0,1%. Per il mutuo sull'appartamento il tasso è invariato al 9%. In ufficio non hanno rinnovato

il contratto a venti colleghi a tempo determinato. I dirigenti sono al loro posto. Il Senato approva il processo breve. Napolitano scrive una lettera alla vedova Craxi:

"Pagò con durezza senza eguali".
Latitante, non un giorno di prigione e miliardi rubati agli italiani: durezza senza eguali?
Un tuo conoscente è morto sul lavoro, scivolato da un tetto. Nessuno lo ricorda, era solo una brava persona.

Poste, coda di ore. Un pagamento alla Agenzia delle Entrate di 35 euro per una contestazione sul calcolo delle tasse di tre anni prima.

Dal vetro, sporco, degli uffici postali intravedi una Ferrari. Un pensionato spiega a un altro che lo Scudo Fiscale ha fatto rientrare i capitali in Italia.

Loda Tremonti. Sai che i soldi non sono rientrati, che sono capitali di mafiosi, di corrotti e di evasori totali ripuliti con il 5% allo Stato. Guardi avanti a te. Paghi.
Metropolitana. Un bambino di forse cinque anni suona il violino. Chiede la carità. La gente guarda sopra. Domani ci sarà un altro bambino schiavo al suo posto e,

nessuna autorità in giro.
Cammini verso casa. Costeggi il fiume a piedi. Sulle rive, cassette di frutta e sacchetti di plastica. L'acqua di colore nero brunastro.
Chi sarà ad inquinare? Qualcuno interverrà, io no.

Uno scivolo per portatori di handicap è occupato, come tutti gli altri a vista d'occhio. Nel prato di fronte a casa ci sono delle gru. Uno stabile di venti piani.

La luce non entrerà più dalla tua finestra.
Accenderai la luce.
Ma, ora la spegni, è tardi.
La tua giornata di ordinario silenzio/assenso è finita.

 
 
 
Successivi »