Community
 
kidgloves
   
Creato da kidgloves il 03/12/2005

SenzaFiltroBlog

Che poi, con nonchalance...

 

 

Vai a trovare la zia Jessica Fletcher

Post n°618 pubblicato il 15 Luglio 2008 da kidgloves

Cugina Sally Fletcher: "Pronto Mike?"
Cugino Mike Fletcher: "Sì?"
Cugina Sally Fletcher: "Ciao, sono Sally. Senti, vai tu questa volta a trovare la zia Jessica a Cabot Cove?"
Cugino Mike Fletcher: "Risponde la segreteria telefonica di Mike Fletcher, sono momentaneamente assente, lasciate un messag..."
Cugina Sally Fletcher: "Deh, Mike, non fare il coglione, tocca a te questo giro."
Cugino Mike Fletcher: " Ma cazzo Sally, io ci sono già stato quando avevo cinque anni e quel cazzone di sceriffo Amos Tupper mi ha incriminato per omicidio... che poi, non è appena stato tuo fratello John a trovare la zia?"
Cugina Sally Fletcher: "Sì, ma appena arrivato a Cabot Cove l'hanno coinvolto in una rissa e l'hanno ammazzato!"
Cugino Mike Fletcher: "Ma con lui non c'era anche nostra cugina Sara?"
Cugina Sally Fletcher: "Sì, ma appena entrata in casa della zia, zacchetè... un malvivente che voleva far fuori la zia, l'ha scambiata con Sara e le ha spaccato in testa il vaso in cui la zietta teneva il suo baobab preferito. Comunque niente di grave, non è morta..."
Cugino Mike Fletcher: "a no? come sta?"
Cugina Sally Fletcher: "è in coma."
Cugino Mike Fletcher: "a ecco, mi pareva... comunque, non erano appena stati anche la cugina Dora con il suo nuovo fidanzato Eric?"
Cugina Sally Fletcher: "Sì sì, ma appena arrivati la zia ha scoperto che Eric in realtà era un pluriomicida che aveva raggirato Dora per poterle fregare l'erdedità e così l'ha fatto arrestare. E pensa che la zia ha anche scoperto che il padre del figlio di Dora non era Eric, ma bensì Amos Tupper, nonostante non avesse neanche mai visto nostra cugina"
Cugino Mike Fletcher: "Ma pensa te... e comuqnue io non ci voglio andare. Ho anche la macchina nuova e sai cosa è successo al cugino Alfred quando è andata a trovarla?"
Cugina Sally Fletcher: "E' morto?"
Cugino Mike Fletcher: "A parte quello... prima di morire mi ha detto che aveva la macchina nuova e, a forza di dare passaggi alla zia, ha dovuto cambiare l'olio, prendere le gomme nuove, fare due tagliandi, rifare la convergenza e cambiare i filtri dell'aria. Ha speso 12mila dollari ed è stato a Cabot Cove solo una settimana. Fortuna che poi è stato testimone di un omicidio e per la paura si è impiccato, altrimenti dove li rimediava tutti quei soldi?"
Cugina Sally Fletcher: "Senti Mike, smettila di tirare fuori scuse. Questa volta tocca a te, quindi fai i bagagli e vai a trovare quella bagascia di nostra zia."
Cugino Mike Fletcher: "Senti ma... e se mandiamo la zia un mesetto a Kabul così i talebani iniziano a scannarsi tra di loro?"
Cugina Sally Fletcher: "Non dire stronzate Mike. Sai che le compagnie aeree non vogliono più imbarcare la zia Jessica da quando, durante il suo ultimo viaggio, ci sono stati tre omicidi a bordo. E una delle vittime, tra l'altro, era il cugino Robert, pace all'anima sua."
Cugino Mike Fletcher: "Chezzo, scommetto che, se avesse saputo che c'era la zia a bordo, col cazzo che si sarebbe imbarcato."
Cugina Sally Fletcher: "..."
Cugino Mike Fletcher: "Senti Sally, posso farti una domanda?"
Cugina Sally Fletcher: "Non chiedermi di mandarci qualcun'altro. Tocca a te e basta."
Cugino Mike Fletcher: "No no, va bene... solo che... mi domandavo... in quanti cazzo di cugini siamo rimasti in famiglia?"
Cugina Sally Fletcher: "Io e  te... Divertiti a Cabot Cove."

Clck.
Tut tut tut...

Ad oggi, non si hanno più notizie del cugino Mike Fletcher.

 
 
 

Come (non riuscire ad) uscire un minuto prima dall'ufficio

Post n°617 pubblicato il 05 Luglio 2008 da kidgloves

Ore 17.25. Cinque minuti al termine del lavoro.
Anrico spegne il computer togliendo direttamente l'alimentazione per guadagnare secondi preziosi (cosa per cui si maledicerà il giorno successivo visto che Windows all'avvio compirà la scansione del disco rigido nell'imbarazzante tempo di 8 minuti e 30 secondi facendo girare le balle ad Anrico già di prima mattina).

Ore 17.26. Quattro minuti al termine del lavoro.
Anrico prepara con cura una bomba fumogeno per creare un diversivo nell'ufficio e scomparire alla vista dei suoi colleghi come una tartaruga ninja .

Ore 17.27. Tre minuti al termine del lavoro.
Il telefono sulla scrivania di Anrico squilla. Dovendo per forza rispondere, Anrico imposta una tonalità di voce di dieci ottave inferiore alla comune voce umana e finge un sinistro accento rumeno/albanese cercando di far capire all'interlocutore di avere clamorosamente cannato numero. Ovviamente la telefonata è interna ed il piano fallisce miseramente visto che la ditta ove lavora Anrico non è popolata da persone totalmente dementi.

Ore 17.28. Due minuti al termine del lavoro.
La memoria di Anrico si è completamente formatta dimenticando tutti i dettagli importantissimi dell'ultima conversazione telefonica. L'indomani Anrico, durante gli otto minuti e mezzo di avvio di windows, si maledicerà nuovamente perchè "che cazzo mi aveva detto al telefono ieri sera?". Anrico cerca di riordinare la scrivania che, a giudicare dell'ordine, deve essere stata teatro dell'esplosione accidentale di  un megamagnum. Durante il riordino cerca di non incrociare lo sguardo del collega napoletano che, oltre a stargli clamorosamente sulle balle, potrebbe tentare di invitarlo a bere una birra ed attaccarglisi alle sopracitate balle per tutta la serata. Un sorriso accennato si stampa sulle labbra di Anrico mentre gli frulla in testa il simpatico coro da stadio "NOI NON SIAMO NAPOLETANI!".

Ore 17.29. Un minuto al termine del lavoro.
Tutto l'ufficio si gira verso Anrico con aria stranita. Il coro non è solo un pensiero nella sua mente, ma lo sta simpaticamente cantando a squarciagola mentre percuote ferocemente un tamburo a tracolla e spande una Union da 66 che gli è clamorosamente comparsa in mano. Alle sue spalle uno striscione inneggia ad una futura eruzione del Vesuvio. Anrico decide allora di creare  il diversivo. Prende un Dox dal peso stimato di 72 kg, lo lancia contro una finestra, sterminando, tra l'altro, due colleghi e 6 stagisti che si trovano sulla traiettoria del simpatico raccoglitore trasformatosi in asteroide e lancia la bomba fumogeno mentre tutto l'ufficio presta soccorso ai superstiti. In mezzo al fumo ed ai lamenti, Anrico si dilegua con l'abilità di predator e riesce a raggiungere il parcheggio delle macchine con un minuto di anticipo rispetto a tutto il resto dell'azienda. Passando davanti alle vetrate degli altri uffici, Anrico saluta gli stimati colleghi con il noto gesto che simula il ricevimento di un rapporto orale da parte di una prostituta conosciuta in un night di bassa lega.

Ore 17.30.
Nel parcheggio aziendale alcuni passanti si fermano incuriositi da un simpatico personaggio che, toccandosi con le mani il petto e le tasche dei pantaloni, sembra ballare la macarena senza musica. Il custode si avvicina a loro e li rassicura: "non preoccupatevi, è tutto a posto. E' solo quel coglione di Anrico che, come ogni giorno, dopo aver fatto un casino della madonna per uscire un minuto prima dal lavoro, ha dimenticato le chiavi della macchina in ufficio."

 
 
 

Ritorno alla normalità

Post n°616 pubblicato il 01 Luglio 2008 da kidgloves

Sono stato in silenzio per alcuni mesi. Non ho terminato l'ispirazione. Non mi sono cadute le dita delle mani. Non ho dimenticato come si scrive. Non ho litigato con libero e ci siamo mollati con il glorioso commiato "però rimaniamo amici, ci sentiamo ogni tanto, ti posso telefonare?". Ho solamente avuto paura. C'era qualcosa che non mi tornava. Ho avuto una strana sensazione. Come se ci fosse qualcosa che non quadrasse. Qualcosa di strano... Non so se solo io ho provato questa sensazione. Il male è stato cacciato via ed il supereroe, tornato al potere, non si è lasciato andare ai biechi trionfalismi ai quali ci aveva abituato. Dopo la sconfitta del perfido mangiatore di bambini, è stato tranquillo un paio di mesi. Non ha sfruttato subito la situazione a suo favore. E' stato quasi (rabbrividiamo) professionale. Sembrava quasi che neanche gli importasse più di sovrastare tutti dall'alto dei suoi 169 illusori centimetri. Sembrava quasi che si fosse dimenticato di essere onnipotente. E' quasi riuscito (rabbrividiamo) ad infondere un ingiustificato ottimismo, quasi simile a quello buffonesco del "alla Spagna gli facciamo un culo per qua, fidatevi". Ora, io non leggo giornali e non guardo telegiornali da circa tre settimane. Non è che per caso (la butto lì), mister "svengo ad un comizio ogni due" ha iniziato ad utilizzare la sua posizione di privilegio per, che ne so io, cose del tipo "mi faccio delle leggi per evitarmi i processi"o, per esempio, altre cose tipo"non c'entro più nulla con le televisioni però col cazzo che mandiamo rete4 sul satellite"?

Eh?

Ditemi che è successo.

Ditemi che siamo tornati alla normalità...

 
 
 

Indizi che potrebbero lontanamente farmi pensare che mi stiano scaricando...

Post n°615 pubblicato il 16 Marzo 2008 da kidgloves

Dopo attenta analisi delle passate, presenti (e purtroppo future) esperienze personali, ho iniziato a farmi una vaga idea di quali siano i comportamenti femminili nei miei riguardi che fungono da preludio per il mio scaricamento. Per dire, mi insospettisco quando:

  1. Il numero di telefono che lei mi da:
    - è "0123456789"
    - contiene anche delle lettere
    - ha solo tre cifre
  2. Il bruciore che sento negli occhi non è dovuto alla commozione ma allo spray urticante che mi lei mi sta spruzzando da mezz'ora
  3. Mi dice che l'indomani parte per Isengard e poi deve andare a gettare un anello in un vulcano
  4. Dice che purtroppo ha una malattia gravissima, le rimane pochissimo da vivere  e non vuole farmi soffrire e che, anzi, adesso che ci pensa bene, è morta ieri.
  5. Mi dice continuamente "Chi gioca in prima base? Chi! Chi gioca in prima base..." toccandosi un orecchio mentre legge un elenco telefonico
  6. Si getta nella roggia e tenta di risalire la corrente come un salmone
  7. Mentre le parlo utilizza sovente l'espressione "Anche il mio ragazzo..."
  8. Comincia a fare delle torsioni con il collo come quelle della bambina de "L'esorcista"
  9. Mi appiccica sul maglione delle caccole grandi come ufo
  10. Mentre le parlo mi da le spalle e non perchè io le possa guardare il culo
  11. Mentre formulo le mie frasi più brillanti, lei telefona, naviga in internet, scrive una lettera e si mette ad ammaestrare gatti randagi
  12. Non mi da il suo numero di telefona perchè "tanto Udine è una città piccola e vuoi che non ci reincontriamo..."

 
 
 

Quiz autobiografico

Post n°614 pubblicato il 08 Marzo 2008 da kidgloves

C'era una volta un giovine di nome Anrico. Anrico, prima di terminare gli istudi universitari, era bello, intelligente, elegante, simpatico, capellone e ribelle . Ora Anrico è sempre giovane, ma dimostra il 13% in più della sua vera età.
E' sempre simpatico ma per capire le sue battute bisogna aver fatto Analisi II.
E' sempre bello, ma solo dentro.
E' sempre intelligente, ma solo perchè sa cosa sono i logaritmi.
E' sempre capellone, se per capellone si intente "provvisto di capelli" (ma non se ne specifica la quantità).
E' sempre simpatico, se per simpatico si intende "persona che non viene criccata di mazzate per più di tre volte alla settimana".
E' sempre elegante, se i canoni dell'eleganza vengono definiti secondo i seguenti punti:

  • canottiera girocollo sotto la camicia.
  • spessore del colletto della canottiera: dai 2 ai 7 cm.
  • camicia a quadri con primi bue bottoni sbottonati per far risaltare la canottiera sottostante e per ricordarne le sue due funzioni principali:
    a) funzione anticagotto quanto ci sono gli spifferi d'aria
    b) funzione di allontanamento di esemplari del sesso opposto
  • calzone di velluto con orlo fatto dalla nonna e terminante almeno 5 cm sopra la caviglia in maniera tale che i calzini si possano intravedere anche quando si è in piedi
  • tubolare di spugna bianco lungo, ma arrotolato sulla caviglia in modo che, quando si è seduti, i peli delle gambe gracili (ma pelose) possano far capolino dai calzoni ed attirare gli sguardi erotici di ragazze arrapate, ma non vedenti
  • scarpa con le stripes o, se con i lacci, quest'ultimi allacciati con doppio nodo "che non si sa mai"
  • cintura, camicia, maglione, scarpa, calzino e canottiera rigorosamente di colori diversi ed abbinati tra di loro con la stessa tecnica che viene utilizzata quando si spargono sul tavolo i bastoncini di Shangai. In alternativa, scelta dell'abbigliamento monocromatico tendende al marrone, noto colore giovanile.
  • calzone assolutamente di 12 taglie più grande in maniera tale che le gambe, più fine di quelle di Lupin III, possano comodamente navigare nei pantaloni e creino l'impressione in chi guarda che sotto i pantaloni non ci siano due arti inferiori, bensì due trampoli.
  • cintura lunga 7 volte la circonferenza della vita che "metti che un giorno, tra 48 anni, ingrasso e mi va ancora bene"
E' ancora ribelle, se per ribelle si intende:
  • non rifarsi il letto anche se la mamma te lo ha chiesto due volte
  • lasciare squillare il telefono di casa per tre volte prima di precipitarsi al ricevitore anche se si stava facendo cose importanti come la cacca, un intervento chirugico o la dialisi. Metti che sia una donna al telefono e non che non sia la nonna che chiama per la 18esima volta quel giorno.
  • leccare il retro dell'apertura dello jogurt invece di asportare quest'ultimo con il cucchiano
  • andare a 48 all'ora con il limite di 50
  • prendere uno jogurt ed un dolce in mensa anche se teoricamente potresti prendere o uno o l'altro
  • guardare la tv fino alle 22.47
  • utilizzare espressioni come "porca vacca", "mondo birbante" e "cacchiolina" quando qualcuno ti fa incazzare

In cosa mai si sarà laureato Anrico?
Mah...

 
 
 
Successivi »
 

GNU SBRANATI IN QUESTO MOMENTO SU "GEO&GEO"

website counter
 

QUANDO C'ERA LA MUSICA...






 
SenzaFiltroBlog

Top 100 Italia di BlogItalia.it e Technorati
 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: kidgloves
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 34
Prov: UD
 
Citazioni nei Blog Amici: 88
 
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

albapn75julio5polobrmassimoxispanicoFayawaybimbayokolucasamba79francodmtlillobis0vendraminigiuseppeGERHYIABCDEFGolomor64vaccaro.christianottavia4melodia_stonata
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

Scusi ma come si commenta una cazzata simile? I pazienti si...
Inviato da: Saulo62
il 04/03/2013 alle 21:35
 
Passavo di qua.
Inviato da: piandeloa
il 05/05/2012 alle 22:17
 
questo e' davvero carino!
Inviato da: Amanda28
il 25/05/2011 alle 21:15
 
come distruggere un mito :-))
Inviato da: micia.o
il 20/09/2010 alle 08:06
 
MI-TI-CO Mi fai morire!!!!!!
Inviato da: Jenny1907
il 03/09/2010 alle 13:28