Blog
Un blog creato da xgattoconglistivalix il 10/11/2005

f

Favole e Favole mie, Versioni e ingrandimenti senza un verso, storie vere e storie mie, i miei peggiori incubi.

 
 
  Marketing ROI
 

AREA PERSONALE

 
 

LO SAI CHI È UN...

Kokopelli Kachina?

He is found in all pueblos of the southwest. A flute player, baby maker, seducer and good luck for hunters Kachina.

In ancient Indian legend, Kokopelli the flute player was the symbol of happiness and joy. He talked to the wind and the sky. His flute could be heard in the Spring breeze, bringing warmth after the winter cold.

Kokopelli embodies everything pure and spiritual about music. He was also thought of as a fertility god and traveling prankster. He would visit villages playing his flute, carrying his songs on his back. Everyone would sing and dance the night away. In the morning, when he left, the crops were plentiful and all the women were pregnant.

There are many stories of Kokopelli. One is that he is responsible for the end of winter and the coming of spring. Native American legend has it that when the Kokopelli comes playing his flute the Sun comes out, the snow melts, the green grass grows, the birds come out and begin to sing, and all the animals gather around to hear his songs. Kokopelli and his flute bring the Spring out of the Winter.

immagine

 

vai,
proteggi,
nascondi il buio,

spargi le tracce,
perché
, è x la forza
delle tue ali

che ci sarà qualcuno
che sognerà ancora,

perchè una persona
abbraccerà l'altra
che non vede l'uscita
 di un
tunnel nero,

perchè è per te,
che un pittore dipingerà
qualcosa inconsciamente,
sei il motivo per cui ci si passa un sorriso,
sei la cosa più bella che sta tra gli uomini
poveri e ricchi assieme,
felici e arrabbiati sempre,
sei ciò che l'amore suggerisce

sei l'amore che si traduce…’

 

ULTIMI COMMENTI

Iscriviti alla top30. Basta lasciare un commento con...
Inviato da: luce776
il 01/02/2012 alle 14:35
 
ma infatti...
Inviato da: elbirah
il 25/10/2009 alle 02:09
 
strepitoso...Dario Argento al confronto è un...
Inviato da: TRI_VELLA
il 16/12/2008 alle 10:18
 
sembra assurdo ritrovarsi dopo tempo e aver vissuto...
Inviato da: AracnoMania
il 26/11/2008 alle 10:02
 
sto ancora in qualche modo lottando con una persona che mi...
Inviato da: dreaming_cri
il 21/11/2008 alle 08:29
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

nottealta78botrugnosasmariomancino.mxgattoconglistivalixIlGrandeSonnodomizambianfratroilsuorograziana1989sexy_intrigopsicologiaforensetopaonskymresilvialucabatman100WIDE_RED
 

TAG

 
Citazioni nei Blog Amici: 43
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

paura

Post n°466 pubblicato il 06 Aprile 2010 da xgattoconglistivalix

sono in una pizzeria come tante, in una via che si trova sul fianco di un monte pieno di vegetazione e stradine varie, illuminazioni carine ai balconi, una bella zona.
la pizzeria è tutta rifinita con legno, un ambiente caldo, composto di varie sale.
attraversandone una vedo il pizzaiolo che sta per sfornare la mia pizza. e il cameriere aziona il dispenser di sapone proprio sopra la mia pizza e ne fa cadere con sfacciata noncuranza alcune gocce sopra la mia pizza. io mi avvicino e faccio presente che ho visto e che vorrei cambiare pizza, perchè non credo sia salutare. il cameriere un bell'uomo alto, capelli castani chiari, leggermente lunghi e barba di qualche giorno mi guarda malissimo con una luce di inequivocabile e vera cattiveria negli occhi. io ringrazio e faccio per allontanarmi con la brutta sensazione che sia tutt'altro che finita la cosa, vedo che con stizza sbatte e sputa qualcosa sopra la mia pizza. io così, per istinto, faccio per uscire dalla pizzeria ma lui mi segue, dissimula, ma io lo capisco. mi fissa e mi sta seguendo. comincia la mia paura. una paura radicata che mi spinge a correre e a cercare vie di fuga. ripasso attraverso le stesse piante e le stesse luci di poco prima ma ora mi sembrano nascondigli, soluzioni o pericolo.
comincio a sentire che non potro' scappare a lungo, ma sento un rumore, lo seguo velocemente ed è il cancello automatico, con ampie volute in ferro battuto, di una zona condominiale, mi infilo per un pelo. si chiude e lui rimane fuori arrabbiato come un demone.
suono tutti i campanelli, con il fiatone, leggo dei nomi, nessuno mi dice niente. scende una signora, le chiedo se posso salire perchè un cameriere mi segue, sono vestita male e impolverata, ho elementi che non mi rendono credibile e me ne accorgo subito. mi guarda, scuote la testa va via. e io suono ancora qualche campanello.
 
sono in casa sua, lei ha la mia età, lei mi ha creduta. e vuole provare a proteggermi. io ho ancora paura, ma mi sento poco più forte. le dico che vorrei nascondermi, ovunque e la prego di farmi nascondere perchè sono stremata e sono sicura che arriverà.
mi fa vedere una vetrinetta sotto la tv. le dico che va bene, che va benissimo, ci sto in posizione fetale, è piccolissima, ma non c'è claustrofobia, solo un senso di riposo e forse di pace. suonano il campanello, attraverso una trasparenza del mobiletto vedo. è lui. parla e sembra che non creda a quello che gli dice la ragazza che mi ha nascosta. si avvicina al mobiletto. deve avermi per forza vista. chiudo gli occhi e mi immagino la scena: lui apre e mi trova. oppure io apro e lo sorprendo distruggendolo di botte.
 
ora è a terra, ho infilato indice e medio nei suoi occhi, ho sfogato molta rabbia. molti calci. io e la ragazza che mi ha nascosta siamo affannate, ci arrabattiamo per capire come legarlo. una cinta attorno ai polsi e attorno alle caviglie, no, le dico che temo si slacci le caviglie e possa alzarsi. lui è privo di sensi e riusciamo a fare alcune ipotesi, finchè non le dico di prendere un lenzuolo, lo avvolgiamo. non potrà certo srotolarsi. semplice, efficace.
 
ora non sappiamo cosa farne. fra poco si riprenderà. potremmo chiamare la polizia. nei film lo fanno, ma qui non siamo in un film, mi immagino di raccontare alla polizia la scena della pizza. mi immagino che non crederebbero che questo mi ha inseguita nelle sterpaglie per farmi del male. e ho di nuovo paura. magari mi, anzi ora ci, accusano di  aver ferito una persona, non posso immaginarmi le conseguenze.
oppure potremmo dargli fuoco. la rabbia che mi ha fatto provare, la paura e la sensazione di essere finita, potrebbero valerne la pena. ma è giusto? e quante possibilità ho di non essere scoperta? poi omicidio sarebbe decisamente peggio... non so, non so cosa fare.
e lui apre gli occhi...

 
 
 

perdere la testa

Post n°465 pubblicato il 16 Dicembre 2008 da xgattoconglistivalix
 
Tag: incubi

siamo nel deserto, la sabbia è rossa e dorata, ma lontano c'è il mare e la sua acqua è fresca, limpida, con riflessi verdi e oro, certo è lontana, ma alle tende e alle nostre cose non baderà nessuno, certo che è un deserto, le persone sono veramente poche... andiamo a fare il bagno, portiamo le bici, a mano, magari queste ci possono servire. poi io torno prima alle tende, non so il perchè, in effetti è quasi notte. e comincia a fare freddo, dopo un pò mi raggiungono anche gli altri e constatiamo che il sole sta di nuovo scaldando, ci domandiamo se fosse solo un nuvolone quello di prima, e invece ho ragione io, è la notte che qui dura soltanto un'ora, questa è già l'alba.

ce ne andiamo, passo attraverso un suk. un accampamento nomade, non so cos'è perchè rimango agghiacciata nel vedere che in un 'negozio' ci sono due bruttissimi uomini tipo pirati che stanno minacciando un' altra persona. con delle sciabole, nere. assisto alla scena. per difendersi questa persona riesce a tagliare la testa al pirata. è un uomo grosso, scuro, con la barba, la sua testa rotola poco lontano. io ho la sensazione che tutto sia finito, estremamente male. sono sconvolta, tutto ora è diverso da prima e sento che non sarà mai più come prima. ma il corpo si muove.
allunga le mani e prende la testa. la avvicina, io non ci posso credere e ora è come se io fossi anche lui. sento la sua paura. ma continuo a vedere la scena da fuori. penso che sia uno spasmo, che sia solo un istinto che non possa portare a niente. invece comincia ad emettere suoni, non può parlare, urla e fa segno con le mani di aiutarlo. chiedo aiuto.
[buco]
la mia amica simo arriva di corsa con un'autorizzazione. suo padre dichiara che io, nome e cognome, mi assumo la responsabilità dell'operazione. la dottoressa nome e cognome effettuerà l'intervento ma lui si dissocia da questa decisione perchè ritiene non sia 'del caso'. chiedo alla mia amica che cosa significa. pensiamo sia una frase convenzionale, di quelle burocratiche, appartenenti ad un mondo della legge un pò vecchio. ma lostesso non capiamo, guardo l'uomo, penso che è nelle mie mani e basta, e ora definitivamente, la decisione di salvarlo. probabilmente quella frase è riferita al fatto che lui ha ucciso e decapitato molte persone, innocenti e in modo barbaro. probabilmente la dottoressa invece di cucire la testa a lui potrebbe trapiantare organi a persone 'buone', bambini, giovani con una vita davanti. e io mi chiedo come posso ora decidere di lasciarlo a mugugnare, soffrire in questa immagine grottesca di omone barbuto che si regge la testa con le mani, e in cui a volte entro dentro, soffro, e sento precisamente la sensazione di avere la testa appoggiata, premuta sul collo. il sangue scende, si coagula.

mi siedo alla scrivania asettica, bianca, grigia, della dottoressa. ne parliamo e decide di effettuare l'intervento. sa che quell'uomo è un assassino. e io sento cio' che lui pensa:   ha ucciso tanta gente e non si merita la vita. ma  la desidera tanto e sento la sua gioia.

 
 
 

lettera aperta

Post n°464 pubblicato il 05 Novembre 2008 da xgattoconglistivalix

non cercherò occasione per farti giungere questa lettera, spero tu la legga comunque qui. oppure in futuro te la recapiterò in qualche modo. ora non lo so.

sei l'unica persona entrata a far parte della mia vita alla quale vorrei negare la presenza nei ricordi, vorrei riavvolgere tutte le pellicole e cancellarti piano piano, sfumarti, fino a lasciare un buco, un'assenza, una leggerezza.
non è rabbia, non è rancore, non è così tanto.
è tristezza, è la delusione di uomo al quale ho insistito per dare,
è la delusione di amico: amico non è questo.
è la delusione di persona.
stimo di più le persone che mi hanno ferito, di proposito o per ignoranza. stimo di più il male che il niente, l'incapacità, la non vita.
sono stanca di dispiacermi per gli errori e le incapacità delle persone cui voglio bene. di pensare che forse non han scelta. tu sei tra queste. sono stanca di dispiacermi per il tuo non essere. perchè la scelta c'è. è solo da vedere.
non si può smettere di volerti bene, una volta ti ho detto, volerti bene in un modo o nell'altro.
è così triste... ma oggi ho come l'amara, densa, oleosa sensazione che mi sbagliavo.

ti auguro buona vita, come la augurerei a qualsiasi essere umano.
ma se potessi, mi riprenderei tanta energia data al niente.

 
 
 

poster e trofei

Post n°463 pubblicato il 29 Ottobre 2008 da xgattoconglistivalix
 
Tag: incubi
Foto di xgattoconglistivalix

Possiamo sederci qui per parlare del lavoro. Sì ok, a questo tavolino esterno. Io mi metterò da questo lato. Ok.
Poi i miei occhi rimangono fissi in alto. Medio alto. Si riempiono di liquido salato, ma cerco di non farne rotolare giù neanche una goccia. L'altra persona si accorge che ho visto qualcosa che mi rende difficile continuare a respirare e a guardare in faccia al reale.
Mi dispiace, mi dice. Non mi ero reso conto che da lì la puoi vedere così bene. E che il ricordo è ancora così forte.
Sembra che parli di una foto, dal tono. Sembra che parli di una gigantografia attaccata ad un condominio, che ritrae la faccia, il muso del mio cane. Morto.
E invece non è una foto gigante, in realtà è come una specie di testa impagliata, di quelle che si attaccano al muro, i trofei. Solo che è la testa di un pastore tedesco. La mia kobe. E' così bella che sembra viva. Ma non lo è e mi manca tanto. Vabbè è gigante, ma questo è un particolare. Sarà alta 3 m e sporge da questi condomini grigi.
Poi dopo le scuse dell'altro, la riguardo, e non è più la testa bella gialla e nera della mia kobe, ma è la testona enorme, nera e tonda di un orso. Chiaramente, essendo impagliato, morto.
Noto che qualcosa non va. Ogni volta che lo osservo ha qualcosa di diverso. Una volta ha la bocca aperta. Una volta ne scende la lingua rosa. Una volta la lingua rosa sta a destra e una volta a sinistra. E' inquietante. Perchè ci fa pensare che sia vivo. Vivo... non è possibile. Tutto ciò che rimane di razionale si impegna per rafforzare questo concetto. E' morto. Non si può muovere. E impagliato. Non può essere vivo.
Eppure ogni volta la lingua pare si sia mossa.
Rapidamente ci accorgiamo di cosa sta succedendo, all'interno della grande testa d'orso si sta nascondendo una persona, e perciò ne muove la lingua.
Questa cosa è inquietante, ci domandiamo perchè una persona si nasconda lì, che brutto motivo ci sia... ma il sogno sfuma e ora non ne so il motivo.

 
 
 

tu la conosci la

Post n°462 pubblicato il 16 Ottobre 2008 da xgattoconglistivalix

Pfiesteria piscicida?

in questi ultimi tempi, alcuni biologi marini hanno anche rilevato un’abnorme diffusione della Pfiesteria piscicida.
Un microrganismo 1000 volte più tossico del cianuro, appartenente ai dinoflagellati responsabile del fenomeno della marea rossa. L’organismo si nutre di sangue: i pesci attaccati da questa protista presentano ferite sanguinolente.
L’alga produce delle neurotossine che, inalate, provocano intorpidimento, paralisi, perdita della memoria, coma e morte. Prodotto da milioni di chili di feci e urine prodotti dagli allevamenti animali specie di suini, riversati nei fiumi e nei mari, che han trasf il loro ecosistema trasformando nei casi più estremi le fonti di acqua in latrine a cielo aperto. Si sta dimostrando l'effetto più allarmante degli allevamenti intensivi. La Pfiesteria minaccia sia la vita marina che umana, ha già ucciso un milione di pesci e si sta espandendo. E' considerata la più grande catastrofe marina della storia. Tracce sono state trovate da long island alla costa della florida a circa 1000 miglia quest'invasione si classifica come una delle peggiori epidemie di organismi virulenti, nella storia degli Stati Uniti.
E' una minaccia biologica di livello 3
L'ebola è di livello 4
L'aids 2
Questo virus è mutato in conseguenza al nostro massiccio uso di animali in particolare del maiale.
I sistemi e le quantità di rifiuti che escono dagli allevamenti si depositano negli oceani e nei nostri sistemi idrici, contaminando gli animali che ci vivono e chi di essi si nutre.
mi raccomando.
mangia maiale e non chiederti mai come lo allevano.

fonte wiki e earthlings

così giusto per fare un pò di informazione...

 
 
 

incubi

Post n°461 pubblicato il 29 Settembre 2008 da xgattoconglistivalix

mi guidano, non sono sola, guardo dove metto i piedi, la rampa in salita ha barre trasversali per non farci scivolare. guardo dietro di me e quelli che mi stan dietro sono bagnati dalle onde, dai flutti, meno male che io sono già in cima a questa rampa. di ferro grosso e vecchio. rosso scuro. poi mi arrampico per la scaletta. tutti uno dopo l'altro. io uso una mano perchè con l'altra tengo lo zaino. fatica. ma riesco. ok. arrivo  sopra la nave. mi spiegano che anche se il fucile cade in acqua un meccanismo e una corda te lo riportano. mi dicono di provare. è pesante è una cosa che non so definire, un bazuca, una fiocina, una balestra. non lo so che cos'è. mi dicono che ora devo sparare. sparare alla balena lucida grigia, grande e buona che sta sotto di noi. io lo imbraccio. decido che non lo voglio fare e mentre lo fanno loro, le fanno buchi come voragini, io tremo, mi chiudo la bocca con una mano, mi trema lo stomaco e mi sento di carta.

 
 
 

Post N° 460

Post n°460 pubblicato il 18 Settembre 2008 da xgattoconglistivalix

sono nata all'inizio del secolo, ma ancora non so mangiare da sola
   stamattina ho finito la scuola
     so già cosa farò stasera, so già che fra due giorni è vacanza.
       so già che fra tre giorni inizio a lavorare.
parlo di futuri coabitanti e la gente non mi sente
   profumo di ammorbidente e la gente non mi vede
     urlo, e allora sentono soltanto le urla
cinque minuti fa è stata l'ultima volta che ho avuto paura
   da domani ne avrò un'altra

 
 
 

Post N° 459

Post n°459 pubblicato il 16 Settembre 2008 da xgattoconglistivalix

si può anche perdere
  l'equilibrio

l'importante è tenere
  il tempo

 
 
 

così stan le cose

Post n°458 pubblicato il 03 Settembre 2008 da xgattoconglistivalix

Lei
35 anni, occhiali spessi, gambe tornite, seno pieno, piccolina, energica, risata argentina.

Lui
40 anni, tondetto, persona seria e riflessiva, pacato sorriso equino.

Lei dedita e vocata alla religione e alla sua chiesa, canti, catechismo, impegni, ritiri... lui, odia i preti e la loro chiesa naturalmente.
convivono, ma un pò da uno e un pò dall'altra, non si sono mai scambiati le chiavi di casa. lei vorrebbe un matrimonio, lui no. lui non vuole nessun matrimonio, lei ne vorrebbe uno in particolare. coi crismi, col vestito, in chiesa, col prete, ovviamente.
si amano, certo che si. e lui pensa che avere un bambino sia bellissimo. lui lo vorrebbe proprio un bambino, una famiglia con lei. non una donna qualsiasi, sottolineo con lei.
anche lei. ma non fuori da un matrimonio. siccome lui odia i preti... lei propone un matrimonio misto. in chiesa, ma senza la comunione, più breve... sempre col prete, certo.
lui si rifiuta, ma rifiuta qualsiasi vincolo matrimoniale, qualsiasi contratto, religioso, civile e anche se lei non gli da un figlio fuori dal matrimonio, lui mantiene la sua linea. no matrimonio.
e lei mantiene la sua: no matrimonio, no figlio.

incredibile
ci sono bambini che potrebbero non nascere mai semplicemente per questioni di orgoglio. sbalordita quasi come quando ho saputo delle crociate, da piccola a scuola, sparerei (sparo) a zero su entrambi.
ma non c'è niente da fare, perchè rimarranno chiacchiere da bar. ognuno cresce a suo modo.
rimarranno chiacchiere da bar, me ne andrò a letto scuotendo la testa, con un senso di rispetto per le idee altrui e un malcelato senso di incredulità:
per i bambini che potrebbero non nascere, non perchè non c'è amore, ma per idee diverse, per principio.

 
 
 

Post N° 457

Post n°457 pubblicato il 10 Luglio 2008 da xgattoconglistivalix

da ieri mi domando se sia giusto o meno il non
permettere    tollerare    sopportare    accettare
che ci venga detto qualcosa di bello. al pari di qualcosa di brutto

un insulto, subito provoca la reazione difesa, chiusura. espulsione di corpo estraneo, no? punizione o indulgenza, istinti che poi chiudono la cosa.

e invece
parole che assurgono ad avere a che fare con sentimenti tipo amore, preoccupazione, ammirazione, stima...
mi chiedo perchè non dovrebbero provocare la stessa, medesima reazione di difesa, chiusura. espulsione di corpo estraneo. irritazione, infezione. e a seguire punizione o indulgenza.

odio sentirmi addosso la pellicola del film di qualcun altro. non è possibile stimare ed amare qualcuno da fuori. da lontano.
no. non lo è.
e mi offende, io non sono il muro per le proiezioni di nessuno.

ecco le domande di ieri hanno la loro fine. io sono così. pazienza.

 
 
 

si stringe un cerchio

Post n°456 pubblicato il 06 Febbraio 2008 da xgattoconglistivalix

cioè

non mi va di parlare dei miei stati d'animo, non mi va perchè non ne ho? o forse perchè non mi sembrano sufficientemente eleganti e qualificati?
o forse perchè il grave senso di attesa di altro a volte appiattisce i pensieri sulla testa come la pioggia i capelli? ma non lo so e non mi interessa

non mi va di parlare dei problemi del mondo, non mi va, punto. posso essere criticata, posso criticarmi? non lo so. forse. ma resta il fatto che ora non mi va, è come se spostassi i carrarmatini del risiko dalla prussia al congo. niente di più. dall'esogeno e nobile al endogeno e vile. eh beh. sarà poi anche la natura? ma non lo so e non mi interessa.

non mi va di parlare degli animali e le loro inutili sofferenze, delle infauste e vergognose scale gerarchiche che l'uomo ha impiolato (uh ho inventato una parola? demì ne ho inventata un'altra hai visto? che intelletto sopraffine che ho) dicevo, non ho voglia di raccontare cose che io so a gente che non sa, e non ho voglia di sapere da altra gente cose che non so, su come vengono spellati vivi i procioni per esempio. o i cani. o postare canzoni che parlano di corrida con ska appassionati.
mah, ora non ne ho voglia. il perchè? beh poco mi interessa...

non faccio più sogni terribili (incubi), con morti che cuociono o io che soffoco nell'acqua sotto le fiamme o che sparo alla testa di un amico. mah non so, ne faccio tanti, particolareggiati come il gorgonzola di muffe e batteri, sì, ma non così carichi di sapore, di paura, di spavento. anzi, spesso mi fan ridere.
chi lo sa? mah.

e non ho assolutamente voglia di prendere pezzi di storia e farci favole. o di inventare trame tra folletti e gattini neri. perchè? per chi dovrei farlo? ma per te naturalmente gatto, penserete, mah sì ho capito, ma non mi va, perchè devo fare una cosa per uno a cui non va, nel tal caso sempre io? ah non so.

e ricollegandomi al primo paragrafo di questo post, oltre a non aver stati d'animo di cui mi sento che mi scappa di scrivere, o meglio a non ritenerli degni di tale impiego di energia, sento proprio le pareti della mia materia cerebrale liscie, non porose, incapaci di trattenere quei  flash, quelle immagini che a me sembravano così ermetiche ma così capaci, in grado di raccontare in due parole tutto un mondo che stava nel mio petto, nel mio stomaco, dietro ai miei occhi. non lo so. ma mi sembrano così liscie da non poter rimanere impressionate dalla luce che filtra e si trasforma dalle mie pupille. il perchè secondo voi mi interessa? e che lo dico a fare.


e così mi ricollego appunto al primo paragrafo e come vedete, il cerchio si chiude.

 
 
 

Post N° 455

Post n°455 pubblicato il 05 Febbraio 2008 da xgattoconglistivalix

sono nella parte est di cuba, qualcosa mi impedisce di esserne felice, di godermi questo viaggio, il pensiero di un collega in difficoltà per la mia assenza e forse anche questa casa in cui ci ritroviamo, è incredibilmente sporca...
polvere, ragnatele, odore di rancido.
ci sono molti gatti attorno a questa casa, anche se ora non li vedo, esco a piedi nudi, ma capisco che non si può perchè il marciapiede è unto, è marrone, sporco di grasso, puzza. rientro in casa. apro una finestra che non si apre da molto, e un sacco di bisce escono da sotto un vaso, terra e polvere. mi fanno schifo, mi fanno paura, mi fa schifo questa casa, arriva la padrona di casa e mi dice che sono solo ricci. sono ricci che erano in letargo, quindi avevano il pelo lisciato giù. ne prende uno per la coda, lo scuote e mi fa vedere che si gonfia e assume le normali sembianze di riccio.

 
 
 

sogno o incubo, non so

Post n°454 pubblicato il 31 Gennaio 2008 da xgattoconglistivalix

ape(car) assassina

sono nella cartoleria in cui andavo quando avevo 6 anni. odore di matite, la signora gentile, le do del tu. no del lei. sempre, anche se ora sono grande. ma sì.
le chiedo diverse cose, quasi che all'improv
viso dovessi andare al primo giorno della prima elementare, e invece no, oggi si parte. mio padre ha preparato l'ape. l'ape? mai avuto un'ape, mai passata per la mia famiglia un'ape. mai vista da vicina un'ape. me la prepara, ma è strana, ha un carrettino fatto tipo carovana della conquista del west. parto. c'è il mio zainetto blu pieno delle mie importanti cose. quello che uso ora per la spiaggia. la strada diventa sempre più verde. mi piace guidarla.
sempre più palmeti, giganti, imponenti, montagne piene di palme, devo essere in nicaragua, guatemala, non lo so.
poi l'ansia... mi sembra di andare ma invece sono ferma, non riesco ad andare dritta per la strada. non riesco, è impossibile. le macchine mi passano, ma dalla velocità e dal loro rumore non riesco a dedurre se io mi sto muovendo o no.
guardo talmente tanto la carreggiata rossa che non mi accorgo di essere su una salita talmente ripida che anche se accellero non posso, rischio di cappottarmi, precipitare nella scarpata... decido di prendere una traversa. parcheggio. qui abita gente. baracche. bambini, galline. mentre mi chiedo chi sono, mi allungo a vedere le abitazioni, chi c'è, mi giro e non c'è più il mio ape. mi sforzo di pensare che non l'avevo lasciato lì e invece me l'han rubato. e ora? soldi, tutto, ma sopratutto il mio zainetto con le cose della cartoleria. io non posso rimanere in questo paese senza documenti, come farò ora? si avvicina il capo comunità, 20 anni, pelle ambrata occhi neri e allungati. capelli neri corti. spalle muscolose sotto la canottiera sporca. mi dice nella sua lingua che sistemerà tutto, mi chiede dove l'avevo parcheggiata, ha capito tutto, mi assicura di non preoccuparmi che nel giro di poche ore riavrò tutto. e mi dice che oggi profumo più del solito.
oggi?

 
 
 

l'uomo dei miei sogni...

Post n°453 pubblicato il 28 Gennaio 2008 da xgattoconglistivalix

So benissimo che questo titolo susciterà curiosità e ironia... eheheh ebbene no: l'uomo dei miei sogni non è il vecchio dario (argento) nè qualcuno di altrettanto inquietante.

fisicamente poteva ricodare un ragazzo argentino che conosco di vista, alto, viso regolare, addominale scolpito, pelle non chiara, non scura, e aveva i capelli e i lineamenti un pò assomiglianti a Juanes, che senz'altro conoscete.
un pò lunghi, spettinato, occhi scuri, mani grandi, gambe lunghe, spalle muscolose.

parlava male italiano, perchè era spagnolo, ed era totalmente dissacrante, mi faceva addirittura uno strip nel ristorante in canna di bambu nel quale eravamo. cosa che anche se divertente, un pò imbarazzante, direi.

ah e inoltre era in tournèe, non so bene cosa facesse di lavoro... ma era tremendamente passionale... e voleva convincermi ad accompagnarlo per le date restanti... tra l'altro era molto persuasivo.


finora quando mi chiedevano 'com'è il ragazzo dei tuoi sogni?' io ho sempre pensato 'ah non lo so, non c'è un uomotipo, 'da sogno' poi... dipende. si vede lì x lì in genere...'
insomma, stanotte l'ho sognato, ora posso dire di avere anche io un

uomo dei miei sogni!



 
 
 

Post N° 452

Post n°452 pubblicato il 26 Gennaio 2008 da xgattoconglistivalix


e poi le taglia il pelo con le forbici, per scoprire le vene, lega il laccio emostatico, 'è vero che lei ha le vene piccole, come fosse un cucciolo' si ricorda questa donna, un veterinario...
sbatte meno le palpebre, finche non rimane con lo sguardo vuoto. è un cane. lo sappiamo tutti.
il cuore ora è fermo.

credo che chi nella propria vita non abbia a provare il dolore di abbattere il proprio cane, chi cioè non si capacita di cosa significhi vedere il suo sguardo svuotarsi, nel ritenere tutto questo inappropriato per una 'non persona' per un animale, beh, mi dolgo per lui.

la natura sopperisce alla mancanza di un senso con l'acuirsi di altri. l'udito in un non vedente per esempio.
ma per chi non ha provato cosa significhi ricevere l'amore incondizionato di un cane, madre natura non credo abbia trovato una alternativa, forse semplicemente perchè ritorniamo alla mia solita convinzione che il meno sensibile è più atto alla conservazione della specie umana.
quindi neanche in questo caso erra.
credo che madre natura sia veramente una madre perfetta

e poi la terra...


 
 
 

favola

Post n°451 pubblicato il 22 Gennaio 2008 da xgattoconglistivalix

le farfalle mirabal

c'era una volta non definita, nè nel tempo nè nello spazio...
vivevano tanti animali e insetti, singolarmente felici, distrattamente vivevano, ponevano domande con il bollino blu alle loro esili coscienze.  altre domande, le ricacciavano giù in fondo. perchè il Benefattore non avrebbe avuto piacere di vedere un animaletto della propria foresta, avere un comportamento disdicevole e disonorevole, certo! anche solo facendosi una domanda di troppo.
in uno splendido mattino tiepido e dolce, all'ombra di una vecchia palma, nacquero 4 farfalle. dapprima baconi, sempre più grossi, sempre più pelosi, poi schiusero le ali colorate in un tripudio alla forza, l'eleganza e la bellezza.
crebbero, salutando il Benefattore come loro unico creatore e più importante del vero loro padre. anche se era un essere strano, dalla foto sembrava inquietante, quasi un uomo. o forse un caprone.
poi alcune delle farfalle mirabal andarono a studiare. ai margini della loro amata foresta tropicale.
piano piano sottovoce, giorno dopo giorno, notte dopo notte, negli anni, costruirono un'immagine parallela a quella del Benefattore che ogni animale e insetto aveva appesa nella propria tana. un'immagine di orco, di mangiatore di farfalle e falene, di terribile sanguinario, che pur di far pensare nel modo giusto anche i più indisciplinati procioni, era disposto a farli scomparire.
serpeggiava sottile la voce che il padre, lo zio, il nonno di bamby, e infine bamby stesso, fossero scomparsi nel nulla. solo le sorelle e le madre rimasero e a brucare erba amara.
serpeggiava sottile la voce che chi veniva chiuso nelle grotte-prigioni, perchè in disaccordo o offensore della volontà del Benefattore, venisse torturato. torturato? le farfalle giovani e belle si domandavano come fosse mai possibile.
passò il tempo, le farfalle crebbero e venne la festa del fraschifolli. la notte concerti di cicale, danze di lucciole e profumi di acacia. il mare del caribe luccicava alla luna.
il Benefattore in quella sera d'aromi, scelse una farfalla: aveva appetito. ma non fu così facile togliersi tale languore, perchè scelse una delle farfalle mirabal. incredula e indignata la bellissima farfalla schiaffeggiò il Benefattore. da allora fu Guerra. fu guerra ma non sottovoce. non più.
le morbide farfalle irrobustirono determinazione e ragnatele di attività. finchè fu loro possibile.
le farfalle vennero imprigionate. torturate, strapparono loro ali e armonia. morirono dentro, nel loro colore. che si spense a poco a poco.
finchè vennero liberate. ma mentre in un mattino di caldo e vento, andavano con i loro ormai tristi occhi a fare visita ai propri cari, ancora chiusi nella grotta-prigione, vennero assassinate. 
3 farfalle che avevano combattuto per non dover parlare più sottovoce, per non dovere più cacciare indietro le domande, per poter avere sogni e dignità di persone libere, vennero assassinate su una strada rossa, piena di foglie dei caraibi.
ma le mariposas mirabal avevano seminato il seme della rivolta, della libertà dell'intera foresta.
 
a tutti coloro
che offrono la propria vita
per la Libertà della Vita.

 
 
 

Post N° 450

Post n°450 pubblicato il 21 Gennaio 2008 da xgattoconglistivalix

credo...

che Madre Natura abbia appositamente creato gli uomini fornendoli di un limite fondamentale:
l'incapacità di provare la medesima soddisfazione all'aumentare della quantità di un bene atto a soddisfarne un bisogno.

e così, sapendo che i nostri giorni non sono illimitati, ma ancor di più, non sapendo l'esatto momento in cui finiranno, siamo indotti ad attribuire anche alla risorsa tempo, come a tante altre, maggiore valore.

quantità limitata e incognita del tempo, sono i doni che impreziosiscono minuto dopo minuto la nostra vita di scimmie evolute.

credo che madre natura sia veramente una madre perfetta

 
 
 

Post N° 449

Post n°449 pubblicato il 15 Gennaio 2008 da xgattoconglistivalix

tutto inizia dove ha sede la fonte del pensiero, il generatore della mente, l'interruttore del pensiero. tutto inizia lì, nero che nasce, che si espande, che si allarga, lento, ma nero.
cosa c'è più nero del nero, più coprente, più soffocante, più pesante e resistente? il nero.
si allarga, dentro la scatola cranica, spinge nelle sue pareti, comprime, dilata, scivola sulle pareti tonde del cranio e scende sugli occhi, li senti che schizzano, bruciano, scottano e si asciugano.
senti il nero che scende tra pelle e naso, lo senti che si allarga agli zigomi, e prende i denti. anche sotto le gengive, l'osso ormai sembra nero.
sotto la pelle tutta la faccia è macchiata.
e pensi che il sonno arriverà, che se ti concentri puoi scomparire, rilassare il tratto cervicale, nel modo più comodo e aspettare che arrivi il sonno a portarti via per non sentire più questo dolore nero.
lucida descrizione di ieri ore 22.00 sul divano di casa mia 

 
 
 

Post N° 448

Post n°448 pubblicato il 11 Gennaio 2008 da xgattoconglistivalix

stanotte ho sognato...

mia madre e mia cognata che mi accompagnano in macchina all'università, sotto un portico di una città verde e velata di nebbia, tanta gente, no parcheggi, strade antiche e strette, e la biblioteca, sono i posti che mi diverranno familiari
ma fra un pò, perchè ancora mi fanno l'effetto di sconosciuto, non conosco nessuno in questa città con le strade ciotolate
cerco, ma non ho nessuno da trovare, perchè non conosco la città...
e poi sono in un condominio, nel cortile, mi domando quale sarà il mio garage, non lo so, cerco... il cortile è circolare, avvallato al centro, e al centro c'è un garage, forse è il mio, dentro c'è odore di muffa, una cassa, e una bambina che gioca...
la bambina saluta, mi giro, saluta un'amica che passa su un autobus per strada, poi un'adolescente nel cortile, tutta eccitata, avvisa un'amica su un altro autobus che si vedranno nel pomeriggio dopo i compiti, e io penso che in nessun autobus qualcuno cerca di salutare me, perchè abito da poco in questo condominio e non conosco nessuno qui attorno... poi sento qualcuno che mi chiama.
è la keco, la prima persona che ho conosciuto quando sono venuta ad abitare a rimini, ogni esame universitario dato assieme, identica data di compleanno, sua testimone di nozze, presenza costante, alla quale non vorrei rinunciare mai.

è un sogno senza senso, fatto di sguardi tristi, di odore di muffa, di nebbia della mattina, di rumore di autobus affollati e di città e condomini che io non conosco.
di solitudine nel mezzo...

non volevo raccontarlo qui nel blog, perchè non è un incubo e non è interessante, ma ancora ora, dopo 12 ore di lavoro, continuo a visualizzare alcune immagini. ed è per liberarmene che lo scrivo.

stesso motivo d'altronde per il quale ho creato questo blog.

buonanotte a tutti, che possiate ricordare il più possibile dei vostri incubi o sogni, e che possiate anche avere il metodo per cancellarli, a vostra scelta, come faccio io.
che li elimino scrivendoli, e li leggo per riviverli.

buonanotte e incubi d'oro a tutti.

 
 
 

incubi

Post n°447 pubblicato il 10 Gennaio 2008 da xgattoconglistivalix

syd

stanotte ho sognato una bellissima gatta pelosa e tigrata,avrei tanto voluto che mi venisse a dormire sulla schiena, ma nn si fidava di me...
e poi volevo tanto bene e proteggevo un pazzo pelato, allucinato. lo abbracciavo e accarezzavo... era syd barrett dopo la sua decadenza fisica, e uscita dai pink floyd.

confesso: ieri ho letto la sua biografia...

 
 
 
Successivi »
 
 

ILVECCHIOCOLLEZIONI.COM

immagine





















immagine






















immagine

 

immagine

immagine

immagine