Napoli

tutto quello che riguarda la città partenopea

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: nonsolonero
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 57
Prov: VE
 

AREA PERSONALE

 

INFORMAZIONE DELL'AUTORE.

Questo blog è creato grazie alle conoscenze dell'autore e alle tante notizie e immagini che egli assume anche dal WEB.

Pertanto, se qualcuno intendesse vietare la riproduzione su "Napoli tutto quello che riguarda la città partenopea" di qualche foto coperta da diritti di copyright, lo può fare segnalandolo alla casella di posta claudiogalderisi@libero.it e sarà immediatamente rimossa.

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

E' UN PEDOFILO ASSASSINO: PAOLO CARDENA'...
Inviato da: CARDENA' ASSASSINO!
il 23/03/2019 alle 00:32
 
IL FIGLIO DI PUTTANA PAOLO BARRAI ("IL PEDOFILO DEL...
Inviato da: ANDREAS NIGG. SAFRA.
il 18/01/2019 alle 18:18
 
CHI E' IL PEDOFILO NAZISTA E MEGA RICICLA SOLDI...
Inviato da: VERMEPAOLOCARDENA'
il 20/10/2017 alle 08:47
 
PEDOFILO ASSASSINO PAOLO BARRAI (BLOG "MERDATO"...
Inviato da: NAZIVERMEPAOLOBARRAI
il 09/10/2017 alle 16:39
 
CHI E' IL BASTARDO PEDOFILO PAOLO PAOLO CARDENÁ DI...
Inviato da: VERME-PAOLO-CARDENA'
il 15/09/2017 alle 16:49
 
 

DAL BLOG DI "BELLA CIAO"

«Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque é morto un Italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì  O giovani, col pensiero, perché lì é nata la nostra Costituzione.»

 

'O RANCO.

'O ranco.

L'ata notte 'nu ranco m'ha pigliato
d'int'a coscia 'nu nervo s'è 'nturzato;
e che dolore c'aggiu 'ntiso pe' chillu ranco
aggio ditto: - Obbi' lloco: mò jetto 'o sanghe!

M'aggio stiso a panza a sotto,
m'aggio levato a cuollo 'a cuperta,
sentevo 'o core ca quase me scuppiava,
me stevo fermo e 'o dulore nun passava.

Allora aggio penzato 'e m'aiza'
e buon'aggio fatto, me so miso a zumpa'.
'O dolore, pareva ca se ne steve jenne
mentr'je me mantenevo 'e llucche 'nganne.

E dint''o scuro, piglianno cunferenza c''a nuttata,
ll'uocchie mie, senza vule', una vutata
jettene a guarda' 'ncopp''o comodino
addo' sta 'na fotografia cu' tte che me tenive 'nzino.

Sarrà stato 'o fatto ca me tenive 'ncopp''o core
ma a me se ne ghiuto tutt''o dulore.
Ma n'ato ranco mo' me piglia 'mpietto
ogni vota che me guardo 'sto ritratto.

Claudio Galderisi

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 55
 

'O CIURILLO

Tu si' comm'è nu' ciurillo appena fritto
che 'mmocca è 'ssapurito quando è cuotto
e mentre m' 'o magno e 'o stregno 'mmiez' 'e diente
chiudo 'll'uocchie e penzo a 'tte e so' cuntento.

Ciurillo mio chi si' je nun 'o ssaccio
saccio sulo che te chiammo ammore.
'Na lagrema me scenne 'ncopp' 'a faccia
pe 'stu ciurillo che m'astregne 'o core.

Claudio Galderisi

 

VICINO 'O MARE.

Taggia purta' vicino 'o mare,
addo' se sente addore,
addo' l'acqua pare ca se mette appaura
e j' a murì pe' ncopp' 'a rena.

T'aggia purta' là addo' stanno 'e scoglie
addo' l'acqua sbatte forte
e, jenne annanze e arrete,
'e veste e 'e spoglie.

Te voglio purta' là addo' tira 'o viento
che t'arriva dint' 'e capille
e t' 'e sposta annanz' 'a ll'uocchie
pecché t'ha da fa' dispietto.

Te voglio purta' 'e notte
quando ce sta 'a luna
grossa, chiena e argiento
ca se specchia 'nfaccia a te.

Te voglio purta' 'e juorno
quando ce sta 'o sole
e dint' 'a ll'uocchie tuoje
se vede 'o mare attuorno a me.

T'aggia purta' vicino 'o mare,
t'aggia tene' pe' mmane,
t'aggia dicere ddoje cose
pe nun te lassà cchiù.

Claudio Galderisi

 

FRASI E DETTI 3

Tanti galli a canta' e nun se fa maje juorno.

Indica le difficoltà che si incontrano laddove, in un insieme di persone, anziché far parlare uno rappresentativo di tutti, parlano in tanti. Questo comporta solo confusione e facili contraddizioni fra gli stessi componenti del gruppo.

 

 

« Corradino e la sua colonna.La storia di Napoli: il ... »

Cavoni, Cupe e Arene.

Post n°200 pubblicato il 29 Gennaio 2011 da nonsolonero
 

Uno degli argomenti che più solletica la mia curiosità in una città è la toponomastica. In essa, se si possiede qualche conoscenza del luogo, si riesce a intravedere la storia e, se la città è antica come Napoli, spesso la toponomastica ti aiuta a ripercorrere secoli e secoli e a capire i motivi di un nome o di una intitolazione.

Mi ha sempre colpito, ad esempio, il non raro modo di far precedere il nome di una strada dalla qualifica di "cupa", "cavone", "arena", "canale", "canalone". Erano tutte denominazioni che venivano date al percorso che seguivano le acque piovane che defluivano verso valle dalle colline circostanti.

Il "canale" o "canalone", ad esempio, era l'alveo naturale che veniva a formarsi con il fluire delle acque e, a seconda delle larghezza o della lunghezza, veniva così definito. Poi, però, il canale spesso si incassava e formava una "cupa" e, laddove questa si formasse con una certa profondità, veniva chiamata "cavone".

'O Cavone

Per "arena", invece, veniva identificato un canale molto largo ma appena appena bagnato dalle acque quindi poco profondo e con un letto spesso sabbioso e che, pertanto, veniva a formare un arenaio.

Di solito, i torrenti di acqua piovana si formavano sulla collina dei Camaldoli che ricordo essere la più alta dei promontori napoletani con i suoi 450 m di altezza. L'acqua, seguiva percorsi scavando burroni e pendii per poi sfociare a mare in tre luoghi diversi e spesso, nel fare questo, lambiva le mura della città.

Uno dei rami scendeva verso est per San Rocco, Miano e i Ponti Rossi, arrivava all'Arenaccia e poi finiva in mare nei pressi del Ponte della Maddalena. Un altro ramo sceglieva un altro percorso, verso ovest e dall'Arenella, seguiva il Cavone, Piazza Dante e, attraverso il tracciato di Monteoliveto, arrivava al mare.

Il torrente orientale si divideva all'altezza di Capodimonte e formava un altro percorso che arrivava diritto alla Sanità, i Vergini, Via Carbonara, il Lavinaio e moriva a mare nei pressi della Porta del Mercato.

Nel 1484, gli Aragonesi, provvidero ad allargare la cinta muraria della città e questo torrente fu deviato per Via Cesare Rosaroll e dirottato nell'alveo dell'Arenaccia.

La Sanità veniva definita "arena", per il fondo sabbioso, la poca profondità e la larghezza. Però, poi, in seguito, fu chiamata anche "cavone" per le sue alte pareti. Infatti, nel 1807, per congiungere le due sponde della frattura creata dal vallone della Sanità, fu costruito un ponte, quello che ancora oggi vediamo.

Il ponte della Sanità

Il torrente di Capodimonte, raccoglieva oltre alle acque piovane, anche gli scarichi di una rete idrica e, durante il suo percorso, si ingrossava fino al punto da straripare divenendo col tempo un autentico flagello per il borgo della Sanità che, intanto, era cresciuto anch'esso. Ancora oggi, a chi non si accontenta mai, si usa dire: "Nun te basta nemmeno 'a lava d''e Virgeni". Una similitudine questa che rende perfettamente l'idea di quali catastrofi provocava l'inondazione di queste acque a quei tempi.

Poi, finalmente, nel 1868, il torrente fu incanalato in un collettore che usciva presso Piazza Ottocalli e s'immetteva nell'alveo dell'Arenaccia. Ma, col tempo, anche questo collettore divenne insufficiente. Ricordo che ero bambino e, proprio mentre con mio padre mi ritrovavo ad attraversare il Corso Novara, a poche decine di metri da noi avvenne uno scoperchiamento del manto stradale causato da un'enorme quantità d'acqua uscita dal collettore sottostante. In poco tempo la zona fu praticamente sommersa.

Corso Novara

La Via Lavinaio, al Pendino, si chiama così perché veniva percorsa dalla lava. Verso la metà del XV secolo, vi erano insediati diversi mulini che venivano azionati proprio dallo scorrere delle acque tanto è vero che un vicolo di collegamento fra Via Lavinaio e Vico Sopramuro si chiama Vico Molino.

Quartiere Pendino

Tutta la zona si chiama, come abbiamo già cennato, Pendino. Questo lo si deve al fatto che i torrenti che ivi sfociavano a mare, isolavano quasi del tutto il caseggiato formando una sorta di penisola, un luogo che "pendeva" fra le acque.

25 secoli prima, quando fu fondata Neapolis, si cercò l'area sulla quale edificarla e si scelse il Pendino per la sua posizione che offriva una difesa naturale alla città. Infatti, era sicura alle spalle per la presenza della collina e tranquilla davanti per la presenza del mare. Ai fianchi vi era lo scorrere dei canali torrentizi che rendeva arduo il compito di eventuali malintenzionati. il Pendino è ancora oggi una parte del centro antico di Napoli.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: nonsolonero
Data di creazione: 31/01/2007
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

carmine.donpamstudiocommunityguadalupimarioloxmonpapersasa6722pierolm76avvcdlsorrentinoelioguardascioner_taurinostudio.varrialeicthusaustralia710issmbfrungillone
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

VOCCA

Vocca rossa comm' 'a 'na cerasa
ca me pare 'nu fazzoletto 'e raso,
vocca che tira 'e vase a mille a mille,
che me fa canta' comm' è n'auciello.

Me faje canta' tutt' 'e canzone,
me faje sentì chino 'e furtune.
Vocca, ca me fa sbattere cchiù forte 'o core
quando me chiamme cu 'na parola sola: ammore.

Claudio Galderisi

 

DINT'A LL'UOCCHIE.

S'je te guardo dint'a ll'uocchie
belli, verdi e chiene 'e luce
je ll'auso comme specchie.

Chillo sguardo ch'è 'na freccia
chelli ciglie senza trucco
dint'o core fanno breccia.

Je te voglio tene' stretta
'e te' voglio sentì addore.

Fino a dimane, senza fretta,
voglio sta' cu tte a fa' ammore.

S'je te guardo dint'a ll'uocchie,
me succede all'improvviso,
ddoje parole nun l'accocchie;

ma me basta nu surriso,
nu surriso cu chist'uocchie
e me trovo 'mparaviso.

Claudio Galderisi

 

A MIO PADRE.

Se n'è gghiuto ormai ca so' nov'anni
e so' nov'anni ca è comme stesse 'cca'.

Se n'è gghiuto suffrenno e cu ll'affanni
'e 'na vita intera passata a fatica'.

Nun aggio fatto a tiempo a salutarlo,
a lle dicere, pe' l'urdema vota, "addio!",

e stu' pensiero pe' mme è comm' 'a nu tarlo
ca fatt' 'o fuosso dint' 'o core mio.

Però dint' 'a 'stu core 'nce stanno pure astipati
tutt' 'e ricordi che maje se ponno cancella'.

'Nce sta' l'espressione tutta mortificata
'e quanno mammema 'o faceva arraggia';

'nce sta 'o sorriso sotto a chillu baffetto
ca te faceva ridere pure si nun vulive;

'nce sta' chill'ommo, anche dal bell'aspetto
ca teneva sempe quanno se vesteva.

E chi 'o ssape mo' overo che me dicesse
si putesse turna' pe' n'attimo a parla',

si 'stu munno accussì fatto lle piacesse
o si se ne turnasse ambresso a parte 'e lla'.

E m'arricordo ancora e chella vota,
je piccerillo, cu 'na pizza mmano, mmiez' 'a via,

isso che diceva: "te vurria fa 'na foto".
Mai 'na pizza fuje accussì chiena 'e nustalgia.


Claudio Galderisi
(19 marzo 2007)

 

FRASI E DETTI.

E chesto te piace 'e fa'.

E' una espressione tipica per sottolineare un comportamento usuale, ancorché ripetitivo, della persona alla quale ci si sta rivolgendo, evidenziandone quindi la tendenza al godereccio a danno di altra attività più redditizia.


Quanno vid''o muorto, passaci che piede pe' 'ncoppa.

Il proverbio mette in guardia dall'essere troppo altruista e consiglia, in circostanze di una certa gravità, di farsi i fatti propri, per evitare di essere accusato ingiustamente.


Rispunnette a copp''a mano...

Espressione che manifesta l'immediatezza di una risposta a tono, durante una discussione.


Quanno si' 'ncudine, statte e quanno si' martiello, vatte.

Il proverbio consiglia di accettare gli insegnamenti e le eventuali sottomissioni quando si è allievi. Se mai si diventerà maestri o insegnanti si dovrà adoperare la stessa grinta nei confronti di altri.


A chisto ce manca sempe 'o sordo p'appara' 'a lira.

Si usa nei confronti di chi non da' mai l'impressione di avere tutto quello che gli serve per portare a termine un qualsiasi progetto.


Attacca 'o ciuccio addo' vo' 'o padrone.

Cerca di accontentare sempre i voleri del padrone.


'Na vota è prena, 'na vota allatta, nun' 'a pozzo mai vattere.

Il detto viene adoperato per indicare l'impossibilità di poter fare qualcosa, per le scuse ripetute e ripetitive, di chi dovrebbe aiutarti nell'operazione.


Fattella cu chi è meglio 'e te e refunnece 'e spese.

L'invito è a frequentare persone che si ritengono migliori di se stessi al fine di acquisirne i pregi e le virtù, anche sostenendo i costi dell'operazione, considerato il sicuro ritorno personale, sotto l'aspetto umano e formativo.


Ogni scarpa addiventa scarpone.

Purtroppo ognuno invecchia e questo, lo si dovrebbe tenere sempre bene a mente.


A chisto ce manca qualche viernarì.

Ci si esprime così nei confronti di chi assume atteggiamenti e comportamenti non sempre ritenuti ortodossi e che consentono, invece, di identificare nel soggetto una certa familiarità con istituti di recupero mentale.


Me pare 'nu speruto 'e carna cotta.

Si dice così di persona che dà l'impressione di desiderare sempre qualcosa, anche quelle che difficilmente può non avere. Si pone quindi in una condizione tale da apparire come un soggetto che vorrebbe avere, non tanto quello che non ha, ma quello che hanno gli altri.


Secondo me, tu si gghjuto ca' capa 'nterra.

Frase che si adopera nei confronti di chi, con il suo comportamento, dimostra di non essere al meglio delle sue capacità psico-fisiche nonché mentali.

 

FRASI E DETTI 2.

So' gghiuto pe' truva' aiuto e aggio trovato sgarrupo.

Lo dice chi, trovandosi in una situazione complicata, cerca conforto in qualcuno con l'intenzione di risollevarsi moralmente. Con sommo stupore scopre, invece, che la persona alla quale si è rivolto vive una condizione ancora peggiore della sua, cosa questa che causa il suo definitivo scoramento.


Chi 'nfraveca e sfraveca nun perde maje tiempo.

Chi si dà da fare nel tentare e ritentare di risolvere un problema o di portare a termine un lavoro, difficilmente impiega male il suo tempo.


S'ha 'dda' mantene' 'o carro p''a scesa.

Bisogna fare adesso dei sacrifici per poter poi raccogliere gli attesi e meritati risultati positivi.


Va e vvene p' 'a sciassa che tene.

Si comporta così, chi è mosso da uno strano e frettoloso andirivieni che non produce nulla di costruttivo. Ragion per cui costui, viene assimilato a chi, in preda a spasmi diarreici, occupa ripetutamente, a intervalli più o meno regolari, la stanza da bagno.


Vott' 'a pretella e nasconne 'a manella.

Si dice di persona birichina e furbetta che riesce a mascherare molto bene le sue malefatte, mimetizzando tutte le eventuali prove che potrebbero incolparlo.

 


'E perzo chesto, chello e Mariastella.

A furia di tirar troppo la corda, spesso si finisce col perdere, sia quello che si tentava di conquistare, che quello che già si possedeva.


Cu 'n'uocchio guarda 'a gatta e cu n'ato frije 'o pesce.

Vale per chi è impegnato contemporaneamente nello svolgimento di due o più mansioni. L'attenzione, ovviamente, risulta ripartita e, di conseguenza, indebolita in ognuna delle operazioni. Questo può comportare un risultato non sempre ottimale o, comunque, non rispondente alle aspettative.


'E vuttato a mare 'll'acqua sporca cu tutt''a criatura.

Espressione limpidissima che si adopera nei confronti di chi, semplicisticamente, affronta un argomento senza utilizzare i dovuti distinguo e, pur riuscendo a individuare ciò che risulta esecrabile, non riesce a dividere da questo ciò che va salvato. Si ritrova il senso di questo detto nell'italianissimo "hai fatto di tutta l'erba, un fascio".


Da quando è morta 'a criatura, nun simme cchiù cumpari.

Lo si usa quando, venendo a mancare alcuni presupposti, si ha l'impressione che, i rapporti intessuti precedentemente con altri soggetti, si siano indeboliti al punto da ridurre drasticamente le frequentazioni fra gli interessati.