Napoli

tutto quello che riguarda la città partenopea

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: nonsolonero
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 60
Prov: VE
 

AREA PERSONALE

 

INFORMAZIONE DELL'AUTORE.

Questo blog è creato grazie alle conoscenze dell'autore e alle tante notizie e immagini che egli assume anche dal WEB.

Pertanto, se qualcuno intendesse vietare la riproduzione su "Napoli tutto quello che riguarda la città partenopea" di qualche foto coperta da diritti di copyright, lo può fare segnalandolo alla casella di posta claudiogalderisi@libero.it e sarà immediatamente rimossa.

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

ciaoooooo
Inviato da: ospite
il 26/02/2020 alle 14:38
 
ciaoooooo
Inviato da: pincociccio
il 26/02/2020 alle 11:23
 
vorrei
Inviato da: pincociccio
il 26/02/2020 alle 11:22
 
ciao
Inviato da: pincociccio
il 26/02/2020 alle 11:22
 

Inviato da: VAMOSAGANAR
il 02/02/2020 alle 03:11
 
 

DAL BLOG DI "BELLA CIAO"

«Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque é morto un Italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì  O giovani, col pensiero, perché lì é nata la nostra Costituzione.»

 

'O RANCO.

'O ranco.

L'ata notte 'nu ranco m'ha pigliato
d'int'a coscia 'nu nervo s'è 'nturzato;
e che dolore c'aggiu 'ntiso pe' chillu ranco
aggio ditto: - Obbi' lloco: mò jetto 'o sanghe!

M'aggio stiso a panza a sotto,
m'aggio levato a cuollo 'a cuperta,
sentevo 'o core ca quase me scuppiava,
me stevo fermo e 'o dulore nun passava.

Allora aggio penzato 'e m'aiza'
e buon'aggio fatto, me so miso a zumpa'.
'O dolore, pareva ca se ne steve jenne
mentr'je me mantenevo 'e llucche 'nganne.

E dint''o scuro, piglianno cunferenza c''a nuttata,
ll'uocchie mie, senza vule', una vutata
jettene a guarda' 'ncopp''o comodino
addo' sta 'na fotografia cu' tte che me tenive 'nzino.

Sarrà stato 'o fatto ca me tenive 'ncopp''o core
ma a me se ne ghiuto tutt''o dulore.
Ma n'ato ranco mo' me piglia 'mpietto
ogni vota che me guardo 'sto ritratto.

Claudio Galderisi

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 55
 

'O CIURILLO

Tu si' comm'è nu' ciurillo appena fritto
che 'mmocca è 'ssapurito quando è cuotto
e mentre m' 'o magno e 'o stregno 'mmiez' 'e diente
chiudo 'll'uocchie e penzo a 'tte e so' cuntento.

Ciurillo mio chi si' je nun 'o ssaccio
saccio sulo che te chiammo ammore.
'Na lagrema me scenne 'ncopp' 'a faccia
pe 'stu ciurillo che m'astregne 'o core.

Claudio Galderisi

 

VICINO 'O MARE.

Taggia purta' vicino 'o mare,
addo' se sente addore,
addo' l'acqua pare ca se mette appaura
e j' a murì pe' ncopp' 'a rena.

T'aggia purta' là addo' stanno 'e scoglie
addo' l'acqua sbatte forte
e, jenne annanze e arrete,
'e veste e 'e spoglie.

Te voglio purta' là addo' tira 'o viento
che t'arriva dint' 'e capille
e t' 'e sposta annanz' 'a ll'uocchie
pecché t'ha da fa' dispietto.

Te voglio purta' 'e notte
quando ce sta 'a luna
grossa, chiena e argiento
ca se specchia 'nfaccia a te.

Te voglio purta' 'e juorno
quando ce sta 'o sole
e dint' 'a ll'uocchie tuoje
se vede 'o mare attuorno a me.

T'aggia purta' vicino 'o mare,
t'aggia tene' pe' mmane,
t'aggia dicere ddoje cose
pe nun te lassà cchiù.

Claudio Galderisi

 

FRASI E DETTI 3

Tanti galli a canta' e nun se fa maje juorno.

Indica le difficoltà che si incontrano laddove, in un insieme di persone, anziché far parlare uno rappresentativo di tutti, parlano in tanti. Questo comporta solo confusione e facili contraddizioni fra gli stessi componenti del gruppo.

 

 

« Totò: l'uomo, l'attore...San Gennaro e il suo miracolo. »

Pensieri di un napoletano in esilio.

Post n°7 pubblicato il 12 Febbraio 2007 da nonsolonero
 

Mai una volta in vita mia non mi sono sentito napoletano, mai una volta. Mai una volta ho tradito questa città, unica e, per molti aspetti, impareggiabile.

Vivo lontano da Napoli ormai da quasi vent'anni ma, ogni volta che vi torno, mi bastano poche ore, ed è come non fossi mai andato via.

Mi piace tuffarmi nel brulichio di gente della Pignasecca, fra un banchetto di frutta e verdura e una vetrinetta di "zeppole e panzarotti"; mi piace l'odore nei bar che si diffonde anche fuori di essi, quell'odore inebriante di caffè nero, forte, bollente o aromatizzato alla cioccolata come in alcuni bar del Vomero; mi piace il profumo del ragù, quello così bene descritto in "Sabato, domenica e lunedì" dal grande Eduardo, un profumo che si propaga negli antri dei palazzi, soprattutto la domenica mattina e ti prende per mano e ti riporta indietro nel tempo; mi piace l'odore del mare che ti entra nei polmoni se cammini per via Caracciolo; mi piace il babà con la panna sotto la Galleria e il chiacchiericcio della gente che vi passeggia; mi piacciono gli scorci e i panorami mozzafiato che, quando meno te l'aspetti, ti si parano davanti da Posillipo a Santa Lucia, dal Chiatamone al castel dell'Ovo, dal Monte di Dio al Corso Vittorio Emanuele; mi piace ammirare le chiese, la loro austera bellezza, il loro stile, la gente che le frequenta sempre devota, sempre fedele anche per uno come me, completamente scevro da qualsivoglia contaminazione religiosa; mi piace il clima che ti porta gioia anche in una giornata di pioggia. Mi piace Napoli, così com'è.

Molti potrebbero obiettare sulle tante cose non certo invidiabili che comunque riguardano questa città: il traffico, il disordine, i problemi sociali, la disoccupazione, la microcriminalità, la camorra. E questi molti, hanno sicuramente ragione.

Per quanto si possa amare un luogo non si può, comunque, far finta di non vedere, restare indifferenti alla violenza quasi quotidiana, chiudere gli occhi di fronte a evidenti difficoltà che ogni giorno bisogna combattere per cercare di portare avanti la propria esistenza.

Napoli ha bisogno di una forte spinta che la aiuti a superare tutte le problematiche che la attanagliano e che frappongono ostacoli a tutte quelle iniziative che, invece, potrebbero servirle per risolvere definitivamente i suoi annosi drammi sociali.

Vorrei avere la capacità di riuscire a parlare ai tanti napoletani che, come me, soffrono di tutto questo e far capire loro che siamo in tanti e che in tanti possiamo tanto ma dobbiamo, già da subito, fare di più. Dobbiamo iniziare di nuovo a parlare ai nostri figli, dobbiamo recuperare quel senso di civismo che non è affatto scomparso ma semplicemente umiliato in tutti noi e farlo riemergere. Vorrei tanto avere la capacità di riuscire a parlare però, soprattutto, ai non pochi napoletani che, offendendo la loro città con atteggiamenti e comportamenti delinquenziali, non arrecano offesa solo agli altri ma anche a loro stessi; vorrei che proprio loro potessero divenire la vera, autentica riscossa di questa meravigliosa metropoli e dimostrare al mondo intero che Napoli può dare tanto a tutti, in arte, in cultura, in allegria, in gioia di vivere e in senso civico.

E' tanto difficile riuscire a concretizzare dei sogni, a trasformare in realtà delle aspettative che sulla carta sembrano improponibili ma il primo grande errore è proprio quello di demordere.

La strada buona è stata intrapresa da Antonio Bassolino quando per la prima volta si insediò come Sindaco nel 1993. Arrivò il G7, fu effettuato un robusto restiling in numerose parti della città, fu restituita dignità a una parte del centro storico, fu chiusa al traffico Piazza del Plebiscito, furono iniziati i lavori di ristrutturazione a numerosi palazzi storici e a tutta via Toledo, furono iniziati i lavori della metropolitana e furono proposte numerose iniziative culturali al fine di valorizzare l'immenso polo museale napoletano.

Nonostante il rilancio della città a livello internazionale e il suo reinserimento nei grandi itinerari turistici e crocieristici, i grandi problemi "storici" sono rimasti tali: la camorra e la disoccupazione. La prima miete vittime in tutto l'hinterland ad un ritmo impressionante e la seconda è ancorata a livelli percentuali scoraggianti.

Non so se riuscirò a vivere abbastanza per vedere la mia Napoli così come la vorrei vedere sempre e cioè bella, pulita, sicura, dedita al turismo italiano e straniero, finalmente libera dal cancro malavitoso che la attanaglia.

Napoli, la mia Napoli, non è un oggetto soprammobile, nè uno scendiletto o peggio ancora uno zerbino.

Napoli, la mia Napoli, è la città che vorrei regalare di cuore a tutti perché è un patrimonio universale destinato a tutti, una città che, sotto certi aspetti, come ha già avuto modo di dire Luciano De Crescenzo, "è l'unica speranza che resta all'intera umanità".

Vorrei che tutti voi, amici non napoletani che vi siete trovati a leggere queste righe, almeno una volta nella vita, aveste potuto ammirare le cose che ho visto e che ho vissuto intensamente a Napoli; vorrei farvene dono, solo per avere in cambio un pizzico d'affetto che, spesso, troppo frettolosamente, a questa città, viene negato.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Casanapoli/trackback.php?msg=2284244

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
carmen46c
carmen46c il 26/07/07 alle 19:03 via WEB
Bellissimo questo pezzo che hai scritto ... mi sembra di averlo scritto io, non c'è una singola lettera, punto o virgola che non ho sentito come se l'avessi scritto io con la penna del mio cuore. Bravo...
 
 
nonsolonero
nonsolonero il 26/07/07 alle 20:22 via WEB
Grazie Carmen. So che può servire, scrivendo in questo modo, a far ribollire un po' il sangue nelle vene a chi, come te, si "sente" napoletana. Mi fa piacere essere riuscito in quest'intento. Un saluto affettuoso. Claudio.
 
casa_mia
casa_mia il 26/07/07 alle 19:36 via WEB
Ciao Claudio, lo so, questo non è il commento che ti aspettavi,ma,grazie a Carmela, sono arrivata a questo post meraviglioso, che mi ha fatto accapponare la pelle...non so se sia stato un caso arrivare fin qua proprio oggi...sì, perchè oggi, ma solo per oggi, sono molto, molto arrabbiata con questa città, o meglio,con vive in questa città a danno degli altri!Un bacio Claudio, tornerò presto a commentare anche il tuo ultimo post. elena
 
 
nonsolonero
nonsolonero il 26/07/07 alle 20:27 via WEB
Mi dispiace che tu, la mia cara Elena, sia arrabbiata con Napoli. Per arrivare a questo ne devi avere avuto davvero tutte le ragioni. Quando vorrai mi spiegherai cosa ti è successo. Intanto, ti ringrazio per questo commento. Molto sinceramente, mi ero sempre chiesto perché, un brano scritto con la sincerità fra le mani, non avesse suscitato un pizzico di curiosità in chi visitava il mio blog. Poi, stasera, a sorpresa, tu e Carmen mi avete regalato davvero una bella soddisfazione. Grazie come sempre e, come sempre, un bacio. Claudio.
 
   
casa_mia
casa_mia il 26/07/07 alle 20:32 via WEB
Ciao,purtroppo Claudio, ci siamo conosciuti dopo molti post,(questo ad esempio lo hai scritto diversi mesi prima che io aprissi il mio blog) ogni tanto torno indietro, spulcio nel tuo blog, a volte mi è successo di commentarne qualcuno vecchio, ma non li ho letti tutti...però quando mi capita di leggerne uno è sempre una bella sorpresa!Ti scrivo,adesso, in pvt, ciò che è successo. Grazie del tuo affetto. Un abbraccio.elena
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Partenopeo in esilio il 06/12/19 alle 17:00 via WEB
a proposito ultima riga tuo post, ti invito a leggere la mia poesia "che ne sanno ?" pubblicata ne "la Rassegna d'Ischia" n. 5/2019. Che ne sanno? Che ne sanno quelli che non sono cresciuti a Napoli negli anni ’50, assieme a Totò, a Edoardo, a Sergio Bruni e a Carosone, che non sono passati sotto la grande statua di Dante Alighieri tutti i giorni, per andare a scuola in Piazza del Gesù, non hanno imparato le poesie del marchese Caccavone e non hanno visto le ragazze uscire chiassose dal Pimentel Fonseca di fronte alla solenni arcate del Monastero di Santa Chiara, non hanno percorso tutti i decumani del Corpo di Napoli, non hanno ironizzato davanti alle statue dei re di Napoli e riso della vicina fontana a carciofo del Comandante, non hanno marinato la scuola, nei primi giorni di primavera, per andare a Santa Lucia a Mergellina o al Capo di Posillipo, e non hanno amoreggiato nel Bosco di Capodimonte e in quello degli Astroni, luoghi di caccia di re e imperatori ? Che ne sanno, quelli, dell’antica galleria di Seiano e non l’hanno percorsa, sulle orme di Melville, affacciandosi ogni tanto sulla spiaggia di Trentaremi a vedere l’isola delle cene luculliane e della congiura romana, non sono stati in quella di Posillipo ricordando Goethe, non hanno sostato sulla tomba di Virgilio, assieme a Petrarca, cercando di spiegargli chi è quel Leopardi che gli giace accanto, che non hanno visto, pure con gli occhi della mente, l’ateo Boccaccio inginocchiato nella vicina chiesa, davanti alla quale il popolino costrinse un altro ateo famoso a togliersi dalla testa la berretta floscia sudamericana, e non hanno visto la folla accalcarsi, vociante e devota, a pretendere lo scioglimento del sangue di San Gennaro, anche dopo che la Chiesa aveva deciso non fosse più santo ? Che ne sanno quelli che non hanno vissuta tutta la marina, “da Procida a Resina”, non hanno raschiato cozze dai moli del porto romano di Baia non ancora scoperto, che non hanno calpestato le fumarole della Solfatara e non hanno visto formarsi i cristalli di zolfo e di cinabro, non hanno passato il Lunedì in Albis alla Madonna dell’Arco, al Capo di Miseno o nell’enorme parco della reggia di Caserta, che non hanno raccolte vongole e lumaconi alla Caiola, non sono stati punti dai ricci e morsicati da un polpo a Nisida, non hanno pescato ostriche al largo della fontana di Mergellina, non hanno nuotato intorno al castello aragonese di Ischia, di sera, per ascoltare il canto della serpentessa, e non sono entrati a nuoto nella Grotta Azzurra di Capri passando dall’antro subacqueo assieme ai pesci e ai raggi del sole ? Che ne sanno, quelli, delle zeppole del Gambrinus, delle sfogliatelle di Scaturchio e dei babà di Bellavia, della pizza di Port’Alba piegata a libretto e divorata davanti alla libreria di fronte, a due passi dal Conservatorio ? Che ne sanno del calzone delle figliole a Porta Capuana, e degli spaghetti alle vongole del Borgo Marinaro, mangiati ascoltando la posteggia confondersi con le onde e guardando la prigione dell’ultimo imperatore romano, quelli che non hanno mangiato mozzarelle a Mondragone, cozze al Fusaro e cefalo arrostito sulla spiaggia di Licola, che non hanno raccolto “sassi” alle falde del Vesuvio rubacchiando e divorando le albicocche più grosse del mondo, che non hanno assaggiato i fichi sui colli di Sant’Agata guardando or l’uno or l’altro dei due golfi sottostanti ? Che ne sanno quelli che non hanno visto gli ultimi carri diffondere per la città le nuove canzoni di Piedigrotta, non hanno visto il Vesuvio spegnersi lontano e diventare quella montagna che un’anima pare, rassegnata e stanca, che non hanno visto la luna spuntare Marechiaro e luccicare a Santa Lucia o sul Capo di Posillipo odoroso dove il cuore trovò casa e si fece cuore, questo cuore, che non hanno perso sospiri per una passione disperata davanti alla finestra bassa di una padrona crudele? E della vucchella appassionata di Gabriele d’Annunzio, degli occhi lucenti come stelle che ragionavano senza parlare, del cardillo che strillava geloso dei versi del poeta, dell’albero piccirillo e della casetta rosa sopra i Camaldoli, delle battaglie amorose del guarracino che andava per mare ….che cacchio ne sanno? Partenopeo in esilio Pubblicata ne “La Rassegna d’Ischia” n. 5/2019
 
divinacreatura59
divinacreatura59 il 06/12/19 alle 17:51 via WEB
Complimenti per il post Claudio.Anche io vengo da una grande città del sud(Palermo)e per molti aspetti mi manca.Da 25 anni mi sono stabilita nelle Marche e mi trovo bene ma mi manca sempre la mia terra.Sempre stata fiera della mia Sicilia nonostante le piaghe che tutti conosciamo e la disoccupazione è il problema che mi porta qui.Mai dimenticare le proprie radici...mai!Una buona serata da Divina.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
ospite il 18/01/20 alle 19:26 via WEB
commento non trovato
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
ospite il 26/02/20 alle 14:38 via WEB
ciaoooooo
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: nonsolonero
Data di creazione: 31/01/2007
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

giancarlo.fargnoligennarogiordano43adippefedafadorettadgl0kratosdgl11andliviooamodio1940giannidea1Antilope4ciccioazzurro1nicowizfralofanopeppedilevaCherrysl
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

VOCCA

Vocca rossa comm' 'a 'na cerasa
ca me pare 'nu fazzoletto 'e raso,
vocca che tira 'e vase a mille a mille,
che me fa canta' comm' è n'auciello.

Me faje canta' tutt' 'e canzone,
me faje sentì chino 'e furtune.
Vocca, ca me fa sbattere cchiù forte 'o core
quando me chiamme cu 'na parola sola: ammore.

Claudio Galderisi

 

DINT'A LL'UOCCHIE.

S'je te guardo dint'a ll'uocchie
belli, verdi e chiene 'e luce
je ll'auso comme specchie.

Chillo sguardo ch'è 'na freccia
chelli ciglie senza trucco
dint'o core fanno breccia.

Je te voglio tene' stretta
'e te' voglio sentì addore.

Fino a dimane, senza fretta,
voglio sta' cu tte a fa' ammore.

S'je te guardo dint'a ll'uocchie,
me succede all'improvviso,
ddoje parole nun l'accocchie;

ma me basta nu surriso,
nu surriso cu chist'uocchie
e me trovo 'mparaviso.

Claudio Galderisi

 

A MIO PADRE.

Se n'è gghiuto ormai ca so' nov'anni
e so' nov'anni ca è comme stesse 'cca'.

Se n'è gghiuto suffrenno e cu ll'affanni
'e 'na vita intera passata a fatica'.

Nun aggio fatto a tiempo a salutarlo,
a lle dicere, pe' l'urdema vota, "addio!",

e stu' pensiero pe' mme è comm' 'a nu tarlo
ca fatt' 'o fuosso dint' 'o core mio.

Però dint' 'a 'stu core 'nce stanno pure astipati
tutt' 'e ricordi che maje se ponno cancella'.

'Nce sta' l'espressione tutta mortificata
'e quanno mammema 'o faceva arraggia';

'nce sta 'o sorriso sotto a chillu baffetto
ca te faceva ridere pure si nun vulive;

'nce sta' chill'ommo, anche dal bell'aspetto
ca teneva sempe quanno se vesteva.

E chi 'o ssape mo' overo che me dicesse
si putesse turna' pe' n'attimo a parla',

si 'stu munno accussì fatto lle piacesse
o si se ne turnasse ambresso a parte 'e lla'.

E m'arricordo ancora e chella vota,
je piccerillo, cu 'na pizza mmano, mmiez' 'a via,

isso che diceva: "te vurria fa 'na foto".
Mai 'na pizza fuje accussì chiena 'e nustalgia.


Claudio Galderisi
(19 marzo 2007)

 

FRASI E DETTI.

E chesto te piace 'e fa'.

E' una espressione tipica per sottolineare un comportamento usuale, ancorché ripetitivo, della persona alla quale ci si sta rivolgendo, evidenziandone quindi la tendenza al godereccio a danno di altra attività più redditizia.


Quanno vid''o muorto, passaci che piede pe' 'ncoppa.

Il proverbio mette in guardia dall'essere troppo altruista e consiglia, in circostanze di una certa gravità, di farsi i fatti propri, per evitare di essere accusato ingiustamente.


Rispunnette a copp''a mano...

Espressione che manifesta l'immediatezza di una risposta a tono, durante una discussione.


Quanno si' 'ncudine, statte e quanno si' martiello, vatte.

Il proverbio consiglia di accettare gli insegnamenti e le eventuali sottomissioni quando si è allievi. Se mai si diventerà maestri o insegnanti si dovrà adoperare la stessa grinta nei confronti di altri.


A chisto ce manca sempe 'o sordo p'appara' 'a lira.

Si usa nei confronti di chi non da' mai l'impressione di avere tutto quello che gli serve per portare a termine un qualsiasi progetto.


Attacca 'o ciuccio addo' vo' 'o padrone.

Cerca di accontentare sempre i voleri del padrone.


'Na vota è prena, 'na vota allatta, nun' 'a pozzo mai vattere.

Il detto viene adoperato per indicare l'impossibilità di poter fare qualcosa, per le scuse ripetute e ripetitive, di chi dovrebbe aiutarti nell'operazione.


Fattella cu chi è meglio 'e te e refunnece 'e spese.

L'invito è a frequentare persone che si ritengono migliori di se stessi al fine di acquisirne i pregi e le virtù, anche sostenendo i costi dell'operazione, considerato il sicuro ritorno personale, sotto l'aspetto umano e formativo.


Ogni scarpa addiventa scarpone.

Purtroppo ognuno invecchia e questo, lo si dovrebbe tenere sempre bene a mente.


A chisto ce manca qualche viernarì.

Ci si esprime così nei confronti di chi assume atteggiamenti e comportamenti non sempre ritenuti ortodossi e che consentono, invece, di identificare nel soggetto una certa familiarità con istituti di recupero mentale.


Me pare 'nu speruto 'e carna cotta.

Si dice così di persona che dà l'impressione di desiderare sempre qualcosa, anche quelle che difficilmente può non avere. Si pone quindi in una condizione tale da apparire come un soggetto che vorrebbe avere, non tanto quello che non ha, ma quello che hanno gli altri.


Secondo me, tu si gghjuto ca' capa 'nterra.

Frase che si adopera nei confronti di chi, con il suo comportamento, dimostra di non essere al meglio delle sue capacità psico-fisiche nonché mentali.

 

FRASI E DETTI 2.

So' gghiuto pe' truva' aiuto e aggio trovato sgarrupo.

Lo dice chi, trovandosi in una situazione complicata, cerca conforto in qualcuno con l'intenzione di risollevarsi moralmente. Con sommo stupore scopre, invece, che la persona alla quale si è rivolto vive una condizione ancora peggiore della sua, cosa questa che causa il suo definitivo scoramento.


Chi 'nfraveca e sfraveca nun perde maje tiempo.

Chi si dà da fare nel tentare e ritentare di risolvere un problema o di portare a termine un lavoro, difficilmente impiega male il suo tempo.


S'ha 'dda' mantene' 'o carro p''a scesa.

Bisogna fare adesso dei sacrifici per poter poi raccogliere gli attesi e meritati risultati positivi.


Va e vvene p' 'a sciassa che tene.

Si comporta così, chi è mosso da uno strano e frettoloso andirivieni che non produce nulla di costruttivo. Ragion per cui costui, viene assimilato a chi, in preda a spasmi diarreici, occupa ripetutamente, a intervalli più o meno regolari, la stanza da bagno.


Vott' 'a pretella e nasconne 'a manella.

Si dice di persona birichina e furbetta che riesce a mascherare molto bene le sue malefatte, mimetizzando tutte le eventuali prove che potrebbero incolparlo.

 


'E perzo chesto, chello e Mariastella.

A furia di tirar troppo la corda, spesso si finisce col perdere, sia quello che si tentava di conquistare, che quello che già si possedeva.


Cu 'n'uocchio guarda 'a gatta e cu n'ato frije 'o pesce.

Vale per chi è impegnato contemporaneamente nello svolgimento di due o più mansioni. L'attenzione, ovviamente, risulta ripartita e, di conseguenza, indebolita in ognuna delle operazioni. Questo può comportare un risultato non sempre ottimale o, comunque, non rispondente alle aspettative.


'E vuttato a mare 'll'acqua sporca cu tutt''a criatura.

Espressione limpidissima che si adopera nei confronti di chi, semplicisticamente, affronta un argomento senza utilizzare i dovuti distinguo e, pur riuscendo a individuare ciò che risulta esecrabile, non riesce a dividere da questo ciò che va salvato. Si ritrova il senso di questo detto nell'italianissimo "hai fatto di tutta l'erba, un fascio".


Da quando è morta 'a criatura, nun simme cchiù cumpari.

Lo si usa quando, venendo a mancare alcuni presupposti, si ha l'impressione che, i rapporti intessuti precedentemente con altri soggetti, si siano indeboliti al punto da ridurre drasticamente le frequentazioni fra gli interessati.