Blog
Un blog creato da pigilli il 06/10/2006

PIERLUIGI LUPO

RACCONTI

 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gianp.mazzilli2010giusidda66cassetta2jessicamarinoniada81_2Recreationpipe76amaryllis6padryaenailaadribrandihattori_hanzo1975onofrisandropigillicetra5revrev
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie per articolo È troppo bello. Piu Grandi Film
Inviato da: Recreation
il 08/02/2018 alle 13:34
 
Ciao, e grazie.
Inviato da: pigilli
il 22/03/2014 alle 11:28
 
bella storia :)) un saluto e complimenti.. sasà
Inviato da: informatore66
il 01/03/2014 alle 19:51
 
Beh, naturalmente le lezioni sono indirizzate a coloro che...
Inviato da: pigilli
il 29/04/2013 alle 11:05
 
Consapevolmente qualche mezzo ce l'avrei,mi manca il...
Inviato da: melen.me
il 28/04/2013 alle 21:17
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 44
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« LIBRI ON THE ROADCIAO PEROZZI... »

IL SOLDATO AMERICANO

Post n°11 pubblicato il 21 Novembre 2006 da pigilli
 

immagineCerti amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano… canta Venditti, ma la realtà è spesso diversa e l’amore sfuggito di mano non lo riprendiamo più, similmente ad un palloncino volato in cielo. Però, nella realtà, talvolta, c’è spazio per un lieto fine o comunque un avvenimento che ci lascia sperare.

1945 – Fine della guerra in Italia. Costanza ha solo diciotto anni, è graziosa, piuttosto alta, con belle spalle e soffici capelli neri che le scendono lungo la schiena. E Deales è il classico soldato americano: sorridente, pieno di sé, e bello che sembra appena uscito da un film. In più, come tutti i suoi compagni, incarna le vesti del salvatore, dell’eroe. E tutte le ragazze sono attratte da questi uomini venuti da lontano, belli e coraggiosi. La maggior parte di loro sembrano ragazzoni cresciuti troppo in fretta e appaiono ancora bambini, specie quando mostrano i denti per sorridere.

Costanza ci casca, come parecchie sue amiche, e s’innamora di uno di questi soldati che stazionano nel suo paese. Si chiama Deales e s’incontrano tutte le volte che possono.

Quando le truppe fecero ritorno a casa, Costanza rimase sola e non vide più il suo soldato. All’inizio si scrissero lunghe lettere, piene di passione e di promesse di rivedersi al più presto, e magari sposarsi. Ma dopo un po’ anche le lettere cessarono d’arrivare. E Costanza rimase sola del tutto. Dopo qualche anno sposò un brav’uomo del paese, ma l’amore era un’altra cosa. Nacquero figli e nipoti. E la vita andò avanti.

A distanza di circa sessant’anni, tanto era rimasto nell’aria quell’amore, la nipote di Costanza sposa un soldato americano di stanza a Vicenza (base Nato). Il giorno del matrimonio Costanza conosce i parenti dello sposo, e in particolare la madre. La signora americana, dopo essersi sciolta un pochino, raccontò del padre che aveva combattuto proprio in quei luoghi e s’era perfino innamorato di una ragazza italiana, del posto. Quando Costanza ha domandato il nome del papà e si è sentita rispondere: “Deales” è rimasta di sasso, poi osservando meglio il viso della donna ha rivisto di colpo il ritratto del soldato americano, il suo giovane perduto amore!

 
 
 
Vai alla Home Page del blog