Creato da Trappolinax il 31/10/2008

Il mio mondo blu

sogni e realtà ....

 

« Don Gnocchi beato - Un e...Dopo una giornata di fatica .... »

Infibulazione - Il prezzo da pagare per essere una donna

Post n°576 pubblicato il 26 Ottobre 2009 da Trappolinax
 

   

 In alcune zone del mondo la parità dei diritti tra uomo e donna, l’emancipazione femminile e la libertà non ha trovato riconoscimento, in alcuni paesi esistono atti barbarici, pratiche disumane che negano non solo la libertà ma il principio di femminilità.

Una di queste pratiche è l’infibulazione che consiste nell’asportazione totale o parziale dei genitali femminili.
I paesi a maggior numero di donne che hanno subito o stanno per subire mutilazioni genitali sono: Somalia,  Sudan, Sierra Leone,  Gibuti, Gambia e Liberia. Questi sono solo alcuni dei paesi dell’ Africa dove questa pratica è diffusissima.
 
L’infibulazione comporta l’asportazione del clitoride, delle piccole labbra e delle grandi labbra e la cucitura della vulva. Generalmente la pratica viene fatta da sole donne ed il taglio dei genitali è compiuto da una donna anziana del villaggio ritenuta “l’esperta”.

 La bambina è tenuta con le gambe divaricate, il taglio viene effettuato senza alcuna precauzione anestetica o disinfettante,  al posto di tradizionali strumenti chirurgici, l’incisione si effettua con una lama, vetro affilato, schegge di metallo o forbici. Per disinfettare e cicatrizzare la ferita,  viene usato succo di limone, tuorlo d’uovo e  miscugli di erbe.
  
Le bambine dopo questa pratica devono anche fare attenzione a non bere molti liquidi, perché urinare diventa atroce, provocando un fortissimo bruciore. Se la donna sopravvive si può considerare “sessualmente pura” , questo è il prezzo da pagare per essere una donna!

Attraverso questa pratica, i rapporti sessuali sono impossibilitati fino alla defibulazione ovvero alla scucitura della vulva, che effettua direttamente lo sposo la notte del matrimonio.
  
 Anche in questo caso, i genitori credono di fare un atto giusto e di amore verso le figlie. Le bambine, una volta date in spose non correranno il rischio di essere ripudiate.
L’Istat parla di 67.988 donne arrivate in Italia da paesi a tradizione escissoria , 40.000 donne sono già state infibulate mentre le restanti sono a rischio.
Fonte: La Stampa
.
Dobbiamo rispettare le culture diverse dalla nostra
ma questa è cultura?
.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog