Creato da alias1973 il 29/09/2006

L' ATTIMO FUGGENTE

"I WENT INTO THE WOODS BECAUSE I WANTED TO LIVE DELIBERATELY. I WANTED TO LIVE DEEP AND SUCK OUT ALL THE MARROW OF LIFE, TO PUT TO ROUT ALL THAT WAS NOT LIFE; AND NOT, WHEN I CAME TO DIE, DISCOVER THAT I HAD NOT LIVED " - "BOYS, YOU MUST STRIVE TO FIND YOUR OWN VOICE, BECAUSE THE LONGER YOU WAIT TO BEGIN, THE LESS LIKELY YOU ARE TO FIND IT AT ALL. THOREAU SAID: <MOST MEN LEAD LIVES OF QUIET DESPERATION>. DON'T BE RESIGNED TO THAT. BREAK OUT!". (DEAD POETS SOCIETY - 1989)

.

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

surfinia60alias1973varpyroDream_Hunterenricoparolofzozzoliscarpa.rossanosono.elefantepsicologiaforenseMenzogneDopoMenzogneserafino_loriapocaontas.84ConigliettaAnnarellabal_zacsolo_mature76
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 34
 

TAG

 
 
 
 
 

 

.

Post n°146 pubblicato il 17 Gennaio 2010 da alias1973
 

L A   1 2 E S I M A   N O T T E

Passano lente le ore di chi la notte non la dorme nè la vive, ma la fa.
E ci si scopre parte d'un mondo di onirica lucidità che alla fioca luce dei neon di cortesia non si piega ma stoicamente resiste, nell'attesa dell'alba di un nuovo giorno, pur sempre uguale.
Un'umanità variamente offesa vi dimora, e bianchi angeli accomodanti ed accomodatori e poi gli stanchi guardiani del sangue, le cui ombre opache vagano e s'allungano e s'intrecciano sulle pareti chiare.
E non v'è casa, nè pudore, nè talvolta voci o gesti familiari neppure più in chi vegli.
Ma è proprio qui che la meraviglia dell'umanità si palesa, così inaspettatamente in simile luogo, così fortemente rispetto ad altra circostanza.
E la banalità e la superficialità e la scioccherìa dei rapporti è straordinariamente vinta da un'adamantina solidarietà che nella comune sofferenza trae i suoi natali.

Il male è trasversale in quanto socialmente, moralmente e politicamente corretto: quando arriva, non guarda in faccia nessuno. 
Sarà.
Magari davvero non ci guarderà, ma vero è che rende i nostri visi tutti uguali.

 
 
 

.

Post n°145 pubblicato il 28 Dicembre 2009 da alias1973
 

R E G A L O   D I   N A T A L E


"Se sei abbastanza fortunato di aver vissuto a Parigi come un giovane uomo, allora per il resto della tua vita ovunque andrai, sarà con te, a Parigi è un continuo banchettare"

(E. Hemingway - "Festa Mobile")

 

 
 
 

.

Post n°144 pubblicato il 23 Dicembre 2009 da alias1973
 

METTEVI COMODI E ASCOLTATELA PER INTERO...

Paul McCartney - "Once Upon A Long Ago" (1987)


 
 
 

.

Post n°143 pubblicato il 20 Dicembre 2009 da alias1973
 

O C I O   A L   P O C I O !

Hai chiesto un Natale con i fiocchi ed eccoti accontentato.
La neve è caduta, precipitazione annunciata, ma sorprendente l'abbondanza.
E' caduta durante la notte, silenziosa come un assassino,  felpata come i passi di un ladro, è caduta a carrettate: fino a 30 centimetri in quell'isola di calore che è la città dei termosifoni.

La finestra sul giardino è come una poltrona di prima fila davanti ad un palcoscenico incantato: alberi come fantasmi, i rami neri che fanno da impalcatura ad un  castello di cristallo, le ultime foglie sono calici colmi di gelo, una ragnatela è diverntata un merletto di Murano.
Il ragno è morto, ma meriterebbe il Nobel per l'arredamento invernale - se ci fosse un Nobel destinato ai ragni.

Questa neve è frutto di una nevicata come quelle di una volta, riempie il cuore di gioia e il CTO di contusi e fratturati.
Si, perchè al di là del senso della neve  come stato d'animo c'è il problema pratico, quello della mobilità, sia a piedi, in auto o per chi ha un fegato grosso così, in bicicletta.

A Palazzo Moroni, i vigili sono informati di quanto sale è stato sparso sui cavalcavia, le rotatorie, le tangenziali e del lavoro notturno con gli spazzaneve ma nel cortile si scivola come su una lastra di ghiaccio e sul listòn che pure è pulito, una signora va a gambe all'aria.

Le macchine procedono lentamente, non c'è molto traffico, chi ha potuto se n'è rimasto a casa. Il rallentamento coatto ha mandato in tilt anche il trasporto pubblico, gli autobus soprattutto. La gente è costretta a muoversi dentro armature di vestiti pesanti (il freddo punge, il tremometro è arrivato a -9°C) e deve destreggiarsi con le mani occupate da borse ed ombrelli.

In queste condizioni si perde lucidità.
Ieri un'anziana non  riusciva a montare in autobus perchè si era dimenticata di chiudere l'ombrello e non  passava dalla porta.

"Scusi, autista, - chiede una donna - mi fa il biglietto?".
Ma il conduttore è concentrato alla guida, se frena di colpo o accelera bruscamente il rischio che il mezzo finisca fuori strada è elevato:
"Adesso non posso, signora, alla prima fermata glielo faccio".
"Ma alla prossima fermata io scendo, faccio prima a piedi".
Scende, mette il piede su un chiusino di ferro coperto da una patina invetriata e batte il sedere per terra con uno "splash" sonoro. Per fortuna non  riporta danni e dal bus parte una risatella sommessa.

Prato della Valle: la grande piazza è spettacolare! Le statue che danzano attorno all'isola Memmia  sono tutte vestite di bianco: bianchi mantelli, gorgiere di neve, ma soprattutto cappelli: tocchi, berretti, cappucci, a seconda della forma della testa del personaggio influente ivi scolpito.

Per gli ambulanti la neve è stata un disastro: nella maggior parte dei casi la merce resta inscatolata dentro il pulmino in attesa che la nevicata trovi sosta.
Piazza dei Signori: anche qui il mercato ha subito un contraccolpo. Scope e badili al lavoro.
Un  bambino e un cane tormentano una mamma:
"Mamma, avevi promesso che stamattina saremmo andati a correre sull'argine!".
Il cane dà manforte al piccolo con patetici uggiolii.
Ma la signora resiste:
"Ma siamo matti!".

La città può essere divisa in tre orizzonti: i marciapiedi sotto i portici, protetti e quindi abbastanza puliti; sulle strade "pocio" e sui marciapiedi scoperti neve calpestata, particolarmente insidiosa perchè sotto cela la trappola del ghiaccio.
Padova cambia forma ma i cittadini tentano di non cambiare abitudini: oggi muoversi è stato un affare serio.

Sul listòn, dal Cantòn del Gallo al Prato c'è parecchia gente, perchè lo shopping è sacro, quasi un pellegrinaggio al santuario del consumismo e non ci puoi rinunciare neanche a costo di rimetterci una caviglia. Non la solita folla, comunque, perchè è mancato almeno nel corso della mattinata, il popolo della cintura urbana.

Via Tiso da Camposampiero, la strada che da ponte Barbarigo porta alla Specola è un pezzo di banchisa polare emigrato alle nostre latitudini.
Un pò più in là, attorno all'Osservatorio Astronomico c'è un silenzio profondo. Anche il fiume ha cambiato colore.
Dal bar esce un pò di musica, qualcuno che canta "Ma il cielo è sempre più blu".

(Prato Della Valle, Pd)

 
 
 

.

Post n°142 pubblicato il 17 Dicembre 2009 da alias1973
 

L E    M I L L E   A   1/2   N O T T E

Cuscini damascati ornati di frange e pendagli d'oro gettati come petali su piccoli letti a baldacchino. Divani e poltrone, specchi e tappeti scarlatti e nell'aria denso il fumo profumato dei narghilè. Nelle ballerine verdi-velate pulsa la danza dai sottili polsi inanellati fin giù nei ventri arrotondati e nudi. Ci invitano a ballare, sorrido ma m'impunto come un asino, la mia è mente vaga, l'ora irripetibile, il corpo l'hanno abbandonato e sciolto opportune dosi di boukha sicchè sto così bene lì, acciambellata sorniona sul cuscinone mentre quella serva dell'architetto mi accarezza le dita. Mi si prende per la mano, dai balla, ma no cosa dici, su vieni, avanti, no dai la prossima volta. La ragazza mi viene incontro: ha occhi neri e capelli corvini, labbra scure e un sorriso mite e ammiccante insieme. Si sfila un bracciale rigido, sottile e dorato: tieni. Aggrotto la fronte, vorrei dirle qualcosa ma sono ipnotizzata dal suo sguardo di bronzo, la fisso sorridendo con un solo lato della bocca mentre finalmente L. riesce a portarmi via a ballare. L'intreccio delle dita è uno shock, sussulta il petto e s'agglutina il sangue mentre in alto, un soffitto drappeggiato di veli chiari è il cielo albeggiante di questa notte araba.


Ofra Haza - Im Nin'Alu (1987)



C U R I O S I T A '

"Im Nin'alu" (אם ננעלו) is a Hebrew poem by the 17th century's Yemenite Rabbi Shalom Shabazi (Hebrew: שלום שבזי‎, Arabic: سالم الشبزي‎), which has later been put to music, and was sung by Israeli Yemenite singer Ofra Haza and others.

The poem starts with the words :

"Im nin'alu daltei n'divim daltei marom lo nin'alu"

"Even if the gates of the rich will be closed, the gates of heaven will never be closed"

(WIKIPEDIA)

 
 
 
 
 
 
 

L' ALILETTURA DEL MESE....

"TROPICO DEL CANCRO" - Henry Miller

 

ULTIMI COMMENTI

prediletta dell'avvocato trapanese
Inviato da: MenzogneDopoMenzogne
il 19/03/2015 alle 12:59
 
e dopo di te? bossa.silvia? Ciao silvy, bluette45 e...
Inviato da: MenzogneDopoMenzogne
il 19/03/2015 alle 12:58
 
cara ali ;-P
Inviato da: SonoFemminaWiMaschi
il 01/08/2012 alle 12:57
 
buona vita allora! ^___^
Inviato da: SonoFemminaWiMaschi
il 01/08/2012 alle 12:56
 
ciaoooooo
Inviato da: ballu1978
il 22/07/2011 alle 12:28
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31