per non smarrirmi

opinioni libere (anche di cambiare...)

 

SE IL PORTAFOGLIO CONTA PIU' DI UN POPOLO...


BOICOTTIAMO I PRODOTTI TEDESCHI ! ! !

Finché i governanti tedeschi non smetteranno di usare l'Europa per arricchire la propria economia, noi...impoveriamola...!

(anche noi, colpiamoli per educarli)


 

 

 

 

D I C H I A R A Z I O N E

QUESTO BLOG NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA, DATO CHE NON E' AGGIORNATO PERIODICAMENTE E NON HA FINI DI LUCRO: AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE, NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE (L.62 DEL 7/3/'01).

PER QUANTO ATTIENE AL COPYRIGHT DELLE IMMAGINI E I VIDEO USATI, PRESI DALLA RETE, CONTATTATEMI PRIVATAMENTE: NON HO ALCUN PROBLEMA AD ELIMINARLE...

 

ULTIME VISITE AL BLOG

surfinia60EMMEGRACEgigi198000mgf70piterx0sinaicoanna545viscontina17kora69sabrina64_4elyravTerzo_Blog.GiusRavvedutiIn2LolieMiu
 
 

BAGAGLIO

COSA C'E' D'INDISPENSABILE? COSI' COME, PREPARANDO UNA VALIGIA, LASCI LE COSE INUTILI, RICORDATI DI NON CARICARE L'ANIMA DEI PESI CHE PUOI EVITARE...

 

TAG

 

ALLA DERIVA…

NULLA AVANTI A ME, COME AI LATI E DIETRO. SENZA DIREZIONE, SONO IN ATTESA DEL DOMANI...

 

AREA PERSONALE

 

NO PONTE

QUESTO BLOG E' CONTRO IL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA !

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

NIRVANA - YOU KNOW YOU'RE RIGHT

 

DA MOLTO NON SE NE PARLA PIU', MA LA "RIFORMA GELMINI", IN REALTA' E' PASSATA. NON HA PIU' SENSO RICHIAMARE UNA RACCOLTA DI FIRME (COME AL MIO POST #160, IN CUI NE RICHIAMAVO UNO DI  elena.c.q.d) . PERO', INVITO TUTTI COLORO CHE HANNO FIGLI, TUTTI QUELLI CHE SOGNANO UN MONDO MIGLIORE, TUTTI QUELLI CHE SANNO ANCORA PENSARE CON LA PROPRIA TESTA, A NON ABBASSARE LA GUARDIA E AD ESSERE PRONTI AD ANDARE IN PIAZZA PER SALVARE LA SCUOLA ITALIANA E, CON ESSA, IL NOSTRO FUTURO.
mgf70

 

LOSING MY RELIGION

 

CREDO SIA IMPORTANTE...

Inviato da andrea7770 il 26/05/08 @ 08:41 via WEB
MESSAGGIO IMPORTANTE Gli operatori delle ambulanze hanno segnalato che molto sovente, in occasione di incidenti stradali, i feriti hanno con loro un telefono portatile. Tuttavia, in occasione di interventi, non si sa chi contattare tra la lista interminabile dei numeri della rubrica. Gli operatori delle ambulanze hanno lanciato l'idea che ciascuno metta, nella lista dei suoi contatti, la persona da contattare in caso d'urgenza sotto uno pseudonimo predefinito. Lo pseudonimo internazionale conosciuto è ICE (=In Case of Emergency). E' sotto questo nome che bisognerebbe segnare il numero della persona da contattare utilizzabile dagli operatori delle ambulanze, dalla polizia, dai pompieri o dai primi soccorritori. In caso vi fossero più persone da contattare si può utilizzare ICE1, ICE2, ICE3, etc. Facile da fare, non costa niente e può essere molto utile. Se pensate che sia una buona idea, fate circolare il messaggio di modo che questo comportamento rientri nei comportamenti abituali.
 

HERE WITH ME

 
Citazioni nei Blog Amici: 45
 

LA STORIA DELLE COSE (VERS.21'08")

ALTAMENTE CONSIGLIATO PER LA PROPRIA CONSAPEVOLEZZA (ANCHE SE, DOPO, NON CAMBIERETE NULLA DEL VOSTRO VIVERE)

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

La vita continua (tra alti e bassi)

Post n°1094 pubblicato il 22 Maggio 2018 da mgf70
 
Tag: diario

Ieri il figlio grande ha preso la sua specializzazione, con 110 su 110. E' stata una giornata lunga, intensa e molto, molto stancante.

Ciò che mi è mancato è stata la presenza, cosa più che giustificatissima, di alcune persone per me (e per il "dottore") importantissime; ma, a conti fatti, credo che sia stato meglio così, data la giornata particolarmente stressante.

Ora...si ritorna ad una quasi normalità, in attesa che l'ex-studente metta a frutto i suoi studi, che il piccolo faccia la sua benedetta verifica di matamatica e che "l'intermedio"...trovi la sua strada, il suo modo di crescere...

Il dubbio più forte di un genitore è sempre quello di avere o no, sbagliato qualcosa nello stimolare, sanzionare, obbligare, dare facoltà... Ma solo alla fine dei giochi, quando sarà troppo tardi, avremo una risposta.

Ma per quanto riguarda noi stessi, invece, resta sempre il peso dei mille errori che ci hanno condotto qui, nel punto di stallo, dopo quello di non ritorno.

.

.

.

[...c'è giusto quel senso di solitudine...]

 
 
 

Pensieri e immagini

Post n°1093 pubblicato il 11 Maggio 2018 da mgf70
 
Tag: anima

Oggi il cielo ha alternato calore e splendore di quasi-estate, ad una pioggia da tropici: a sera, mentre rientravo a casa, l'aria era di nuovo calma e serena.

Un giorno salendo a bordo di un mezzo, guarderò nel vuoto e aspetterò quella voce che non mi chiamerà. Non sarò nemmeno troppo deluso, perché in fondo, non avrò più desiderato qualcosa da tanti anni ed avrò smesso di credere nei sogni.

Il giorno è andato via, come la rabbia delle ultime ore, come la stanchezza e la confusione di tante ore a guadagnarmi il pane, lontano dalla mia anima.

Avrei voluto stringerti a me e piangere assieme come due scemi, guardando un film; avrei voluto ballare nel buio al solo canto del vento, leggeri come il più lieve dei pensieri, dimentichi del mondo come solo i bambini, o i pazzi.

Domani accadrà qualcosa, ma nulla potrà ridarmi il batticuore di certi anni, quando ancora sapevo desiderare con ardore, quando ancora ero capace di sognare.

Una notte camminando nel nulla di una nebbia fittissima, la respirerò a pieni polmoni, affinché essa mi entri dentro e mi trasformi in parte di essa, affinché quando il sole ed il vento l'avranno dispersa, di me resteranno solo le vesti al suolo.

Vorrei poter essere ancora capace di pregare Dio, come una volta, per chiedergli di vegliare su coloro che amo e ai quali non so più dare amore.

 
 
 

Nulla accade per caso e certe scelte che "creano danno" sono volute per cambiare le cose

Post n°1092 pubblicato il 03 Maggio 2018 da mgf70
 

[criptico]

Non posso gioire e non riesco a piangere, se non per ciò che sono stato. Avrei voglia di mollare tutto e scomparire, ma i legami sono troppi e troppo importanti, affinché io riesca a reciderli. E, onestamente, non so nemmeno se lo voglia.

Ogni giorno la polvere s'insinua nel mio ufficio (...) e non sempre ho voglia di combatterla come dovrei: è il mito di Sisifo nel mio piccolo, ma è ben poca cosa rispetto alle battaglie inutili ben più grandi, che quotidianamente affronto.

Avrei voglia di un po' di quel sano sesso animale, che non ha senso in sé ma ne dà a tutto il resto. Avrei voglia di un poco di totale ed indeterminata (...) solitudine, ma come diceva Guccini "...nemmeno dentro al cesso, poissiedo un mio momento..."

Vorrei vivere lontano dai limiti emotivi altrui (...), dall'anaffettività che ferisce e lascia il segno, dai messaggi dolorosi che mi tocca leggere, scritti con cinica semplicità, mentre io vivo il senso di colpa (e non dovrei) per qualcosa che è normale e consequenziale.

Sto cercando un motivo per finire di prepararmi ed andare a lavorare, ma non riesco a trovarlo e quindi, ci andrò lo stesso perché così sono, così mi hanno insegnato, anche senza di questo. Forse questa è la mia unica certezza...

(Che la commedia abbia inizio!)

 

 
 
 

Chiudendo gli occhi

Post n°1091 pubblicato il 22 Aprile 2018 da mgf70
 

[domani sarà]

 

 

 

 

 

 

 

 

Quando non vuoi dormire ma pure

hai bisogno di non vedere il mondo,

chini il capo, sul dorso della mano

e chiudi gli occhi in un lungo sospiro

.

Una musica sottile, i suoni della notte,

come un improvviso scroscio di pioggia

lavano via la nera patina della realtà

e resuscitano sensazioni lontane

.

Ma è solo un fugace stato passeggero,

sul quale non ti soffermi più di tanto,

ché di troppe analisi hai avvelenato

il tempo in cui vivi ogni tuo attimo

.

Anche se hai occhi umidi, non piangi;

pur se hai imprecazioni e recriminazioni,

non ti lasci andare alla rabbia, né all'odio:

per quanto puoi, resti in pace con te stesso

.

Anche se sarà solo una scheggia di tempo,

na sarai ritemprato, come dopo un lungo sonno

e ritroverai la voglia di vivere ancora,

perché quella, sai che non l'hai mai persa.

 
 
 

Gioia e rabbia

Post n°1090 pubblicato il 12 Aprile 2018 da mgf70
 
Tag: diario

Quando il lavoro da fonte di sostentamento diventa anche la sorgente primaria del proprio stress e delle proprie nevrosi personali, forse ci sarebbe da riflettere.

Da oggi e per altri diversi giorni, mi attendo troppo lavoro, zero-serenità e pochissimo tempo per me. Il tutto a parità di stipendio!

Eppure oggi, dovrei (vorrei) poter gioire per la nascita del tanto atteso primo figlio, di un mio caro collaboratore. Invece sarò concentrato a non farmi schiacciare dalle conseguenze di questo lieto evento.

Echissenefrega!

Auguri D. a te, alla tua amata R. e al piccolo che è appena arrivato. Anni fa dissi (e dico ancora) che ogni nascita è un motivo di speranza per l'umanità. Allora, ripartiamo da questa notte, per un mondo migliore...

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: mgf70
Data di creazione: 09/01/2008
 

A V V E R T E N Z A ! ! !

IN QUESTO BLOG (E CORRELAZIONI), VI SONO MOLTI FRUTTI "D'UMANO INGEGNO", CHE HO DECISO DI CONDIVIDERE CON CHIUNQUE FOSSE INTERESSATO. PER QUESTO, CHIEDO DI NON COPIARE NULLA, SE NON DIETRO ESPLICITO MIO CONSENSO. GRAZIE

mgf70

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: mgf70
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 48
Prov: RM
 

PREGASI DIFFONDERE !

Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni quando la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col terrore dell'intimidazione, ma anche negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola.
(Primo Levi- Torino 1974 )

 

QUESTO BLOG, STA CON ROBERTO SAVIANO

ROBERTO SAVIANOLucide le sue analisi, coraggiose le sue parole, profonda la speranza che sa dare: non esiste un "Grazie" sufficientemente grande, per la luce che sa dare, in questo lungo periodo di tenebre.

Meriterebbe una vita "normale", a premio del suo coraggio.

Il suo esempio, riscatta la sua terra e l'umanità intera...

 

C O N S E G U E N Z E . . .

Alla gran maggioranza di noi si richiede un'ipocrisia costante, eretta a sistema. Ma non si può, senza conseguenze, mostrarsi ogni giorno diversi da quello che ci si sente: sacrificarsi per ciò che non si ama, rallegrarsi per ciò che ci rende infelici. (...) La nostra anima (...) Non si può impunentemente violentarla all'infinito...

(Boris Leonidovic Pasternak, Il dottor Zivago)

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

L'ENCRE DE TES YEUX... (F.CABREL)

Qualcosa resta sempre in noi, quando s'incontra qualcuno di speciale: i suoi sorrisi, i suoi sguardi, il bene che ha portato alla nostra anima e, infine, i rimpianti...

L'importante è che tutto ciò che da questa persona abbiamo attinto, resti scritto indelebilmente nelle nostre anime, affinché il tempo assieme, non sia stato inutile

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

STING -Moon over Bourbon street

 

(1989) SENTO IL ROMBO DEI BUS

Non più amici, né donne, o altro, intorno a me. Alle mie parole, solo il silenzio risponde. Lontano, sento il rombo dei bus: pur colmi di gente, a me paion vuoti. Condannato così, a restar in balìa di me stesso, nevrosi e stanchezza...           Inverno e non me ne accorgo, se non dal passo pesante: lo stesso di chi ha perso una partita; identico a quello sulla ghiaia di un cimitero.                                              E, così, non riesco più a sorridere, ad esorcizzare le mie fobìe: spezzati sono i miei ricordi (giammai felici).                                                                                                 Questo mondo di rumori cittadini, è ben distante dai miei pensieri e, mi fa sentire ancor più distante; non ho scampo, dalla mia mente, né dal mio destino...
 

L'ULTIMO SPETTACOLO (S.VECCHIONI)

...non lasciamoci "stancare" dalla prima parte: dà un senso alla (meravigliosa) seconda...

 

R E V I S I O N E

OGGI DI' 5 D'APRILE DELL'ANNO DOMINI 2012, HO DECISO DI PROCEDERE AD UNA PRIMA REALE REVISIONE DEL TEMPLATE DEL MIO BLOG, RIPRISTINANDO, CANCELLANDO, SPOSTANDO, CIO' CHE NON HA PIU' RAGIONE DI RESTARE, CIO' CHE NON ERA PIU' FRUIBILE, CIO' CHE HA PERDUTO DI ATTUALITA' IMMEDIATA: ogni tanto, occorre far pulizia !

SPERO, NESSUNO SE NE ABBIA A RISENTIRE...

 

COL TEMPO SAI (VERS. BATTIATO)

 

(1992) LA FRATTURA

Un attimo, una stupida incomprensione, un attrito ridicolo e ogni motivo di serenità è già finito: non sembra svanita la passione; ma, appare perduta ogni volontà di comprendersi. Non più la voglia di starsi accanto, ma la tentazione d’offendersi, che diviene un muto schivarsi, tra le pareti domestiche…Anche da momenti banali, stupidi, può morire un rapporto.

A che serve, far l’amore con passione, con la voglia dell’altro, se poi ne subiamo il fastidio, nelle cose di tutti i giorni? Poi, si finisce di farlo per noia, o (peggio), per quella forma di “dovere”, insita nei comportamenti consolidati... Così, si finisce per sconfessare il proprio desiderio, arrivando a fare (o farsi) male, pur di annullarne l’identità, con la cosa bella, che conoscevamo.