Creato da fafadgl il 11/09/2006
IL SAPORE DELLA VITA

Contatore Visite

 

CI SONO ( ? )

 

LETTERA PER I BAMBINI


Bambini, Babbo Natale esiste ed esiste la Befana
Esistono i tre porcellini e la fata Morgana
Metti un dente sotto il bicchiere, il giorno dopo c'è un soldino
Peter Pan combatte ancora contro Capitan Uncino
Boschi pieni di folletti e di orsi pasticcioni
Elefanti che con le orecchie volan come aquiloni
Esistono i giganti, i draghi, Artù e Merlino
E se segui quelle briciole puoi incontrare Pollicino
Ma anche l'Orco sai esiste, te lo giuro su me stesso
Ti dirà "C'era una volta", stai attento, c'è anche adesso.

GIORGIO PANARIELLO
 

NO PEDOFILIA

 

I miei link preferiti

- SLA
- SLA-le porte dlla speranza
- Luciana Littizzetto
- Beppe Grillo
- http://www.tuttoscemo.com/
 

NO WAR

 
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 32
 

Ultime visite al Blog

mariomancino.mCoralie.frsqualettogmmariano92pantaleoefrancasemprepazzagogh0dante822andremecoilio_2009SerenadarioscannerjetantoniettavitulloAndrea1964Andreafrida.69
 

Ultimi commenti

ciao tortella... "Io credo nel rosa. Io credo che...
Inviato da: Andrea1964Andrea
il 07/12/2013 alle 14:03
 
post 1426: quanta invidia per voi donne che riuscite a...
Inviato da: lonelysoul_56
il 01/05/2012 alle 19:09
 
in questo mondo piccolo e banale regna chi bara e chi non...
Inviato da: icaro95
il 13/03/2012 alle 13:16
 
CARISSIMA.....BACIONE!!
Inviato da: fafadgl
il 02/03/2012 alle 10:20
 
un saluto cara Fa..
Inviato da: emanuelas24
il 23/02/2012 alle 10:55
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

SE

Rudyard Kipling

Se riesci a mantenere il controllo quando tutti intorno a te
perdono il loro e te ne attribuiscono la colpa.
Se puoi confidare in te stesso quando tutti dubitano di te
pur tenendo conto del loro dubitare.
Se sai aspettare senza stancarti di farlo
o essere circondato da bugie senza darvi credito
o essere odiato senza dar spazio all'odio
e ciò senza sembrare troppo buono o troppo saggio.
Se puoi sognare - senza rendere i sogni tuoi padroni.
Se sai pensare - senza rendere i pensieri il tuo obiettivo
Se puoi incontrare il Trionfo e la Sconfitta
e trattare questi due impostori alla stessa stregua.
Se puoi tollerare di udire la verità da te pronunciata
stravolta da disonesti che intessono trappole per gli ingenui
o vedere le cose per le quali hai dato la vita,
distrutte e fermarti a costruirle di nuovo con strumenti logori.
Se sai raccogliere tutte le tue vittorie
e rischiarle con un lancio a testa o croce
e perdere e ricominciare ancora dall'inizio
e mai sussurrare una parola della tua perdita.
Se puoi sforzare il tuo cuore, nervi e muscoli
per servire al tuo scopo ben al di là delle loro possibilità
e così andare avanti quando più nulla in te
tranne la Volontà dice loro "tieni duro!"
Se puoi parlare con le folle e mantenere il tuo valore
o camminare con i re senza perdere di semplicità.
Se né i nemici e neppure gli amici più cari possono ferirti.
Se tutti possono contare su di te ma nessuno eccessivamente.
Se puoi riempire un inesorabile minuto
con un viaggio lungo sessanta secondi
tua è la terra e quanto vi è in essa,
e - cosa ancor più importante - tu sarai un uomo figlio mio!

 

Ciao Marco

 

 

« Ti Prego !!!!!!!!!!!:-) »

Staccare La Spina

Post n°1423 pubblicato il 04 Gennaio 2012 da fafadgl

 

Ieri sera un amico mi confidava il suo malessere nel dover ricominciare a lavorare dopo la pausa natalizia; non tanto per il lavoro di per se, che tra l’altro gli piace molto, quanto per il tempo che non è più suo.

Nei giorni di lavoro, e a volte anche in quelli di pausa, si corre, si corre, si è legati ad orari, doveri, problemi, e ci sfugge il mondo intorno, il respiro stesso. Io spesso mi accorgo di fare respiri corti e radi, tanto da trovarmi, a volte, in apnea. Passando con calma in una via della città ho notato scorci che per 40 anni non avevo mai notato.

Dopo questo sfogo tra amici, ieri sera, mi è tornato in mente un episodio.

Ho “affidato” mia figlia all’asilo nido prestissimo. La portavo al mattino alle otto, poi via al lavoro, per riprenderla alle 18, poi via a casa, pappa e nanna.

Allo scoccare del decimo mese di vita, un sabato mattina, non so come mai potei concedermi tanto, ma mi sedetti su una sedia in un angolo della sua cameretta. Lei era in piedi traballante, ancora non camminava secondo me, ed era appoggiata alle mie gambe. Ad un tratto si staccò da me e, con mia enorme sorpresa, senza appoggio, senza guida, senza ME, attraversò spedita la cameretta fino a raggiungere l’angolo opposto della stanza. “Ehi, piccolina di mamma, tesoro mio, ma tu cammini!!!” urlai io!!

Il lunedì successivo la riportai al nido e, entusiasta, chiamai la sua maestrina preferita e le confidai la novità, e lei, beatamente, mi disse “ ma la piccola cammina da lunedì scorso, non se ne era accorta?”

Mi sentii morire!

Forse dovrei vergognarmi di aver vissuto quella settimana in funzione di altre priorità che non fossero la mia stellina.

Di sicuro è un tarlo che mi rode da anni.

Sarebbe bello (e questa è la prima stupidaggine dell’anno!!) avere due vite. La prima fatta di impegni e doveri, tanto per capire cosa perdiamo correndo dietro ai doveri e tanto per equilibrare la nostra mente (l’essere umano è uno strano mostro, riesce ad essere equilibrato solo quando è sopraffatto da problemi e difficoltà, altrimenti “sbrocca” ) la seconda vita per Godere e Gustare tutto ciò che ci è sfuggito nella prima. Per riappropriarci dei nostri minuti, anche dei secondi, di uno sguardo, di una telefonata, di una visita, di una serata tranquilla, di una dormita fiume, del piacere di leggere, di ascoltare bella musica seduti in poltrona, passeggiare nelle nostre campagne, per “viverci” i nostri figli ed “accudirli”, mangiare lentamente e gustare i sapori, bere lentamente e assaporare il piacere del liquido che scende giù, nel nostro corpo,  parlare e non urlare, ascoltare e non solo sentire, vedere e non solo guardare,  parlare..parlare, riappropriarci del nostro io! Questa è la vera vita, non quella matassa aggrovigliata di angosce che ci domina ora.

Ma davvero, per poter VIVERE, bisogna rinascere o scappare???

Buon Rientro Al Lavoro, Amico Mio!!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog
Citazioni nei Blog Amici: 32
 

una bibìta

 

Guardo gli asini che volano nel ciel
ma le papere sulle nuvole
si divertono a fare i cigni nel ruscel ......
.... Queste strane cose
vedo ed altro ancor
quando ticchete ticche
ticchete ticche
ticchete sento che e'
guarito il cuor
dall'estasi d'amor

« Il mondo è pieno di persone come Stanlio e Ollio. Basta guardarsi attorno: c'è sempre uno stupido al quale non accade mai niente, e un furbo che in realtà è il più stupido di tutti. Solo che non lo sa. »

  « Two minds without a single thought (Due menti senza un singolo pensiero) »
 

 

 

 

Il Grande Principe

 

"Elena di Troia...Troia...Troia:questo nome non mi e' nuovo!"

 

"Io non rubo integro.D'altra parte in Italia chi e' che non integra?"

 

 

"Io ho carta bianca!!!"
"..e ci si pulisca il culo!!!!"

..................................
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

...........Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"

 

Femmena,
tu si 'a cchiù bella femmena,
te voglio bene e t'odio
nun te pozzo scurdà...

 

 

SORRIDI!!!