Creato da cassetta2 il 07/11/2003
L'importante è lasciarsi dietro un segno, un qualcosa per farsi ricordare, non importa che sia scritto per sempre su un libro di storia o solo un giorno su un ascensore...
 

Contatta l'autore

Nickname: cassetta2
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Et: 16
Prov: VI
 

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 114
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

[=] Nullafacenti

Contatore siti

 

Ultimi commenti

Mettici a bordo una ciambella
Inviato da: PRONTALFREDO
il 29/09/2020 alle 22:34
 
sera, ed tempo che i fiori chiudano le loro corolle....
Inviato da: volami_nel_cuore33
il 29/09/2020 alle 18:05
 
o un'amaca
Inviato da: alberto.gambineri
il 29/09/2020 alle 16:52
 
Come sopravvento, immaginare. Soffia!
Inviato da: ditantestelle
il 29/09/2020 alle 12:29
 
Ch, ma quello di kiss me Licia che si litiga la...
Inviato da: Signorina_Golightly
il 29/09/2020 alle 11:05
 
 

 

« Cammina ... cammina ...Turismo musicale »

Giorni festivi

Post n°2619 pubblicato il 20 Agosto 2010 da cassetta2
Foto di cassetta2

Come può un paese progredire quando la sua popolazione è in ferie per quasi metà dell'anno? La Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale chiedono al governo dello Srī Lanka di ridurre il numero dei giorni festivi in quel paese, che attualmente sono 174 su 365, costituendo probabilmente un record mondiale, dice The Economist. L’alto numero di giorni festivi riflette la varietà di razze e religioni che si riscontra nello Srī Lanka. Oltre alle 5 feste nazionali ci sono 20 feste religiose per buddisti, indù, musulmani e cristiani. In più, gli impiegati statali hanno 45 giorni di ferie all’anno, e molte imprese private ne concedono altrettanti ai propri dipendenti. Nondimeno, l’economia dello Srī Lanka continua la sua espansione. L’agricoltura è il cuore dell’economia e dipende dai due monsoni che soffiano sull’isola nelle stagioni della raccolta. Afferma The Economist: “I monsoni non vanno in ferie”.

Shot: Savio

 
 
 
Vai alla Home Page del blog