Creato da shardana0 il 12/02/2006

Sardinia

Storia della Sardegna e del suo popolo - Arte, Tradizioni e cultura. Attualità, Cronaca, Società , Politica, Satira ed altro…

 

Una mossa sospetta i tagli ai politici…

Post n°1430 pubblicato il 19 Maggio 2010 da shardana0
 

 

A

nche il governo più votato ed amato dagli italiani ha dovuto prendere atto che ci troviamo di fronte ad una crisi senza precedenti dall'ultima guerra. Siamo tutti più poveri di 750 miliardi di euro o, per meglio dire, ogni sfigato che appartiene all'eurozona oltre al proprio debito pubblico prò capite della nazione alla quale appartiene ora dovrà sobbarcarsi un extra debito, questa volta europeo. Gli abitanti della zona attualmente infestata dall'euro sono 320 milioni, fatti i debiti conti si troveranno con 2300 euro a testa di debito in più da pagare. Neonati e pensionati inclusi, sui quali ovviamente occorrerà pagare ì soliti interessi sotto forma di imposte e di tagli allo stato sociale.

Il sottoscritto, era scettico su questa crisi, credevo fosse un’invenzione del giornali e delle Tv, ma si è convinto definitivamente, nel momento in cui il ministro Calderoli ha proclamato che la classe politica deve dare il buon esempio e ridursi gli emolumenti del 5% per aiutare il Paese.

Siccome i politici, dal 2001 in poi, hanno già dato un notevole contributo al Paese rinunciando a tutti i loro privilegi, abolendo 540 mila auto blu, dimezzando il numero dei parlamentari, sopprimendo le province e altri enti inutili, svolgendo regolari gare d'appalto per far risparmiare la pubblica amministrazione, stanando milioni di evasori, e milioni di falsi invalidi, penso che sia giusto che anche i pensionati ed i lavoratori dipendenti diano una mano al ministro leghista a trovare quei 25 miliardi di euro che servono per la nuova manovra finanziaria.

Non vogliamo mica che il governo sia costretto a prendere misure impopolari che colpiscono, sempre, le rendite finanziarie, le pensioni d’oro, gli stipendi milionari, i grandi patrimoni o i grandi evasori fiscali come (non) pretendono i sindacati? Autorizziamoli a "prendere" dalle pensioni e dagli stipendi il 10% o anche il 20% al mese ed ecco trovati i 25 miliardi. Italiani siate generosi aiutiamo i politici che hanno, sempre, dato il buon esempio.

Avete capito perché è sospetto il proclama del 5% del ministro? Prepariamoci al solito "andazzo" perché sono in arrivo i tagli alla sanità e il ticket di 10 euro, il blocco dei contratti pubblici, il blocco delle finestre di luglio per gli aspiranti pensionati etc… etc…

 

 
 
 

L’ AVO: Associazione Volontari Ospedalieri,

Post n°1429 pubblicato il 12 Maggio 2010 da shardana0
 

 

O

ggi non voglio annoiarvi con le solite critiche al sistema Italia. Oggi voglio parlarvi di qualcosa di importante, la mia nuova esperienza all’interno dell’ AVO, Associazione Volontari Ospedalieri, che rappresenta una delle più importanti e riconosciute realtà nel settore del volontariato socio-sanitario. Un’ associazione che intende rendere a tutti coloro che non si trovano nella pienezza dei propri mezzi fisici o psichici o che vivono in situazione di sofferenza un servizio volontario, qualificato, gratuito e disinteressato offrendo presenza amichevole, calore umano, dialogo, aiuto per lottare contro la sofferenza, il disagio, l’isolamento e la solitudine.

Dopo un colloquio informativo e una prima selezione attitudinale, sono stato ammesso al corso di formazione base (durato circa due mesi). Gli incontri, sono stati tenuti da volontari-formatori, da medici e psicologi, e aveva per argomento in particolare la comunicazione con il malato, la relazione d'aiuto, le problematiche socio-assistenziali, l'organizzazione sanitaria e gli aspetti normativi del volontariato. Ora sto finendo i mesi di tirocinio in ospedale affiancato da volontari esperti con i quali metto al servizio degli ammalati degenti nell’ ospedale della mia città parte del mio tempo. Un’esperienza straordinaria perché mi sono reso conto che è vero noi volontari, girano per i reparti con camice azzurro e cartellino di riconoscimento, assicuriamo una presenza amichevole, offrendo al malato calore umano, ascolto, compagnia e un aiuto per lottare contro la sofferenza della malattia e della solitudine, durante la loro degenza, ma è anche vero che loro contraccambiano trasmettendo a noi volontari qualcosa che ci fa crescere e maturare. Noi doniamo a loro il nostro tempo ma loro attraverso i loro sguardi e i loro sorrisi donano a noi qualcosa di più facendoci dimenticare i nostri piccoli problemi quotidiani e quando li lasciamo a fine turno, non possiamo far altro guardare il cielo e ringraziare perché abbiamo scoperto di essere veramente fortunati.

Condivido quest’esperienza con decine di volontari, ma siamo ancora pochi e abbiamo bisogno anche di te! E' importante poter contare su un’adesione sempre maggiore per non essere costretti a sospendere dei servizi positivi di cui il malato possa fruire in modo continuativo. Allora, se credi di avere le qualità necessarie, serietà, equilibrio, discrezione, intuito e capacità di relazione; una buona preparazione generale; disponibilità alla collaborazione; disponibilità a svolgere almeno un turno settimanale in ospedale (mattino o pemeriggio); disponibilità a partecipare ad un incontro mensile di formazione, corri informati presso la tua città e chiedi di diventare un volontario AVO e anche tu potrai provare la gioia di donare il tuo tempo a chi ha bisogno.

La frase usata nella Home Page di un sito AVO è emblematica: ”Dai poco se doni la tua ricchezza. Ma se doni te stesso, tu doni veramente”.


 
 
 

5 maggio - Giornata nazionale contro la pedofilia.

Post n°1428 pubblicato il 05 Maggio 2010 da shardana0
 

 

U

na legge del 30 aprile 2009, fissa al 5 maggio la Giornata nazionale contro la pedofilia e la pedopornografia ma leggendo i quotidiani odierni, mi pare che la cosa sia passata "nel silenzio pressoché assoluto dei media". Eppure L'iniziativa cade quest'anno in mezzo allo scandalo pedofilia scoppiato all'interno della Chiesa, quindi sarebbe stata comprensibile e auspicabile una chiara presa di posizione e condanna contro questa piaga che ogni anno colpisce anche in Italia migliaia di bambini.

Secondo l’organizzazione Meret fondata da don Fortunato di Noto, sarebbero circa con 20.000 i nuovi casi all'anno, con un aumento del 10,8 per cento negli ultimi cinque anni. Questa organizzazione in 20 anni di attività, Meter ha aiutato 900 minori e famiglie ad essere accolti in centri d'ascolto ed ha segnalato alle autorità 200 mila siti pedopornografici, con un ritmo di 600 al mese.

Dal rapporto presentato da Telefono Azzurro emerge che sui 6.623 casi segnalati alle linee di ascolto di Telefono Azzurro tra il 1° gennaio 2008 e il 15 marzo 2010, quelli relativi ad abusi sessuali sono stati 269 (il 4%). Si tratta di segnalazioni provenienti soprattutto da Lombardia, Lazio e Veneto (30%). Sono soprattutto le bambine e le adolescenti, le principali vittime di abusi sessuali (il 66% dei casi circa), in linea con i dati disponibili a livello internazionale. Una segnalazione su tre riguarda invece minorenni maschi (89 casi, in altre parole il 33,8%). Le vittime di abuso sessuale segnalate a Telefono Azzurro hanno generalmente un’età inferiore agli 11 anni (57,6%). Nel 90,3% dei casi le vittime degli abusi sono stati minori italiani; nel restante 9,7% si tratta invece di bambini e adolescenti stranieri, provenienti principalmente da Paesi dell’Est.

Ma chi sono gli aguzzini che abusano dei bambini? I dati raccolti smentiscono luoghi comuni: nella maggior parte dei casi, infatti, gli abusi sessuali sono commessi da persone appartenenti al nucleo familiare. Se solo l’11% circa riguarda soggetti estranei, negli altri casi si tratta di soggetti esterni alla famiglia ma comunque conosciuti: tra questi, spiccano gli amici di famiglia (12,9%) e gli insegnanti (9% circa), i vicini di casa (4,7%). L’1,2% delle segnalazioni riguarda figure religiose. Qui questi degenerati sono solitamente persone di cui i bimbi si fidano ciecamente e che giovando di questo si macchiano di un crimine infame. Questi animali hanno sicuramente problemi psichici ma che occorre fermarli, non si possono semplicemente considerare persone malate da comprendere e tanto meno da scusare.

 
 
 

Federalismo? faccio due conti

Post n°1427 pubblicato il 03 Maggio 2010 da shardana0
 

 

S

embra che tutti siano d'accordo che la panacea dei mali del Paese sia il federalismo. Recentemente si è pronunciato in proposito anche il Presidente della Repubblica. Eppure non c'è ancora uno studio serio e articolato sui costi rea-li, su chi ci guadagna e chi ci perde e sui rischi per la coesione nazionale. Ma una modesta riflessione si può fare in attesa che scendano finalmente in campo grandi e credibili economisti. Possiamo fare qualche considerazione sul federalismo già in atto. Quello delle Regioni autonome.

Andiamo a vedere se sono più virtuose del resto del Paese. Il primato nazionale per le retribuzioni più ricche dei consiglieri regionali appartiene in as-soluto alla Sicilia, quello sul numero dei consiglieri rispetto alla popolazione è della Valle d'Aosta, che dispone addirittura di un consigliere ogni 3.511 abitanti, rapporto da consiglio di quartiere, a seguire il Trentino Alto Adige, la Sardegna, il Friuli Venezia Giulia.

Tutte le Regioni a statuto speciale dispongono del maggior numero di dipendenti e dirigenti in rapporto alla popolazione, con il primato, ancora, della Valle d'Aosta e a seguire il Trentino Alto Adige, la Sicilia e la Sardegna. Tutti gli analisti sono concordi nel sostenere che dove c'è il federalismo, a parità di servizi forniti al cittadino, il costo pro capite è molto più alto rispetto a quello delle regioni dove il decentramento e la devolution sono in arrivo. E, poi, più 0 meno tutte le Regioni autonome si segnalano per spese folli ed eccentriche che sarebbero insostenibili se potessero farle anche le Regioni a statuto ordinario. Come si può, allora, allegramente pensare che un federalismo generalizzato renderebbe la pubblica amministrazione più virtuosa e più sobria?

 
 
 

Azione preventiva

Post n°1426 pubblicato il 02 Maggio 2010 da shardana0
 

 

 
 
 

Banche, la Lega stia lontana.

Post n°1425 pubblicato il 01 Maggio 2010 da shardana0
 

 

D

opo le elezioni regionali, ove la Lega ha ottenuto un buon risultato, Umberto Bossi tuona: “A noi gli istituti di credito, il popolo ce lo chiede”. Insomma vuole portare i suoi uomini nelle banche del nord. «Chi è intelligente ha capito che abbiamo vinto tutto, fatalmente ci toccherà una fetta delle banche», dichiarava qualche giorno fa ai giornali. Mi sembra una buona idea. Ricordiamo il grande successo di CrediEuroNord, la banca della Lega che nacque nel 2000 per servire i lavoratori del Nord. Nelle idee dei fondatori, primo fra tutti Umberto Bossi. Credieuronord doveva servire soprattutto il popolo padano: famiglie, artigiani, agricoltori, piccoli imprenditori. «Anch’io sono socio fondatore. E tu?», occhieggiava il Senatur nei cartelloni pubblicitari di allora con i quali tappezzò le città del Nord. Perché, secondo la politica leghista di allora, le banche esistenti facevano parte del sistema nazionale e come tali erano da combattere in chiave autonomista come tutto ciò che profumava di tricolore. Credieuronord doveva dunque essere la banca padana. Anche allora in molti ci avevano creduto: leghisti tesserati e simpatizzanti, circa 3.400 in tutto il Nord, dei quali quasi 400 veneti che comprarono migliaia di quote. Bastavano 25 euro per diventare soci. Ma c’erano finanziatori che sborsarono decine di migliaia di euro. Ma la nuova creatura non durò abbastanza. Nel 2001 il primo rosso, nel 2002 la ricapitalizzazione, nel 2003 una nuova iniezione di capitale, nel 2004 la chiusura delle prime e uniche tre filiali che riuscirono a vedere la luce: Milano, Brescia e Treviso. La banca della Lega crollò dopo 4 anni, dopo aver bruciato circa 15 milioni di euro in pochi anni e fu "salvata" dal Lindo Fiorani che l’ acquistò nel 2004 portandone i debiti alla Popolare di Lodi, con la benedizione dell'integerrima Banca d’Italia. Oggi che ha più potere che fa, manda a bagno anche le altre banche?

 
 
 

Vedrò di nuovo

Post n°1424 pubblicato il 29 Aprile 2010 da shardana0
 
Tag: Poesia

Vedrò di nuovo
l'alba del prossimo giorno
e sarò ancora qui.

Udrò ancora il rombo
sordo, improvviso,
delle invisibili
città volanti.

Il crepitio
di mitraglie,
discontinue e atone
I lamenti sempre più flebili
e gli angoscianti silenzi.

Vagherò ancora
tra morti e detriti
sempre gli stessi
sempre più piccoli
sempre diversi.

Poi il fuoco evocherà
spettrali geometrie,
sfinendo presunzioni, orgogli e
celate intimità,
riconducendo alla terra
tutto ciò, che le era appartenuto.

Attenderò, che il vento alitando
sollevi il fumo acre e
scopra, le dolci radici,
le ultime bacche
intrise di sangue e polvere.

Volgerò il mio guardo al mutato
sfondo, prima, che il fumo e il dolore
riempia il mio viso di lacrime. Poi quando
l'ultima speme si fonderà al resto, allora
forse potrò dormire.

Sognerò di esserci
ancora domani e vedere
l'alba di un nuovo giorno.

                                                  di Domenico Parlamenti

 
 
 

Parigi

Post n°1423 pubblicato il 29 Aprile 2010 da shardana0

 

 
 
 

Ma chi ha vinto queste elezioni?

Post n°1421 pubblicato il 01 Aprile 2010 da shardana0
 

 

 

 

 

F

inalmente il reality polito-grottesco e la commedia all’italiana sono finiti…. Con queste elezioni regionali gli elettori smentiscono le utopistiche visioni del centro-sinistra e il giustizialista Di Pietro, i quali anziché presentare programmi che soddisfino gli elettori continuano a fare politica anti-Berlusconi. Onestissimo Di Pietro queste elezioni le ha vinte il centrodestra. Anzi le ha stravinte, se si considera il successo nel Lazio e in Piemonte dove non c'era neppure la più forte delle liste della coalizione. Anche nella mia adottiva Liguria, Burlando si afferma grazie ad una coalizione ancora più confusa della vecchia Unione, e dove il primo partito non é il Pd ma il PdL.  

Ma è paradossale, nonostante la schiacciante vittoria del centro-destra che sottrae alla sinistra ben quattro regioni, i contabili della politica, convinti che gli italiani siano tutti degli imbecilli, hanno la spudoratezza di dichiarare la loro vittoria. Arrampicandosi sugli specchi, prendendo in esame i più svariati dati.

Il partito IDV ha una percentuale molto più alta rispetto alle elezioni che si sono tenute 20 anni fa… come, non esisteva ancora? Non importa basta sciorinare quattro dati per confondere i suoi elettori e poter dichiarare che oggi il partito è l’unico a rappresentare una giusta alternanza all’attuale maggioranza. Insomma per farla breve tutti possono dire di aver vinto.

  •  Berlusconi può dire di aver vinto perché ha superato il referendum sulla sua persona, a parte la schiacciante avanzata, i governatori della coalizione berlusconiana amministrano ora la maggioranza assoluta degli italiani, circa 42.000.000;
  • Bossi può dire di aver vinto perché oltre al boom del Carroccio al Nord, ha trovato lavoro a suo figlio Renzo che a soli 22 anni, ha conquistato lo scranno del consiglio regionale Lombardo.
  • Bersani può dire di aver vinto perché governa più regioni e giudica questa tornata elettorale positivamente, anche se non ha ancora trovato un equilibrio fra Udc e Idv. Ma alle prossime elezioni per poter schiacciare Berlusconi chiederà l’appoggio esterno di Storace;
  • Di Pietro può dire di aver vinto anche se Montenero di Bisaccia, sua città natale, gli volta le spalle e la sua candidata a sindaco viene letteralmente strapazzata dal candidato di centrodestra. Nella lista sponsorizzata da Tonino c’era il figliolo dell’ex pm, Cristiano, quello già indagato nell’inchiesta sugli appalti a Napoli, che se l’è subito presa con gli ex alleati che hanno fatto perdere la lista sponsorizzata da papà.
  • Casini può dire di aver vinto e infatti dichiara: «Siamo determinanti, ma niente di eclatante». 
  • Il comico Grillo può dire di aver vinto con la lista a 5 stelle, ora si che facciamo ridere.

Non capisco più nulla, qualcuno mi sa dire chi ha vinto e chi ha perso in queste elezioni regionali? Io credo che in realtà queste siano state le elezioni dello scontento, ha votato il 35% in meno e forse abbiamo perso tutti... infatti è già bufera sia tra i vincitori che tra i vinti.

 
 
 

Ha senso festeggiare l’8 marzo?

 

C

ome tutti gli anni l’8 marzo le città si colorano di giallo, si propinano decine di iniziative per colorare la festività, manifestazioni, spettacoli, incontri, dibattiti e momenti di riflessione per analizzare il ruolo della donna sotto molteplici aspetti: quello di madre, sorella, moglie, amante, casalinga e lavoratrice. Fiumi di parole, frasi fatte che non sono altro che fumo negli occhi per ovattare una realtà ben diversa. Una realtà che le donne intelligenti, con la D maiuscola, ben conoscono e sanno che non è più una giornata di festa e di lotta a favore delle donne.
Anno dopo anno mi convinco sempre di più che la festa dell’8 marzo è una festa da abolire perché non c’è proprio niente da festeggiare, non è altro che una breve, impercettibile carezza per far dimenticare i giorni bui, le violenze subite, l’arroganza di chi per 364 giorni considera le donne, un problema da arginare, le rivali da sottomettere.
Festeggiare non ha più alcun senso anche perché si è dimenticato il vero significato della festa che è stata assorbita dal consumismo più sfrenato. La colpa non è solo dei maschilisti che hanno timore di perdere i diritti acquisiti, ma è sicuramente anche di un certo tipo di donna festaiola che non rammenta nemmeno come la festa sia nata per ricordare il sacrificio di 129 operaie dell’ industria tessile, le quali - nel lontano 1908 a New York - morirono nell’incendio doloso dello stabilimento in cui si erano asserragliate per protestare contro le pesantissime condizioni in cui erano costrette a lavorare.
Questa donna nell’8 marzo vede solo un giorno di libertà, cena con le amiche, e perché no la trasgressione. Un giorno in cui può finalmente trasgredire credendo di poter spezzare quelle catene che l’hanno tenuta segregata per 364 giorni. Mera illusione perché il giorno dopo la mimosa sarà sfiorita e al risveglio dovrà affrontare nuovamente la cruda realtà di tutti i giorni e sarà così per altri 364 giorni.

 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: shardana0
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 117
Prov: EE
 

CONTATORE

Shardana

Min: :Sec

 

NEOPLANET

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

AMMAZZA BLOG

INIZIATIVE SU FACEBOOK
vai al gruppo su FaceBook Contro il DDL anti-Blog presente alla Camera
CLICCA IL BANNER PER CONOSCERLE

visit tracker _n tumblr
View My Stats

 

ULTIME VISITE AL BLOG

StephaniePlumAnkita489OvunqueSei1982shardana0willilcoyote66isac.pietrasantavingiosanzichifulviozafferanoduetorriantioco.cappaispagetiantoniettaalessifatamariepantaleoefrancalemiegioie6
 
 

ULTIMI COMMENTI

Sono tutti ladroni !
Inviato da: semplicelucrezia
il 29/06/2015 alle 18:41
 
buon compleanno
Inviato da: ninograg1
il 10/07/2013 alle 07:26
 
Penso che la vicenda di Sallusti abbia molti punti in...
Inviato da: nientesono
il 03/11/2012 alle 12:27
 
auguri...
Inviato da: lafuriassassina
il 10/07/2012 alle 08:27
 
buon compleanno
Inviato da: ninograg1
il 10/07/2012 alle 07:09
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 135
 

BLOGCATALOG

View My ProfileView My ProfileView My ProfileView My ProfileView My Profile

Recent Readers     
 

AGGREGAZIONI

   

PageRankTop.com TopOfBlogs

Antipixel di SocialDust Blog Aggregator 

  Sottoscrivi con Bloglines Blog-Show la vetrina italiana dei blog! 

Programmi Gratis blogarama - il blog directory

    Blog Directory 

Blog Resources Blogs - BlogCatalog Blog Directory Ottenere Cluztr 

Votami su Recensito Blogz 

 

LIN

EuropeRANK Top Italia

Wikio - Top dei blog

   Blog Ratings

Personal Top Blogs

 Iscritto su Aggregatore.com eXplicatum - Aggregatore _nline di Notizie / Blog / Flussi RSS

Italian Bloggers MigliorBlog.it 

 

AG

 vota i miei articoli tutto blog

voli economici firenze  Wikio  Politics Blogs - Blog Top Sites

 segnala il tuo blog su blogmap.it

Politics Blogs - Blog Top Sites

immagine

 

Join My Community at MyBloglog!

aggiungimi a mi piace - primo blog aggregator siciliano - versione beta

 

BUSINESS


My blog is worth $77,906.52.
How much is your blog worth?

immagine

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog 

Technorati blog directory

Blogarama - The Blog Directory

 Giveaway of the Day 

Locations of visitors to this page

Statistiche

 

VISITE

outils webmaster
contatore

outils webmaster


contatore

 

L' autore di questo blog si riserva di eliminare senza preavviso i commenti che siano illeciti, volgari, lesivi della privacy altrui, con contenuti di spam, ispirati da odio razziale, che possano recare danno ai minori, che contengano dati sensibili, che siano lesivi di copyright, che non siano correlati all'articolo cui si riferiscono.


Questo blog viene aggiornato senza una periodicità prestabilita quindi, ai sensi della legge n°62 del 07/03/2001, non è un prodotto editoriale o una testata giornalistica. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarmi per chiederne la rimozione.

 

 

 

NEW

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.