La favola di Luigi Di Maio: da Stewart a Ministro degli Esteri

Forse il paragone è forte. Ma, almeno a livello politico, la storia di Luigi Di Maio mi ricorda tanto quella del film con il sorriso più bello di Hollywood: Julia Roberts. Cult anni ‘80.

La più grande truffa nella storia della Repubblica italiana. Così, senza mezzi termini, definirei il Movimento cinque stelle e ciò che si è rivelato. Da Movimento anti-sistema e anti-casta ha finito per allearsi proprio col partito che negli ultimi 8 anni ha incarnato al meglio entrambe le cose. Tanto da eludere le elezioni ogni volta cambiando continuamente Presidente del consiglio e maggioranza di governo. Parlo del Partito democratico, ovviamente.

I Cinquestelle hanno aperto definitivamente alla cosiddetta società civile. Con un sistema, quello del web, che ha aperto le porte del Parlamento anche a casalinghe, disoccupati, operai e quant’altro. Anteponendo simpatia e faccia tosta ad esperienza, i titoli di studio e le professioni al servizio del bene pubblico.

La storia di Luigi Di Maio è emblema di tutto questo. Vilipeso e offeso spesso e volentieri da personaggi come il Governatore della Campania Vincenzo De Luca e dal critico d’arte, nonché urlatore televisivo, Vittorio Sgarbi. I quali hanno forse avuto solo il merito di intravedere in lui, prima di tanti altri, il tipico verginello moderato dal sorrisino paraculista pronto però a far carriera.

Ecco in breve l’ascesa di Luigi Di Maio.

CONTINUA A LEGGERE

La favola di Luigi Di Maio: da Stewart a Ministro degli Esteriultima modifica: 2019-09-13T09:29:18+02:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).