Ue critica accentramento poteri a Orban, ma della Protezione civile ne vogliamo parlare?

C’è stato un tempo in cui la Protezione civile in Italia sembrava la panacea di tutti i mali. Era la fine degli anni zero, con Berlusconi al governo per la quarta volta. Alla guida dell’organizzazione creata per organizzare e monitorare le emergenze c’era Guido Bertolaso. Diventato una sorta di Superman, perfino all’estero.

Si ricorderà, per esempio, quando ci fu il terremoto di Haiti. E la Clinton si congratulò con lui. Del resto, gli americani sono solo bravi a fare la guerra militare. Ma quando si tratta di combattere un nemico invisibile, come una malattia o un terremoto, vanno in completo panico organizzativo. Le lobby e il privato si dissolvono come neve al sole.

Con l’arrivo del Covid-19, la Protezione civile è tornata fortemente sulla scena. Per coordinare l’emergenza comportata da questa influenza. Forse più spinta da un sistema sanitario ridotto all’osso.

Se in Ungheria il Premier Viktor Orban è stato aspramente criticato per aver accentrato i poteri su di sé per affrontare l’emergenza – previo voto parlamentare – in Italia a dettare l’agenda del governo è la Protezione civile. Ma a quale prezzo? Cerchiamo di capirlo.

CONTINUA A LEGGERE

Ue critica accentramento poteri a Orban, ma della Protezione civile ne vogliamo parlare?ultima modifica: 2020-04-10T09:35:21+02:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).