Creato da carmen46c il 27/06/2007

Tatuaggi dell'anima

I ricordi, certi ricordi, sono come tatuaggi, non vanno più via, sono parte della tua anima, della tua vita.

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

blixen52mauriziofossa1966psicologiaforensemarikakitepasqualinodellomoXxLaDamaNera85xXlavolpegrigia1953nientesonokiwaimary20076vitapulitadgltonino3937FilippoPaternacarmen46cvomito86
 

ULTIMI COMMENTI

 
 

 

« Messaggio #52Messaggio #54 »

Post N° 53

Post n°53 pubblicato il 20 Agosto 2007 da carmen46c
 

Racconto autobiografico n. 8

                 Mia nonna invece era l’esatto contrario di mio nonno e

 come tutte le persone di carattere,  aveva un pessimo carattere.

Devo dire però che con il suo modo di fare, rude e austero, mi dava

 sicurezza, quando  lei era nei paraggi, non mi sentivo mai avvilita.

 Era sempre lei che alla fine risolveva le questioni spinose

riuscendo in imprese ardue. Insomma, quando voleva arrivare ad

 uno scopo, da mia nonna potevi aspettarti di tutto.

Pur essendo una donna analfabeta, aveva una intelligenza viva

 

e da come raccontava mio nonno, non sembrava affatto che non

sapesse leggere e scrivere quando la conobbe,   anzi, rimaneva 

affascinato dal suo modo di presentarsi,  una cosa era certa,  era

una donna fuori dal comune.

Nei miei primi anni d’infanzia mia nonna rappresentava il mio

 

Angelo Salvatore, colei che mi toglieva dalle sofferenze. Era

sempre lei che veniva a trovarmi in ospedale, era sempre lei

che mi faceva visita in collegio ed era sempre lei che mi toglieva

 dalle grinfie della matrigna. Mi dite voi come si faceva a non voler

 bene ad una donna così? Ecco perché la sua sola presenza mi

trasmetteva sicurezza, con lei mi sentivo sempre protetta.

Mio nonno, quando la conobbe, pensava che era un vero

 

peccato che una donna  come lei non sapesse   leggere e

scrivere, e si era messo in testa di farle da insegnante. Mia

nonna in un primo momento acconsentì ma poi cambiò idea

 quando vide che mio nonno appoggiava la mano destra sulla

 sua per farla scrivere.

Certo, oggi questa cosa fa solo ridere, ma stiamo parlando degli

 

anni “20”, quando la morale imponeva alle donne di seguire rigide

 regole di comportamento, purtroppo all’epoca due persone che

si amavano non potevano neanche guardarsi negli occhi con il

risultato che alla fine il desiderio di amarsi diventava cosi

prorompente da far perdere a volte anche il lume della ragione.

           Eh si, perché dopo cinque anni di fidanzamento mia nonna

si sposò perché era incinta! “Ma come?” dissi a mia nonna   

“e tu eri così severa in queste cose, come hai fatto a cedere cosi?”

 e lei,  con quel sorriso tipico della donna che ha tanto vissuto

 e tanto amato, mi rispose: “Cara nipote mia, se tu prendi un

albero robusto e per cinque anni gli dai tanti colpi di accetta,

un colpo oggi … un colpo domani  … prima o poi … l’albero cade!”

 La saggezza di mia nonna erano i suoi proverbi, ne aveva sempre

 

uno per ogni occasione, mi ricordo che da piccola non badavo 

alle cose che diceva, ma oggi mi vengono in mente tutti i suoi

 proverbi e mi stupisco del fatto che sono sempre così attuali.

E’ vero,  cambiano i tempi, cambiano le stagioni ma i

desideri e i sentimenti degli uomini non cambiano mai!

       Spesso mia nonna si rivelava un personaggio scomodo

per chi voleva prendere il sopravvento su di lei, soprattutto

detestava la cattiva educazione. Un avvenimento in particolare

 rivela il tipo di donna che era mia nonna, mi raccontarono

 che  fu costretta ad affrontare un processo perché era

stata denunciata da sua “Eccellenza” il  Dottore del paese.

All’epoca i dottori scarseggiavano, e se ce n’era qualcuno in

paese era trattato con tutti gli onori. Nessuno osava mai mettersi

 contro un medico, il perché è ovvio.

Accadde che una donna aveva il figlio gravemente malato,

 

 ma essendo povera il Dottore continuava ad ignorarla, a questo

 punto la donna, conoscendo il coraggio e la generosità di mia

 nonna, si rivolse a lei per avere aiuto. Immediatamente mia nonna

 prese in braccio il bambino e lo portò a casa del medico. Il medico

appena vide mia nonna con quel bambino imprecò contro di lei,

dicendole anche una parolaccia. Apriti Sesamo!!

Non l’avesse mai fatto! Mia nonna si dimenticò che il medico

 

era una “Eccellenza” ,  con il bambino tra le braccia prese uno

degli  zoccoli di legno che aveva ai piedi e con un colpo alla testa

lasciò il Dottore steso per terra e con la testa sanguinante!

In breve tempo la notizia si sparse in tutto il paese, il medico

 

la denunciò e dopo un po’ mia nonna si trovò in tribunale a

difendersi. Pur avendo molti testimoni nessuno volle rischiare

di mettersi contro il Dottore, ma mia nonna con la sua sagacia,

riuscì  benissimo a difendersi da sola. Si racconta che il Giudice,

dopo aver ascoltato il Dottore si rivolse a mia nonna dicendo:

“ Ma come? E lei a sua Eccellenza si rivolge con lo zoccolo?”

mia nonna rispose: “ Appunto perché è una Eccellenza non

doveva trattarmi in quel modo, tanto più che sono una donna.

Lui a me si è rivolto con una cattiva parola ed io mi sono rivolta

 a lui con lo zoccolo!” In aula tutti i presenti ridevano tranne il

Giudice e il Dottore. Alla fine mia nonna vinse la causa!

La vita di mia nonna è stata difficile ma anche interessante,

 

se fosse ancora viva ne avrebbe di cose da raccontare,

mio nonno l’ha sempre amata anche se aveva un brutto

carattere. Si racconta che prima di morire mio nonno le

 disse: “Si, mi hai fatto tribolare, ma hai sempre avuto il

cuore buono, sei sempre stata generosa!”

   

 

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/Carmelandia/trackback.php?msg=3137431

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
nientesono
nientesono il 20/08/07 alle 09:10 via WEB
Ah,i nonni!Io avevo in casa oltre ai genitori,la nonna e la bisnonna paterna,e mentre da piccola sorridevo alle "sentenze"o dei proverbi della mia bisnonna ad un certo punto,uno alla volta,mi stanno tornando in mente e mi rendo conto che erano delle perle di saggezza.Usava dire:a collira da sira savvatilla pà matina;macari ca campi cent'anni,ogni jornu 'mpari na cosa nova e altre parole di cui ora conosco il senso ma di cui allora non mi interessava il significato.
 
 
carmen46c
carmen46c il 20/08/07 alle 17:25 via WEB
E'verissimo sai...le mie figlie mi dicono:"Ma tua nonna sapeva tutte queste cose?",io ne parlo spesso in casa perchè voglio tramettere gli stessi valori che i miei nonni nella loro semplicità hanno trasmesso a me.
 
   
nientesono
nientesono il 20/08/07 alle 21:27 via WEB
Io non ho più i nonni ma ho due carissime zie che mi amano più che una figlia,scatenando le gelosie delle nuore;La più gioiosa e piena di buonumore ha 93 anni ed è la mia dolce catena,anche se devo ammettere che sta diventando una cappatella,dato che mi tiene ore ed ore a chiacchierare al telefono fino a quando mi si intorpidisce la mano,anche se parla sempre di amenità ed è un'ottima compagnia.
 
     
carmen46c
carmen46c il 21/08/07 alle 14:08 via WEB
Si...Nika..ho letto con piacere il tuo commento. Grazie.
 
   
nientesono
nientesono il 20/08/07 alle 21:29 via WEB
Ah ,scusami,dimenticavo.Il mio è dialetto siculo,anche se non lo parlo spesso.0(^_^)0
 
abramo50
abramo50 il 20/08/07 alle 10:51 via WEB
CARMEN UNA VOLTA ERA COSI'CHI AVEVA AUTORITA'ERA IL DOTTORE IL PRETE E IL SINDACO,TUO NONNO ERA COME TANTE PERSONE,UN PO RIGIDO E AUTORITARIO PERCHE LA VITA LO IMPONEVA,E LA NONNA CON TUTTO IL BENE CHE TI VOLEVA,CERCAVA DI NON FARTI CADERE NEGLI SBAGLI CHE FORSE LEI AVEVA FATTO,TUTTA QUESTA RIGIDITA' E REGOLE DA SEGUIRE ERANO PER IL TUO BENE, E PENSO CHE LO AVRAI APPURATO DA TE,CIAO UN BACIO.....
 
 
carmen46c
carmen46c il 20/08/07 alle 17:31 via WEB
Devo dire che i miei nonni avevano un codice di comportamento morale abbastanza severo,però è anche vero che la loro severità è stata la mia struttura portante che mi ha sostenuta anche quando da ragazza ho vissuto per conto mio e senza l'aiuto di nessuno, mi hanno insegnato a difendermi da sola senza mai perdere la dignità. Come vedi Abramo....hai fatto centro!
 
fosco6
fosco6 il 20/08/07 alle 14:37 via WEB
Un racconto molto bello, che tu pennelli a meraviglia dandoci l'immagine della vita semplice di tanti anni fà e del carattere dei personaggi a te vicini. E' stato gustoso leggerti....Ciao!
 
 
carmen46c
carmen46c il 20/08/07 alle 17:33 via WEB
A proposito di pennelli ...Carlo, quando penso ai miei nonni mi viene una voglia incredibile di dipingere scene di vita contadina...prima o poi lo farò...
 
m.eli
m.eli il 20/08/07 alle 15:17 via WEB
Che belle figure di un tempo ci porti a far conoscere...una nonna speciale, senza dubbio!!! Un abbraccio, Eli.
 
 
carmen46c
carmen46c il 20/08/07 alle 17:34 via WEB
Si...così speciali che il loro ricordo è molto vivo nella mia memoria.
 
socrate52
socrate52 il 20/08/07 alle 16:57 via WEB
...però tosta la nonna ! E la nipotina ?
 
 
carmen46c
carmen46c il 20/08/07 alle 17:07 via WEB
La nipotina è ancora più tosta ma.....è anche dolce quando serve......non fare quella smorfia... ti ho visto... ebbene sì... sono dolce ... vorresti dire il contrario? Sembra che io non lo sia, ma non è così, cerco solo di non esserlo troppo altrimenti mi sentirei stucchevole! Ciao Socrate....anzi ti saluto in napoetano questa volta....Statt bbuon!!
 
   
carmen46c
carmen46c il 20/08/07 alle 17:16 via WEB
Ciao Socrate.....ho voluto scherzare un pò....sono tornata per sottolinearlo...dato che nel web si può fraintendere lo stato d'animo di una persona...mi volevo divertire a giocare un pò.....la bambina che è in me ogni tanto si sveglia e fa i dispetti.
 
gabbianochevola
gabbianochevola il 20/08/07 alle 18:44 via WEB
...ho letto questo tuo post stamattina alle 6 quando non c'era nessun commento e non ti ho scritto nulla.Ora ho riletto questa pagina di diario e posso sccriverti senza commentare ma solo con la dolcezza di chia ha letrto qualcosa che gli ha dato "amore e tenerezza". L'amore si manifesta in mille modi,lo si da in altrettante fattezze e lo si prende con la delicatezza di un cuore vero.L'essere acculturato non significa essere intelligente e la saggezza non viene dal sapere ma dal vivere. L'essere rudi non significa non saper fare una carezza.Quante mani callose,cotte dal sole,tagliate dal lavoro,...riescono ad essere delicatamente piume!?...piume che sfiorano senza toccarti ma che ti lasciano l'amore e il sorriso. Scrivo per volevo "scrivere" altro...ed invece mi ritrovo a scrivere altro ancora...non riesco a commentare ne a criticare...ma per dirti Brava ...non occorre prendere il tram. Ciao...e...
 
 
carmen46c
carmen46c il 21/08/07 alle 13:42 via WEB
Certo le carezze di mani callose possono essere graffianti per la pelle, la cultura contadina non ha mai incoraggiato molto ad accarezzare con le mani, forse proprio a causa dei calli o per un senso di pudore troppo accentuato, ma una cosa è certa, gli sguardi affettuosi dei miei nonni erano anche più che carezze fatte con mano tagliate dal lavoro. Ciao Gigi.
 
Temerius
Temerius il 20/08/07 alle 19:04 via WEB
Le persone che combattono per difendere la propria famiglia ed i propri familiari, sono sempre degne di grande stima e ammirazione. Un abbraccio Carmen
 
 
carmen46c
carmen46c il 21/08/07 alle 13:43 via WEB
Certo Temerius ...
 
abramo50
abramo50 il 21/08/07 alle 08:59 via WEB
BUONA GIORNATA DA UN AMICO CHE TI PENSA BACI.....
 
giuseppe88reccia
giuseppe88reccia il 21/08/07 alle 09:50 via WEB
Questo racconto conferma il proverbio: “I capelli grigi sono una corona di bellezza quando si trovano nella via della giustizia”. Le persone anziane sono davvero delle biblioteche viventi. Anche se non hanno istruzione il loro bagaglio di esperienze e di proverbi eterni aiutano a crescere i giovani, proprio come tua nonna ha fatto con te. Solo che definire immorale appoggiare la propria mano su quella di una donna è davvero esagerato, è pur vero che oggi invece è considerato tutto lecito anche cose scabrose; ma dico io un po' di equilibrio dove sta?
 
 
carmen46c
carmen46c il 21/08/07 alle 14:05 via WEB
Si Giuseppe, purtroppo in passato l'uomo aveva un concetto di onore un pò esagerato. Spesso il peso di questo onore cadeva tutto sulla donna che a differenza dell'uomo non poteva e non doveva permettersi tante libertà. Ancora oggi, ci portiamo dietro tracce di questo retaggio, se un uomo riesce ad andare con tante donne viene quasi guardato con ammirazione, se lo fa una donna è considerata una poco di buono. Non ho mai capito il perchè di questa differenza di moralità tra i due sessi, anzi, diciamo che oggi l'ho compresa. Tutto si rifà al possesso che l'uomo, in passato, ha sempre voluto avere sulla donna, esagerando l'importanza data al suo concetto di maschio e degradando quello femminile, l'uomo ha dimostrato il timore di essere sopraffatto dalla donna, alla fine è tutto un gioco di potere.Ovviamente non mi riferisco all'uomo singolo che farebbe a meno volentieri di aderire a certi concetti assurdi, mi riferisco piuttosto ad una subcultura che si è tramandata soprattutto in quegli strati della società in cui l'ignoranza e il pregiudizio sono i veri padroni. L'equilibrio di cui tu parli, caro Giuseppe, dovrebbe esserci in tante altre cose e non solo nel sesso.Grazie Giuseppe...lo sai che per la tua età sei molto saggio? A chiunque mi sta leggendo in questo momento dico: "prendiamo esempio da questi giovani!".
 
nientesono
nientesono il 21/08/07 alle 10:19 via WEB
Forse ho sbagliato e ho inviato il messaggio premendo "rispondi"e non "commento".Ieri sera ti ho scritto e il mio scritto si trova subito sotto la tua risposta,quindi non so se lo hai letto e aspetto un tuo cenno in proposito
 
 
carmen46c
carmen46c il 21/08/07 alle 14:07 via WEB
Si Nika..ti ho letto...grazie.
 
nientesono
nientesono il 21/08/07 alle 14:06 via WEB
I commenti di cui ti dicevo sono di giorno 20 alle 21 circa.Ciao,bella
 
 
carmen46c
carmen46c il 21/08/07 alle 14:09 via WEB
Si, l'ho appena letto e ti ho anche risposto. Ciao Nika.
 
socrate52
socrate52 il 21/08/07 alle 16:59 via WEB
Ciao! Stai tranquilla con me puoi scherzare come e quanto vuoi , tanto lo so litigheremo solo ...per Napoli Palermo ..ahahahah
 
abramo50
abramo50 il 21/08/07 alle 19:11 via WEB
CIAO CARMEN ,UN SALUTO PARTICOLARE PER TE ,CHE SEI UN'AMICA PARTICOLARE PER ME ,CIAO...UN BACIO.....
 
abramo50
abramo50 il 23/08/07 alle 13:36 via WEB
GRAZIE CARMEN E' IL PIU' BEL COMLIMENTO CHE ABBIA MAI RICEVUTO SEI UN ANGELO.....
 
abramo50
abramo50 il 23/08/07 alle 14:06 via WEB
I CAVALLI MI PIACCIONO MOLTO E SO ANCHE CAVALCARE MA PERCHE' QUESTA DOMANDA?
 
cuoredigabbiano
cuoredigabbiano il 25/08/07 alle 08:05 via WEB
I nonni... persone sagge, oneste e forti anche senza saper scrivere e leggere. La loro era una vita dura eppure avevano una cesta colma di valori e principi con cui andavano a testa alta e con cui nutrivano i loro figli e nipoti. Valori che noi oggi, un po' per volta, andiamo smarrendo lungo una strada illuminata da egoismi e falsi miraggi. La nostra vita è così fragile che rischia di rompersi alla prima caduta. Bella pagina Carmen, scritta col tuo occhio attento e col cuore pieno d'amore per chi ti ha accompagnato per un pezzo di strada tendendoti stretta per mano. Buona giornata Carmen cara.
 
cis.60
cis.60 il 28/08/07 alle 14:43 via WEB
ho letto il tuo racconto e tutti i commenti che hai ricevuto, le tue risposte ai commenti e debbo dire che rimane ben poco da aggiungere, ho avuto il piacere di vedere che certe mie riflessioni hanno preso corpo nei msg scritti su questo blog, è confortante vedere quante persone esistono che hanno ancora dei valori, sai com'è questa società amplifica e mette in risalto le persone con i valori negativi. Che dire un plauso a te Carmela che ci offri questi momenti di riflessione e di confronto.
 
carmen46c
carmen46c il 29/08/07 alle 16:24 via WEB
Grazie, non immagini quanto io sia felice di sentirti dire questo. Un pò alla volta sto facendo del mio blog un posto virtuale dove s'incontrano persone che hanno un loro spessore morale, amanti dell'arte, della bellezza, della cultura e soprattutto amanti dell'essere umano.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.