Creato da ansa007 il 19/10/2005

Grapewine

"Ogni momento accade due volte: all'interno e all'esterno, e sono due storie diverse" (Cit).

 

Il fondo

Post n°456 pubblicato il 18 Gennaio 2018 da ansa007
 

Dalle mie parti dicono "Mai più nero della mezzanotte", allora mi rincuoro e penso di essere arrivata quasi al fondo. Ancora pochi metri e lo toccherò, saranno così chiare le conseguenze della scelta di sei mesi fa.
La parola "credere" ha un fascino incredibile: credo in me, in altri o in un'entità, sia essa materiale o spirituale. C'è chi crede alle "anime pezzentelle", in una croce o in un'impronta lasciata fuori la porta di casa e poi cè chi, ad intermittenza, crede e scommette su se stessa. Sbagliando forse, ma lo fa ancora.
Non so cosa si possa provare nel tuffarsi a decine di metri d'altezza per poi cadere giù dove tutto è buio, manca l'ossigeno, la pressione è forte e la si può avvertire su ogni millimetro del corpo, eppure, tutta quella pressione la sento. Il coraggio di aver fatto una scelta, le conseguenze, l'aver sfidato un Golia senza volto nè corpo.
Una cosa è certa: a prescindere dal salto, dal tuffo o dalla scelta, più vai giù e più scopri un mondo straordinario, a volte spaventoso o eccitante, ma ogni volta scopri qualcosa di nuovo.


Chi vuol esser lieto sia,
del doman non v'è certezza (Cit.)

 

 
 
 

Salti nel vuoto

Post n°455 pubblicato il 27 Giugno 2017 da ansa007
 

Uno spettacolo teatrale, un cortometraggio scritto e diretto da me. Mai avrei pensato di fare queste piccole cose, a volte succede che diventi talmente pessimista che è difficile anche solo respirare e poi, come nulla fosse, mi sono ritrovata sia davanti che dietro ad una scena.

Piccoli miracoli. Davvero, ancora non ci credo. Non pensavo di poterci riuscire ed ho una voglia matta di rifarlo ancora, di dare una forma a nuovi universi paralleli. Domani presenterò "Upgrade" ai miei prof ed agli attori con cui ho lavorato. Forse è solo uno stupido video nobudget di 7 minuti e mezzo, un project work di scuola, ma dentro c'è un mondo intero, anzi due. A prescindere da come verrà giudicato so solo che ci ho messo l'anima ed avrei voluto fare di più, come in tutto ciò che piace. Non vedo l'ora di mostrarlo alle persone che hanno fatto parte di questo piccolo progetto e di scoprire se è quello che si aspettavano, se piacerà, se farà sorridere o irritare. E' una storia di straordinaria ordinarietà, nulla di più, eppure se sono riuscita a portarla a termine è solo grazie a chi ha creduto in me e mi ha spronato a continuare.

E poi c'è "Esercizi di stile" che è uno spettacolo teatrale realizzato alla fine del laboratorio di teatro comico che ho frequentato quest'anno. Mi sono iscritta per gioco e non so come sono riuscita ad arrivare al "livello finale", lo spettacolo e confesso che mi piacerebbe provare nuovi giochini simili. Esplorare il mondo delle emozioni attraverso il teatro è meraviglioso.

Ho sempre adorato lo spettacolo dal vivo e per quanto sia banale, farlo e viverlo è radicalmente diverso dal fruirne. Un conto è dare un giudizio superficiale ad un qualcosa che si vede, un conto è viverlo, capire tutto quello che può esserci dietro, le persone, il lavoro e le passioni e le difficoltà che ci sono alle spalle. 

Ho imparato che la cosa più bella è viversi le emozioni, sporcarsi le mani senza lasciare le idee nella testa. Applicare la teoria è tutta un'altra storia ed è pazzesco constatare quanto le idee stridano con la realtà. Essere cerebrali nella stesura di un progetto è una corazza che piano piano deve necessariamente andar via, come quando una farfalla esce dal suo bozzo o l'anatroccolo diventa cigno.

Buttarsi appena ci si sente pronti, ecco. 

Se ho definito l'anno scorso come quello delle cazzate, questo è di sicuro l'anno dei salti nel vuoto.

 
 
 

Passioni

Post n°454 pubblicato il 06 Gennaio 2017 da ansa007
 

Le passioni sono quelle robe che quando le vivi ti si illuminano gli occhi.

Ci sono passioni palesate, quelle che ti attraversano o quelle che si vorrebbero vivere.
A volte si lotta per far sì che possano essere realizzate. Altre volte sono là, come quei soprammobili inutili pieni di polvere, che a furia di guardarle diventano arredamento di quella stanza. Ci sono, sono date per scontato ma non si toccano. Inafferrabili. Le guardi da lontano quasi con reverenza perchè ormai sono diventate una reliquia archeologica, dei piccoli tesori che osservi da lontano e sorridi perchè ormai è passato tanto di quel tempo che è impensabile essere in grado di poterle vivere.
Ecco, il tempo...quella cosa che non puoi misurare se non sulla tua stessa pelle contando le prime rughe e contemplando un colorito che non è più vivace come prima. Quel nemico contro cui lottare perchè non è mai a nostro favore.

Alzi la mano chi ha mai avuto tutto il tempo che voleva per poter combattere una battaglia con tutto l'equipaggiamento necessario.
L'età ma non i soldi, il tempo ma non più l'eta, i soldi ma non il tempo. Fortunato è colui che ha tutti e tre elementi.

Poi ci sono le passioni inespresse, quelle che hai dentro e nemmeno le guardi in faccia per paura di conoscersi e non piacersi. Le passioni sono alchimie fatte di una materia non tangibile, difficile da lavorare.

Quest'anno vorrei tirarne fuori il più possibile dal mio cappello magico, infondo "gli appassionati sollevano il mondo, e gli scettici lo lasciano ricadere" (Cit. Albert Guinon) e io voglio fare tante, troppe cose.


 
 
 

Cambiamenti...

Post n°453 pubblicato il 04 Dicembre 2015 da ansa007
 
Tag: vita

Cambiare per tornare indietro. Cambiare per andare avanti. Sto davvero cambiando?
Essere adulti significa spesso prendere decisioni importanti, alcune più di altre condizionano pesantemente la vita, e così mi ritrovo con una e-mail in bianco davanti allo schermo da inviare entro le ore 13.
Ancora due anni di apnea, resisterò? Si dice che fare dei sacrifici porta sempre a dei risultati, ma io questa volta ho  tanta paura o forse è solo adrenalina che mi scorre nelle vene, come quando i giocatori d'azzardo puntano tutto su una scommessa. Ecco, sto scommettendo ancora una volta sulla mia vita e questa volta rischio di perdere totalmente la mia indipendenza.
Ci sono certe scelte che andrebbero seriamente ponderate e due giorni di tempo non bastano per prendere una decisione o forse è semplicemente la mancanza di coraggio che mi spinge a tergiversare, ma il tempo passa ed è giusto dare una risposta. Quanto sarebbe bello poter leggere per un attimo il futuro e sapere, quanto vorrei parlarne con un punto di riferimento che però non c'è e allora continuo a massacrarmi di domande, paure ed ansie ma non sono un oracolo e risposte non ne ho.
Forse sto sbagliando tutto o magari potrei finalmente realizzare quello che per anni ho studiato e poi accantonato, in fondo la vita è una e a trentatrè anni ho ancora tempo per riprovarci. Perchè avere rimorsi per qualcosa che non si è fatto?
Sì, ho scelto e adesso ho solo bisogno di tanto coraggio e determinazione.


 
 
 

Crash emozionale

Post n°452 pubblicato il 30 Novembre 2015 da ansa007

Succede che un bel giorno ti svegli e ti ritrovi indietro di 10 anni davanti ad una cascata fatta di domande: dove sei finita? Cosa sei diventata? Perchè hai abbandonato quella strada anche se hai lottato tanto per arrivarci? Il tempo è davvero così lineare come tutti pensano? Vivere e sognare non possono coesistere?
Accade proprio che hai davanti agli occhi un bel crash emozionale, un big bang dove tutto si confonde e si mescola e la realtà non la distingui più dai sogni. Sai che vuoi, hai vissuto sulla tua pelle che accontentarsi porta a nulla, ma che per raggiungere qualcosa serve invece avere oltre che delle basi solide, tanta fortuna che ahimé manca spesso di tempismo.
Occasioni e tempi si fondono e creano una nuova dimensione fatta di nuovi incroci. Le scelte sono sempre le stesse ma l'anima e il corpo hanno dieci anni di immaturità in più. Una volta avevi le armi ma non una guerra in cui utilizzarle, adesso c'è la guera ma quelle armi ormai consumate non servono più.
Il gioco dell'assurdo, quello che ti prende in giro perchè quando desideri qualcosa non puoi ottenerla, ma poi cresci e quando la ritrovi sarebbe il caso di rifiutarla. E' tutto un grande punto interrogativo e mi chiedo se affrontare una sfida vecchia di dieci anni ne valga ancora la pena.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
 

ULTIMI COMMENTI

L'importante è uscirne bene
Inviato da: jigendaisuke
il 19/01/2018 alle 13:08
 
Odio le statue https://www.youtube.com/watch?v=LzqNsw8LsjQ
Inviato da: Demaspe
il 08/01/2018 alle 05:07
 
emozionarsi infatti sembra essere diventato un lusso. ciao,...
Inviato da: maresogno67
il 02/11/2017 alle 23:13
 
Agli inizi le cose sono piccole, poi si ingrandiscono....
Inviato da: diogene51
il 01/11/2017 alle 20:36
 
E che augurio può essere fatto, in questi casi?
Inviato da: jigendaisuke
il 28/06/2017 alle 01:07
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 69
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28        
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

franco.cerimelesagredo58ansa007meryoc0jigendaisukethe_oracle73claudiaromano82je_est_un_autrelascrivanaaliasnovetanksgodisfridaydiogene51maresogno67Profondicus1
 
 

...TWITTERANDO...