Con ...

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Lettori naviganti

who's _nline

Statistiche

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

Con il mio profilo

http://spazio.libero.it/principessapersiana/

Con le citazioni

La guardai sorpreso e affascinato. Aveva capelli di velluto nero carbone e sopracciglia folte che si toccavano al centro, simili alle ali arcuate di un uccello in volo. L’elegante naso aquilino ricordava quello di un’antica principessa persiana. I suoi occhi castani, ombreggiati da lunghe ciglia, incontrarono i miei per un attimo, poi volarono via.” da Il cacciatore di aquiloni

 
Citazioni nei Blog Amici: 53
 

Ultime visite al Blog

geoex0spatarosaveriosantinariccibrunetticeccarelligleglalupacheguardaMoira4geco75dgl0silvanironitabata29madoka.84luisito64ely184generazioneottanta
 

Ultimi commenti

Con gli indizi

CappelloimmagineBambola di pezzaimmagineViaggioimmagine

BraccialeimmaginePassatoimmagineCarta geograficaimmagineLu sule, lu mare, lu jentuimmagineLuoghi natiiimmagine

 

Con me

immagine 

immagine

Capita spesso di osservarmi e di ripercorrere i periodi di quando ero bambina. Non sono cambiata molto da allora. Ho ancora gli occhi grandi, spazi contemplativi, parole discrete, l’incapacità di gridare i dispiaceri e di mandare a quel paese una persona, il rispetto per il prossimo, l’anima sognatrice, fiumi di inchiostro versati sulla carta, la tendenza al collezionismo, l’interesse per il passato e l’antichità, i capelli lunghissimi, l’abitudine di provare i cappelli, i viaggi interiori e l’introspezione, la "mania" di toccarmi i piedi ammirandoli, la preghiera dell’estasi guardando la Natura, il dialogo con l’amica che vi è dentro di me, le scatole scrigno in cui conservo gli oggetti legati ai miei ricordi e alle personali metafore, il richiamo delle pietre,…

 

Con il web

immagine

immagine

immagine

immagine

 

TRA I BLOG

- A STELLA dedica1
- dedica2
- dedica3
- dedica4
- dedica5
- dedica6
- A MERRY dedica1
- dedica2
- dedica3
- dedica4
- dedica5
- DA MERRY dedica1
- DA MARI dedica1
- DA SIMP dedica1
- dedica2
- dedica3
- DA GEOGRAFO dedica1
- DA CORTOMALTESE dedica1
- ARGOMENTI "miei"
- la piazza di mari
- la piazza di Elanor
- la storia da demy
- MIO COMPLEANNO
- da Elanor
- da Simp
- da Merry
- DA SATIRICUS dedica1
- NATALE
- da stella
- da costellazione
- da simp
- da Elanor
- da febbre
- da psicologia
- a stella
- a merry
- DA MISTERY dedica1
- ARGOMENTI "miei"
- A LAURENZ dedica1
- DA LAURENZ dedica1
- A VAGHOS dedica1
- ARGOMENTI "miei"
- Rabarama da raba_rama
- DA VHAGOS dedica1
- DA principessa FRANCI dedica1
- 8 MARZO
- a Merry
- a stella
- A CHE SI MANGIA ricetta 1
- ARGOMENTI "miei"
- l'amore dei nonni da Elanor
- AD INATTESA DI dedica 1
- ARGOMENTI "miei"
- Munch da Emma
- Chagall da iofumosolo
- DA VHAGOS dedica 2
- DA NOTTEALTA dedica1
- A STELLA dedica7
- A CERCOCENTRO dedica1
- PASQUA
- a stella
- a cercocentro
- A VAGHOS dedica 2
- CITAZIONI varie
- da guerrierlumier
- da stella
- da ilike
- da merry
- da ilike
- da simp
- A VHAGOS dedica 3
- A ELANOR dedica 1
- I 5 LIBRI
- stella
- costellazione
- lighfantasy
- guerrier
- animadicristallo
- I 5 FILM
- saradesso
- stella
- DA DEMY dedica1
- DA ILIKE dedica1
- Da AUTORE dedica1
- dedica 2
- DA COSTELLAZIONE68
- DA GUARDIA dedica 1
- A CARLOParlanti
- DA GUARDIA dedica 2
- DA COSTELLAZIONE
- DA FOTOGRAFO
- DA AUTORE dedica3
- DA STUNTMAN
- A CARLO dedica2
- DA ELANOR
- a stella dedica7
- da VHAGOS compleanno
- testdesertoguerriero
- testdeserto ilike
- da vellutatamente
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Tag

 

Con principessa persiana

nel viaggio del blog vi sono stati anche:

il principe mago sorridi63, la mano di amorexlavitademi, la poetica irisbianco, le mie colleghe blu_notte, la filosofia di gknight, i fiori di aurelio, l'incrocio con salvavidas, l'indiana ibiscusrosa, le salentine ladymiss, gli eleganti sentimenti di ratatuille, la sirena magdalene57anima.errante, un passo scalzasemprestilograficanera, ossimora, rananell'universo, sandalialsole, redisperanzaBejita,  anni '70 di LaPinha, fratellino menprofile,poetica eufemia_g, pulcenelcuore, dolce dany226, saradesso , psicologiaforense , JON.L viaggi senza tempo,  hermes mediterraneo, mistery.37, Lorenzacc1o,eranaeala august26, Sergy, kaput, ... 

 

Con un battente

"Tu hai una leggenda personale da perseguire e rispettare, e nient'altro. Non è importante se gli altri ti sostengono, ti criticano, ti ignorano, ti tollerano: stai agendo così perché questo è il tuo destino sulla terra è la fonte di ogni gioia"(Paulo Coelho)

Marrakech – Palazzo Ayadi, costruito all’inizio del XX secolo

Bussano alla porta, senza stancarsi mai: attitudini, predisposizioni, missioni, alchimie, talenti e vocazioni.

 
Creato da: principessapersiana il 10/02/2006
ricordi, sogni, pensieri per un Re

 

 

Girogirotondo

Post n°624 pubblicato il 01 Ottobre 2009 da principessapersiana

Esco dal cerchio. Credo che sarà l'ultimo scritto firmato da principessa persiana, che un bel giorno fu avviata ad una danza orientale ed entrò in un castello di sabbia, e nel bel mezzo del cerchio si trovò con i passi danzati della pizzica e di un castello in aria. Esco dai girotondi, molti dei quali, come trottole, per non cadere a terra, hanno viaggiato  negli emisferi più variegati ed introspettivi, offrendo i miei echi umani ai dignitosi scrigni del silenzio. Ho riposto alla voce della Natura e delle sue espressioni atmosferiche e paesaggistiche, dell'Arte e della Simbologia, dei Canti e della Letteratura, e di Me Stessa, ogni mia fortunata e disgraziata sventura. Non bestemmiando contro il "fabbro" sibillino. Non adirandomi per aver perso il timone, la bussola, l'orologio, l'orizzonte, ed anche il senno. Presi, dopo la bufera del deserto, l'inchiostro tecnologico e la sedia di scrivana e mi testamentai, nonostante la puntura del letargo ed il chiodo infisso. Era il giardino, la sabbia, il sasso, la penna e la matita di ciò che restava della città fantasma. Era il "dono inconsapevole della Persia", che mi fu dato, e rimaneva a me come papiro d'oro e rubino diamantato. Un segreto che rimane tale nelle mie segrete. Un dono in cui ho trovato: attitudini personali sopite, come gli occhi e la penna della poesia; l'osservazione degli stati d'animo; la metafora degli eventi atmosferici e culturali; la cronaca del giorno senza giorno; la maieutica di una parola e di una tela; amici ed anime di straordinaria bellezza ed affinità, il cui passo virtuale e virtuoso starà sempre nelle note più care del cuore. Anime, passi e persone che ricordo una per una, per l'educazione, discrezione e sensibilità dell'essere, ed ogni loro specifica personalità proiettata verso l'armonia, la generosità, la semplicità e la ricchezza dei pensieri. Passerò da chi potrò e da chi conserva il diario elettronico, e capiterà di lasciare qualche mia impressione al di sotto di questo post. Esco dal girotondo. Lo devo a me ed a principessa persiana che rendo "libera".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Anima e carne sono speculari?

Post n°623 pubblicato il 29 Settembre 2009 da principessapersiana

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Appartenersi

Post n°622 pubblicato il 23 Settembre 2009 da principessapersiana

Da qualche giorno rifletto sul concetto dell'appartenere a se stessi, del sentiri "vivi" e presenti dentro di noi. Una sensazione, appunto, di presenza dell'anima al corpo. Difficile da spiegare, se non si è mai vissuto il senso di smarrimento, di "distacco" dal divenire del quotidiano e dall'appartenere a sentimenti e stati d'animo che fissano ed infissano, come fosse un vizio ed un male tarantato. Appartenersi significa in qualche misura possedere se stessi, avere la consapevolezza dell'io presente ed attuale, ritrovare la spontaneità e la meccanicità delle piccole cose quotidiane del fare e dell'esserci. Ritrovare la sostenibilità della vita, e delle azioni. Aver dentro di se la partecipazione degli aspetti "materiali" e dell'oggi, senza sentirsi naufraghi, zingari ed eremiti di esclusive sensazioni e sentimenti inutili e molto spesso logoranti, che graffiano l'anima, soprattutto se taciuti, non verbalizzati, chiusi nella cassa disarmonica dell'anima. Appartenersi significa anche avere gioia dentro di se, una serenità che porta a godersi, a riprendere il cammnino senza voltarsi indietro e pensare ai tempi andati, ad essere grati nel riconoscere un nuovo sentimento di benessere. Senza rinnegare i modi con cui si è affrontato il breve o lungo periodo di dolore, adirarsi per i calendari trascorsi e sentirsi in colpa per il dolore che ci ha crogiolato, ma rallegrarsi per quel clima nuovo di serenità che alimenta la nostra anima. Come canta Gianni Morandi "Amo la vita più che mai, appartiene solo a me , voglio viverla per questo". E quel che andato non mi va di rincorrerlo con la perennità dei ricordi, ora che mi sono liberata dalle croci abitudinarie della rimembranza.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Atmosfera settembrina

Post n°621 pubblicato il 08 Settembre 2009 da principessapersiana

Potrei riconoscere il periodo che segna il passaggio dall'estate all'autunno e dall'inverno alla primavera, senza vedere il calendario. Conosco settembre a pelle e con i sensi. Lo avverto nell'epidermide e nell'osservazione delle sue mute, che fondamentalmente non sono mascherate. Pensavo alle trasformazioni settembrine proprio qualche notte fa, sempre dal finestrino dell'auto che per me è una sfera di cristallo ed un oblò su cui poggiare il naso e le mani,  per la meditazione dei panorami dei luoghi visivi e di quelli interiori. Il venticello è una tramontana fresca e sibilina, il chiarore del giorno tramonta nelle ore pomeridiane, il corpo avverte il bisogno di trovare sulle spalle e braccia il calore della felpa, i giunchi si rinvigoriscono, le gambe e la gola sono solleticate dall'influenza e febbricola, le acque del mare ritornano cristalli, il sole non frigge nel cielo, vi è un silenzio tutto particolare ed anche le civette ed i passeri innalzano richiami non corali. E' un periodo che per alcuni versi mi ricorda la fine e l'inizio di qualcosa, come se fosse un capodanno. Non so perchè è un mese che associo alla cultura, alla letteratura, alla musica classica ed al teatro; credo che sia quello meglio predisposto, scenografico e favorevole alla lettura dei poeti, alla scrittura di se stessi, agli spettacoli culturali e delle piazze che abbandonano i colori accesi delle sagre, dei suoni e della folla. Un mese che favorisce il sentirsi uomo, nel senso umanistico e rinascimentale del suo significato, e la natura introspettiva e della buona solitudine interiore, in compagnia di un'essenza orientale, di una tiepida bevanda ed un'inchiostro di rimembranza romantica o novecentesca. Penso ad un ermetico poeta salentino ed alle sue metafore futuriste e cubiche con cui delineava il mio e suo Salento. Penetra nell'anima la sua visione e percezione del mondo, della natura, dei paesaggi, della società. Ricordo che nel luglio del 2007, sull'uscio della casetta estiva, lo lessi tutto d'un fiato, mentre ogni tanto alzavo lo sguardo verso il blu notte dell'insenatura marina prediletta, la cappella votiva e le striature bianche della luna. E fu proprio a questo faro avorio che Vittorio Bodini dedicò tantissime delle sue riflessioni più suggestive e cariche di pathos. "...vivo ormai nelle cose che i miei occhi guardano: / divento ulivo e ruota di un lento carro, / siepe di fichi d’India, terra amara/ dove cresce il tabacco..."

Opera: Vincenzo Ciardo, I sassi del Salento

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La muta

Post n°620 pubblicato il 02 Settembre 2009 da principessapersiana

E' trascorsa un'estate nuova, in cui ho sentito definitivamente un'armonia interiore che non conoscevo da anni interi. Ho avvertito questa serenità dolcissima mentre guidavo l'automobile in un'ora di tramonto, avendo dinanzi un sole rotondo nell'orizzonte tra i rami d'ulivo che fiancheggiano la statale. E' stato un momento di grande meraviglia e consapevolezza. Mi sono detta "è passato tutto. benritornata vita mia!" Per chi non ha conosciuto l'amarezza oscura ed inquieta che ombreggia dentro per tempo incommensurabile, non credo sia facile comprendere ciò che sembra "normale" essere, sentire e vivere. Ritrovo la leggerezza, la brillantezza e la pulizia dello sguardo, la non necessità di rifugiarmi e cercare ad ogni costo un tramonto, un libro, una distesa marina, una penna ed un foglio come aiuto, approdo, supporto, distrazione, invocazione. Ho vissuto con semplicità e naturalezza le piccole cose del quotidiano, con serenità e normalmete. Bagni di sole e mare non continuativi; zainetto e comodini vuoti di libri; serate rilassanti e divertenti; una passeggiata ventilata nel trenino; un po' di lavoro senza stress ed amplificazione del fare; un incontro speciale dell'infanzia senza fibrillazione; un dispiacere privo di malinconia per alcune circostanze; il ritorno all'abito senza eccentricità colorata e persiana; concretezza delle azioni. Spero che questo volo possa continuare ancora, e che non mi abbandoni la "normalità" istintiva e meccanica di condurre con scioltezza gli impegni, le giornate e le tappe di ogni quotidianeità. Essere padroni del presente non è cosa di poco conto, soprattutto per chi, come me, è legato alla legge interiore di non mercificare, barattare e mutare mai il la propria libertà di pensiero, appartenenza, valutazione, sentimento, coscienza ed onestà. Ed oggi sento di non avere neppure le catene di alcune memorie che mi hanno reso prigioniera dell'astratto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

Con Karol

"Venuto da un Paese lontano"

immagine

"La mia mano afferrò la tua, la tua si pose sul mio capo"

 

Con Munch

"Sentii un urlo attraversare la natura:
mi sembrò quasi di udirlo."

 "E’ l’urlo interiore che proviene dall’anima ferita assalita da lance ardenti che infuocano il cuore. "

 

Con la sindrome di Stendhal

"Ero giunto a quel livello di emozione dove si incontrano le sensazioni celesti date dalle arti ed i sentimenti appassionati."

immagine

"Il cuore batte forte, gli occhi si riempiono di lacrime, le gote si colorano, il volto diventa luminoso. Ti fermi incantata per minuti eterni in contemplazione e poi ti muovi con le vertigini per ricercare ulteriori dettagli nel luogo, nello spazio, nell’opera. A volte confusamente non sai dove sostare la tua attenzione perché ti senti interamente inebriata."

 

Con l'occidente e l'oriente

"Sì, secondo me in te vi è l’origine spagnola… sembri provenire dalla Catalogna, non dall’Andalusia"

immagine

"Vedo il mio volto esteriore ed interiore...riconosco i colori ed i lineamenti moreschi e multietnici."

 

Con il Mondo

"Presto la mia voce alle pietre dell’uomo ed ai luoghi del creato. Pietre e luoghi che parlano di ciò tra ieri ed oggi esiste ed è esistito."

 

Con la danzatrice dell'anima

"Regina tu comanda pure
c'e' già la musica
per sognare

sciolgo le trecce e i cavalli
corrono
e
le tue gambe eleganti
ballano
balla per me"
- U. Balsamo-

immagine

"La Principessa danza ... ed a volte anche in senso letterale ... quando i tamburelli impazziti la richiamano, lei corre ... fluttuanti neri capelli al vento, gli occhi dolcemente infuocati, le mani libere nell'aria, i piedi e le gambe scalpitanti ..."

 

Con Lecce

"Sui cornicioni corrono
angeli dalle dolci mammelle,
guerrieri saraceni e asini dotti
con le ricche gorgiere"
- V.Bodini-

immagine

"Chiese barocche e spazi urbani mozzafiato. Pietra bianchissima merlettata. Nicchie conchigliate, santi in estasi, putti danzanti, vasi di fiori, cornucopie e cestini di frutta, grappoli d'uva malvasia, angeli in gioco. Ghirlande di melograne, melocotogne, limoni, aranci, pigne, more, uva tridimensionali scolpite dalle gentili mani degli artisti sotto il sole cuocente del Seicento."

 

Con il mare del Salento

"Come può uno scoglio
arginare il mare
anche se non voglio"
- L. Battisti-

immagine

"Strapiombi, stalattiti, stalagmiti, baie, insenature, porticcioli, spiaggette.

Pini marittimi, arbusti selvatici, fichi d’India, mirti, rovi di bacche, ulivi, capperi.

Mare turchese, smeraldo, azzurro, blu, verde, bianco. Mare Adriatico che finis terrae si abbraccia con il Mare Magnum. "

 

Co lo specchio salentino

E’ la terra del sole mediterraneo. Un sole generoso che illumina ed irradia campagne rosse e pietrose, mari cristallini e lapislazzulo, architetture svettanti e ricamate. Terra che fonde l’elemento occidentale con quello orientale senza contraddizione ed anomalia. Culla ed approdo dei popoli greci, bizantini, romani, normanni, aragonesi, turchi, albanesi, … Culla ed approdo di me. Il Salento mi ha scelto, io ho scelto lui. Mi riconosco nelle sue svariate sfumature, paesaggistiche, storiche, antropologiche, artistiche. I colori brillanti e focosi della ridondante Natura sono velati da pastelli nostalgici e silenziosi. Gli esuberanti e fastosi palazzi aristocratici sono affiancati da timide e piccole case a corte. Le distese argentate e secolari degli ulivi sono punteggiate da palme arabe solitarie ed impreviste. Rifugio dei miei pensieri e riparo delle mie paure. Non giudica i miei passi lenti o frettolosi. Custodisce le mie amarezze, brilla sulle mie gioie. Unisco il mio essere poliedrico al suo carattere eclettico, danzo il cuore tarantato al suono dei tamburelli e violini pizzicati, mi lascio baciare dal dolce e passionale Sole.

 

Con la pizzica

"Pizzicarella mia pizzicarella lu caminatu tou pare ca balla. A du te pizzicau ca nu se scerne sutta lu giru giru te la suttana"

"E’ la taranta passionale. Taranta seducente, ammaliatrice, seduttrice, incantatrice. Pizzica il cuore. Il tatuaggio del suo segno è raro ma rimane eterno. Dilata i sensi. Miscela, ubriaca, unifica la razio, l’animo e l’istinto. Passione dell’alfa e dolore dell’omega. Inietta il mal d’amore, veleno che non permette il sonno, toglie l’appetito, colora gli occhi di malinconia, scatena le gambe nella corsa, riproduce il ritornello dei pensieri e dei ricordi, fa del silenzio un chiasso,… Un ballo, un tamburello e l’acqua sono la sua illusoria cura."

 

Con i bambini

"Non correre, io sono piccolo"

immagine"Guardano stupiti il tuo stupore.

Attendono senza pretesa un racconto.

Ascoltano curiosi una curiosità.

Desiderosi di conoscenza e di attenzione.

Riconoscono un piccolo gesto come un gesto grande."

 

Con il Tempo

"In bilico e intanto
il tempo passa e tu non passi mai"
- Negramaro-

immagine

"Sono qui. In attesa di me stessa…"

 

Con la politica

"Ci sono immagini di fronte alle quali, forse, anche l’obiettivo di una cinepresa finirebbe per arrendersi. Ci sono immagini che forse non possono essere catturate, che non riuscirebbero ad entrare in uno schermo, ma che restano impresse nella mente, nel cuore." - W.Veltroni -

immagine

"Una corrente di pensiero e di sentimento che rispetta/va alcuni valori umani come la giustizia, la comunione di sentimenti, gli ideali della libertà, l’uguaglianza delle diverse civiltà, la pace, la creazione di opportunità socio-culturali-economiche, la tutela dei deboli, ecc…"

 

Con gli occhi

 "Io ed i miei occhi scuri siamo diventati grandi insieme" Baglioni "Il brillare naturale dei suoi occhi non lo scambiassero per pianto" Fossati "Gli occhi fanno quel che possono" Ligabue "Nei tuoi occhi innocenti posso ancora ritrovare il profumo di un amore puro" Battisti "Io ti chiesi perché i tuoi occhi si soffermano nei miei" Hesse "Due occhi che ti guardano così vicini e veri " Dalla "Per i miei occhi neri e i capelli e i miei neri pensieri"  De Gregori "Con gli occhi neri e il tuo sapor mediorientale" Nannini  "Dentro agli occhi negli orizzonti e nei tramonti che vorrei" Matia Bazar "Occhi di ragazza questo viaggio prima o poi sarà finito" Morandi

immagine"I miei occhi lucidi, sorridenti, malinconici, stanchi, solitari, sereni, poetici, disincantati, delusi, speranzosi, rassegnati, dubbiosi, misericordiosi, assonnati, creativi, …"

 

Con l'identikit esoterico

immagine

Segno zodiacale: Sagittario

Ascendente: Cancro

Luna: Bilancia

Pietra dello zodiaco: Turchese

Oroscopo cinese: Lepre

Oroscopo egiziano: Osiride

Oroscopo celtico: Frassino

Oroscopo arabo: Arco

Oroscopo pellerossa: Gufo

Numero del destino: 8

Numero dell’espressione: 2

Numero dell’anima: 9

Numero dell’apparenza:11

Numero fortunato del nome: 10

Nella vita precedente ero: Scrittore, Drammaturgo, Organizzatore di rituali

Arcano della nascita: Giustizia

Arcano del nome: Luna

Tipo Enneagramma:4 (artista)

Tipo psicologico Jung :INF (16)

Elemento naturale della psiche: Acqua e Cielo

Il colore dell’Io: Blu

Neo centrale piccolo sulla fronte: Stella, essere prescelto

 

Con la lettura

per diletto da Giugno 2006 ad oggi:

- Come smettere di farsi le seghe mentali e godersi la vita, G.C. Giacobbe - Adamo come una fiaba, M. Laffon - Manuale del guerriero della luce, P. Coelho - Il piccolo principe, A. de Saint-Exupéry - L'Alchimista, P. Coelho - Undici Minuti, P. Coelho - Ti amerò per sempre, P. Angela - Non siamo nati per soffrire, R.Morelli - Il bacio della tarantola, G. Bandini - Istruzioni di volo per aquile e polli, A. De Mello - Le piccole cose che cambiano la vita, R. Morelli - Come essere felici, R. Morelli - Caos Calmo, S. Veronesi - Il cacciatore di aquiloni, K. Hosseini  - La scoperta dell'alba, W. Veltroni - Poesia, V. Bodini - Oceano Mare, A. Baricco - La strega di Portobello, P. Coelho - A se stesso, Marco Aurelio - Lo scriba di Casole, R. Gorgoni - Seta, A. Baricco - Castelli di rabbia, A. Baricco - E' facile smettere di fumarese sai come farlo, C. Allen -

 

Con te o senza di te

"...cantava canzoni in dialetto gricio, canzoni antiche, che parlavano di amori impossibili...."

"... ed io la dedico ad una persona pura ed ingenua come i bambini."

Qualche volta mi sento come se non sapessi distinguere
Qualche volta mi sento come se stessi lasciando
Che tutto vada nel verso sbagliato
Non riesco ad essere sempre forte
E non manca molto all'innamoramento

Oh dolcezza, non piangere
Oh bambina, asciuga le lacrime dai tuoi occhi
Lo sai che ho bisogno di te per essere forte
E il giorno è così buio quanto è lunga la notte
Quando mi sento come spazzatura,tu mi fai sentire pulito
Sono nell?oscurità,non posso ne vedere ne essere visto

Amore illumina la mia strada
Va bene ora?
Amore illumina la mia strada

Tu hai sotterrato il tuo tesoro
Dove non può essere trovato
Ma il tuo amore è come un segreto
Che è stato spifferato in giro
C'è un silenzio che giunge in una casa
Dove nessuno può dormire
suppongo sia il prezzo dell'amore
So che non è a buon mercato

Oh,dai?
Amore.. illumina la mia strada
Oh,avanti!
Amore.. illumina la mia strada


Ooh?ultravioletto(repx4)

Amore.. illumina la mia strada

Mi ricordo
Di quando potevamo dormire sulle pietre
ora stiamo distesi insieme
In mezzo ai sospiri ed ai gemiti
Quando ero completamente confuso
E sentivo l'opera nella mia testa
Il tuo amore era come un bulbo luminoso
Appeso sopra la mia testa