Blog
Un blog creato da g1b9 il 10/01/2009

Sentimentalmente

Tutto ció che mi dá emozioni....

 
 

***

   Nel mio blog utilizzo  immagini trovate sul Web. Alcune siuramente hanno il copyright;  qui sono usate con scopo culturale , divulgativo  e critico, tuttavia toglierò immediatamente l'immagine, qualora questo uso dispiacesse agli autori.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

 

 

Registrazione nei Motori di Ricerca

 

 

 

« Tempo di Libro__a Milano.Just the way you are. »

Beatles, un sottomarino giallo per viaggiare nella Relatività...

Post n°3533 pubblicato il 19 Aprile 2017 da g1b9
 

 

 

Dall’australopiteco Lucy all’invenzione della Tac: tutte le volte che i Fab Four ispirarono i ricercatori

Nella primavera del 1977 l’astronomo Carl Sagan guidava la Commissione Nasa per la selezione dei contenuti del «Voyager Golden Record»: era il celebre disco da inserire nelle sonde spaziali del Programma Voyager, contenente suoni e immagini che rappresentassero la varietà di vita e di culture della Terra e funzionassero da biglietto di presentazione per possibili civiltà aliene. Sagan vi fece incidere i rumori del vento, delle onde e dei tuoni, oltre ai saluti degli abitanti della Terra in 55 lingue, ma anche una serie di melodie dei maggiori compositori della storia: Bach, Beethoven e Stravinsky e, tra molti altri, i Beatles: del quartetto scelse il brano «Here Comes The Sun». 

 

Solo all’ultimo momento la casa discografica dei Fab Four, la Emi, ritirò i diritti e il pezzo non fu incluso. E tuttavia la band di Liverpool era comunque destinata, prima o poi, al ruolo di ambasciatrice del pop nello spazio: «Here Comes The Sun», infatti, diventa una colonna sonora negli avamposti celesti quando, nel 2007, l’Agenzia Spaziale Europea la inserisce nella «Migliore compilation terrestre di sempre» per gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale. E nel 2008, per celebrare il 50° della sua fondazione, la Nasa decide di «irradiare» nel cosmo «Across The Universe». La Apple Records - detentrice dei diritti - saluta l’iniziativa dichiarandosi «alla ricerca di nuovi mercati».

 

Uno dei maggiori fenomeni di massa di sempre, i Beatles hanno finito per influenzare anche la cultura scientifica: non solo astronomi, ma fisici, matematici, biologi e tanti altri studiosi si sono lasciati «ispirare» nel loro lavoro dal quartetto di Liverpool. A raccontarlo è Viviana Ambrosi, studiosa di comunicazione e divulgatrice, nel saggio «La scienza dei Beatles» (Luoghi Interiori). Cresciuta da «un padre affetto da beatlemania», ha costruito questa ricerca a mo’ di dialogo intergenerazionale - spiega - in cui mostra al suo «vecchio» quello che ancora non conosceva sul gruppo che lo ossessiona da sempre.

 

Fisica 

Per preparare i loro studenti all’esame di fisica, nel 2008, Max Tegmark e Tali Figueroa del Mit di Boston hanno composto «The Relativity Song». Il testo, che scorre sulle note di «Yellow Submarine» («We all believe in relativity») narra una storia che va dalla misurazione della velocità della luce di Ole Rømer fino a oggi, citando Albert Einstein, Hendrik Lorentz, Stephen Hawking, Arno Penzias e George Smoot. E non sono mancati gli studiosi che hanno contribuito a una bibliografia in tema di gravità e altre incognite cosmologiche utilizzando la semantica beatlesiana, sempre allo scopo di divulgare e insegnare. Così un team della Scuola di Fisica e Astronomia dell’Università di Nottingham, con alcuni colleghi francesi del Cnrs, nel paper «General second order scalar-tensor theory, self tuning, and the Fab Four» (pubblicato nel 2012 sulla «Physical Review Letter»), ha sostituito i complessi simboli matematici di una serie di equazioni con i nomi dei quattro: i numeri «John», «Paul», «George» e «Ringo» sono diventati termini nella Trasformata di Laplace.

 

Analoghi «esperimenti» si trovano in «The cosmology of the Fab-Four» («Journal of Cosmology and Astroparticle Physics», 2012) e in «Fab Four: When John and George Play Gravitation and Cosmology» («Advances in Astronomy», 2012).

 

Matematica 

Il canadese Jason Brown, della Dalhousie University, ha identificato il «Dna» musicale dei Beatles, estraendo dalle loro melodie uno schema ritmico periodico e unico. Sulla base di questi dati chiunque conosca abbastanza bene la musica è in grado di generare canzoni «alla Beatles». Proprio come i ricercatori del Sony Research Laboratory che, l’anno scorso, hanno pubblicato in rete «Daddy’s Car», brano creato da uno strumento di Intelligenza Artificiale. Grazie allo stesso software Sony ha in programma di realizzare e pubblicare quest’anno un intero album.

 

Biologia 

In molti conoscono l’aneddoto: era il 1974, quando il team del paleoantropologo Donald Johanson battezzò il fossile dell’allora più antico ominide mai rinvenuto - un Australopiteco - con il nome di «Lucy», dal pezzo «Lucy in the Sky with Diamonds». E altri esploratori - botanici e biologi - hanno arricchito la nomenclatura di piante e animali in modo analogo. Così scopriamo che una tarantola dell’Amazzonia occidentale, identificata nel 2014, si chiama «Bumba lennoni» e che a un trilobite estinto è stato attribuito il termine «Avalanchurus starri». Tra gli altri «trilo-Beatles», c’è lo «Struszia mccartneyi» e lo «Struszia harrisoni». E tra i nematoda figura la «Greeffiella beatlei». E non mancano i fiori: il «Chrysanthemum Yoko Ono», l’«Hemerocallis Penny Lane», l’«Iris Abbey Road».

 

Medicina 

I «Fab Four» hanno indirettamente contribuito all’invenzione di una delle tecnologie più importanti oggi in dote alla scienza medica. Con gli incassi del «White Album» del 1968 la Emi - che possedeva laboratori di ricerca in elettronica e informatica - istituì una borsa di studio dedicata ai propri ricercatori. La vinse l’ingegnere Godfrey Hounsfield che, in seguito, mise a punto la prima macchina per la tomografia assiale computerizzata, la Tac. Per questo traguardo Hounsfield, nel 1979, con il collega sudafricano Allan Cormack, ha vinto il Nobel per la medicina.

 

 Marco Pivato ( LA STAMPA__Tuttoscienze)

Commenti al Post:
aldogiorno
aldogiorno il 19/04/17 alle 19:16 via WEB
CIAO GIOVANNA, COMPLIMENTI PER IL POST, UNA BUONA SERATA ED UN CARO ABBRACCIO, ALDO.
 
monellaccio19
monellaccio19 il 20/04/17 alle 11:30 via WEB
Interessantissimo questo post: apprendo dettagli e particolari che non conoscevo, pur conoscendo bene i Beatles. Grazie, colmi una mia lacuna. Splendida giornata Giovanna.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

RELATHIONSHIP

Don't let someone become a priority in your life , when you are an  optional in their life... Relationships work best when they are balanced.

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Isidora01g1b9licsi35pemonellaccio19gabbiano642014das.silviaTerzo_Blog.Giusamore_nelcuore1vololowProfondicus1colucipaperino61toLunaltasagredo58segreto.666
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

motori ricerca

 
 

CONTATORE