Creato da erinn78 il 28/11/2004

Città-ragnatela

Sospesa sull'abisso, la vita degli abitanti di Ottavia é meno incerta che in altre città. Sanno che piú di tanto la rete non regge.

 

« Love storyVagherai »

Quella notte

Post n°773 pubblicato il 05 Aprile 2009 da erinn78

Quella notte quasi facemmo l'amore.
Le stelle erano tante da mettermi in soggezione e sai come va in questi casi. Lei mi teneva per mano e mi mordicchiava ridendo, e diceva che non sarebbe tornata a casa, che saremmo partiti. Saremmo andati insieme a riaprire il mio locale, e ci sarebbero state ballerine poco vestite con cui avrebbe parlato solo lei, che avrebbero ballato in pizzi scarlatti mentre lei avrebbe servito i migliori fagioli dell'Ovest, e avremmo avuto almeno tre bambini. Due per servire in sala, uno al bar.
Aveva un sapore come di birra appena spillata parlare con lei del Domani.
Certo, se mi fossi sbloccato sarebbe stato meglio.

Diceva di non poterne più della farmacia. E io me la vedevo come la prima volta.
Stava servendo un ragazzino paonazzo, poi era arrivato il mio turno.
"La stessa cosa che ha preso lui," avevo detto.
"Davvero?" aveva inarcato il sopracciglio.
"Certo. Sono un uomo," come se questo mettesse fine alla questione.
"13 e 50".
<>
Ero tornato a casa con una pomata per emorroidi e la dignità ferita.

Forse era stato questo a farla innamorare di me.
Fra aspirine e spray alla propoli avevo riempito l'armadietto delle medicine prima di farmi forza ed invitarla ad uscire. Puntavo sulla compassione.
"No," aveva risposto.
"Come no. Ma ora sto meglio, non ho più quel problema."
"Dai, Fernando. So che non volevi comprare la pomata quel giorno."
"Davvero?" Mi sentivo sollevato, e insieme cominciavo ad avere paura.
"Non voglio uno che é stato di tutte."
Non potevo dirle che non avevo fatto altro che qualche serenata. Okay, avevo anche pomiciato un po', ma nulla di più. Croce sul cuore.

E ora. Ce l'avevo davanti che mi guardava speranzosa. Brillava come vetro, non potevo toccarla.

 

Però l'abbracciai per tutta la notte.

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

Città-ragnatela

 
Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons License.
 
Citazioni nei Blog Amici: 92
 

ULTIME VISITE AL BLOG

trevorhorncomelunadinonsolopoldear.darknessJOKER931Biosbiosje_est_un_autrevanemonellafedy_11il_giunco_mormoranteabskynevdakh_spallanzanibuioeluce0cercoilmiocentrodisegnare0occhiodivolpe2
 

website stats

 

ULTIMI COMMENTI

Una vita fa. Il fatto che mi ricordi ancora la password è...
Inviato da: il_giunco_mormorante
il 21/05/2014 alle 23:37
 
e per correttezza, sappi che quella "donna"...non...
Inviato da: nessuno
il 28/04/2014 alle 14:59
 
bacio x sempre ...
Inviato da: occhiodivolpe2
il 09/04/2014 alle 11:54
 
Grazie!
Inviato da: Une affaire de goût
il 10/01/2014 alle 15:42
 
bacio
Inviato da: occhiodivolpe2
il 20/07/2013 alle 08:52
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

FACEBOOK

 
 

CATANIA

 

VOLEVO DIRE CHE

Qualsiasi analogia con fatti o luoghi non é casuale. Io conosco quella gente, ne amo i pregi e detesto tutto il resto.
Mura ovviamente sono io. E Muto, Bertuccia e Gibbone, Ermenegildo, Lesby, la Tedesca, Bakhum che voleva una moglie bionda, Crosti, Fernando con le sue parole che sono musica. Esistono e non sanno che una sola loro parola ha creato un angolo di Ottavia.

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom