Creato da non.sono.io il 10/11/2005

NON E' UN BLOG

IL CUORE DEL PORCO E' L'UNICO CHE PUO' ESSERE TRAPIANTATO NEL CORPO DELL'UOMO

 

 

« NOTE A MARGINE DI UN VIA...DOVE SONO - CAP I »

NOTE A MARGINE DI UN VIAGGIO IN METROPOLITANA - 4

Post n°1335 pubblicato il 08 Giugno 2012 da non.sono.io

Di cose brutte che possono succederti durante un viaggio in metropolitana ce ne sono molte. Ma anche nella vita ce ne sono altrettante. Così che, se hai vissuto abbastanza intensamente, farti qualche chilometro stipato dentro un tubo di lamiera, senza aria condizionata, in mezzo a centinaia di persone, non può certo ucciderti. Però può farti rodere pesantemente il culo. E’ il rischio della metro, e della vita.
Tra i tanti imprevisti uno di quelli più frequenti è il guasto, proprio il giorno in cui hai più fretta. A Roma la metropolitana si può fermare o ritardare per qualsiasi motivo: pioggia, neve, caldo, umidità, calo di tensione elettrica, migrazioni di uccelli provenienti dall’Africa, sciopero, scavi archeologici, aumento del prezzo del biglietto, partite di calcio, manifestazioni, morte del papa, elezione del papa. Entrare in una stazione e uscirne proprio quando avevi previsto di farlo è un po’ come vincere cinquecento euro al Gratta e Vinci, devi avere fortuna. 
Poi c’è la porta guasta. E’ strano, perché quelli dell’Atac quando una porta si rompe non la riparano, no, sarebbe troppo logico. Ci appiccicano un biglietto dove c’è scritto, appunto, “porta guasta” ma dalla parte esterna, così che tu all’interno non lo sai. Sgomitando e ungendoti con il sudore di svariata gente ti fai largo fino all’uscita e proprio quando gli sei di fronte, ti accorgi che tutte le altre porte si stanno aprendo, tranne la tua. Ma a quel punto non hai più tempo per andare ad imboccarne una che funzioni.
Dopo, in ordine di molestia, ci sono i pazzi che cantano ubriachi, gli zingari profumati con un essenza di topo morto da svariati giorni, i ragazzini che ti limonano sulle ginocchia, i turisti con gli zaini grandi come quelli che usava Messner per scalare le montagne inappropriatamente agganciate sulle spalle che si muovono per guardare non so proprio cosa, e a ogni loro spostamento a te ti arriva in faccia una bottiglia da cinque litri e mezzo di acqua minerale frizzante ma non troppo.
Ma quello che tutti, proprio tutti, temono di più, quello che tutti si augurano disperatamente di non incontrare mai è la vecchia claudicante che non si capisce perché deve uscire di casa se non riesce nemmeno  a fare il gradino per salire sul vagone. Signora, ma non si può far venire a prendere da suo nipote?
La scena tipo è questa.
Io ho solo una fortuna nella mia vita: la stazione dove di solito prendo la metropolitana per andare a lavoro o in qualsiasi altro posto è un capolinea. Questo mi dà il privilegio regale di trovare sempre posto a sedere. Ma solo se riesco ad essere tra i primi a salire. Vuol dire che se non ce la faccio, dovrò farmi dieci fermate in piedi attaccato all’ascella di un venditore ambulante (con tutto il rispetto per la categoria). Dunque entro e mi piazzo nel sedile immediatamente al lato della porta, così che mi evito di dover uccidere qualcuno per ritrovare la libertà successivamente. Nei pochi minuti che precedono la partenza tutti i posti a sedere vengono occupati, non ci sono molte persone in piedi, e quindi posso rilassarmi. E’ in quel momento che sbuca zoppicando la Vecchia della Metro. Tra i passeggeri subito si sparge il panico. Ci lanciamo a vicenda sguardi nervosi per stabilire subito chi sia il più giovane che dovrà sacrificarsi lasciando il proprio posto alla signora. Per le antiche leggi non scritte del manuale di sopravvivenza urbana, le donne sono escluse dalla competizione, così anche i ragazzini al di sotto dei sedici anni. Qualcuno fa finta di leggere, si infila le cuffie gli occhiali da sole e recita la parte del distratto. Altri si afferrano immediatamente una gamba iniziando a lamentarsi per un dolore inventatissimo. Tutti gli altri sono sacrificabili. 
L’importante in questi casi è non lasciarsi prendere dalla paura della figuraccia, e resistere fino a quando qualcuno fa il gesto di alzarsi. Tu lo fai un secondo dopo di lui, così che tutti possono essere testimoni che l’avresti fatto anche tu ma, maledetta sfortuna, un altro lo ha fatto prima di te. E’ tipo la scena principale di “Mezzogiorno di fuoco”. Un signore con i baffi bianchi si tira fuori dalla competizione, perché io sono visibilmente più giovane di lui, anche se dimostro meno della mia età. Rimaniamo io e un altro mio coetaneo. Che poi, sarà proprio coetaneo? Mi viene da chiedergli la carta di identità e sfidarlo a mostrarla, ma sono timido. La Vecchia della Metro osserva la scena con l’espressione di una che sta per abbandonare questa terra da un momento all’altro. Non c’è molto tempo, la metropolitana sta per ripartire. Guardo il tetto. Qualcuno dice che dio esiste, e allora dove cazzo sta quando qualcuno ha bisogno di lui? Non puoi portartela via adesso che tanto qualsiasi cosa ci sia dopo la morte non può essere certo peggio di un viaggio in metropolitana? Ma niente, il miracolo non avviene.
E allora mi alzo e mi preparo al peggio.
La signora si siede, io sorrido gentile mentre dentro sento un impulso irrefrenabile di dargli fuoco. Quella nemmeno ringrazia. Alla prima stazione dopo quella di partenza il vagone si riempe a dismisura di esseri organici dallo sguardo vacuo e io rimango appiccicato all’asta di ferro dove in teoria uno dovrebbe aggrapparsi con la mano e non con la milza. Le porte si aprono e la vecchia scende. Cazzo, doveva fare solo una fermata.
Il treno riparte e con lui anche il mio umore.
Che vita di merda.

 
Rispondi al commento:
EasyTouch
EasyTouch il 08/06/12 alle 14:49 via WEB
Non dimostri meno anni di quelli che hai e se non hai parlato di sesso vuol dire che l'hai fatto in metropolitana, non ci è dato sapere con cosa.
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

psicologiaforensempt2003lascrivanaSeria_le_LadySereNere88Snoop08piculonaar75operobene1Camilla.si.perdeEasyTouchlukketto84zanna1999DIAMANTE.ARCOBALENOantropoetico
 

QUESTO BLOG RISPETTA LE NOSTRE TRADIZIONI

 

NO SOY YO TAMPOCO EN ESPAÑA....

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

I MIEI BLOG AMICI

- BLOG FOR SALE
- MORRIGAN
- NIDO DI CORVA
- L'AMICIZIA
- NIENTE DA DIRE DISSI
- FATTERELLI-SECRETI
- LIKE A STORM AGAIN
- LA TORRE
- L'ACUME DI UN AGRUME
- RACCONTI DI ROMA
- IL CARDIOPATICO
- IKAROS
- LAUREANDA
- VOLARE.. ESSERE VERI
- CLAUDIA'S WORLD
- COME LE NUVOLE
- SONO VIVO
- GIRA SE LA VOI GIRA'
- SOFISMI RIDICOLI
- LOLITA A 360°
- VOMITO SUBITO
- IL MONDO DI PANDINA
- LO SGUARDO ALTROVE
- COME TI VORREI
- BAUHAUS
- ESTINZIONE
- PENSO QUELLO CHE DICO
- I'M LAZY
- PUNTO SUL ROSSO
- IGNORANTE CONSAPEVOLE
- SOTTO ZERO
- TE LO DO IO GRILLO
- WHAT'S HAPPEN?
- PENSIERO LIBERO
- LA NERA SIGNORA
- ANTISTATICA
- IL RIFONDINO
- GRAFFITI GUERRIERI
- MILIONI DI EURO
- ALLEGRI BEDUINI
- LA VITA IN SPAGNA
- CIELO!
- ESPERIMENTI
- EL PUEBLO UNIDO
- NAKED CAFE'
- DIO E' UN VIOLENTO
- MONDO PUFFO
- MUSICA SPAGNOLA
- ANCORA PEZZETTINI
- FALLO
- ARABESQUE
- LA MORBIDA PARATA
- COUNTRY FEEDBACK
- DASEIN
- L'ECO DELLE PAROLE
- S_CAROGNE
- LA FATA IGNORANTE
- LA GIUSTIZIA
- PREPARIAMOCI
- AREJAR
- UOMINI
- GOZERDAMMERUNG 2
- MEDIASETFREE
- JAZZANDO
- VIAGGIANDO... (MENO)
- NON SO CHE CAZZO
- RESPIRI E PAROLE
- R.O.A.R.
- OXALA'
- SOPRAVVIVERE
- DE HONESTA VOLUPTADE
- CHIUSO PER FURIA
- QUESTA MATTINA
- CAZZATE PENSATE
- DALLA TRINCEA
- IL NABISCODONTE
- KILL CUPIDO
- PENSIERI... LIBERI
- BOOKS ETC.
- L'ATRABILIOSO
- END(OR)FINE
- RESISTENZA
- IL TROVAPOLLI
- CORPO IN FRAMMENTI
- NON SONO 1 SCRITTORE
- EPAGOGICO
- PUNTO E A CAPO
- ESCORT BBW
- RICOMINCIO DA QUI
- IO CE L'HO PROFUMATO
- FACCIA DI NIENTE
- PAROLA DI CIALTRONE
- I MESS PIU' ASSURDI
- MEGLIO TACERE
- KREMUZIO
- EREMO MISANTROPO
- FORSE
- BISIDE ME
- NOI DUE
- PARTO DA PAPA'
 
Citazioni nei Blog Amici: 202
 

ULTIMI COMMENTI

Buon compleanno anche sei altrove :))
Inviato da: Seria_le_Lady
il 11/11/2014 alle 00:23
 
articolo molto bello
Inviato da: flappy bird
il 21/03/2014 alle 21:38
 
E certo che esisto :) Adesso vivo qui:...
Inviato da: nonsonoio
il 19/03/2014 alle 17:27
 
esisti ancora..buona serata
Inviato da: morganael
il 18/03/2014 alle 21:41
 
Ma ciaooo! In verità non sono tornato, sono solo tornato un...
Inviato da: non.sono.io
il 11/03/2014 alle 19:57
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: non.sono.io
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 42
Prov: RM
 

 

AIUTATE I QUARANTENNI POVERI

 

IN VENDITA SU WWW.OPPOSTO.NET

 
 

TESTAMENTO

Io erro lungo le rotte delle stelle, la gente mi chiama Capitan Harlock. Nell'oscuro mare stellare, nello spazio infinito e senza domani, finché ci sarà anche un unico sole che arde nel cosmo, io vivrò il libertà sotto il mio vessillo. Io vago per i confini dello spazio il blackjak é issato sulla mia nave, e con questa bandiera che sventola tra le stelle, io vivrò in libertà. L'universo é la mia casa. La voce sommessa di questo mare infinito mi invoca, e mi invita a vivere senza catene. La mia bandiera é un simblo di libertà. (Leiji Matsumoto, "Capitan Harlock", Planet Manga, 2001)
 
 

BlogItalia - La directory italiana dei blog

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova