Creato da lab79 il 05/02/2010

TheNesT

a place called home

 

 

Un momento prima di poggiare la matita sul foglio

Post n°530 pubblicato il 01 Marzo 2018 da lab79

Ho atteso involontariamente la neve, per tornare a scrivere. Forse perché nella quiete soffice mi sembrava di poter pensare più serenamente. Ma così non è stato. Mi sono dilungato più di quanto volessi nelle incombenze del lavoro, le piccolezze che fanno svanire le mezz'ore. E mi ritrovo all'alba dell'alba (In quel momento vago e quieto che in spagnolo chiamiamo Madrugada), a cercare di mettere in fila i pensieri e intuizioni che ricordo di aver avuto ad un certo punto dei giorni scorsi.

Ma queste impressioni cadono disordinatamente sul foglio, come i fiocchi sottili come farina che imbiancano appena e soltanto oggi i tetti delle case, e il bosco.

Pennellate impressionistiche di parole. Nient'altro.

Il pensiero che mi preme invece è molto più significativo, nella sua retorica concretezza. E parlo, si: parlo proprio delle elezioni che ormai incombono e di certo, a differenza di me, non vi colgono impreparati. Benché impreparati sia un termine errato: è da non prima di dicembre che meditiamo sul da farsi, ascoltiamo proposte e mettiamo in pratica pregiudizi e ragioni, onde ritrovare infine il campo in cui piantare il nostro piccolo seme di un voto, e uno soltanto.

Ma a quale conclusione siamo giunti? Ci siamo lasciati asfissiare dall'aria mefitica di una campagna elettorale anomala, e particolarmente velenosa. E' diversa da quelle precedenti? No, ovviamente: i protagonisti sono più o meno gli stessi, le stesse posizioni sulla scacchiera, le stesse "ridondanze" e approssimazioni, le stesse volgarità e promesse. Lo stesso disincanto? Di quest'ultimo sono meno sicuro. Qualcosa ha infine raggiunto le radici della "gente". Un veleno, un odio ideologico piuttosto che un'ideologia. Un pregiudizio nei confronti degli "altri" che è impermeabile al buon senso. E ha malamente corroso il legno duro del sano cinismo di cui gli italiani facevano vanto, quell'applaudire o fischiare il politico di turno sapendo di non fare mai del tutto sul serio. E il politico di turno che a sua volta rispondeva indignato e stupito, perché questo prevedeva la sua maschera di pulcinella, ma dietro il teatro sapeva anche lui che un po' tutto questo agitarsi ed indignarsi era finto. Questi valori e principi, l'italianità e la democrazia, l'entusiasmo e la libertà, l'uguaglianza e il senso dello stato erano le parole rimaste come incastrate nella memoria da tanto ripeterli ad ogni liturgia della democrazia, ad ogni tornata elettorale, ad ogni domenica all'uscita della chiesa e all'ingresso dello stadio.

Ci avrebbe pensato poi l'aperitivo del lunedì al bar, a scacciarle via. Nessuno diceva davvero sul serio.

Ora però qualcosa ha davvero penetrato in angoli recònditi dell'anima, e ha svegliato quell'animale che il cinismo nazionale teneva inconsciamente sotto scacco. E la vergogna del chiamarsi fascisti è sparita, e l'odio nei confronti delle persone per quello che sono, e non più nei confronti di quello che fanno è riemerso nelle parole di chi manifesta, convinto di essere nel giusto, e apparentemente libero di minacciare ed insultare chi lavora in quello Stato alieno e ottuso, come se anche questi fossero lo Stato. Ma non lo sono: sono persone che come noi ne sono vittime, anche quando lavorano nella pancia del Moloch.

E come nei decenni passati ciclicamente si è ripetuto, spuntano i coltelli, i cameratismi complici, le parole d'ordine ed i distinguo minacciosi perché non prevedono più piazze comuni, né ponti a tenerle insieme. E l'altro diventa nemico, e sembrano armarsi tutti ad una guerra che sono convinti di saper combattere, vincere e dominare.

(Ma la Guerra è una madre che non si domina. Genera figli disabili nell'animo, incapaci di crescere in uomini liberi e rinfrancati da tanto passato. La Guerra è Madre assoluta, dalle cui braccia nessuno esce vivo.)

Intanto chi ha spinto per anni lo stantuffo ora si rende conto che la siringa è vuota. Basta attendere che siano le persone ebbre di veleno a chiederne ancora. Non c'è più bisogno di lavorare, creare, spiegare, proporre. Non c'è bisogno di soluzioni, bastano le illusioni: come i tossicodipendenti dell'odio ne chiediamo ancora, di parole rabbiose, che suonino bene nelle nostre bocche. Vogliamo sentire che qualcuno ci dica di aver ragione, che la nostra rabbia è buona e sacra. E noi in attesa del duello finale nelle urne, come fosse l'anticipo di un funerale, mentre i mercanti di opinioni si chiedono tutto questo dove porterà.

Da nessuna parte.

Chi ci chiede il nostro voto sa che questa tornata è inutile. E allora partecipa al gioco sapendo di perdere in partenza, ma sperando di perdere meno peggio degli altri. Si aggrappa dunque a promesse che non solo sa di non poter mantenere, ma sa anche che nessuno pretenderà che le mantenga. E allora via, in un via-vai di promesse stellari e inattendibili, pigolano che "noi faremo!" "noi riusciremo!" e sottovoce ripetono " se qualcuno si vuole unire a noi..." perché sanno che non avranno i numeri per governare. Si affideranno alla provvidenza e rimetteranno il tutto nelle mani del Presidente della Repubblica, che affiderà le redini a chi ormai le ha in mano, e tutti urleranno soddisfatti al complotto, contenti di aver schivato la responsabilità di mettere mano nel sacco delle proprie promesse fassulle.

Se voterò?

Certo. Mal volentieri, eppure lo farò. Convinto che in questa particolare occasione conti poco, e disgustato non tanto dalla puzza delle putride promesse esposte sul bancone, quanto del famelico grigno di chi viene a comprare tale merce, e gioioso ne fa scorta.

 
 
 

"May it hold you through the winter of a long night..."

Post n°529 pubblicato il 18 Febbraio 2018 da lab79

(A volte le notti riservano sorprese da niente, come la nebbia che ghiaccia sulle strade questa mattina. E di tanto in tanto uno sbuffo, una piroetta nell'aria e chissà quali fantasmi se ne vanno a spasso allegri e contenti di non essere visti nella nebbia, un salto giù dal marciapiede e un girotondo davanti all'ingresso, mentre qui la gente dorme e un po' è come se dormissi anch'io, tanto sognante è il ticchettìo dell'orologio che ormai segna quasi le sei)

 

Buonanotte, sopratutto a me.

 

 

 
 
 

Il sogno di un bambino

Post n°528 pubblicato il 12 Febbraio 2018 da lab79

Non nego che il bambino dentro di me ha esultato, e un po' si è commosso. Si, lo so: è notizia vecchia di giorni, e ne scrivo solo ora. Ma che volete.

Anch'io ho una vita.

Ma devo ammettere di aver seguito la diretta nella consapevolezza che fosse, nel suo piccolo, un evento epocale. E in qualche modo i miei sogni da bambino si sono risvegliati quieti, e si sono appollaiati dietro di me, con lo sguardo fisso sulle stesse immagini, a vivere a distanza un pezzettino piccolo di una fantasia che, come per tutti i bambini, per un momento è stata anche mia.

Certo, sono pronto ad ammettere che visto da lontano e frettolosamente, come ormai ci capita di leggere tutte le notizie, il fatto avesse un certo senso di costosa inutilità. Non è così, ma non è importante qui. E che la fascinazione generale per l'uomo in questione che ha messo in piedi tutto questo (questo e altro, in verità) tale Elon Musk, non differisca tanto da quella da me più volte criticata a suo tempo nei confronti di Steve Jobs. A lungo andare anche lui mostrerà il suo volto non tanto condivisibile, come fu per il fondatore di Apple, o per quello di Amazon ora. Ma ora non importa, perché per un momento il sogno folle di andare nello spazio lo abbiamo condiviso in tanti, e solo per questo, per ora, forse gli sono grato.

 

 

 

 
 
 

Tutto bene, grazie.

Post n°527 pubblicato il 11 Febbraio 2018 da lab79

Sono solo qui, dietro una nuvola come la luna crescente che albeggia solo ora, appena prima del sole.

Un respiro e guardo l'orologio, faccio un passo indietro e mi guardo intorno.

E scrivo con lo sguardo altrove, e i pensieri poco più in là.

E solo così trovo la leggerezza di mettere le mani sulla tastiera per un momento.

Per dire che si, sto bene. Stiamo tutti bene, no?

Ho solo bisogno di un momento.

Ma questo momento già non c'è, già è troppo tardi.

E allora aspetterò che sia troppo tardi domani, quando l'orologio si fermerà un momento.

Per ritornare qui.

 
 
 

Un giocattolo fuori posto

Post n°526 pubblicato il 30 Gennaio 2018 da lab79

Mi scaldo la schiena al sole, col senso di colpa di chi sa che dovrebbe fare altro e la consapevolezza di poter perdere tempo soltanto per un po', perché già gli  appuntamenti del mondo mi vengono incontro, e oggi..beh. Oggi non ne avevo proprio voglia.

Ascolto e siedo, mi alzo e cammino. Rilassati, mi dico. E allora alzo la musica, canticchio i pochi versi che conosco a memoria, alzo gli occhi e guardo fuori dalla finestra. Non c'è nessuno. E perché mai dovrebbe? Oggi è martedì, sono tutti affaccendati nei propri mestieri, nelle proprie vite. Io non ho granché voglia di viverla, la mia.

E uno sguardo nei giornali mi convince di non aver voglia di vivere nemmeno quella degli altri.

Mi perdo allora in fantasticherie infantili, da cui mi sveglio scuotendo rabbioso la testa, intanto che mi preparo un caffé. E dire che mi dicevano fosse proprio quello il mio inutile talento: ascoltare le persone e mettermi nei loro panni. Forse perché nei miei panni invece non ci so stare. 

Il caffé borbotta e scende nella tazzina. Mi guardo intorno e vedo il cumulo delle cose che negli anni si sono aggiunti fino a diventare casa: le mie foto appese ai muri, i libri che ho letto, la musica che ho ascoltato. I film che mi hanno commosso, quelli che mi hanno fatto ridere e quelli che mi hanno annoiato. Un giocattolo fuori posto. E nel mio cuore nascosto celebro l'ennesima sconfitta, forse consapevole finalmente che sia arrivata l'ora di cantare un'ultima ninna nanna alla mia felicità.

 
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

mick6228cassetta2lubopogreta.rossogeranioblack.whalesarapucciCoralie.frFLORESDEUSTADunluilascrivanapiterx0moon_Idominjusehellahflowerssssfl.degiovanni
 
Citazioni nei Blog Amici: 56
 

FACEBOOK

 
 

TAG

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom