Un blog creato da zapata71 il 08/02/2007

morire x gli indios

proxima estacion .. E S P E R A N Z A !

 
 
 
 
 
 

STOG A TREMIL' (LA CAPA GIRA)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

PENNE, PAROLE E COLORI

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

LA BALLATA DEL VECCHIO MARINAIO

 
 
 
 
 
 
 
 

A G A I N


You're tearing me apart
Crushing me inside
You used to lift me up
Now you get me down

If I
Was to walk away
From you my love
Could I laugh again ?

If I
Walk away from you
And leave my love
Could I laugh again ?
Again, again...

You're killing me again
Am I'm still in your head ?
You used to light me up
Now you shut me down

If I
Was to walk away
From you my love
Could I laugh again ?

If I
Walk away from you
And leave my love
Could I laugh again ?

I'm losing you again
Locking me inside
I used to lift you up
Now I get you down

Without your love
You're tearing me apart
With you close by
You're crushing me inside
Without your love
You're tearing me apart
Without your love
I'm dowsed in madness
Can't loose the sadness
I can't loose the sadness

Can't loose the sadness

You're tearing me apart
Crushing me inside
Without your love
(you used to lift me up)
You're crushing me inside
(now you get me down)
With you close by
I'm dowsed in madness
Can't lose the sadness
It's ripping me apart
It's tearing me apart
It's tearing me apart
I don't know how
It's ripping me apart
It's tearing me apart
It's tearing me apart
I don't know why
I don't know why
I don't know why
I don't know why
Without your love
Without your love
Without your love
Without your love
It's tearing me apart
 
 
 
 
 
 
 
 

IN ITALIA


 
 
 
 
 
 
 
 

E IO CI STO



ma io con la mia guerra
voglio andare ancora
AVANTI
e costi quel che costi
la vincerò non ci son santi
 
 
 
 
 
 
 

NONNA NINJA

 
 
 
 
 
 
 

PATATE E DEMOCRAZIA

 
 
 
 
 
 
 

'A LIVELLA


 
 
 
 
 
 
 
 

LIBERO



Mi domando perché
 quando vivi aspettando
un giorno passa lentamente
 come fosse un anno
Mi domando perché
 non sono nato nel 50
Avrei saputo cosa fare io
 negli anni 70
Mi domando se sei mia
oppure fai finta
E se alla fine dei fatti
essere onesti conta
Mi domando se la storia
è stata scritta dagli eroi
O da qualcuno che pensava
 solamente ai cazzi suoi
Mi domando perché
 mi fa schifo la mia faccia
A volte si e a volte no
Perché a volte voglio avere
 solo quello che non ho
Mi domando soltanto perché
Gesù Cristo è morto in croce per me

Voglio sentirmi libero
da questa onda
Libero dalla convinzione
che la terra è tonda
Libero libero davvero
non per fare il duro
Libero libero
dalla paura del futuro
Libero perché ognuno
 è libero di andare
Libero da una storia
 che è finita male
E da uomo libero ricominciare
Perché la libertà è sacra come il pane
E’ sacra come il pane

Mi domando perché
pensare troppo mi turba
E se una volta almeno
mio padre ha fumato l’erba
Mi domando se avrò un figlio
E se mio figlio mi odierà
Perché purtroppo si odia
Chi troppo amore ci da
Mi domando se la mia
è una vita felice
E so rispondere solo che mi piace

Voglio sentirmi libero
 da questa onda
Libero dalla convinzione
che la terra è tonda
Libero libero davvero
 non per fare il duro
Libero libero
dalla paura del futuro
Libero perché ognuno
è libero di andare
Libero da una storia
 che è finita male
E da uomo libero ricominciare
Perché la libertà è sacra come il pane
E’ sacra come il pane

 
 
 
 
 
 
 
 

HANNO DETTO ...

Quando Fabio è triste trasmette elettricità.
Poche, schematiche, spietate parole
e apre serrature, innesca bombe,
come se la sua Tristezza s'incendiasse in collera
nel senso d'impotenza sulle situazioni intorno

 Gabry

 

Qualche volta il tempo che passa abbellisce l'anima!
A te è successo questo. Baci
                                                               Sabrina


 
 
 
 
 
 
 

CANZONE


 
 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

Cara Gabry, soltanto oggi, 10 aprile, leggo il tuo...
Inviato da: zapata71
il 10/04/2018 alle 12:39
 
ciao Fabio... talvolta ancora mi ritrovo a chiacchierare...
Inviato da: sally79
il 31/01/2018 alle 09:36
 
Ci sono cose che altri umani non possono comprendere, tipo...
Inviato da: zapata71
il 29/04/2015 alle 11:53
 
ciao :-)
Inviato da: newsinedicola
il 20/04/2015 alle 12:09
 
Grazie ely, bonsoirè ;-)
Inviato da: zapata71
il 21/03/2012 alle 18:40
 
 
 
 
 
 
 
 

VIENI A BALLARE IN PUGLIA


 
 
 
 
 
 
 
 

LA LINEA DI OSVALDO CAVANDOLI


 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

zapata71Reginarixfabio.palmisanosweetsmile3Sally79gdaunfioremarilenamemolakiss_and_knifeelos78irmavepxstrong_passiondomi450wiliam69felicemadisoccupata
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« click by clicknostalgia solo un poco, ... »

Martha

Post n°408 pubblicato il 17 Ottobre 2014 da zapata71

 

Centralino, mi passi questo numero,

Per favore

E passato tanto di quel tempo

Si ricorderà della mia voce

Mentre mi scappa da piangere?

Pronto, pronto, sei tu Marta?

Sono il vecchio Tom Frost

Chiamo da lontano

Ma non preoccuparti per gli scatti

Sono passati quarant'anni o anche di più

Marta, ti ricordi?

Combiniamo per un caffè

E due chiacchiere su quel che è stato

 

E quelli erano i giorni delle rose

Di poesia e prosa

Marta tu eri tutto per me

E io tutto per te

Non c'erano domani

Mettevamo in un cesto i nostri magoni

E li tenevamo per un giorno di pioggia

 

Mi sento così vecchio ora

Anche tu sarai invecchiata

Come stanno tuo marito e i bambini?

Sai, anch'io mi sono sposato

Meno male che hai trovato qualcuno

Che ti fa sentire sicura

Eravamo così giovani e matti

Ora siamo maturi

 

E quelli erano i giorni delle rose

Di poesia e prosa

Marta, tu eri tutto per me  

E io tutto per te

Non c'erano domani

Mettevamo in un cesto i tuoi magoni

E li tenevamo per un giorno di pioggia

 

Ero davvero impulsivo

Forse ancora lo sono

Ma tutto quello che mi importava allora

Era di sentirmi uomo

Mi sa che stavamo assieme

E non sapevamo neanche perché

Marta, però Marta

Io ti amo, non lo capisci?

 

E quelli erano i giorni delle rose

Di poesia e prosa

Marta tu eri tutto per me

E io tutto per te

Non c'erano domani

Mettevamo in un cesto i tuoi magoni

E li tenevamo per un giorno di pioggia

 

E ricordo certe sere tranquille

Che tremavo stretto a te

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

... IN CROCE ...

 
 
 
 
 
 
 

CALPESTATI, CI VENDICAMMO



La Storia Bandita
è la storia
volutamente
dimenticata
di Carmine Crocco
e del popolo lucano,
una storia di
angherie
umiliazioni
fame e povertà
rimossa come la
memoria delle ragioni
ke diedero vita
al brigantaggio
 
 
 
 
 
 
 

UN UOMO

 
 
 
 
 
 
 

BIRMANIA LIBERA

 
 
 
 
 
 
 

PER NON DIMENTICARE

 
 
 
 
 
 
 

SACCO & VANZETTI

  
giustizia: oggi come ieri

 
 
 
 
 
 
 

ANNA POLITKOVSKSYA

per non dimenticare ANNA

 
 
 
 
 
 
 

UNA DONNA

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

NOI



.. e son ricordi, eh ..
 
 
 
 
 
 
 
 

P R E S O B L U

Ma quanta arroganza si spreca,
per quali mediocri orizzonti,
il senso di vaga impotenza,
di un giorno di pioggia,
al gusto di pioggia,
in giorni di pioggia.

Con quali blindate paure
confonde l'amaro tra i denti,
l'insipido blu polizia,
di un giorno di pioggia,
al gusto di pioggia,
in giorni di pioggia.

ma sai dirmi dove sei,
se ti chiedo dove sei,
ti nascondi dove sei.

Il vuoto delle tue certezze tra le tue
pareti che ora inchiodano
il silenzio tra noi due
disordine interiore ma ordine nel paese
prigioni tribunali cellulari o forse chiese,
paura della morte, paura della vita
paura che la vita sfuggendo tra le dita,
paura che diversa sarebbe anche possibile,
paura del diverso paura del possibile.

In quali silenzi riecheggia
la rabbia delle tue certezze,
perché non ci provi ad arrenderti
a un giorno di pioggia,
al gusto di pioggia,
in anni di pioggia

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

BOOKS

 
 
 
 
 
 
 

QUASI 40



Oh mamma ho quasi quarant’anni
che cazzo ho fatto fino adesso
ho avuto il modo ed anche il tempo di cambiare
e l’ho passato a improvvisare
ma mi vuoi bene lo stesso
oh mamma mamma ti ricordi
per me ti preoccupavi spesso
e invece vedi, sono diventato un uomo
mi sposo e faccio un figlio adesso
così lo porti a spasso
e ho avuto culo di non perdermi per strada
e non drogarmi troppo
e se non fosse stato per la musica
magari sarei morto
chissà chissà
tu sai che alla realtà
oh mamma
oh mamma
oh mamma
Oh mamma ho quasi quarant’anni
non me ne sento neanche venti
e ho realizzato che il tempo è maledetto
e si diverte a passare
per vederci cambiare
tu invece mamma resti uguale
anzi mi sembri anche più bella
sono sicuro
che magari tra cent’anni
volerai su una stella
per brillare sulla terra
io nel frattempo continuo a improvvisare
non preoccuparti troppo
anche se sono già passati quarant’anni
non me ne sono accorto
chissà chissà
chissà
chissà come sarà
oh mamma
oh mamma
oh mamma
oh mamma
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 27
 
 
 
 
 
 
 

.. POLVERE ..




Piano americano
e sfioro il tavolo con una mano.
Pomeriggio strano,
e un desiderio che è fuggito lontano.

Polvere, gran confusione,
un grigio salone,
in quale direzione
io caccerò la
polvere dai miei pensieri?
E quanti misteri
coi pochi poteri
che la mia condizione mi dà.

Aria un po’ viziata,
quella finestra andrebbe spalancata.
Tela rovinata,
e la cornice tutta consumata.

Polvere, troppi ricordi,
è meglio esser sordi
e forse è già tardi
per togliere la
polvere dagli ingranaggi,
dai volti dei saggi
coi pochi vantaggi
che la mia condizione mi dà.
(dà, dà, dà, dà, dà)
Non mi cercare
(shhhhhh)
chè non mi riconoscerai
(shhhhhh)