Creato da lanzarda il 12/08/2007

Gira si la vòi gira'

La città del mio cuore

 

 

« Maschere romanescheDetto romanesco »

ARCANGELO PIPPANERA

Post n°216 pubblicato il 28 Novembre 2011 da lanzarda
 

Arca', Arca', statte zitto e nun parlà

Arca', Arca', che te possino ammazza'.
Sono Arcangelo Pippanera,
Tutti mi chiamano baccalà
Tengo l'anima troppo sincera
Sono il portiere e me voglio sfogà.
Se me chiedono qualche servizio
Con molto giudizio so' pronto ad annà
Ci arimedio parecchi quatrini
Perché l'inquilini li so' contentà.
Arca', Arca', statte zitto e nun parlà
Arca', Arca', tacci tua e de papà.
Sono svelto nelle faccende
Nun me stanco de fa su e giù
la padrona nun po' pretenne
che me sfrutti ancora de più.
Dice: "Arcangelo Pippanera
Gli inquilini tu fai arrabià,
te cambio co' ‘na portiera
perché tu nun sai scopà
Arca', Arca', statte zitto e nun parlà
Arca', Arca', tacci tua e de papà.
La mattina scopo le scale
Come scopo nun c'è male
Sul portone locco locco
Me ne vado a lustrà er patocco
La signora ar mezzanino
Vo' fumà e nun c'ha er cerino
Gentilmente glielo do in mano
"poi salisca ar primo piano".
C'è la serva der dottore
Gli s'è atturato lo sciacquatore
Poveretta ce se addanna
Vado su co' la mia canna
Glielo infilo ner condotto
Glielo sturo lì per botto
Appena fatto er lavoretto
Dalla gioia me da' un bacetto
Arca', Arca', statte zitto e nun parlà
Arca', Arca', tacci tua e de papà.
Arca', Arca', tu sei proprio un baccalà
Arca', Arca', statte zitto e nun parlà.
Ar secondo ‘na ballerina
Che c'ha ‘n'arte sopraffina
Quant'è bella e delicata
Quando lei fa la spaccata
Se la vedi quando balla
vola come ‘na farfalla
s'arivorta e poi per giunta
te lavora sulla punta.
Arca', Arca', statte zitto e nun parlà
Arca', Arca', nun fa proprio er baccalà.
Ar terzo c'è un pittore
Che fa' schizzi a tutte l'ore
Li fa co' na modella
ch'è formosa e tanto bella
lui lavora con passione
e glie cambia posizione
vo' fa' un quadro che è un gioiello
co' tra schizzi de pennello.
Arca', Arca', statte zitto e nun parlà
Arca', Arca', nun fa proprio er baccalà.
Quella ar quarto c'ha un pompiere
Che lo allena tutte le sere
Lo sdraia sulla lettiga
come vo' sarvà una vita
e glie insegna co' piacere
le manovre der pompiere
quanno sarta, e quanno zompa
e quanno in mano c'ha ‘na pompa.
Arca', Arca', statte zitto e nun parlà
Arca', Arca', tacci tua e de papà.
Ar quinto ce sta Bice
Rinomata massaggiatrice
Co' l'annunci sur giornale
Ce poi annà quanno te pare
Ti massaggia da cima a fondo
Te rifà venì dar mondo
Quanno l'opera è compiuta
Dieci sacchi e te saluta
Ma mannaggia ar serpentone
Sono proprio un chiacchierone
Ma voi tutti che ascoltate
Ma che gusto ce provate
Arca', Arca', che te possino ammazzà
Arca', Arca',.tacci tua e de papà.
Arca', Arca',.statte zitto e nun parlà
Arca', Arca',.tu sei proprio un baccalà...

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ALVARO AMICI

ALVARO AMICI

GABIELLA FERRI

ROMA NUN FA LA STUPIDA

ARRIVIDERCCI ROMA

 

Click for Roma, Italy Forecast

site statistics

 

ULTIME VISITE AL BLOG

saturno.leolanzardaarchspeare01alf.cosmosSpitamasanja13arch.antoniolombardomcristina.mostallinospadavincentetopo60_2009giovanni.ricciottiAlbinoBnilsiaviviveanelusa
 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Cara lanzarda, al compimento del 5 anno di blog passo per...
Inviato da: ITALIANOinATTESA
il 01/12/2013 alle 16:25
 
Grazie!
Inviato da: Beaux doudous
il 24/08/2013 alle 09:42
 
Buon Natale Dora! E... grazie! :)
Inviato da: lanzarda
il 22/12/2012 alle 22:17
 
Ottimo sistema per far conoscere la storia,in...
Inviato da: dora.forino_1944
il 04/11/2012 alle 11:55
 
:)), ormai che importa...
Inviato da: lanzarda
il 04/10/2012 alle 22:49
 
 

 

 















 
Citazioni nei Blog Amici: 34