Creato da Paintedonmyheart il 04/02/2015

TuttacolpadellaLuna

"...quando si avvicina troppo alla terra, fa impazzire tutti". William Shakespeare

 

« La settima ondaAspettando Natale »

Cara Donna...

Post n°29 pubblicato il 25 Novembre 2017 da Paintedonmyheart

 

Cara donna,
a volte ti capiterà di essere troppo donna,
troppo intelligente, troppo bella, troppo forte,
sempre troppo qualcosa.
Questo fa sentire un uomo meno uomo
e tu comincerai ad avvertire il bisogno di essere meno donna.
L'errore più grande che puoi fare
è togliere i gioielli dalla tua corona
perché un uomo la possa reggere con più facilità.
Quando ciò accade bisogna che tu capisca
che quello che ti serve non è una corona più piccola,
ma un uomo dalle mani più grandi.

Michael Reid





Perché violenza è anche quella che,
in nome di un amore o di un quieto vivere,
ogni donna fa a se stessa ogni volta che si autolimita,
che accetta passivamente i piccoli soprusi quotidiani,
che rinuncia giorno dopo giorno a un pezzo di sé,
della propria libertà, dei propri sogni, del proprio valore.
Ogni qualvolta che rinuncia ad essere semplicemente
la Donna meravigliosa che sarebbe senza un uomo che,
in nome di quello stesso amore, le tarpi le ali.

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/contessascalza/trackback.php?msg=13586255

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Estelle_k
Estelle_k il 25/11/17 alle 21:59 via WEB
Esistono violenze sottili i cui effetti sono invisibili da fuori ma dentro sono sottilmente devastanti...Questo pensiero ne coglie decisamente l'essenza...Un baciotto bella Donna...
 
 
Paintedonmyheart
Paintedonmyheart il 26/11/17 alle 07:43 via WEB
Sì, esattamente. I fatti gravi di cronaca di violenza contro le donne sono sotto gli occhi di tutti, meno ciò che quotidianamente in maniera sottile a volte si vive psicologicamente. La rinuncia a ciò che si è o si vorrebbe essere la trovo di certo meno brutale, ma ugualmente ingiusta. Purtroppo, spesso di queste violenze le donne sono le prime a non rendersene neanche conto. Un bacio a te, Estellina:)
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 26/11/17 alle 09:30 via WEB
Da uomo mi chiedo cosa stia succedendo agli uomini.
 
 
Paintedonmyheart
Paintedonmyheart il 27/11/17 alle 06:44 via WEB
Credo sia sempre successo, ma che non se ne avesse consapevolezza.
 
EMMEGRACE
EMMEGRACE il 28/11/17 alle 10:09 via WEB
Tante belle riflessioni dedicate al mondo femminile...scritte, interpretate e danzate ma purtroppo alcuni Maschi non conoscono il significato di RISPETTOnper quel corpo che diventa un "oggetto" di proprietà forzata. Non voglio ricordare le violenze subite della mia amica di tanti anni fa, per fortuna che la sua Forza è stata la mia. Comunque si va avanti e mai più indietro. Un pensiero per quelle Donne che denunciano e risalgono la china a testa alta.
 
 
Paintedonmyheart
Paintedonmyheart il 29/11/17 alle 07:28 via WEB
Sai, Grace, io sono la prima a non credere tanto nel valore di tutte queste riflessioni e rappresentazioni, perché non è certo così che si combatte una certa mentalità. Credo, invece, molto nel ruolo della scuola nel perseguire quell'educazione di genere che porterebbe al rispetto non solo delle donne in quanto tali, ma di tutte le diversità. Qui si tratta, infatti, dello stesso tipo di mentalità che porta a perpetuare atti di bullismo nei confronti di chi è più debole o diverso, perché è la mentalità di chi non riconosce all'altro la libertà di essere e di fare ciò che vuole della sua vita. È quindi la mancanza di rispetto per la persona, prima di tutto. Mi dispiace per la tua amica, spero ne sia uscita fuori e che stia bene adesso. Comunque, se ha avuto te vicina, è stata di certo almeno in questo fortunata. Un abbraccio!
 
out4ever
out4ever il 29/11/17 alle 23:32 via WEB
Praticamente serve un capoccione su cui parcheggiare la corona. Spero non quella funerea.
 
 
Paintedonmyheart
Paintedonmyheart il 01/12/17 alle 00:43 via WEB
Un capoccione adeguato alla corona, però!:) Non tutte sono della stessa misura.
 
Web_London
Web_London il 30/11/17 alle 19:38 via WEB
Niente da aggiungere a quello che hai scritto te.
Sottoscrivo ogni parola.
Ciao eh! ^_^
 
 
Paintedonmyheart
Paintedonmyheart il 01/12/17 alle 00:44 via WEB
Non avevo dubbi. Ciao, web:)
 
fosco6
fosco6 il 01/12/17 alle 13:07 via WEB
Giusto quello che hai scrito nei commenti, ci vuole che la Scuola ritorni ad essere fonte di educazione e che faccia capire come sia importante il rispetto per l'altro, uomo o donna che sia.
Ma nel contempo le Istituzioni a tutti i livelli devono garantire un sostegno materiale e soprattutto psicologico a chi si trova a dover lottare contro la violenza quotidiana verso le donne e verso i più deboli o"diversi", incrementando i consultori, dando maggiori informazioni e investendo dei soldi in queste forme di aiuto.
Dai Mass-Media c'è poco da spettarsi visto che calcano generalmente l'audince e quindi non le virtù ma i vizi e i difetti della gente, ovvero la pancia invece che la testa, ma se ci fosse un risveglio delle coscienze in tutto il Paese e se chi goverma se ne facesse promotore, anche i Mass-Media potrebbero cambiare e tornare ad essere quello che erano in passato, ovvero momenti di aggregazione sociale e di educazione e formazione oltre che di informazione.
Forse dirò una coglioneria, ma credo che la scuola oltre che ai figli, una volta al mese dovrebbe fare dei corsi anche per i genitori, perché hanno bisogno più dei figli a volte di essere guidati.
Ciao....CARLO.
 
 
Paintedonmyheart
Paintedonmyheart il 02/12/17 alle 09:40 via WEB
Sorrido perché la mia scuola è prossima a realizzare proprio una serie di incontri sull’educazione alla genitorialità. Bisogna lavorare in sinergia, questo è fuor di dubbio, ma questo lo sa bene chiunque abbia a che fare con dei ragazzi. E comunque, qualcosa mi sembra che si stia muovendo anche come assistenza a livello istituzionale, basti pensare che si comincia a pensare anche ai figli delle vittime di femminicidio, al dramma di questi orfani, figli che hanno perso la madre per colpa del padre (o del compagno) assassino, una cosa orribile da vivere, figli segnati a vita ma non sempre riconosciuti come vittime. Di loro si è parlato sempre troppo poco, la gelida burocrazia li definiva “vittime secondarie" che, pensa, fino allo scorso anno erano ben 1600! So di una proposta di legge per tutelarli, come per le altre vittime di reati gravi come la mafia e il terrorismo. Si punta, insomma, all'istituzione di un fondo per le vittime di femminicidio, una cosa che trovo giustissima. Quanto al ruolo della scuola, beh...è scoppiato il finimondo quando si parlava di “educazione di genere” equivocandola grossolanamente come “educazione alla omosessualità”, mentre il vero spirito di cui è pervasa è soltanto di educazione al rispetto della persona e della sua diversità. Chissà se in questo senso qualche passo in avanti riusciremo a farlo... Ciao, Carlo, e grazie delle tue interessanti riflessioni:)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

tirripitirriQuartoProvvisorioje_est_un_autreexplorertime1NoRiKo564erika_082vita.perezDesert.69MAGNETICA_MENTE.2017mandorlamara1loredana_popaannafa70thorn2021Stratocoverscassetta2
 

ULTIMI COMMENTI

bella
Inviato da: angi2010
il 31/01/2021 alle 16:58
 
Chissà se intanto la tua settima onda è arrivata... Mi...
Inviato da: Signorina_Golightly
il 28/04/2019 alle 05:43
 
Dovrò venire a leggerlo!:)
Inviato da: Paintedonmyheart
il 13/01/2018 alle 17:12
 
Sì, la sensazione è un po’ quella di galleggiare in un...
Inviato da: Paintedonmyheart
il 13/01/2018 alle 17:10
 
giaà....è quanto ho espresso nel mio post dedicato alla...
Inviato da: dominjusehellah
il 13/01/2018 alle 17:00
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30