Creato da ditz il 21/02/2005

scrittori

a fondo perduto

 

 

« Nel porto sepoltoscrivania »

Valzer con Bashir

Post n°267 pubblicato il 17 Giugno 2009 da ditz

Dopo che vedi "Valzer con Bashir" se ti alzi in piedi subito rischi di cadere per via di quelle visioni che ti rimangono per ore stazionarie, irremovibili nella mente perplessa, confusa da quella lucente bellezza, dalla lucida razione di arte che ci spetta: gli occhi gialli dei cani, randagi e neri, che avanzano da una memoria che si sfolla. E il cielo? Giallo anche quello. C'è un lirismo in "Valzer con Bashir" che la mia testa bacata me lo fa paragonare a un libro, a un poema: "Farsalia" di Lucano. Perché uno si aspetta che un film "di guerra" parli di guerra. O che un libro "di guerra" parli di guerra. E invece scopri che questo film e quel libro parlano sì di guerra ma ne parlano con un livello lirico inversamente proporzionale al livello retorico-enfatico di tante interviste sulla guerra.

"Valzer con Bashir" si prende la briga del documentario ma documentario non è. La prima ora è un viaggio filosofico-esistenziale nelle vostre vite che manco ve ne accorgete. La bellezza sconvolgente delle immagini, la forza lirica delle parole, la sapiente regia nel miscelare l'orrore della guerra, il mancato ricordo, il senso di colpa, la strage di Sabra e Chatila con il vortice di bellezza dell'animazione, col disegno computerizzato, sofisticato, dettagliato. Tutto questo dentro la mente di Ari Folman diventa un meravigliosa tragico documento poetico della guerra con gli occhi di un diciottenne che piano piano vede riaffiorare dal buio della dimenticanza un rigagnolo di ricordi. E scava, e chiede, e cerca. E trova un gioiello: la paura di morire si mischia alla guerra-spettacolo osservata dai balconi delle case. L'ossimoro spiagge-mimetica militare. E ancora la discoteca e i mitra. E il rettangolo trasparente da cui guardare la strada che avanza: ed è l'occhio di un cingolato. Poi una esplosione. E la fuga dei ragazzini-soldato verso la morte. Tranne uno. Che per salvarsi fugge di notte verso il nero del mare. Gli monta in groppa e comincia a nuotare.

Eccola la fuga del soldato verso il mare. Di notte. A nuoto. Verso luci lontane. L'onda  si dilata e il grandangolo la rende più onda. Più ampia. Alla fine la stanchezza. Come un panno-straccio. Il soldato da nuotatore si fa relitto trascinato dalla corrente. E la paura ci perseguita mentre perseguita lui. Fino all'ultima onda: la spiaggia. La salvezza. Il sospiro di sollievo. Lui e noi, all'unisono.

Guardare "Valzer con Bashir" è tirare un sospiro di sollievo: dire che nonostante tutto ne vale la pena. Se leggi una pagina di Lucano più o meno si hanno quelle sensazioni lì.

"Quando i soldati, occupato il Foro, ricevettero l'ordine
di piantarvi le insegne, lo stridore dei litui  il clangore
delle trombe con i rauchi corni intonarono un'empia fanfara.
S'infranse la quiete del popolo, i giovani balzati dai giacigli
afferrarono le aimi infisse presso i sacri Penati
come la lunga pace le offriva; si gettano sugli scudi
fatiscenti fino al telaio, sui giavellotti con la punta ottusa,
sulle spade corrose dal nero morso della ruggine."

Quis furor, o cives, quae tanta licentia ferri.

Una follia davvero immane è questa licenza delle armi. Che non è propriamente una licenza tipo 007 con licenza d'uccidere. Forse è più un offrire sangue senza senso. Un sacrificio vano. L'immagine dei cavalli colpiti a morte, stramazzati, segnano la polveriera dei nostri ricordi: e si illumina la spia rossa che segna un nome sotto: Eugenio Montale.

Poi ci clicchi  sopra e sbuca pure Guernica di Picasso.

Agiti bene: eccolo Freud. I sogni, i numeri, le cordicelle del pensiero aggrappate alla notte. Il defribillatore cerebrale aperto, la valvola di sfogo sfriziona aria di sogni dai buchini onirici, raccattapalle attentissimi prendono servizio appena chiudiamo gli occhi, o appena ci remmizziamo.

Torni indietro: c'è sempre Marco Anneo Lucano. La storia dentro alla poesia.

Si chiude il valzer di Ari Foman.

Un valzer sconsideratamente perfetto
su cui danziamo tutti noi l'imperfezione dell'esistenza.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ditz/trackback.php?msg=7240956

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

FACEBOOK

 
 

MATITA PREFERITA

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Cherryslmariomancino.mlutesmemymeymariluci_17max_6_66bal_zacpalestra.taborcow_boy_2006ansa007licciardi.annam2011ilsitodipatfalco58dglopposti_incongruentikombimk
 
Citazioni nei Blog Amici: 28
 

ULTIMI COMMENTI

altro ke cassaintegrato!
Inviato da: Rebuffa17
il 13/06/2012 alle 17:59
 
vero...
Inviato da: Rebuffa17
il 13/06/2012 alle 17:58
 
ke bel posto, dv ?
Inviato da: Rebuffa17
il 13/06/2012 alle 17:57
 
ahahahahah!
Inviato da: Rebuffa17
il 13/06/2012 alle 17:56
 
lava le mani
Inviato da: puzzle bubble
il 02/05/2012 alle 21:12
 
 

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
immagine
 

RIDICOLO CREDERE

ridicolo credere
che gli uomini di domani
possano essere uomini,
ridicolo pensare
che la scimmia sperasse
di camminare un giorno
su due zampe

ridicolo
ipotecare il tempo
e lo altrettanto
immaginare un tempo
suddiviso in pi tempi

e pi che mai
supporre che qualcosa
esista
fuori dall'esistibile,
il solo che si guarda
dall'esistere.



(Eugenio Montale, Satura; Satura II)

 
immagine
 
immagine
 

TAMARA

immagine
 

PARANOID ANDROID - RADIOHEAD

Please could you stop the noise
I'm trying to get some rest?
From all the unborn chicken voices in my head
What's that, what's that

When I am king you will be first against the wall
With your opinion which is of no consequence at all
What's that, what's that

Ambition makes you look pretty ugly
Kicking squealing gucci little piggy

You don't remember, you don't remember,
why don't you remember my name
Off with his head man, off with his head man
Why don't you remember my name?
I guess he does

Rain down, rain down, come on rain down on me
From a great height, from a great height, height
Rain down, rain down, come on rain down on me
From a great height, from a great height, height

That's it sir, you're leaving,
the crackle of pig skin,
the dust and the screaming
The yuppies networking
the panic, the vomit,
the panic, the vomit
God loves his children,
God loves his children, yeah