Creato da kiwai il 24/12/2009

c'è tutto un mondo..

impressioni di un aborigeno della Nuova Guinea

 

 

« NOTIZIOLEFUNICULI’ FUNICULA’ »

ANCORA UNA RIFLESSIONE .. DI CUI NON FREGHERA’ NIENTE A NESSUNO

Post n°1229 pubblicato il 10 Giugno 2016 da kiwai

 

 

Questo post è vecchio di quasi un anno e mezzo ... l'ho ritrovato nelle bozze e non l'ho mai pubblicato.
Oggi che sono stato preso dalla "fantasia" di farmi un altro giretto da queste parti .. l'ho rispolverato e ve lo propino, anche se non aggiornato ...

Errare humanum est, perseverare autem diabolicum

 

Ogni tanto mi chiedo perché continuo a scrivere in questo blog … 

Ma soprattutto mi domando perché, quando mi manca il tempo di scrivere, vado in .. “crisi di astinenza”. 

Non è certo per “vanità frustrata” .. so perfettamente (e l’ho spesso dichiarato) che la “visibilità” di questo blog è nettamente inferiore a quella di un qualsiasi “graffito” nella cabina di un ascensore … 

Certo, c’è il piacere di confrontarsi con i quattro amici virtuali, che hanno la bontà di leggere i miei post … ma soprattutto c’è il “bisogno” di raccontare il mio modo di vedere il mondo .. senza pretendere un consenso incondizionato, né tantomeno di possedere la verità.
 

Allora mi chiedo se è questo il “bisogno” che spinge anche gli altri a crearsi il proprio blog …  in fondo un blog è una forma “moderna” di autoritratto, ciascuno vi trasferisce l’immagine di come è o di come vorrebbe essere ..  di come si vede (o di come vorrebbe vedersi) nello specchio del mondo.
 

Bene, credo di poter affermare che non è proprio così … almeno per un blog “politico”.
 

Casualmente, ho scoperto che su Libero esistono ben 11.000 (si avete letto bene: undicimila) blog solo nella sezione Politica & Società …
 

In tempi di “disaffezione generalizzata” per la politica, sembrerebbe un controsenso, anche perché di politica si parla anche in molti blog catalogati in altre sezioni …  

Allora, sono curioso come una scimmia, mi sono concesso “l’uzzolo” di scorrere l’elenco di questi blog … 
 

Il risultato è stato, almeno per me, sconcertante.
 

Su 11.000 blog, ben 3.325 (s.e.& o.) sono frutto di sindrome compulsiva: non c’è nemmeno un post .. zero! 

Figli di profili “improbabili”.. sono un cimitero di aborti.
 

Ma anche la “mortalità infantile” imperversa: 

2.435 blog vantano un solo post … quasi altri 2.300 oscillano tra i due e i cinque post .. 

Insomma ¾ dei blog “politici” sono un cimitero di velleità defunte.
 

E il resto?
 

Appena 152 blog (tra quelli con un minimo di un centinaio di post all’attivo) hanno dato segni di vita negli ultimi sei mesi e solo la metà (76) nel nuovo anno … il che, sebbene possano registrarsi lunghe assenze come la mia, certo non depone benissimo sul loro “stato di salute”.
 

La conclusione?
 

La politica, nel senso migliore, è pensiero e passione, ma esprimerle compiutamente e saper articolare le proprie ragioni è “faticoso” … meglio FACCIALIBRO o quattro cinguettii di 140 caratteri: 
 

VERO RENZI ?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti al Post:
ormalibera
ormalibera il 10/06/16 alle 22:55 via WEB
dopo sette anni di quasi continua presenza nel mio blog e nei blog altrui sono ritornata dopo quasi tre mesi di assenza, e ritrovarmi nel tuo mi ha fatto molto piacere. Bellissimo questo post ... dimenticato! ma forse adesso era il momento giusto per postarlo un sorriso
 
 
kiwai
kiwai il 11/06/16 alle 11:52 via WEB
Ti ringrazio Orma, ben ritrovata anche a te …
si, trovare con continuità la “forza” di esporre il proprio pensiero sulla realtà che ci circonda, di esporsi a critiche e contrasti, sempre e comunque nel rispetto delle posizioni altrui, non è facile, soprattutto di questi tempi, in cui contano più le “etichette” delle idee.
 
avvbia
avvbia il 11/06/16 alle 13:09 via WEB
Si e no ! si perchè spesso come dici tu i blog politici sono delle boiatee pazzesche quando non sono scriti per esasperare il proprio io. No perchè è bello esprimere liberamente il prorpio parerc,confrontarsi ,dialogare,familiarizzare socializzare. Quanto agli altri social io solo su fb dove un po' imperverso trascurando purtroppo qui. il resto no.. ciao e bentornato k.. gino
 
 
kiwai
kiwai il 11/06/16 alle 14:32 via WEB
No, Gino, no!
Anche tu convertito a Faccialibro ??? Mi meraviglio di te!
Il mio “accatto” su Faccialibro è assolutamente clandestino .. mi serve solo per curiosare … in assoluto silenzio. Pensa che avevo aperto come Kiwai e … ho dimenticato la pw.
 
misteropagano
misteropagano il 11/06/16 alle 14:03 via WEB
la categoria principale è il cazzeggio e c'è un pericolo peggiore qui, dimmi dove commenti e ti dirò chi sei o quanti punti perdi se fai un commento là piuttosto che qua; insomma scrivere su di un blog ecchediamine deve avere un valore, se ti controllano il patentino ops il tesserino o se per caso fai un tiro mancino. buon sabato ki.
 
 
kiwai
kiwai il 11/06/16 alle 14:33 via WEB
Che dire … concordo. Ben ritrovata anche a te.
 
Eva_laStrega
Eva_laStrega il 11/06/16 alle 14:34 via WEB
Io ho avuto due tre blog, parlavo di politica e società. Non era esattamente signorile e all'acqua di rose lo so... Insieme a me ce n'erano altri... Nello stesso stile. Eravamo visitati e commentati, ma molto criticati, insulti e minacce a raffica, post trasversali di derisione e diffamazione... Insomma una vitaccia. Alla fine siamo stati quasi tutti bannati, altri sono andati via. Fare politica quì dentro è impossibile, ci sono troppi interessi personali a far sparire la voce fuori dal coro. Motivo per il quale sono rimasti, guarda caso, solo i blog di cazzeggio ma anche qualcuno di cultura generale, molto interessanti. Per la politica meglio un luogo neutro dove la libertà di parola non è una colpa.
 
 
kiwai
kiwai il 11/06/16 alle 14:48 via WEB
Lo dici a me? Ho ingaggiato battaglie furibonde con la Mutanda Rossa e i suoi amichetti e ho rischiato la bannatura un’infinità di volte, per le loro segnalazioni a raffica … tutte a vuoto!
Ma il blog era vivo e divertente .. ora, da tempo, anche il “Comintern” si è trasferito su faccialibro … un po’ mi dispiace, il confronto è stimolante e poi .. al Pirata piace il profumo della battaglia!
 
lamiapelle
lamiapelle il 12/06/16 alle 07:12 via WEB
non è mai stata la politica che mi incuriosiva e spesso mi faceva irrigidire , ma le idee diverse anche nei modi , che rispecchiano quelli di vivere della gente, quelli che come arma al confronto usano l'ululo intimidatorio e arrivano a insultare pur di sostenere le teorie immagazzinate e affossare l'altro, non sono dalla mia parte, che è quella delle idee e della loro realizzazione.
Un saluto affettuoso Kiw
 
 
kiwai
kiwai il 12/06/16 alle 12:18 via WEB
Ma allora ci sei !!!
Ti ho cercata spesso nel tuo blog … ma sembrava ti fossi convertita anima e corpo alla Apple & co e didegnassi questa piattaforma .. amici compresi.
Ok, è sempre con grande affetto che ti ritrovo. BF
 
ambrosiadossi88
ambrosiadossi88 il 25/08/16 alle 11:37 via WEB
splendido questo articolo. Tornerò a trovarti Ciao da

Mobiletech

 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

 

.

 
 

 

 

 

 

MI TROVI ANCHE SU ..

 

ULTIME DA SARCHIAPONICON

Caricamento...
 

 

   DA NON PERDERE ..  

 

AREA PERSONALE

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

sabraina83gians5federico70_2017toni.romanina.monamouravvbiae19divadis82scuccutatolopezmaumac50ITALIANOinATTESATelemaco013venuss99jpegink
 

       

 

CUBA LIBRE

QUANTO COSTA
LA LIBERTA'???




La morte di un prigioniero di
coscienza, una persona in
carcere per le sue idee, senza
aver commesso alcun reato.
Orlando Zapata Tamayo,
42 anni, fù arrestato durante
la primavera del 2003 e condannato
a tre anni di carcere.
Durante la prigionia a causa della
sua attività di dissidenza nel
carcere, gli furono aggiunti altri
anni di detenzione fino a un totale
di 30 anni di reclusione.
BASTA YA!

 


 

Dichiarazione Universale dei Diritti Umani  
ARTICOLO 19  
Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione; questo diritto include la libertà di sostenere opinioni senza condizionamenti e di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo ai confini.