**TEST**
Creato da olena63 il 26/11/2009

liberi di essere

Chi siamo? Perche siamo qui e ora?

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 12
 

 

I bisogni personali e la preghiera

Post n°28 pubblicato il 22 Febbraio 2010 da olena63
 

          Attraverso la preghiera l'essere umano sceglie consciamente come soddisfare i propri bisogni e i propri desideri , avendo accettato lo strumento della fede.

          Ogni preghiera attinge la sua forza realizzatrice dalla "sensazione interiore di accettazione ed approvazione da parte dell'energia creatrice", ossia dalla sintonia con il divino; pertanto ogni pregiera va sempre "costruita" dentro di se' come espressione di scelta positiva.

           Dal momento in qui la preghiera e' stata effettuata, ogni avvenimento dalla vita costituisce una "risposta" ad essa proveniente dalla dimensione spirituale; questa "risposta " viene colta essenzialmente come intuizione, e affinche' cio' accada e' fondamentale la presenza.

            Ogni vera "risposta della dimensione spirituale" e' riconoscibile dal fatto che si manifesta attraverso il "sentire profondo", e' essenziale tenere presente che non si e' realmente disponibili alla "trasformazione personale" necessaria a raggiungere il proprio obbiettivo, ossia all'espansione della coscienza, le risposte che "arrivano" non provengono dalla dimensione spirituale, ma dalla propria mente (schemi mentali).

  
 
 
 

Il contatto con il Se', la sintonia con il divino, la pregiera

Post n°27 pubblicato il 17 Febbraio 2010 da olena63
 

      Nello stato originario, l'individuo vive naturalmente in costante contatto col Se' senza esserne cosciente; dalla perdita dello stato originario, il contatto col Se' e' "ostacolato" dalla presenza del'ego, che comporta l'illusione della separazione; risulta percio' ridotto il rapporto spontaneo con il divino presenta nell'essere stesso, e questo rende difficile vivere in armonia dinamica tra coscienza e istinto.

       La ricerca del rapporto con l'energia creatrice universale, quindi la pratica del contatto col Se' per scelta consapevole, e' la preghiera, ossia la affermazione e rappresentazione della propria volonta' in un contesto opportuno: ha le stesse caratteristiche di ogni "dialogo" che, nella dimensione pscicofisica, si svolge tra gli eseri viventi; pertanto, per essere produttivo, deve realizzarsi normalmente con una sufficente freguenza e comprendere la "disponibilita ad ascoltare".

      La consuetudine alla preghiera permette di ripristinare la "sintonia" con il divino, che si manifesta in ognuno attraverso il sentire profondo, avente come caratteristiche fondamentali creativita', semplicita', positivita', fiducia, pace, amore incondizionato, ed opposto di sentire superficiale. La preghiera offre la possibilita di avere sempre a disposizione l'energia, di cui si ha bisogno e di sperimentare la gioia di vivere.

      Religione e scienza sono i tentativi effettuati dall'uomo per darsi una guida prestabilita a livelo sociale nel rapporto con l'energia creatrice; nel percorso di crescita personale e' necessario che il rapporto con il divino sia sempre un'esperienza libera da "schemi prefissati": piu' si e' in contatto col Se', meno si ha bisogno di una "morale esterna" per vivere bene.


 
 
 

La scelta positiva e la legge naturale dell'armonia

Post n°26 pubblicato il 31 Gennaio 2010 da olena63
 

     La legge fondamentale nella dimensione psicofisica  e' la legge naturale dell'armonia; puo essere considerata come la "conseguenza", nella dimensione psicofisica, delle tre leggi fondamentali nella dimenione spirituale operanti insieme: il modo fondamentale di operare della natura e' quello del minore sforzo possibile, ossiadella totale "sintonia" col principio del piacere. L'inconscio aggisce sempre automaticament secondo la legge naturale dell'armonia, mentre il conscio la deve scegliere: la legge naturale dell'armonia ha le seguenti implicazioni fondamentali:

            ogni evento in sintonia con la legge naturale dell'armonia accade "al momento giusto", in conseguenza alla sua funzione nell'evoluzione del creato e in reazione al livello quantico di coscienza dell'individuo che ne e' protagonista

             quando l'individuo raggiunge la capacita di condurre la sua esistenza secondo la legge naturale dell'armonia (stato adulto), adopera il suo libero arbitrio per vivere in armonia  dinamica tra coscienza e istinto, mantenendosi, attraverso la scelta positiva, costantemente in "equilibrio" tra principio del piacere e principio del dovere

             nella sua realizzazione pratica,la legge naturale dell'armonia consiste nell'agire con piena presenza e contemporaneamente nel rilassamento, completamente coscienti nel processo di accogliere quello che viene e lasciar andare quello che va; cio' deriva dall'attuare  costantemente la scelta positiva fondamentale, che consiste nell'accettare che tutto quello che accade nella propria vita e', in essenza, per il proprio bene e per il bene di tutti (tutto e' necessario come e' = legge dell'amore universale). Pertanto, ogni azione in sintonia con la legge naturale dell'armonia equivale ad un atto di amore incondizionato verso se stessi.

 
 
 

Il Se' e la scelta positiva

Post n°25 pubblicato il 19 Gennaio 2010 da olena63
 

Il Se' e' l'aspetto "personale" dell'energia creatrice, il divino, presente in ogni essere, la fonte dell'amore incondizionato verso se stessi: e' il maestro interiore e la sede della verita soggetiva.

     In quanto maestro interiore , Il Se' "guida" il processo evolutivo dell'individuo verso la sua realizzazione, avendo come "motivazione" la soddisfazione dei desideri personali, che costitiiscono la "voce" dell'energia creatrice stessa. A questo scopo, il Se' "seleziona" continuamente, tra tutto cio' che  l'inconscio percepisce e registra, quello che e' necessario arrivi al conscio in funzione dell'espressione della coscienza.

     Ogni individuo puo' effettuare in ogni momento l'esperienza fondamentale  del Se': Il Se' eì cio' che puo' osservare  i tre corpi "senza essre separato da essi".  Per tanto, lo stato meditativo e' esperienza diretta del Se'.

      Il Se' si manifesta attraverso la scelta positiva, originata dalla accettazione consapevole delle tre leggi fondamentali della dimensione spirituale. Ogni scelta positiva  e' il miglior modo possibile di vivere cio' che l'esistenza propone qui ed ora: essa puo' avvenire solamente accettando l'esistenza come maestro esteriore, che equivale ad essere costantemente disponibili a dare importanza a tutto quello che accade, perche' tutto insegna.

      Ogni volta in qui l'individuo agisce di conseguenza ad una scelta positiva, assumendosene la responsabilita' in piena autonomia, procede gradualmente verso la dissoluzione dell'ego. In altri termini avviene una trasformazione  dell'immagin negativa dell'io in immagine positiva dell'io e la riconquista della percezione dell'unita' del tutto, con consequente  cessazione della angoscia esistenziale: la capacita' di scelta positiva  costituisce quindi anche la misura della "sanita mentale" di ogni individuo.

 
 
 

Le leggi fondamentali della dimensione spirituale

Post n°24 pubblicato il 10 Gennaio 2010 da olena63
 

           Nella creazione le leggi fondamentali della dimenssione spirituale operano assieme e simultaneamente, essendo l'effettiva causa originaria  di ogni avvenimento dell'esistenza.

                 1.  La legge causa-effetto o " dell'apprendimento nell'universo": ogni atto (pensiero compreso) produce effetti che , in qualche modo ed entro un certo tempo, ritornano  all'origine;questa legge detta anche "legge di carma" , ha la funzione generale di "produrre incesantemente e automaticamente"le condizioni, perche' possa verificarsi l'evoluzione,intesa appunto come apprendimento; questa legge manifesta l'attivita' dell'inconscio, ed ha le seguenti implicazioni fondamentali:

           - ogni incarnazione e' legata a quella precedente per effetto delle scelte, effettuate in quella

           - tutti gli avvennimenti di ogni esistenza , in qualche modo, "collegati" tra loro

           - ogni elemento della creazione, per tutta la durata della sua vita,ha una funzione "unica e non ripetibile" nell"evoluzione dell'universo.

                2. La legge della magia (avvenimento indipendente da causa e riscontro razionale), o "del potere divino nell'uomo" (quindi e' esclusiva della specie umana): oqni evento desiderato accade quando l'intenzione e' sufficente come intensita' e durata a produrlo, ossia quando l'energia corrispondente ha raggiunto la massa critica; questa legge rappresenta la possibilita' di intervento del conscio nell'evoluzione, ed ha le seguenti implicazioni fondamentali:

             - ogni individuo e' co-creatore cosciente ogni volta in qui la "adopera deliberatamente"e, con questo, diventa il protagonista della sua evoluzione, perche' questa dipende, in ultima analisi, dalle sue scelta, e influisce, di cnseguenza, anche su quella collettiva

               - comprendere questa legge equivale alla conguista della fede, che consiste nell'accettazione della possibilita di determinare  la realta' personale, secondo le proprie scelte e necessita' (libero arbitrio), indipendentemente dal fatto che sia noto razionalmente il modo per farlo (magia)

                - il "sistema di credenze" utilizzato dall'individuo determina la realta' in cui egli vive e tutto cio' gli accade nella sua esistenza

                - in ogni istante, l'essere umano ha "potenzialmente" a disposizione tutto cio' che gli e' necessario per soddisfare i propri bisogni; accettazione consapevole di questo principio comporta il raggiungimento "magico" dei propri desideri e la soddisfazione delle proprie necessita'

              3. La legge dell'amore universale  (amore incondizionato): tutto e' necessario come e', in quanto, all'origine, tutto nasce dall'energia creatrice che opera sempre con amore incondizionato verso tutto il "creato" (principio dell'unita del tutto); questa legge descrive cio' che "spontaneamente" accade progressivamente nel comportamento di ogni indiiduo, quando, ad ogni espansione della coscienza, aumenta il "libero scambio di informazioni" tra conscio ed inconscio; la legge dell'amore universale ha le seguenti implicazioni fondamentali:

         - ai fini dell'evoluzione personale, tutto cio che accade ha ,in essenza,sempre una funzione poitiva; in particolare, "l'altro" e' sempre  come e' bene che sia

          - attraverso la pratica, ognuno puo' comprendere che queta legge consiste nel  "dare e ricevere" con fede, cioe' senza preoccuparsi di cosa si "perde" e cosa si "acguista" in cambio

           - nella pratica dell' amore incondizionato non c'e' chi da' e chi riceve, ma tutti danno e ricevono contemporaneamente, che ne siano coscienti o meno

           - la pratica dell'amore incondizionato "conduce" verso il sinificato profondo di ogni cosa

           - in generale ogni intenzione in "sintonia" con questa legge riceve sempre dall'universo l'energia necessaria alla sua realizzazione.

 

 

 


 

 

 


 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

karma580luboposhewolf6olena63max_6_66la.vegetarianamadame.artrichardG5LellaB59Seria_le_LadyIrisblu55psicologiaforensepippolenci3lasso7alf.cosmos
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom