Creato da: donulissefrascali il 29/10/2005
Rinnovamento Sociale per la partecipazione di tutti ai diritti umani.

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

mariano6KillerEisonarialdoeric65vla.cozzatoniscolellabrunom3piamavellilaviniascsttecnicocalvipino.dibenedettopantaleoefrancamt1967_1967ciarlie7351caligola_99
 

Sognando Itaca-1

 

Sognando Itaca-2

 

Sognando Itaca-3

 
Citazioni nei Blog Amici: 51
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Tag

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

links

 

 

 
« POTERE E CRISI SOCIALETESTO TRADOTTO DAL LATI... »

L'EDUCATORE

Post n°284 pubblicato il 17 Settembre 2009 da donulissefrascali

L'EDUCATORE 

Vorremmo prospettare  alcune linee  ideologiche atte a definire l'azione educativa dell'educatore,per promuovere,con la formazione dei giovani, un equilibrato sviluppo della vita sociale. Il bisogno di socialità si manifesta già nella prima infanzia, e le attività di gruppo assumano una loro particolare importanza. L'aspetto dominante del bisogno di socialità, si esprime nei bambini con l'organizzazione del gioco. Piace ai bambini l'inserirsi in gruppi, ed avere un'intensa attività ludica. La funzione dell'educatore,con i suoi interventi, serve ad indicare tecniche cooperative e ad aiutare a capire le diverse situazioni del gruppo,concorrendo a favorire l'armonia sociale e il dialogo. Nasce durante l'adolescenza la tendenza a formare gruppi misti. Gli adolescenti mostrano una maggior cura e attenzione nelle scete degli amici.Iniziano a preoccuparsi delle loro relazioni sociali,e si angustiano se non riescono ad adattarvisi. Gli educatori debbono sentire la responsabilità di guidare i giovani. Gli educatori,con il loro modo di operare, democratico e non dittatoriale , incoraggeranno i giovani ad asumersi impegni di maggior serietà, orientati verso un loro futuro di cittadini di una società libera e democratica.          

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/partecipare/trackback.php?msg=7683504

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
donulissefrascali
donulissefrascali il 19/09/09 alle 17:20 via WEB
PUNTI DI RIFLESSIONE:dobbiamo discutere dell'educatore e non della educazione.Analizzare l'importanza dell'educatore e se è ammissibile che vi sia un educatore.
(Rispondi)
 
donulissefrascali
donulissefrascali il 19/09/09 alle 17:56 via WEB
MARIO:se l'educazionde si articola come una imposizione da parte di un ente o di una persona nei confronti di un individuo che deve crescere e maturare,da origine a degli squilibri nel soggetto e non è quindi una forma di educazione.Non è un rapporto di dialogo,come dovrebbe essere,ma un rapporto dipendente da ordini.Un programma pedagogico deve servire a conoscere se stessi e a gestire la propria vita. Commento di MARIO
(Rispondi)
 
donulissefrascali
donulissefrascali il 19/09/09 alle 18:16 via WEB
Fraceschini Luigi il 19-09-009 Certo perchè potresti dare anche tu un piccolo contributo a lui e mostrargli il vantaggio del confronto.E'una lacuna grave nei rapporti interpersonali il non aprirsi a una trasmissione di esperienze.
(Rispondi)
 
dragonshare
dragonshare il 20/09/09 alle 10:12 via WEB
sono d'accordo sulla formazione delle persone da un punto di vista pedagogico,anche se ritengo,che non è solo la conoscenza della psicologia che fa divenire una persona un buon educatore,masono le qualità della persona stessa,ovvero l'amore per il proprio lavoro e lo scopo del perchè si fa quel tipo di lavoro...purtroppo in tutte le professioni non siamo tutti uguali...ci sono medici e medici,psicologi e psicologi...se una persona in testa sua ha sempre in mente il denaro,farà poco o nulla tranne quello di arricchirsi,ma se invece in cuor suo vorrà aiutare il suo prossimo,allora sono sicuro che otterrà risultati.....
(Rispondi)
 
 
donulissefrascali
donulissefrascali il 20/09/09 alle 17:48 via WEB
Carissimo Dragonshare,prima cosa che vorrei farti presente sull'educazione è la pedagogia e non la psicologia.Sono due cose molto diverse,e oggi molto confuse fra loro.La pedagogia è scomparsa e pensare che è la norma fondamentale per riuscire a trasmettere concretezza alla crescita della nostra vita. La pedagogia ti aiuta a gestire la vita; la psicologia ha un aspetto sanitario che riguarda l'equilibrio della mente.Don Ulisse
(Rispondi)
 
 
donulissefrascali
donulissefrascali il 21/09/09 alle 18:27 via WEB
Carissimo Dragonshare,ti chiedo scusa se ritorno sulla precisazione tra pedagogia e psicologia.Sono due linee operative completamente diverse:la pedagogia ha il compito di indirizzare il giovane nella sua vita. La psicologia è indirizzata a curare determinati scompensi di natura psichica,quindi sanitaria. Don Ulisse
(Rispondi)
 
 
 
dragonshare
dragonshare il 23/09/09 alle 14:05 via WEB
si è vero.....non conoscendo bene l'argomento le ho sovrapposte...comunque sono del parere che ha perfettamente ragione...nelle scuole si insegnano molte cose inutili che potrebbero essere sostiuite con materie umanitare regolatrici di rapporti come la pedagogia che lei menziona.....è una delle notre contraddizioni,come quella di insegnare che le guerre siano un male e trovarci nel 2009 a fare ancora guerre.....l'uomo è così...anche se non tutti per fortuna
(Rispondi)
 
 
 
 
donulissefrascali
donulissefrascali il 25/09/09 alle 12:05 via WEB
Carissimo dragonshare,ottima la tua risposta che ha precisato la mancanza quasi generale della differenza fra Pedagogia e Psicologia:spero che molti la leggano e facciano commenti per chiarire nei giovani i valori della formazione pedagogica. Anche nella scuola la pedagogia sarebbe una delle materie più importanti.Cordialità,Don Ulisse
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Test di velocità il 28/06/18 alle 10:00 via WEB (Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.