« Il vero volto di BContro i privilegi del V... »

La rivoluzione silenziosa

Post n°290 pubblicato il 16 Agosto 2011 da vanda.schiavi

Oggi le Borse hanno tremato, crescita Euro 0, l'unione Europea in panico...se non si cambia sistema di vita, partendo da dentro di noi, la crisi non si arresterà nemmeno tra venticinque generazioni.

In Islanda la rivoluzione silenziosa sta funzionando dimostrando che SI PUO'  FARE!

E' il momento di cambiare anche passando per una cultura meno consumistica, riducendo gli sprechi compresi i rifiuti...riuso, riciclo non servono solo ad allegeerire le discariche, ma a rendere quasi eterni i beni, gli oggetti, le cose...molti gli esempi: un cellulare, un Pc possono avere lunga vita con una buona manutenzione e le cose che a noi non servono più possono essere utili ad altri, un abito si può modificare trasformandolo in un capo nuovo, così un libro, un testo scolastico, una bottiglia, un barattolo; un collant smagliato non può essere più indossato, ma cattura la polvere meglio dei prodotti specifici di cui paghiamo pure gli imballaggi, il cibo avanzato può essere non solo riconsumato il giorno dopo, ma congelato e riutilizzato o mixato con altri ingredienti per inventare un piatto nuovo ed originale....l'elenco è ancora lunghissimo, ma i potenti queste cose non ce le diranno mai perchè riuso e riciclo non producono consumismo e se non c'è consumismo non c'è speculazione e se non c'è speculazione loro...sò finiti!

Se poi, prendendo esempio dall'Islanda, si persegue pure la statalizzazione e non la privatizzazione delle Imprese..allora il Popolo torna ad essere sovrano: cambiare noi per rivoluzionare il sistema economico!

Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/partigiana/trackback.php?msg=10510778

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
valerioborghetti
valerioborghetti il 16/08/11 alle 22:29 via WEB
Ciao Vanda, ti darei un bacio, anzi te lo mando proprio, ho letto il tuo post proprio mentre stavo pensando esattamente le solite cose...se diamo un taglio al consumismo loro devono piantarla col loro Monopoli virtuale...che crea crisi e panico....e lo Stato deve diventare Stato per garantire i diritti....che il sogno si avveri?
(Rispondi)
 
vanda.schiavi
vanda.schiavi il 16/08/11 alle 22:48 via WEB
Lo spero e ricambio il bacio
(Rispondi)
pittricedisinistra
pittricedisinistra il 16/08/11 alle 22:34 via WEB
CIAO VANDA ... VOGLIO FARTI UNA DOMANDA .. SE NON COMPRO NON PRODUCO RICCHEZZA ..LA FABBRICA LICENZIA PERCHE NON HA COMMISSIONI IL NEGOZIANTE CHIUDE PERCHE NON VENDE ...SE NON CONSUMO ( INTESO COME NECCESITA PRIMARIE E NO IL LUSSO) CONTRIBUISCO A FAR CHIUDERE LE AZIENDE CONTRIBUISCO ALLA RECESSIONE .. FABBRICHE CHE CHIUDONO ... DISOCCUPAZIONE SELVAGGIA ... NON CREDO CHE LA RICETTA GIUSTA SIA ..RICICLO NON COMPRO NUOVO ... ANCHE PERCHE GIA' SI FA QUESTO PER FORZA DI COSE SE NON HAI SOLDI TI TIENI IL VECCHIO .. NON SOSTITUISCI COL NUOVO ...E NON CONTRIBUISCI ALLA CRESCITA E VIA DICENDO ...E' UN CANE CHE SI MORDE LA CODA , CIAO BUONA SERATA
(Rispondi)
 
fuorischemi
fuorischemi il 16/08/11 alle 22:44 via WEB
senza la catarsi del mondo capitalista keinesiano (produci di piu' consuma di piu' e paga le tasse)non ci puo' essere un mondo migliore... fortunatamente sta succedendo senza che il popolo si mobiliti
(Rispondi)
 
 
vanda.schiavi
vanda.schiavi il 16/08/11 alle 22:57 via WEB
Produci, consuma quel che serve, redistribuisci ricchezza in modo che tutti abbiano di che sfamarsi e non si debba più assistere a morti di fame per accrescere la ricchezza dei poteri forti come le logiche della globalizzazione vorrebbero.Ciao grazie per il passaggio
(Rispondi)
 
vanda.schiavi
vanda.schiavi il 16/08/11 alle 22:53 via WEB
Ho parlato di consumismo e non di consumo...oggi c'è troppo sprego e le fabbriche chiudono lo stesso perchè speculano e non reinvestono in mano d'opera per questo la statalizzazione è necessaria..io credo che meno consumismo e più consumo si può e soprattutto si deve...se non ci fosse consumismo, sprego e privatizzazione non avrebbe motivo di esistere nemmeno Berlusconi maestro della pubblicità per indurci a comprare pure ciò che non ci serve...le sue origini sono antiche e radicate in noi che forse non ne siamo ancora del tutto consapevoli...nè lui, nè i poteri forti si chiedono chi paga il mio mutuo o poco gli importa se un artigiano chiude bottega perchè sono loro che lo stanno uccidendo. Ciao Thea
(Rispondi)
 
 
pittricedisinistra
pittricedisinistra il 16/08/11 alle 23:06 via WEB
forse io ho tanto buon senso e poco denaro che non compro mai il piu' non seguo mode da mai ....non vedo tv spazzatura e non sono vittima di consumi sfrenati( nn ho soldi) .. ecco forse io mi baso su me stessa ...e su chi conosco tipo vicini amici che .. ritengono un lusso comprare pesce fresco ( anche io) pensa te !! quindi noi che nn li abbiamo i soldi gia applichiamo la regola anticonsumismo ..poi io lo dovresti sapere sono contro le privatizzazioni.. non so forse ti riferivi nel post a classi agiate...il popolino gia ricicla .
(Rispondi)
 
 
 
vanda.schiavi
vanda.schiavi il 16/08/11 alle 23:50 via WEB
Non del tutto Thea io conosco persone, molte in realtà, che stanno più o meno come noi, ma che c'hanno tre macchine, mobili belli, telefonini che je fanno er caffè, cinque computer...insomma il senso era che magari la gente non può, ma che fà? Fa rate su rate indebitandosi all'inverosimile, facendo il gioco delle banche finchè non ce la fa più a pagare e...siamo ad oggi! Il metodo è quello che noi conosciamo: la pubblicità ( Berlusconi ci si è arricchito co sto giochetto) che ti spinge, espropriandoti il ervello, a comprare pure ciò che già c'hai perchè ti fa vedere un prodotto identico al tuo convincendoti che è migliore. Ora è ovvio per te,per me, per quelli che non ci cascano in queste logiche, capire e vivere come viviamo, ma credimi siami rari esempi. questo intendo per consumismo, questo è il sistema da abbattere perchè è il loro sistema, quello dei poteri forti, non il nostro.
(Rispondi)
ironwoman63
ironwoman63 il 17/08/11 alle 02:06 via WEB
RICORDI QUEL BOX CHE AVEVO PUBBLICATO MESI FA, DOVE AVEVO FATTO UNA SORTA DI DECALOGO DI COME PERSEGUIRE LA RIVOLUZIONE? ^_____^ ECCO, SE CERCASSIMO DI ATTUARE TUTTI QUESTI ATTEGGIAMENTI CONTROCORRENTE, GLI SQUALI DELLA FINANZA SAREBBERO TUTTI FREGATI!! DOBBIAMO SVEGLIARE LE MENTI... UN BACIO, HASTA SIEMPRE!!!
(Rispondi)
 
vanda.schiavi
vanda.schiavi il 17/08/11 alle 07:28 via WEB
E' proprio questo il medoto Lulù...svegliare le menti, formare nuovi pensieri, nuovi modi di essere e di vivere...sempre in sintonia con te...buongiorno Lulù!
(Rispondi)
fiamma_1956
fiamma_1956 il 17/08/11 alle 10:26 via WEB
Il rovesciamento di ogni sistema economico comporta sicuramente dei disagi.Ma non si può continuare così.Non solo per via di questo cazzo dicrisi.Ma anche perché stiamo consumando allegramente le risorse di questo Pianeta,come se dovessero durare per sempre.Sì è un gatto che si morde la coda, ma dobbiamo rompere questa catena,il capitalismo, che porta solo schiavitù e il benessere di pochi
(Rispondi)
 
vanda.schiavi
vanda.schiavi il 17/08/11 alle 13:29 via WEB
Condivido pure le virgole di quanto hai scritto, ma...non avevo dubbi della sintonia di pensiero. Ciao bella
(Rispondi)
CercoLei05
CercoLei05 il 17/08/11 alle 12:24 via WEB
Non avevo mai visto il filmato, come tanti, e come tanti altri spero vedranno; alla fine dice “in Islanda è stato riaffermato un principio fondamentale è la volontà del popolo sovrano a determinare le sorti di una nazione e questa deve prevalere su qualsiasi accordo o pretesa internazionale”. E' questo il punto, la sovranità nazionale come recita l'art. 1 della nostra Costituzione, il dover dipendere da scelte altrui anche in campo monetario. Penso che questa grave crisi sia dovuta sì ad una recessione generale, ma in minima parte, credo piuttosto che un ruolo importante lo abbiano i grandi speculatori, e il fatto che i governi debbano prendere in prestito denaro dalle banche centrali ad un valore infinitamente superiore al suo valore reale, questo si chiama signoraggio bancario, di cui nessuno parla, i nostri politici non parlano, ma c'è. Il diritto di 'signoraggio' è il potere delle banche centrali (BCE, Bankitalia ecc.) di emettere moneta con un valore nominale ampiamente superiore al valore intrinseco e quindi di ricavare un guadagno dalla sovranità sulla moneta. Perchè debba farlo una banca privata e non lo Stato sovrano, questo è un mistero.
(Rispondi)
 
vanda.schiavi
vanda.schiavi il 17/08/11 alle 13:34 via WEB
Bravissimo..invece di decidere noi ci siamo appecorati alla Bce! Ma ormai il perchè non è più un mistero...non dicono perchè se si resta ignoranti si fa il loro interesse perchè conoscenza e consapevolezza ci fanno ragionare e decidere con la nostra testa! Ciao grazie del passagio e del bellissimo e utile commento!
(Rispondi)
massimocoppa
massimocoppa il 19/08/11 alle 18:59 via WEB
hai ragione, assolutamente!
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Ultime visite al Blog

texgt64nomadi50franca53fsmariomancino.milsilenzionellanottevanda.schiavilubopoanimabilemax_6_66psicologiaforensevanni68zoppeangeloprecious2015cherobacontessaIntercondominiale
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom