Creato da carmen46c il 27/06/2007

CARMEN AULETTA

I ricordi, certi ricordi, sono come tatuaggi, non vanno più via, sono parte della tua anima, della tua vita.

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

annarusso.87fosco6wanda.didarimario1985rmvercingetorige25305my_way70santiago.gamboasilenzioso.cuorekiwaiste.ale_2009carmen46clubopopantaleoefrancalumil_0tobias_shuffle
 

ULTIMI COMMENTI

Anatroccolo? Si...
Inviato da: carmen46c
il 13/03/2016 alle 07:25
 
Socrate52....non riesco a modificare il post e nemmeno a...
Inviato da: carmen46c
il 13/03/2016 alle 07:04
 
Eh si....hai centrato il punto! C'è qualcosa che bolle...
Inviato da: carmen46c
il 12/03/2016 alle 13:32
 
Carissima Carmen ! Dire che sono contento per te è...
Inviato da: socrate52
il 12/03/2016 alle 13:17
 
BUON ANNO....c'è la speranza che sia un po'...
Inviato da: fosco6
il 31/12/2013 alle 11:27
 
 
 

 

« Racconto autobiografico n. 3Mia figlia si è sposata »

O' suonno

Post n°16 pubblicato il 05 Luglio 2007 da carmen46c
 

  Devo proprio ringraziare un amico di questi blog,  napoletano come me. Dicendomi che anche io potrei scrivere poesie in dialetto ha suscitato in me il desiderio di provarci e questa notte, complice pure l'insonnia che non mi vuole lasciare, mi sono sentita come una donna incinta al nono mese pronta per partorire. Ecco cosa è nato.

'O suonno

   

 

Proprio ogge, m’aggio fatto chistu  suonno,

appena appena m’ero appisolata,

ca m’aggio ritrovato tutto attuorno,

‘e ccose c’aggio sempe desiderato.

 

Nu mare azzurro , chiaro e trasparente,

na casa ‘ncoppa ‘a roccia ch’ è assulata,

na varca ca cullava dolcemente

a me e a te,  comme a dduje nnammurate.

 

Ma quanno  me so’ scetata  a stu suonno

nun dico chello c’aggio ritruvato,

nu giro m’aggio fatto tutto attuorne,

me so’ sentuta triste e scunsulata.

 

‘O mare   grigio e pure puzzolente,

‘nterra,  ‘a munnezza sempe abbandunata,

ce sta ‘a camorra ancora cchiù fetente,

e nuje ca ce sentimmo  alluntanate.

 

Ma che me l’aggio fatto a ffa  stu suonno,

che m’ha pigliato pure ‘a pecundria,

pecchè desiderasse ‘e vedè attuorne,

chello ca veco sulo cu ‘a fantasia?

Carnen Auletta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/Carmelandia/trackback.php?msg=2942915

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
abramo50
abramo50 il 05/07/07 alle 07:56 via WEB
ciao nottambula,io mi sono svegliato ora e mi appresto al lavoro.bella l espressione napoletana, buona giornata,bacio.
 
carmen46c
carmen46c il 05/07/07 alle 08:32 via WEB
Buon lavoro ... mi piacerebbe sapere se gli altri, quelli che non conoscono il napoletano la capiscono o devo mettere la traduzione.
 
 
poeta.sorrentino
poeta.sorrentino il 05/07/07 alle 17:51 via WEB
No no no. Nessuna traduzione (e chi s'offende si offende; tanto non s'offende nessuno). Sarebbe come tradurre funiculì oppure Torn'a Surriento.
 
ilprincipeverde
ilprincipeverde il 05/07/07 alle 11:52 via WEB
Bella...davvero complimenti! Con la speranza immensa che il calzino si rivolti e torni ad essere il sogno reale e la realtà l'incubo ributtato!!! Brava!
 
philrep
philrep il 05/07/07 alle 13:27 via WEB
Grazie a te ... per il tuo splendido sorriso ... per il tuo dolcissimo gesto ... l'amicizia vera e sincera è un valore altissimo ed indiscutibile ... un abbraccio phil
 
socrate52
socrate52 il 05/07/07 alle 13:41 via WEB
io non sono napoletano, ma ...aggia .. capito benissimo! Piuttosto noto una tua (prudente) apertura all'ironia ,bene mi piace ! Ciao
 
demy_moore37
demy_moore37 il 05/07/07 alle 16:25 via WEB
no ci prendo tanto con i dialetti ....e della poesia ho compreso qualche termine qua e la .... ma nulla più .... mi dispiace non sono poliglotta ahahahhah un bacio demy^_*
 
poeta.sorrentino
poeta.sorrentino il 05/07/07 alle 17:49 via WEB
Paisà, chesta è musica. (E m'immagino cosa scriveresti sott'o cielo 'e margellina in una notte estiva stellata ca dich'io...) :))
 
fosco6
fosco6 il 06/07/07 alle 00:10 via WEB
Purtroppo non posso gustare appieno questa poesia perhcè non conosco il dialetto napoletano, e per la verità non conosco neanche il mio di dialetto, non l'ho mai imparato...ho paura di avere qualche problema con i dialetti, come se volessi riconoscere come linguaggio solo la lingua italiana ufficiale, e invece perdo probabilmente molte sfumature che solo con il dialetto si apprezzano. Il tuo blog si sta evolvendo, complimenti. Ciao. Notte.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.