Creato da Primosire il 11/08/2008

Alla tavola rotonda

Delle donne, della politica e riflessioni sulla maturità.

 

 

La "Democratura" prossima ventura.

Post n°156 pubblicato il 08 Marzo 2015 da Primosire

Il partito è un'associazione fra persone che hanno interessi ed obbiettivi comuni, tanto per semplificare.

Il partito, come dice la parola stessa, è un'organizzazione di parte, sta dalla parte di una parte dei diversi strati della società, ne difende gli interessi e ne diffonde e sostiene le idee.

Il partito, per il carattere insito e ineliminabile che inevitabilmente contiene, non può essere il partito di tutta la società, non può, pena la sua stessa esistenza.

Però ci sono stati esempi di partito unico per tutta la società, in Russia, per settant'anni hanno avuto un solo partito, in un certo senso era anche giustificato, non c'erano più le classi e perciò non c'era più motivo di avere più partiti.

E se qualcuno trovava un buon motivo, solitamente andava in Siberia a meditare.

Anche in Italia, abbiamo avuto un periodo nel quale c'era un solo partito, era il PNF, Partito Nazionale Fascista, ha governato per vent'anni, ci ha dato le pensioni e la seconda guerra mondiale e poi è finito in piazzale Loreto. Con il PNF c'erano le classi e ceti sociali diversi ma sarà come sarà, tra propaganda e pistolettate, per molto tempo hanno faticato a costituire proprie organizzazioni rappresentative.

Adesso, con molta propaganda ed il solito Leader carismatico che storicamente in queste situazioni non manca, sta nascendo il Partito della Nazione.

Includerà padroni ed operai che, come è noto, hanno in comune l'obbiettivo primario dell'utile aziendale, pensionati d'oro e non, anziane signore che fanno l'uncinetto e vorrebbero tanto un nipote che somigliasse al Leader, precari dei call center e raccoglitori di pomodori dell'Agro Pontino, dove ancora scorre orgoglioso ed indifferente, il Canale Mussolini.

Tutti insieme appassionati alla Nuova Italia che nascerà dopo che avremo realizzato il Grande Cambiamento.

La Nuova Italia Cambiata.

E, dopo la Nuova Italia Cambiata si farà anche l'Uomo Nuovo?

 
 
 

Il mio partito.....

Post n°155 pubblicato il 04 Marzo 2015 da Primosire

Il mio partito

è per la scuola pubblica e non finanzia le scuole private o paritarie così come fissa la costituzione all’articolo 33.

Il mio partito

Non interviene sui temi etici, come testamento biologico, eutanasia o “dolce morte” specie nei casi estremi, vedi Emanuele Englaro e se lo fa è per la libertà di coscienza.

Il mio partito

Non ha nessun dubbio nemmeno su riconoscimento delle coppie di fatto etero o omosessuali che siano, il mio partito pensa che ognuno possa sposare chi vuole.

Il mio partito

Se ha 80 euro da regalare, prima li da a chi ha un reddito minimo o nessun reddito, precari, disoccupati ed eventualmente, barboni di strada.

Il mio partito

è vicino, benché diverso, ai sindacati dei lavoratori e, tra Marchionne e Landini preferisce sempre Landini.

Il mio partito

Non ha nessun dubbio sul riconoscimento della Palestina, non può avere nessun dubbio se vuole continuare ad essere il mio partito.

Il mio partito

non fa accordi con quel condannato che tanti affari ha fatto per essersi conquistati con la frode prima tre e poi sei canali televisivi e grazie ai quali è diventato capo dell'esecutivo così da farsi norme, leggi e codicilli a favore dei propri affari.

E non gli vende le antenne della RAi, nemmeno un pezzettino.

 

 

 

 

 

 
 
 

Musica

Post n°154 pubblicato il 27 Gennaio 2015 da Primosire

Questa sera, in una piazza San Michele a Lucca, quasi deserta per il freddo, orfana dei cacciatori di regali di un mese fa e con uno dei due caffè addirittura chiuso, ho sentito una fisarmonica.

Ho fatto intenzionalmente il giro di tutta la piazza per ascoltarla e pensavo che è un grande regalo che un suonatore fa a tutti, portando la sua musica in piazza.

Mi piacciono i suonatori di strada, mi commuovo fino alle lacrime e non so perchè, ogni volta, se ne incontro uno, mi svuoto le tasche di tutti gli spiccioli, sempre.

Ricordo un chitarrista a Vienna, sul Guertel, suanoa bene, l'amica che era con me, chitarrista classica pentita, si è messa a piangere, ascoltandolo.

Ma quello che ricordo più intensamente è un violino, a Sarzana in una mattina di primavera, piena si sole ed ancora vuota di gente. Forse suonava solo per se stesso.

Gli sono passato davanti, mi sono svuotato le tasche degli spiccioli e mi sono seduto più in la', sui gradini della chiesa ad ascoltare.

Sembrava che il mondo fosse nato quella mattina, l'aria tersa, il sole non ancora alto e la musica.

Mi appassiona la musica di strada ma ne avrei scritto meglio se non fossi così incazzato con tutti quei miei amici, diventati renziani che credono di aver vinto e non si rendono conto che è stato loro scippato il partito per fare quello che a Berlusconi non sarebbe mai riuscito, complice la dabbenaggine dei precedenti dirigenti del PD che, oltre a non aver mai preteso le giuste leggi su conflitto d'interessi, televisione, redistribuzione del reddito e quant'altro necessario, hanno permesso che alle primarie votassero anche quelli che per la sinistra e la politica delle sinistre non hanno mai avuto simpatia.

Come se per eleggere il presidente della Società dei Vegetariani venissero invitati anche i macellai, assurdo, ridicolo, lo dicevo allora ed ora abbiamo dimostrazione.

La nuova legge elettorale garantisce un vincitore la mattina dopo, per sempre, perchè chi vincerà le prossime politiche avrà in mano tutte le istituzioni, dal parlamento alla corte costituzionale, oltre, naturalmente, all'esecutivo.

Non ce ne libereremo più.

Mi fermo, ce ne sarebbe troppo da dire.

Povero il popolo che ha bisogno di leaders.

 

 
 
 

Molto fumo e niente arrosto

Post n°153 pubblicato il 09 Luglio 2014 da Primosire

Fin'ora non è che avvia combinato granchè, il Pivello Fiorentino, però grida molto e a volte prende decisioni rapide, vedi l'espulsione di Mineo dalla sua commissione, altre decisioni importani non ne abbiamo viste, le aziende continuano a chiudere, la disoccupazione aumenta, ma facciamo la riforma del Senato in mezzo a liti di ogni tipo.

Ma siamo proprio sicuri che sia la riforma del Senato che ci serve ora? Per giunta in combutta col il delinquente conclamato che negli ultimi vent'anni ha commesso ogni tipo di abusi e reati ai nostri danni?

Ma chi cazzo se ne frega di una riforma che non porta lavoro e non arresta la spirale al declino che che ci afflgge da anni!

Anch'io ho già licenziato personale ed ora, dopo aver verificato che i miei concorrenti vanno peggio di me o hanno già chiuso (non sono errori miei o almeno non solo, a determinare la riduzione dei fatturati), ridurrò ulteriormente gli stipendi che devo pagare.

Ho aspettato, forse troppo, ho ridotto il mio livello di benessere a limiti che non avevo mai toccato, nemmeno quando ero dipendente a stipendio basso e fisso ed ora tornerò a licenziare, mi dispiace, non posso evitarlo, l'alternativa è chiudere.

E spero che l'Avanotto Fiorentino che così bene ha imparato a nuotare nel fangoso acquario della politica italiana e tutta la sua corte di giovani arrivisti e apprendisti stregoni, si tolgano preso dai piedi, non di strilli abbiamo bisogno, ma di qualcuno che con calma e pacatezza, affronti i problemi veri. 

 

 
 
 

Come volevasi dimostrare.

Post n°152 pubblicato il 26 Maggio 2014 da Primosire

Prima le primarie aperte a tutti

poi "andiamo a prendere i voti della destra"

quindi "Enrico stai sereno" che Enrico ancora non si è levata la lama dalla schiena. 

Ecco rifatta la Democrazia Cristiana

Alle ore 01,00 del giorno dopo le elezioni si comincia a parlare di

"mutazione genetica del partito democratico" ma che sorpresa!

io lo sapevo già, il mio partito non c'è più, è geneticamente mutato.

Io non ancora, che faccio? muto anch'io?.

Vedremo, per ora ho votato Tsipras.

 
 
 

Da quanti anni compro libri?

Post n°151 pubblicato il 18 Marzo 2014 da Primosire
Foto di Primosire

 

Io non ho un Kindle e nemmeno un altro tipo di strumento per la lettura elettronica.

Ho invece circa 1500 libri di carta che stanno sulla scaffalatura fatta da me che occupa i due lati della mia stanzina intellettuale.

Domenica mi è venuto in mente di aprire l'Odissea, che secondo me doveva essere fra gli altri "Millenni" dell'Einaudi, comprati a rate dall'agente che ogni mese veniva a casa, ti vendeva qualcosa di nuovo, incassava la rata e si faceva quattro chiacchiere prendendo il caffè.

Ho avuto tre sorprese,

·     la prima: l'Odissea non ce l'ho più, forse l'ho prestata o forse non l'ho mai avuta e mi sbagliavo,

·     la seconda l'Iliade, nel suo cofanetto, dopo trent'anni è un libro perfetto, nessun ingiallimento, nessuna rosicchiatura, perfetto. Ha ancora un buon odore di libro, i Millenni in cofanetto si conservano benissimo.

·     la terza: cercando una copia dell'Odissea nell'edizione Millenni in rete, ho scoperto che i Millenni usati si vendono ad un prezzo almeno doppio al costo che avevano da nuovi, così ho scoperto di avere un piccolo patrimonio, sul mio terz'ultimo scaffale alla destra della stanzina.

Comunque, ho trovato "L'uomo senza qualità" di Musil e lo sto rileggendo. Non è la prima copia di quel libro che possiedo, l'avevo perso, forse prestato e l'ho ricomprato l'estate scorsa in una bancarella di robe varie usate.

Quando ho chiesto il prezzo, 50 centesimi sono rimasto sbalordito, 50 centesimi per un libro che il suo autore ha limato e riscritto per tutta la vita e che è fra i grandi romanzi della storia. 50 centesimi. Tutti i libri di quella bancarella costavano 50 centesimi. Ho comprato anche una vecchia copia un po’ scarabocchiata de le “20 poesie d'amor e una canzon disperata”, anche questa non è la prima copia che possiedo, la prima l'avevo comprata a 15 anni. Anche questa a 50 centesimi.

 

 
 
 

La legge elettorale passa (per ora solo alla camera) sulle macerie del PD, dice Mentana....

Post n°150 pubblicato il 11 Marzo 2014 da Primosire

...e potrebbe anche avere ragione.

Ma se Matteo invece di ciarlare Fassina chi? avesse contenuto lo spropositato ego e si fosse morso la lingua, oggi non ci sarebbe uno che appena può gli lancia una frecciatina e appena potrà lo pugnalerà.

·     Se invece di "asfaltare" la vecchia dirigenza del PD avesse cercato di fare un po' di politica e si fosse fatto qualche alleato.

·     Se invece di resuscitare il condannato per "frode fiscale ai danni dello Stato" avesse cercato altre alleanze che comunque erano disponibili proponendo una legge elettorale più adatta al popolo italiano (Alfano sul doppio turno ci sarebbe stato).

·     Se invece di, "enricostaisereno", far fuori in quel modo il presidente del consiglio Letta, avesse cercato con lui la realizzazione del possibile o viceversa avesse dichiarato fin da subito di volere il posto del povero Letta.

·     Se invece di inimicarsi la C.G.I.L., SEL e me, oltre ai predetti ed altri ancora, avesse fatto un po’ di politica, forse oggi non si farebbe una brutta legge elettorale sulle macerie del PD.

Ma forse il lattonzolo fiorentino, che si crede uno dei geni che ogni 500 anni nascono a Firenze, ha un progetto che ancora non ci ha comunicato.

Io lo temo.

 

 
 
 

Tutto cambia e qualcosa finisce

Post n°149 pubblicato il 28 Febbraio 2014 da Primosire

In questi giorni di quasi influenza sono stato spesso a casa e mi sono accorto di non avere quasi mai acceso il PC e di non aver mai visitato i social network, quelli storici come questo e quelli nuovi come Facebook.

Eppure mi ci sono divertito molto, negli anni passati, a conoscere gente, a fare polemiche sui più svariati argomenti e cazzeggiare.

Questo su Libero è quello che ho usato di più, ho incontrato molto sesso femminile, in anni passati, anche qualche storia memorabile.

Non ho sempre avuto un blog, il primo l'ho aperto per l'urgenza di scrivere di una avventura erotica (che ancora non è finita) iniziata quasi dieci anni fa, sono stato bannato, benchè non usassi mai un linguaggio volgare, i miei racconti erano forse troppo spinti. Eppure erano forse anche spiritosi, forse anche ironici.

Ma non è stato il mio primo incontro attraverso il virtuale, il primo è stato con una signora che lei stessa aveva aperto un sito per incontri, ancora con la grafica del DOS, ci siamo incontrati la sera stessa della prima conversazione, abbiamo fatto sesso su di una panchina ai giardinetti di Marina di Carrara.

Mi è piaciuto molto scrivere sul blog ma il mio interesse si è andato spegnendo, causa anche il fatto che è stato scoperto dalla mia compagna, con qualche conseguenza sulla stabilità del nostro rapporto.

Oggi mi è venuto voglia di curiosare un pò sui blog altrui ed ho scoperto che moltissimi non vengono aggiornati da anni, sul blog di una cara amica (purtroppo diventata renziana malgrado la stupida arroganza dell'ometto fiorentino) (con lei mai sesso, ma non per il motivo anzidetto) ho trovato una quantità di blog suoi amici e mi sono preso la briga di visitarli quasi tutti: confermato, la maggioranza non viene aggiornata da anni ed alcuni addirittura chiusi.

Peccato, è stata una stagione creativa, quella dei blog di Libero, con un mucchio di gente che riscopriva la scrittura e ricacciare indietro l'analfabetismo di ritorno.

Non credo che i nuovi social siano altrettanto stimolanti e creativi e nemmeno credo che funzionino così bene come a suo tempo ha funzionato questo, per la ricerca di incontri.

Vabbè, va da sé che tutto cambia e qualcosa anche finisce, io stesso ho la stessa donna da quasi dieci anni, sono stato quasi sempre fedele e non me ne dispiaccio.

E aggiorno pochissimo il mio blog.

 

 
 
 

Nessun amico di Berlusconi può essere anche amico mio.

Post n°148 pubblicato il 17 Febbraio 2014 da Primosire

Ma questo Renzi che:

 

·     Pretende e ottiene primarie aperte anche ai non iscritti per “catturare i voti della destra”

·     Si permette di farsi nemici con battute arroganti del tipo “Fassina chi?”.

·     Prende a pesci in faccia la minoranza interna che così male è rappresentata dal povero Cuperlo.

·     Butta fuori dalla sua posizione, senza preavviso il Presidente del Consiglio Letta, altro nemico.

·     Non si cura di Vendola e Sel, che, fino a prova contraria era l’alleato naturale del PD.

·     Incontra Berlusconi e scopre di avere con lui “profonda sintonia”.

Ma che vorrà fare, un partito di sinistra?

Qualcuno dice "così vinciamo", ma cosa vinciamo?

Io mi ricordo degli editti bulgari, dell'espulsione di Enzo Biagi dalla Rai, degli uomini Mediaset assunti in Rai per coordinarne i palinsesti in modo da far vincere i canali del Berlusca negli ascolti.

Della cultura de "il mondo è dei furbi" distribuita da sei reti televisive, della caduta tragica dell'etica pubblica e privata, generata da vent'anni di dominio Berlusconiano.

E non parliamo di Alitalia con i "Capitani Coraggiosi", della gestione del terremoto dell'Aquila, del G8 alla Maddalena, della crescita del debito pubblico durante i suoi governi, delle mille bugie.

Dei mille atti delinquenziali la cui descrizione ha richiesto chilometri di pagine stampate.

Della condanna per truffa ai danni dello stato.

Non mi sembra esagerato dire che chi stringe la mano a Berlusconi non può essere amico mio

Sulla vittoria in caso di elezioni, ho molti dubbi confermati dai sondaggi ma ripeto, se vinciamo, che cosa vinciamo?

Il PD, così come l'abbiamo votato non esiste più, vada pure avanti Renzi, ma senza di me.

 

 

 

 

 

 
 
 

Deriva centrista....

Post n°147 pubblicato il 20 Gennaio 2014 da Primosire

Caro Matteo,
sento che da un pò millanti i tre milioni di votanti alle primarie, non è vero, eravamo duemilioniottocentomila e ti hanno votato in un milone e ottocenomila. Io non ti ho votato, non mi rappresenti e per cui smetti di dire che anch'io e l'altro milione ti sosteniamo.
Senza contare che un segretario eletto da chiunque e non solo dagli iscritti, come sarebbe stato giusto, non è chiaro chi davvero rappresenti.
Mi chiedo anche come ti influenzi, direttamente o indi
rettamente, quel 10% di persone che possiedono il 45% della ricchezza in Italia dei quali Berlusconi è uno dei più rilevanti.
Ad oggi, il tuo PD non è più il mio partito e se nulla cambierà, non lo sarà più nemmeno in futuro, non lo voterò alle europee e sarà la prima volta.
Mi aspetto che il mio vecchio partito diventi quel partito di centro che effettivamente manca, anche Alfano ci stava provando, staccandosi da Berlusconi, mi sa che ci riuscirai tu, avvicinandoti invece a Berlusconi, nuovo Delfino, ma senza di me.

 
 
 

Qualcuno era comunista

Post n°145 pubblicato il 21 Gennaio 2013 da Primosire

Poco fa, mentre Paolo Rossi recitava Gaber, qualcuno era comunista, ho aggredito, colpevolmente e dolosamente,il barattolo della marmellata.

Coadiuvato da Veltroni e Bertinotti.

Cioè, Paolo Rossi era coadiuvato, io mangiavo solo.

Fichi, biologico, solo zuccheri della frutta.

Poi, perseverare diabolicum est, ho afferrato il sacchetto dei biscotti, con grano saraceno e zucchero di canna.

Intanto Neri Marcorè recitava Gaber ed il finale sorriso di un uomo.

Poi ho chiuso il sacchetto, tappato il barattolo della marmellata ed ho lumato voglioso il cartone del latte, UTH, intero, coop.

Allora ho versato e bevuto l'UTH intero coop e riaperto il barattolo della marmellata, viviverde, tantafrutta e squarciato il sacchetto dei frollini zucchero di canna. Coop.

Adesso Gaber è finito con il canto dei bimbi, il ripiano di cucina è un campo di battaglia ed io ho mal di pancia. Coop.

Qualcuno ed anch'io ero comunista, ho chiuso il barattolo della marmellata, fichi, buona. Il sogno si è rattrappito, il mal di pancia no.

 

 
 
 

All'ONU un passo avanti per i palestinesi

Post n°144 pubblicato il 29 Novembre 2012 da Primosire

E' verde a primavera l'erba di una collina palestinese, magari vicino a Jenin.

Se salite fino in cima alla colina vedrete il mare, ma non potete andarci, al mare, perché fra la collina palestinese ed il mare, ci sono gli Israeliani.

Nessun palestinese con meno di cinquant'anni ha mai visto il mare, se non dalla collina.

Sotto l'erba c'è il sottosuolo israeliano. Israeliano? Si, perché il sottosuolo palestinese non è palestinese, sul sottosuolo palestinese hanno diritti solo gli Israeliani, provate a scavare un pozzo, gli Israeliani, con l'esercito ve lo riempiranno subito di pietre e cemento.

Il cielo è azzurro, sul prato palestinese, ma nessun palestinese vola in quel cielo, il cielo è Israeliano e ci possono volare solo gli Israeliani.

L'erba invece è palestinese e lo sarà fino a quando un qualche colono Israeliano, appena arrivato dalla Russia e forse appena circonciso, non deciderà che proprio lì, vuole fare la sua casa e le sue coltivazioni.

Allora l'erba diventerà improvvisamente Israeliana, verranno scavati pozzi, costruite case e strade che solo gli Israeliani potranno percorrere, per collegarsi allo Stato di Israele, che appunto, sta un po’ più in là.

Ai palestinesi resterà un pò meno di erba e si sposteranno un pò, verso il Giordano, ma non troppo vicino, perché la sponde del Giordano e la sua acqua sono Israeliane.

Ma perché? Semplice, perché la Bibbia dice che qualche millennio fa, gli Ebrei stavano li ed anche perché l’esercito Israeliano è il secondo più potente esercito del mondo, alleato addestrato e rifornito dal primo più potente esercito del mondo.

 
 
 

Sallusti abbia quello che si è guadagnato.

Post n°143 pubblicato il 14 Novembre 2012 da Primosire

Ma che c’entra la libertà di stampa con la punizione per legge di un reato. Sallusti ha pubblicato menzogne offensive e che prefiguravano reati nei confronti di giudici e medici. Ma perché non dovrebbe andare in galera, essendo peraltro plurirecidivo?

C’è anche un’aggravante, l’articolo menzognero era unicamente finalizzato alla propaganda politica, cioè, ad influenzare con menzogne, la coscienza dei cittadini elettori.

Dio mi scampi e liberi dall’avere qualcosa in comune con Cicciobello Rutelli, ma io penso che non ci voglia nessuna nuova legge, va bene quella che c’è e chi trasgredisce ne paghi le giuste conseguenze.

Ecco di seguito l’articolo 595 del codice penale:

“Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente, comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a euro 1032.

Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a euro 2065.
Se l'offesa è recata col mezzo della 
stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore ad euro 516”.

 
 
 

Facili preveggenze

Post n°142 pubblicato il 01 Novembre 2012 da Primosire

"Finirà tutto in una maleodorante colata di liquidi putrescenti, dal cadavere di questa congerie di delinquenti e del loro mefitico capo".

Autocitazione.

Così scrivevo due anni fa a proposito di Berlusconi e del manipolo di suoi complici.

Sta davvero accadendo.

 
 
 

Bob ti voglio bene

Post n°138 pubblicato il 11 Maggio 2012 da Primosire

E’ difficile scrivere poesie.

Si può scrivere in un blog, dei casi propri, delle proprie opinioni o commentare quelle altrui, ne possono nascere scambi, qualcuno legge e magari commenta.

Si può anche fare amicizia.

Ma scrivere poesie è tutt’altra cosa, la poesia deve racchiudere idee, concetti, pensieri, e chissà cos’altro, tutto in pochissime parole che devono rappresentare immagini e suscitare emozioni.

E le famose metafore del Neruda di Troisi.

Il paragone con la musica, mi sembrerebbe calzante.

In prosa si può scrivere come si vuole, specie se non si desidera diventare scrittori di professione, ma la poesia no!

"dolcemente diguazza nella melma del cuore
"la stupida tinca dell’immaginazione".

Se non si ha la stupida tinca dell’immaginazione, non c’è sforzo che tenga.

Tanto peggio se si tenta di scrivere in rima, ci sono regole da rispettare per cui lo sforzo diventa doppio e doppio il rischio di coprirsi di ridicolo.

Se si scrivono poesie, bisogna volersi rapportare ai grandi poeti, quelli che davvero sanno suscitare emozioni con aggregazioni di parole che si agganciano ai sentimenti, ai ricordi o a qualcosa che sta nel nostro profondo e magari nemmeno sappiamo cos’è.

Se non si sa o non si può scrivere poesia in un modo che non sfiguri al confronto di Neruda, di Nazim Hikmet o almeno con Lorenzo Stecchetti, meglio lasciar perdere, giacché non può esistere una poesia di livello minore, la poesia è grande per definizione, sennò non è nulla.

Scrivo questo pensando al mio amico Bob, che avventatamente ha istigato alcune anime semplici a cimentarsi con la poesia.

Ma Bob! Non bastavano tutti coloro che penosamente infestano i blog di versi che suscitano per lo più commiserazione?

Ci voleva anche una gara fra queste povere anime?

Scrivo questo prima di sapere chi sono i nik partecipanti alla gara di Bob, non ce l’ho con nessuno direttamente e sia chiaro che personalmente, consapevole dei miei limiti, non ho mai intenzionalmente scritto poesie.

Che sono meccanico si capisce subito a guardarmi le mani.

Comunque, Bob, meglio le tue gare delle pere ma la prossima volta, ti prego, torna in prosa.

 
 
 

Fare poesia.

Post n°137 pubblicato il 10 Maggio 2012 da Primosire

Guardate:
hanno di nuovo decapitato le stelle,
insanguinando il cielo come un mattatoio!
Ehi, voi!
Cielo!
Toglietevi il cappello!
Me ne vado!
Sordo.
L’universo dorme,
poggiando sulla zampa
l’enorme orecchio con zecche di stelle.

Questi sono bei versi, forti, potenti, che sollevano immagini.

Se poi si conosce un pò il colore del tempo nel quale sono stati scritti e la ragione, per la quale sono stati scritti, se ne comprende ancora di più il senso e la forza.

E ancora dallo stesso poema:

Una volta pensavo
che i libri si facessero cosi:
arriva un poeta,
lievemente disserra la bocca,
e di colpo comincia a cantare il sempliciotto ispirato:
di grazia!
E invece risulta che i poeti,
prima di effondersi nel canto,
camminano, incalliti dal lungo girellare,
e dolcemente diguazza nella melma del cuore
la stupida tinca dell’immaginazione.

La poesia è questa.

E' così.

Majakovskij Frammento, per l'intero, qui: http://www.larici.it/culturadellest/letteratura/majakovskij/nuvola_in_calzoni.pdf

 

 
 
 

Senza titolo

Post n°136 pubblicato il 06 Maggio 2012 da Primosire

Non ho voglia di poesie d’amore.

In fondo, se Cesare si è ammazzato,

all’albergo Roma,

è solo perché non sapeva che

per tenersi una donna,

abituata alla mano che stringe la nuca,

ci vuole pelo sul petto,

e robusto arnese.

 
 
 

Delle differenze di età.

Post n°135 pubblicato il 09 Aprile 2012 da Primosire

Poco fa mi ha chiamato Charlie, il mio amico austriaco.

Non lo sentivo da molto tempo e non lo vedo da nove anni, l’ultima volta che sono stato a Vienna. Un tempo ci andavo più spesso.

Mi ha fatto piacere sentirlo ed insieme molta tristezza, l’ultima volta che è venuto a trovarmi è stata una sorpresa:

“Ciao, come stai? Sono a Viareggio!”

“E allora vieni a trovarmi, vecchia volpe”, veramente l’ho chiamato “alte Vogel” che più o meno sta per “vecchio uccello”, senza particolari riferimenti.

Passata una mezz’ora, suonano alla porta, apro ed invece del mio amico Charlie mi compare una ragazzona alta e giovane.

E subito dietro Charlie.

Quella sera siamo andati a cena in un bel ristorante con vista sul golfo di Lerici e quando lui si è assentato per un attimo, accendendo una sigaretta le ho chiesto se voleva fumare.

“No grazie, mi ha risposto, ho fatto voto che se avessi trovato qualcuno da amare e con il quale avere un bambino, avrei smesso di fumare e non fumo più” era commossa, felice ed incinta.

Aveva 26 anni e lui 48.

Ora da due anni fanno vite da separati in casa, i bambini sono diventati due, 13 e 12 anni, lui ha 62 anni e qualche acciacco, lei 40 ed acciacchi nessuno.

Peccato Charlie, sono triste per te, ma hai giocato un azzardo, era prevedibile che accadesse.

Però, hai avuto una bella storia che non poteva durare per sempre, perciò, tieniti quello che di buono hai avuto e vivi la tua età per quello che ti può dare.

Per quanto mi riguarda ripensando alla mia ex segretaria dell’età di mio figlio che voleva che ci sposassimo, non mi sono mai pentito di non averlo fatto, mi dispiace un po’ per la storia con lei che non ho mai accettato che iniziasse, era un bel bocconcino, ma meglio così.

 
 
 

Facciamo finalmente fallire le banche che non si sanno gestire ed approfittano del sostegno dei governi e dei nostri soldi.

Post n°134 pubblicato il 11 Ottobre 2011 da Primosire

Tutti i governi occidentali stanno svendosi (svenando noi) per salvare banche che hanno avuto ed hanno comportamenti impreditoriali criminali. Ma perchè non dovrebbero fallire? Facciamole fallire e che paghino il loro dirigenti e sopratutto i loro azionisti che, in maggioranza, sono gli uomini più ricchi del mondo.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/12/12/non-m%e2%80%99importa-se-le-banche-falliscono/81560/

Chi scrive l'articolo che potete leggere dal link, non è proprio l'ultimo arrivato.

Facciamole fallire, anche perchè non si vede ragione di continuare a sostenere comportamenti che continuano a ripetersi di dirigenti che non accettano controlli e limitazioni nei loro comportamenti speculativi (vedi Obama) che, se vanno bene arricchiscono loro e se vanno male, paghiamo noi.

 
 
 

Andiamo un pò a vedere che hanno combinato questi sionisti.

Post n°133 pubblicato il 28 Settembre 2011 da Primosire

La settimana prossima andrò in Palestina, a Jenin.

Parto con un gruppo della cooperazione internazionale e lo scopo è favorire conoscenza e scambi fra Italia e Palestina.

Alloggerò presso famiglie, visiterò la zona e le loro attività e non ho idea di come ed in quale lingua comunicherò, dato che io l'arabo non lo conosco.

Credo comunque che sarà un'esperienza interessante.

Intanto mi sono letto "Ogni mattina a Jenin", è un bellissimo romanzo nel quale l'autrice, Susan Abulhawa, palestinese che sta in America da alcuni anni, fa percorrere ai suoi personaggi tutte le tappe della progressiva occupazione della Palestina da parte di Israele.

Mi hanno detto che all'aereoporto di Tel Aviv, dove si sbarcherà, funzionari israeliani fanno domande ai viaggiatori per sapere quali sono le loro ragioni per il viaggio.

Spero che non mi chiedano cosa penso di Israele.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

ULTIME VISITE AL BLOG

soniaren77Primosireil.cuculoecoeconomiadolce_pesocassetta2la.vegetarianavalerio.sampierisignora_sklerotica_2emmepi60DJ_Ponhzinodopurpureolumil_0MARIONeDAMIEL
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom