Libera su Libero...

...e in qualunque altro posto.

 

 

« Amore: evoluzione imperfettaGli occhi dei bambini »

Superstizione o no, succede che...

Post n°99 pubblicato il 24 Novembre 2009 da LaBrusLa
 

Io non sono superstiziosa, anzi una volta sul lungomare ero in macchina e a un certo punto la fila di auto si fermò perchè un gatto nero aveva attraversato la strada e a quel punto...tutti bloccati. Nessuno osava avanzare e tutti aspettavano che a farlo fosse qualcun altro. Al che io mi sentii stupida, ma così stupida per loro, questa scenetta mi fece sentire davvero quanto possiamo diventare ridicoli. Ero diciamo la quinta o sesta macchina in fila, allora misi la marcia e sorpassai passando la fatidica "linea temuta", e me ne tornai a casa. Dal retrovisore vidi le auto riprendere a camminare, e un sorriso di stupore mi sfuggì di tutto cuore. Ma si può essere così trasportabili da certe idiozie? Noi italiani lo siamo. Però...anche a una come me che non si può definire superstiziosa...capita di avere qualcosa che sente negativo. A casa mia, per esempio, non entrano i volatili. Nè veri nè finti. Ma ultimamente, a mia figlia di dieci anni hanno regalato un uccello di pelusche, e quando io lo vidi ebbi l'istinto di buttarlo via IMMEDIATAMENTE. Però le avrei dato un dispiacere, allora cercai di non pensarci e di essere positiva come lo sono sempre. Beh, nel giro di pochi giorni mi è venuto un febbrone da cavallo dato da una scorpacciata di cioccolato, che mi ha fatto stare molto, molto male. Non ho potuto nemmeno andare al vedere il concerto che aspettavo da tanto, non mi reggevo in piedi. Per qualche giorno la febbre saliva a 40° costringendomi a prendere medicinali, a me che non li prendo mai. Ma mi cominciavo a preoccupare, perchè dopo due ore di NON FEBBRE, la temperatura risaliva a 40°. A un certo punto mi passò vicino mia figlia col volatile in mano...Non ho potuto farne a meno: le ho chieso di buttarlo via perchè altrimenti non sarei guarita. Lei, poverina, mi ha guardata con stupore, avrà pensato che fossi diventata pazza, lo so. Ma è stato più forte di me, allora le ho spiegato che quando io vedo in casa i volatili mi prende il nervoso e sto male. A lei è costato molto buttarlo via...però l'ha fatto. Io adoro gli uccelli, amo la natura per cui non potrei odiarli, ma dal punto psicologico, non so dire perchè...dentro casa, veri o finti non li posso vedere. Come non voglio pagliacci o pierrot. La forza del pensiero però è veramente grande, perchè appena il volatile di pelusche è stato buttato la mia febbre è svanita. Mettetela come vi pare ma è andata proprio così. Sono anch'io vittima della superstizione? Mah, però il gatto nero non ha avuto effetti, mentre il pennuto si.

laura brustenga

 
 
 
Vai alla Home Page del blog